11 alimenti per una pelle sana: almeno due ti sorprenderanno


11 alimenti per una pelle sana: almeno due ti sorprenderanno

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi di carattere medico, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli su Health Guide sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Ci sono molti modi in cui la tua auto può rompersi, quindi preoccuparsi solo delle gomme e dell'olio è piuttosto sciocco. Ma facciamo la stessa cosa con la nostra pelle. La nostra pelle è l'organo più grande del nostro corpo, eppure ci prestiamo davvero attenzione solo quando abbiamo l'acne o le rughe. O forse occasionalmente se prude. Ma, come la tua auto, ci sono molti modi in cui la salute della tua pelle può essere compromessa, quindi non ha molto senso preoccuparsi solo di uno o due.



Vitali

  • Alcuni alimenti contengono sostanze nutritive che possono giovare alla salute della pelle.
  • Alcuni alimenti possono proteggere la pelle dai danni dei raggi ultravioletti (UV).
  • Ma questa protezione non sostituisce l'uso della crema solare.
  • Gli alimenti ricchi di antiossidanti possono aiutare a combattere il danno cellulare che porta all'invecchiamento precoce della pelle, compresa la formazione di rughe.

Ma anche se ci sono molti problemi della pelle che meritano la tua attenzione, molti di loro possono essere affrontati, almeno in parte, attraverso la stessa soluzione: una dieta sana. Alcuni alimenti contengono sostanze nutritive che agiscono proteggendo e sostenendo la nostra pelle dall'interno. Alcune di queste vitamine, minerali e grassi mantengono la nostra pelle umida, elastica ed elastica, mentre altre la proteggono da diverse fonti di danno.

Cibi per una pelle sana

Mentre alcuni nutrienti presenti in alcuni alimenti possono aiutare a proteggere la pelle dai danni della luce ultravioletta (UV), l'effetto è molto inferiore a quello della crema solare. Quindi non hai mai una scusa per saltare l'applicazione della crema solare prima di trascorrere del tempo all'aperto. Ma se vuoi sostenere la salute generale della tua pelle dall'interno, considera di aggiungere più di questi alimenti alla tua dieta settimanale.

Annuncio pubblicitario



Semplifica la tua routine di cura della pelle

come mantenere il pene eretto?

Ogni bottiglia di Nightly Defense prescritta dal medico è fatta per te con ingredienti potenti e scelti con cura e consegnata a casa tua.

Per saperne di più

Tieni presente che solo perché un nutriente specifico è presente in un alimento non significa che il cibo avrà necessariamente un effetto benefico sulla tua pelle (soprattutto se non sei altrimenti carente di quel nutriente). Di seguito presentiamo alcune delle ricerche che potrebbero riguardare alcuni alimenti, ma ti incoraggiamo a indagare anche da solo sulla ricerca. Inoltre, anche se non hanno effetti benefici sulla pelle, molti degli alimenti elencati di seguito possono far parte di una dieta generale sana.



Pesce grasso

Gli odiatori di pesce non hanno scuse per passare oltre, grazie agli integratori di olio di pesce. I pesci grassi come lo sgombro, il salmone e l'aringa, così come gli integratori di olio di pesce, sono buone fonti di acidi grassi omega-3, acido eicosapentaenoico (EPA) e acido docosaesaenoico (DHA). Bassi livelli di DHA sono stati collegati per seccare la pelle. Il pesce grasso contiene anche vitamina E, un fitonutriente (chimica vegetale) che può aiutare proteggere la pelle dai danni causati dalla luce ultravioletta (UV) (Evans, 2010).

Frutta e verdura arancione e gialla

Il colore della frutta e della verdura che metti nel carrello della spesa influisce molto di più di quanto appaiano instagrammabili i tuoi pasti. Molti colori dei prodotti sono un segnale visivo per alcuni nutrienti chiave. Nel caso di prodotti arancioni e gialli come albicocche e carote, il colore indica il beta-carotene all'interno. Il beta-carotene è un fitonutriente che ha potenti proprietà antiossidanti. Come la vitamina E, può proteggere la pelle dai raggi UV della luce solare (Evans, 2010). Avere livelli costantemente adeguati di questi composti può anche contribuire al mantenimento della salute e dell'aspetto della pelle (Stahl, 2012).

Alcuni prodotti, come i peperoni rossi e gialli, sono anche ottime fonti di vitamina A, ma il beta-carotene viene convertito in vitamina A dall'organismo, quindi non è necessario concentrarsi su un tipo specifico di prodotto su questa estremità dello spettro dei colori. I peperoni rossi e gialli hanno però un ulteriore vantaggio: un'elevata quantità di vitamina C, essenziale per la produzione di collagene. Uno studio osservazionale che ha esaminato oltre 4.000 donne americane ha scoperto che un'elevata assunzione di vitamina C era associata a una minore possibilità di pelle rugosa e secca (Cosgrove, 2007).

Pomodori

I pomodori vantano due sostanze nutritive che stimolano la pelle: licopene e vitamina C. Il licopene è in realtà solo uno dei numerosi carotenoidi, una classe di pigmenti vegetali gialli, arancioni o rossi che include anche beta-carotene e luteina. I pomodori hanno tutti e tre e tutti aiutano proteggi la tua pelle dai danni della luce ultravioletta (UV) (Stahl, 2006). Infatti, uno studio trovato che una dieta ricca di carotenoidi e flavonoidi ha ridotto l'arrossamento cutaneo indotto dai raggi UV nei partecipanti dopo appena 10-12 settimane (Stahl, 2007).

La pelle, nello stato teso e intatto che desideriamo, è ricco di vitamina C naturalmente. La vitamina C svolge un ruolo essenziale nella produzione di collagene, che aiuta a mantenere la struttura interna che rende la nostra pelle tesa. Ma, come il licopene, può anche aiutare a proteggere la nostra pelle dal fotodanneggiamento, causato specificamente dai raggi UV (Pullar, 2017).

Frutti di bosco

Le bacche di tutti i tipi sono ricche di antiossidanti, composti che bilanciano i radicali liberi nel tuo corpo. Questi radicali liberi provengono da reazioni chimiche naturali nel corpo. Alti livelli di radicali liberi possono causare stress ossidativo, una condizione che danneggia le cellule e è stato collegato a diverse malattie croniche come il diabete, le malattie cardiache, alcuni tipi di cancro e le malattie neurodegenerative (come il morbo di Alzheimer e il morbo di Parkinson). Lo stress ossidativo è anche legato all'invecchiamento (Liguori, 2018).

Poiché lo stress ossidativo è legato a così tante condizioni di salute, tendiamo ad associare l'invecchiamento che provoca ai nostri organi, ma anche la nostra pelle è un organo. Ciò significa che lo stress ossidativo non solo invecchia i nostri organi interni, causando potenzialmente malattie croniche, ma anche provoca infiammazione e l'invecchiamento della nostra pelle, portando alla formazione delle rughe (Nguyen, 2012). Con l'avanzare dell'età, anche noi perdere un po' dei nostri meccanismi antiossidanti intrinseci, che accelerano anche questo squilibrio. Ma possiamo sostituirne alcuni, riportando in equilibrio antiossidanti e radicali liberi, attraverso l'assunzione alimentare di fonti alimentari di antiossidanti, come le bacche (Addor, 2017; Petruk, 2018).

Broccoli

I broccoli sono un concentrato di nutrizione e i suoi benefici si estendono a quasi tutti i sistemi del tuo corpo: la tua pelle non fa eccezione. Questo ortaggio crocifero racchiude tre nutrienti degni di nota che avvantaggiano l'organo più grande del tuo corpo: zinco, vitamina A e vitamina C. Se hai letto qualche articolo online su come migliorare la tua pelle, hai visto molto la parola retinolo. Retinolo è un'altra parola per vitamina A. Possiamo ottenere questo importante nutriente attraverso la nostra dieta grazie a fonti di cibo come i broccoli e produrre con beta-carotene, che viene convertito in vitamina A dall'organismo, o attraverso applicazioni topiche. Retinolo è stato mostrato per ridurre con successo la comparsa delle rughe supportando i composti che costituiscono la struttura sottostante della pelle e aumentando la produzione di collagene, proprio come la vitamina C (Kafi, 2007).

Lo zinco non deve essere sottovalutato nemmeno quando si tratta della tua pelle. In effetti, lo zinco ha dimostrato di aiutare con un'ampia varietà di problemi dermatologici. Aiuta con infezioni, comprese le verruche, problemi di pigmentazione come melasma, problemi infiammatori come acne e rosacea e acrodermatite enteropatica, una condizione caratterizzata da infiammazione della pelle, calvizie e diarrea a causa di una malattia genetica che causa carenza di zinco (Gupta, 2014).

Noci e semi

Molte noci e semi vantano elevate quantità di nutrienti che migliorano la pelle già discussi, il che li rende buoni alimenti da aggiungere alla tua dieta per una pelle migliore.

I semi di girasole contengono anche grandi quantità di nutrienti delicati sulla pelle in ogni porzione. Una porzione fornisce circa la metà del fabbisogno giornaliero di vitamina E, che può aiutare a proteggere la pelle dai danni del sole (FoodData Central, n.d.; Evans, 2010). Forniscono anche selenio, che può avere proprietà antinfiammatorie. Questo oligominerale è anche un antiossidante e, come tale, può aiutare a combattere lo stress ossidativo (McKenzie, 2000).

Avocado

Non hai bisogno di un'altra scusa da parte nostra per concederti un avocado, ma questi frutti grassi possono anche giovare alla tua pelle. Loro sono ricca di vitamine A ed E, due vitamine con proprietà antiossidanti che possono aiutare a proteggere la pelle dai danni dei radicali liberi (FoodData Central, n.d.). Questo danno può accelerare la creazione di linee sottili. Ecco perché cibi e azioni che combattono le infiammazioni sono parti integranti dei regimi antietà (Ganceviciene, 2012). Inoltre, uno studio che ha esaminato il grasso alimentare nelle diete delle donne ha scoperto che livelli più elevati di questo nutriente erano associati ad una maggiore elasticità della pelle (Nagata, 2010). Per una pelle luminosa, prova a lavorare l'avocado in più pasti. Non dimenticare che questa bacca versatile funziona altrettanto facilmente nelle ricette dolci come i frullati quanto in quelle salate come il toast all'avocado.

sono

La soia subisce una brutta reputazione per l'aumento degli estrogeni nel corpo, ma in realtà contiene una categoria di composti chiamati isoflavoni che possono imitare o bloccare l'ormone nel tuo corpo e la ricerca è forte sul fatto che possono avvantaggiare notevolmente la tua pelle. Infatti, uno studio che ha esaminato gli effetti degli isoflavoni sulla qualità della pelle ha scoperto che l'integrazione con questi composti ha portato a una migliore elasticità della pelle dopo appena otto settimane e a una riduzione della comparsa di rughe dopo 12 (Izumi, 2007). Un altro piccolo studio trovato miglioramenti simili nell'aspetto della pelle nei suoi partecipanti dopo l'uso di isoflavoni. I partecipanti che hanno assunto i composti hanno avuto non solo una riduzione delle linee sottili e delle rughe, ma anche un aumento del collagene e delle fibre elastiche nella loro pelle, che si traduce in una pelle più soda ed elastica (Accorsi-Neto, 2009).

Cioccolato fondente

Godere del cioccolato fondente può semplicemente creare un ciclo di feedback sui miglioramenti della pelle. Il cacao è ricco di antiossidanti, composti che devi ringraziare per molti dei benefici di questo amato trattamento. Uno studio trovato che il cacao quotidiano ha migliorato la densità e l'idratazione della pelle ma ha anche ridotto la sensibilità della pelle ai danni dei raggi UV. Ma ha anche promosso un aumento del flusso sanguigno, che fornisce nutrienti alla pelle (Heinrich, 2006). Quindi indulgere regolarmente nel cacao non solo fornisce nutrienti nutrienti chiave per la tua pelle, ma li aiuta anche ad arrivarci in modo più efficace per mantenere la tua pelle sana. Quando si tratta di cioccolato, però, la qualità conta. Scegli cioccolato fondente con almeno il 70% di cacao e cerca di trovare una barretta che mantenga il più basso possibile lo zucchero aggiunto. Lo zucchero può contribuire all'infiammazione, che, come abbiamo discusso, può contrastare gli effetti sulla pelle del cacao causando linee e rughe premature.

Tè verde

C'è una vasta gamma di motivi per cui anche le persone che non amano necessariamente il sapore erbaceo di questo tè lo bevono regolarmente, e molti di loro si riducono alle catechine. Le catechine sono sostanze chimiche prodotte dalle piante che sono un tipo di antiossidante e sono la fonte di molti dei benefici per la salute del tè verde. Come altri antiossidanti, le catechine possono aiutare a proteggere la pelle dai danni del sole e anche a prevenire l'infiammazione e le rughe che possono svilupparsi a causa dello stress ossidativo (Nguyen, 2012; Liguori, 2018).

Gli studi che hanno esaminato specificamente l'effetto del tè verde sulla pelle hanno trovato molte motivazioni in più per rendere la bevanda un rituale quotidiano. Uno studio trovato che il consumo di tè verde ha aiutato numerose qualità della pelle come ruvidità, desquamazione, densità ed elasticità, che influenzano la struttura della pelle. I partecipanti che hanno bevuto il tè hanno anche avuto un aumento dell'apporto di ossigeno nell'area e un aumento del flusso sanguigno, che può contribuire a un rossore dall'aspetto sano, rispetto a coloro che non hanno sorseggiato la bevanda ricca di antiossidanti (Heinrich, 2011).

vino rosso

L'alcol, anche il vino rosso, va consumato con moderazione. Mentre il vino rosso è noto per il resveratrolo, un composto con possibili benefici anti-invecchiamento che deriva dalla buccia dell'uva rossa, l'eccesso di alcol può causare infiammazioni che favoriscono le rughe. Il resveratrolo ha proprietà antiossidanti che possono aiutare il tuo corpo a bilanciare i radicali liberi, ma un bicchiere di vino rosso non è sufficiente. Il modo più salutare per aumentare l'assunzione di resveratrolo alimentare è aumentare la quantità di uva rossa e frutti di bosco nella dieta, concedendo al tempo stesso un bicchiere occasionale di vino rosso se è già una bevanda che ti piace.

Riferimenti

  1. Accorsi-Neto, A., Haidar, M., Simões, R., Simões, M., Soares-Jr, J., & Baracat, E. (2009). Effetti degli isoflavoni sulla pelle delle donne in postmenopausa: uno studio pilota. Cliniche, 64(6), 505-510. doi: 10.1590/s1807-59322009000600004, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19578653
  2. Addor, FAS (2017). Antiossidanti in dermatologia. Anais Brasileiros de Dermatologia, 92(3), 356–362. doi: 10.1590/abd1806-4841.20175697, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5514576/
  3. Cosgrove, M. C., Franco, O. H., Granger, S. P., Murray, P. G. e Mayes, A. E. (2007). Assunzioni di nutrienti nella dieta e aspetto dell'invecchiamento della pelle tra le donne americane di mezza età. L'American Journal of Clinical Nutrition, 86 (4), 1225-1231. doi: 10.1093/ajcn/86.4.1225, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17921406
  4. Evans, J.A., & Johnson, E.J. (2010). Il ruolo dei fitonutrienti nella salute della pelle. Nutrienti, 2(8), 903-928. doi: 10.3390/nu2080903, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3257702/
  5. Centrale FoodData. (n.d.). Estratto il 19 marzo 2020 da https://fdc.nal.usda.gov/
  6. Ganceviciene, R., Liakou, A. I., Theodoridis, A., Makrantonaki, E., & Zouboulis, C. C. (2012). Dermatoendocrinolo, 4 (3), 308-319. doi: 10.4161 / derm.22804, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23467476
  7. Gupta, M., Mahajan, V. K., Mehta, K. S. e Chauhan, P. S. (2014). Zinco terapia in dermatologia: una revisione. Ricerca e pratica dermatologica, 2014, 1-11. doi: 10.1155/2014/709152, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25120566
  8. Heinrich, U., Neukam, K., Tronnier, H., Sies, H., & Stahl, W. (2006). L'ingestione a lungo termine di cacao ad alto contenuto di flavanoli fornisce fotoprotezione contro l'eritema indotto dai raggi UV e migliora le condizioni della pelle nelle donne. Il giornale della nutrizione, 136(6), 1565–1569. doi: 10.1093/jn/136.6.1565, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16702322
  9. Heinrich, U., Moore, C. E., Spirt, S. D., Tronnier, H. e Stahl, W. (2011). I polifenoli del tè verde forniscono fotoprotezione, aumentano la microcircolazione e modulano le proprietà della pelle delle donne. Il Journal of Nutrition, 141(6), 1202-1208. doi: 10.3945/jn.110.136465, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21525260
  10. Izumi, T., Saito, M., Obata, A., Arii, M., Yamaguchi, H. e Matsuyama, A. (2007). L'assunzione orale di isoflavone di soia aglicone migliora la pelle invecchiata delle donne adulte. Journal of Nutritional Science and Vitaminology, 53 (1), 57-62. doi: 10.3177/jnsv.53.57, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17484381
  11. Kafi, R., Kwak, H.S.R., Schumacher, W.E., Cho, S., Hanft, V.N., Hamilton, T.A., … Kang, S. (2007). Miglioramento della pelle naturalmente invecchiata con vitamina A (retinolo). Archivi di dermatologia, 143(5). doi: 10.1001/archderm.143.5.606, https://www.scholars.northwestern.edu/it/pubblicazioni/miglioramento-della-pelle-invecchiata-naturalmente-con-vitamina-a-retinolo
  12. Liguori, I., Russo, G., & Abete, P. (2018). Stress ossidativo, invecchiamento e malattie. Interventi clinici nell'invecchiamento, 13, 757-772. doi: 10.2147/CIA.S158513, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29731617
  13. McKenzie, RC (2000). Selenio, radiazioni ultraviolette e pelle. Dermatologia clinica e sperimentale, 25 (8), 631-636. doi: 10.1046/j.1365-2230.2000.00725.x, https://onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1046/j.1365-2230.2000.00725.x
  14. Nagata, C., Nakamura, K., Wada, K., Oba, S., Hayashi, M., Takeda, N. e Yasuda, K. (2010). Associazione di grassi alimentari, verdure e micronutrienti antiossidanti con l'invecchiamento della pelle nelle donne giapponesi. British Journal of Nutrition, 103(10), 1493-1498. doi: 10.1017/s0007114509993461, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20085665
  15. Nguyen, G., & Torres, A. (2012). Antiossidanti sistemici e salute della pelle. Journal of Drugs in Dermatology, 11(9), e1-4. Recuperato da https://jddonline.com/
  16. Petruk, G., Giudice, R. D., Rigano, M. M., & Monti, D. M. (2018). Gli antiossidanti delle piante proteggono dal fotoinvecchiamento cutaneo. Medicina ossidativa e longevità cellulare, 2018, 1–11. doi: 10.1155/2018/1454936, https://www.hindawi.com/journals/omcl/2018/1454936/
  17. Pullar, J. M., Carr, A. C. e Vissers, M. C. M. (2017). I ruoli della vitamina C nella salute della pelle. Nutrienti, 9(8), 866. doi: 10.3390/nu9080866, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28805671
  18. Stahl, W., Heinrich, U., Aust, O., Tronnier, H., & Sies, H. (2006). Prodotti ricchi di licopene e fotoprotezione alimentare. Fotochimica. fotobiolo. Sci., 5(2), 238-242. doi: 10.1039/b505312a, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16465309
  19. Stahl, W., & Sies, H. (2007). Carotenoidi e flavonoidi contribuiscono alla protezione nutrizionale contro i danni alla pelle causati dalla luce solare. Biotecnologia molecolare, 37 (1), 26-30. doi: 10.1007/s12033-007-0051-z, https://www.researchgate.net/publication/5931179_Carotenoids_and_Flavonoids_Contribute_to_Nutritional_Protection_against_Skin_Damage_from_Sunlight
  20. Stahl, W., & Sies, H. (2012). -carotene e altri carotenoidi nella protezione dai raggi solari. Il giornale americano di nutrizione clinica, 96 (5). doi: 10.3945/ajcn.112.034819, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23053552
Vedi altro