8 farmaci per le allergie per alleviare i sintomi


8 farmaci per le allergie per alleviare i sintomi

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Prurito agli occhi, naso che cola, non avere mai abbastanza fazzoletti in casa: se hai allergie stagionali o ambientali, conosci bene queste sensazioni. Quali farmaci per l'allergia sono disponibili e quali hanno maggiori probabilità di darti sollievo? Diamo un'occhiata.



Quali sono i diversi tipi di trattamenti per le allergie?

Ci sono molte cose che puoi provare per le tue allergie. Vedremo ciascuno di questi in dettaglio di seguito, ma le tue opzioni rientrano in queste otto categorie generali:

  1. Prevenzione degli allergeni
  2. Antistaminici
  3. decongestionanti
  4. Farmaci combinati
  5. Modificatori dei leucotrieni
  6. Stabilizzatori mastociti
  7. Steroidi
  8. Immunoterapia

Annuncio pubblicitario

Sollievo dalle allergie da prescrizione, senza sala d'attesa



Trovare il giusto trattamento per le allergie non dovrebbe essere un gioco da ragazzi. Parla con un dottore.

Per saperne di più

Prima di esaminare ciascuno di questi, sarà utile capire cosa causa allergie e cosa includono i sintomi.

Cosa sono le allergie?

Un'allergia si verifica quando il sistema immunitario del tuo corpo è sensibile a una sostanza che la maggior parte delle persone non lo è. Quella sostanza è chiamata allergene. I sintomi di allergia possono verificarsi quando si inspira, si deglutisce o si tocca un allergene, a seconda delle proprie particolari allergie ( Akhouri, 2019 ).



I tuoi sintomi allergici varieranno a seconda di dove si trova la tua esposizione all'allergene. La maggior parte delle allergie colpisce il naso, le vie respiratorie, gli occhi e la pelle.

La maggior parte delle persone con allergie presenta alcuni di questi sintomi comuni (Akhouri, 2019):

il tempo medio che un uomo dura a letto
  • starnuti
  • Gocciolamento post-nasale (muco che drena dai seni nasali in gola)
  • Rinorrea
  • Congestione nasale (rigidità)
  • respiro sibilante
  • Eruzione cutanea
  • Prurito agli occhi

Le allergie stagionali sono spesso responsabili di questi sintomi quando sei esposto a polline degli alberi, erba, erbacce e muffe. Questo tipo di allergia è chiamato rinite allergica. Altre allergie possono riguardare animali (principalmente peli di cani e gatti), cibo e farmaci.

Chi ottiene allergie?

Il numero di persone con allergie è aumentato continuamente negli ultimi decenni ( Schmidt, 2016 ).

La rinite allergica colpisce il 15-30% delle persone e ha costi sanitari elevati e perdita di produttività lavorativa. Gli scienziati ora riconoscono che le allergie possono colpire tutto il corpo, non solo il naso. Circa il 20% delle persone con allergie ha allergie stagionali, mentre il 40% di quelle con allergie manifesta i propri sintomi tutto l'anno (Akhouri, 2019).

Puoi sviluppare allergie a qualsiasi età?

2 minuti di lettura

Quasi chiunque può sviluppare allergie a qualsiasi età. Tuttavia, sei a maggior rischio di sviluppare allergie se hai quanto segue (Akhouri, 2019):

  • Una storia familiare di reazioni allergiche
  • Nato maschio
  • Avere uno status socioeconomico più elevato
  • Avere livelli più elevati di componenti allergici specifici nel sangue (come un tipo di anticorpo chiamato IgE)

Anche il tuo ambiente può svolgere un ruolo, soprattutto se hai già una sensibilità e sei esposto ripetutamente a un allergene quando sei giovane. Sebbene oggi ci siano molti più bambini con allergie, le persone tra i 20 ei 40 anni hanno il maggior numero di allergie. Invecchiando, le allergie sembrano migliorare per molte persone (Akhouri, 2019).

Come fai a sapere se hai allergie?

È meglio visitare un operatore sanitario per valutarti a fondo. Se non riesci a trovarne uno, guarda i tuoi sintomi, quando si verificano, con quale frequenza si verificano, per quanto tempo durano, quali esposizioni hai avuto e cosa li rende migliori o peggiori.

Le persone con allergie stagionali spesso riferiscono di starnuti, naso che cola e lacrimazione dopo essere state all'aperto. Le persone con allergie croniche spesso affermano di avere congestione nasale cronica, naso chiuso e gocciolamento post-nasale. Altre persone si lamentano di avere sintomi di allergia da fattori scatenanti come peli di cane, fumo di sigaretta, muffa, profumi, polline e umidità.

Se respiri principalmente attraverso la bocca, annusi o schiarisci la gola frequentemente o hai le occhiaie, potresti soffrire di allergie. (Akhuri, 2019).

perché gli uomini si svegliano duramente?

Come risponde il corpo agli allergeni?

Il tuo corpo risponde agli allergeni creando una proteina chiamata IgE nel tuo sistema immunitario per catturare l'allergene. Questa proteina dice quindi a cellule speciali chiamate mastociti di rilasciare istamina e altre sostanze chimiche infiammatorie nel sangue. L'istamina e queste altre sostanze chimiche consentono ai vasi sanguigni di perdere liquido. Questa perdita consente alle cellule immunitarie protettive di attaccare l'allergene. D'altro canto, finisce anche per causare congestione nasale, lacrimazione, prurito, orticaria e gonfiore. Se questa risposta si verifica nei polmoni, può contrarre i muscoli respiratori, rendendo più difficile la respirazione ( Galli, 2012 ).

La reazione di istamina più pericolosa è chiamata anafilassi, che può essere pericolosa per la vita. L'anafilassi si verifica quando la respirazione si interrompe a causa di un rigonfiamento delle vie aeree. Quando ciò accade, la pressione sanguigna scende, il sangue non arriva agli organi e la persona può morire se non trattata ( Reber, 2017 ).

L'anafilassi è un'emergenza e richiede cure mediche immediate. Parte del trattamento dell'anafilassi è l'adrenalina per aprire le vie aeree. Alcune persone portano un EpiPen, un'iniezione autosomministrata di adrenalina, se viene loro diagnosticata una grave allergia (Reber, 2017).

La maggior parte delle persone con allergie, tuttavia, si occupa solo di rinite allergica. Cosa puoi fare per trattare i sintomi e smettere di sentirti così infelice? Esaminiamo i trattamenti che abbiamo toccato sopra.

1. Prevenzione degli allergeni

Il trattamento più diretto per la rinite allergica innescata da polvere, peli di animali o allergie stagionali può essere l'evitamento. Tuttavia, per alcune persone evitare l'allergene non è sempre possibile o può richiedere alcuni cambiamenti nello stile di vita, tra cui (Akhouri, 2019):

  • Biancheria da letto anallergica o anallergica (lenzuola, cuscini, coprimaterassi)
  • Rimozione moquette e tendaggi
  • Non avere animali domestici o animali a bassa allergia in casa
  • Utilizzo di un aspirapolvere con uno speciale filtro antiparticolato ad alta efficienza (HEPA)

Alcuni normali prodotti da banco (OTC) possono aiutare con sintomi di allergia specifici. Puoi trattare gli occhi pruriginosi, arrossati o lacrimosi con lacrime artificiali. Questi non contengono medicinali ma aiutano invece a eliminare gli allergeni dagli occhi. Un marchio popolare è Refresh. Puoi usare un approccio simile per trattare una lieve congestione e muco denso con uno spray nasale salino o di acqua salata. Un marchio è Ayr (Akhouri, 2019).

2. Antistaminici

Gli antistaminici sono disponibili da molti anni. Li puoi trovare sotto forma di pillole, colliri e spray nasali. Vengono sia come prescrizione che come OTC ( Scadding, 2017 ).

Come funzionano gli antistaminici?

Quasi tutti i sintomi di allergia sono causati dall'istamina, quindi ha senso che tu possa trattarli con un antistaminico. Gli antistaminici agiscono bloccando il rilascio di istamina, bloccando gonfiore, prurito, arrossamento e alterazioni delle secrezioni nasali e delle vie aeree.

Sia gli antistaminici più vecchi che quelli più recenti controllano efficacemente il rilascio di istamina e riducono i sintomi dell'allergia (Scadding, 2017).

Effetti collaterali dell'antistaminico

Antistaminici più vecchi o farmaci di prima generazione possono causare sonnolenza. Questa categoria include noti farmaci da banco come la difenidramina (Benadryl), la clorfeniramina (Chlor-Treimton) e l'idrossizina (Atarax). Ecco perché questi farmaci hanno avvertimenti di non guidare o usare macchinari pesanti dopo averli presi. Possono anche causare secchezza delle fauci, stitichezza, ritenzione urinaria (dove è difficile fare pipì) e tachicardia (battito cardiaco accelerato). Il loro effetto non dura a lungo, quindi devono essere assunti più frequentemente per alleviare i sintomi dell'allergia. Gli antistaminici più recenti o di seconda e terza generazione hanno formule non sonnolente, che durano più a lungo nel corpo e con molti meno effetti collaterali (Scadding, 2017; Akhouri, 2019).

Tipi di antistaminici

Gli antistaminici orali da banco di prima generazione (possono farti venire sonno) includono (Akhouri, 2019):

  • Difenidramina (Benadryl)
  • Bromfeniramina (allergia a Dimetapp)
  • Clorfeniramina (cloro-trimetone)
  • Clemastine (Tavist)

Oral OTC di seconda/terza generazione (non ti farà venire sonno) include (Akhouri, 2019):

  • Cetirizina (zirtec)
  • Fexofenadina (Allegra)
  • Levocetirizina (Xyzal)
  • Loratadina (Claritin, Alavert)

La desloratadina (Clarinex) è un altro farmaco per l'allergia orale non sonnolento disponibile solo con una prescrizione. È disponibile anche uno spray nasale antistaminico prescrivibile, chiamato Azelastine nasal (Astelin) (Akhouri, 2019).

3. Decongestionanti

I decongestionanti alleviano la congestione nasale. Sono spesso usati con antistaminici e sono disponibili in forma di pillola, liquido e spray nasale. Alcuni colliri sono formulati anche come decongestionanti ( Malone, 2017 ).

Come funzionano i decongestionanti?

Una reazione allergica può causare gonfiore al naso e ai vasi sanguigni delle vie aeree, causando congestione. Un decongestionante rimuove la congestione restringendo i vasi sanguigni, riducendo l'infiammazione e il gonfiore. Ciò consente a più aria di muoversi liberamente attraverso l'intera via aerea, facendoti respirare meglio.

Trattare i sintomi dell'allergia: errori comuni

6 minuti di lettura

Effetti collaterali decongestionanti

Gli effetti collaterali sono più comuni con i decongestionanti orali che con i decongestionanti nasali. Includono effetti collaterali digestivi come nausea e vomito, effetti collaterali neurologici come ansia, mal di testa, vertigini e convulsioni e problemi cardiaci come ipertensione, ictus, ritmi cardiaci anormali e infarto (Malone, 2017).

Chi non dovrebbe assumere decongestionanti?

I decongestionanti non sono per tutti. Quelli che dovrebbero evitarli includono:

  • Persone con malattie cardiache
  • Persone con pressione alta
  • Persone con diabete
  • Persone con malattie della tiroide
  • Uomini con prostata ingrossata
  • Coloro che assumono inibitori delle monoaminossidasi (un tipo di antidepressivo).

Queste persone dovrebbero evitare i decongestionanti perché restringono i vasi sanguigni, creando una situazione pericolosa per chiunque abbia queste condizioni.

Non è una buona idea usare decongestionanti per un tempo prolungato, sia che tu usi farmaci per via orale o spray nasale. Gli spray nasali decongestionanti possono causare congestione nasale di rimbalzo, dove l'afa torna ancora più forte (Akhouri, 2019).

Gli operatori sanitari dicono di non usare questi spray per più di una settimana. I decongestionanti orali hanno diversi effetti collaterali potenzialmente pericolosi e la maggior parte degli operatori sanitari afferma di limitarne l'uso a 10 giorni (Akhouri, 2019).

Decongestionanti disponibili

I tipi di decongestionanti includono (Malone, 2017; Akhouri, 2019):

orale OTC

brufolo bianco testa sull'asta del pene
  • Pseudoefedrina (compresse o liquido sudafed)
  • Fenilefrina (Sudafed PE, Neo-Sinefrina)

Spray nasali decongestionanti

  • spray nasali ossimetazolina (Afrin)

Poiché la pseudoefedrina può essere utilizzata in modo improprio, molte aziende farmaceutiche l'hanno sostituita con la fenilefrina. Puoi trovare questi prodotti sullo scaffale del drugstore. Se desideri specificamente la pseudoefedrina, potrebbe essere necessario ritirarla allo sportello della farmacia e presentare la patente di guida, anche se è considerata da banco (Malone, 2017).

4. Farmaci combinati

Esistono alcuni farmaci per l'allergia che combinano sia un antistaminico che un decongestionante per alleviare molti sintomi di allergia (Scadding, 2017).

Come funzionano i farmaci combinati?

I farmaci allergici combinati combinano farmaci allergici noti per bloccare l'istamina da più aree: un pugno due per uno!

Effetti collaterali dei farmaci combinati?

Se sei sensibile a uno dei singoli farmaci, potresti riscontrare alcuni degli effetti collaterali comuni di quel farmaco nella combinazione di farmaci per l'allergia.

Tipi di farmaci contro l'allergia combinati

Sono disponibili diversi tipi di farmaci allergici combinati. Questi includono:

orale OTC

  • Allegra-D: fexofenadina e pseudoefedrina
  • Benadryl Allergia e sinusite: difenidramina e pseudoefedrina
  • Claritin-D: loratadina e pseudoefedrina
  • Zyrtec-D: cetirizina e pseudoefedrina

Prescrizione orale:

  • Semprex-D: acrivastina e pseudoefedrina

Allegra vs Claritin vs Zyrtec per le allergie: qual è il migliore per te?

4 minuti di lettura

5. Modificatori dei leucotrieni

Gli antagonisti del recettore dei leucotrieni (LTRA) o modificatori sono farmaci orali soggetti a prescrizione medica che trattano i sintomi di allergia nasale e l'asma. Puoi usarli con altri farmaci per l'allergia ( Pyasi, 2016 ).

Come funzionano gli LTRA?

I leucotrieni vengono rilasciati dai mastociti e dagli eosinofili (un tipo di globuli bianchi) in risposta a una sostanza allergica o a un fattore scatenante. Causano infiammazione nel corpo, compreso il gonfiore dei vasi sanguigni. I modificatori o gli antagonisti dei leucotrieni aiutano a ridurre l'effetto infiammatorio dei leucotrieni (Pyasi, 2016).

Effetti collaterali LTRA

Gli effetti collaterali non sono comuni ma possono includere disturbi di stomaco, bruciore di stomaco, febbre, naso chiuso, tosse, eruzioni cutanee e mal di testa ( Choi, 2020 ).

Farmaci LTRA

I tipi di farmaci modificatori dei leucotrieni includono:

  • Montelukast (Singulair)

6. Stabilizzatori di mastociti

Gli stabilizzatori dei mastociti sono trattamenti per le allergie che si presentano come colliri o spray nasali ( Zhang, 2016 ).

Come funzionano gli stabilizzatori dei mastociti?

I mastociti sono pieni di istamina e altre sostanze chimiche che contribuiscono alle reazioni allergiche. Gli allergeni si attaccano all'anticorpo allergico IgE che si trova sulle superfici dei mastociti, provocando il rilascio di istamina da parte dei mastociti e portando a sintomi di allergia (Zhang, 2016).

Effetti collaterali dello stabilizzatore dei mastociti

Gli stabilizzatori dei mastociti sono gocce o spray e la maggior parte dei loro effetti collaterali sono limitati all'area in cui sono stati applicati. Gli effetti collaterali dello spray nasale includono tosse, irritazione alla gola ed eruzioni cutanee (Zhang, 2017).

Farmaci stabilizzatori dei mastociti disponibili

Tipi di stabilizzatori di mastociti:

inverti la tua età di 20 anni
  • Cromolyn sodico (Opticrom generico)
  • Lodoxamide-trometamina (Alomide)
  • Nedocromile (Alocril)
  • Pemirlast (Alamast)

7. Steroidi

Gli steroidi aiutano a ridurre l'infiammazione e il gonfiore da reazioni allergiche stagionali e croniche. Sono disponibili in molte forme diverse: pillole orali o liquidi che ingerisci, inalatori per l'asma e topici tra cui spray nasali, creme per la pelle o colliri. Alcuni richiedono una prescrizione e altri possono essere acquistati al banco (Scadding, 2017).

La ricerca mostra che gli spray nasali steroidei, anche le versioni OTC, sono molto più efficaci degli antistaminici per ridurre l'infiammazione nel naso, anche se potrebbero essere necessari diversi giorni per raggiungere il loro pieno effetto ( Carr, 2017 ).

Come funzionano gli steroidi?

Gli steroidi riducono l'infiammazione e calmano il sistema immunitario dalla reazione troppo forte contro un allergene o un innesco.

Effetti collaterali degli steroidi

Gli steroidi funzionano bene, ma possono avere molti effetti collaterali. Gli effetti collaterali sono più pronunciati quando gli steroidi vengono somministrati per via orale e per lungo tempo. La maggior parte degli operatori sanitari prescriverà steroidi topici come inalatori, spray nasali e colliri per le allergie. Ce ne sono alcuni che puoi acquistare da banco. Gli effetti collaterali più comuni di questi steroidi topici per le allergie sono tosse, raucedine e infezioni fungine in bocca (Scadding 2017).

Farmaci per l'allergia agli steroidi disponibili

Steroidi spray nasali da prescrizione:

  • beclometasone (Beconase, Qnasl, Qvar)
  • mometasone (Nasonex)
  • ciclesonide (Alvesco, Omnaris, Zetonna)
  • fluticasone furoato (Veramyst)

Come posso superare la mia dipendenza da spray nasale?

2 minuti di lettura

Steroidi spray nasali da banco:

  • Sollievo dall'allergia di Flonase
  • Nasacort Allergia 24 ore
  • Allergia al rinocort

Ecco una nota importante sugli spray nasali. La tecnica di somministrazione è fondamentale per ottenere i migliori risultati dallo spray nasale prescritto o da banco. In primo luogo, utilizzare regolarmente poiché potrebbero essere necessari alcuni giorni per avere effetto. Secondo, inclina la testa verso il basso, in modo che il mento incontri il petto. Metti la punta del flacone nella narice e mira lontano dal centro del naso. Spremere la bottiglia il numero di volte prescritto o consigliato per ottenere i migliori risultati (Scadding, 2017; Akhouri, 2019).

8. Immunoterapia

Il trattamento immunoterapico per le allergie è disponibile sotto forma di iniezione antiallergica o di pillola posta sotto la lingua ( Larsen, 2016 ).

Come funziona l'immunoterapia allergica?

I colpi o le pillole di immunoterapia sono simili a un vaccino in cui il sistema immunitario del tuo corpo fa il lavoro. Riceverai piccole dosi progressivamente aumentate dell'allergene tramite iniezione o pillola per aumentare la tua tolleranza all'allergene specifico. Questo riduce la tua sensibilità e diminuisce la tua reazione allergica. Questo trattamento è molto efficace per la rinite allergica, soprattutto se si soffre di queste allergie per più di tre mesi all'anno (Larsen, 2016).

altre pillole dimagranti oltre alla fentermina

Effetti collaterali dell'immunoterapia allergica

I colpi di immunoterapia dovrebbero essere somministrati solo in un ambiente sanitario. Le pillole di immunoterapia possono causare prurito e gonfiore alla gola. La prima dose delle pillole deve essere somministrata in un ambiente sanitario sotto osservazione per verificare una reazione. Dopodiché, lo prendi ogni giorno a casa ( Calderón, 2021 ).

Le compresse da prescrizione sotto la lingua includono:

  • Grastek
  • Oralair
  • Ragwitek
  • Odactra (per gli acari della polvere)

L'immunoterapia per iniezione sottocutanea è disponibile solo presso un operatore sanitario.

Cosa riserva il futuro per i trattamenti contro le allergie

Le allergie e la rinite allergica sono aumentate continuamente negli ultimi decenni. Non solo rendono le persone infelici: ci sono conseguenze economiche e finanziarie significative per le allergie ( Kuehl, 2015 ).

Oltre ai miglioramenti in tutti i trattamenti di cui sopra, i progressi nella nanotecnologia possono essere uno strumento entusiasmante nella diagnosi, nel trattamento e forse anche nella prevenzione delle reazioni allergiche ( Mayorga, 2021 ).

Se soffri di allergie, ci sono diversi modi per affrontare i sintomi, dall'evitare i farmaci prescritti. Consulta il tuo medico per trovare la soluzione migliore per te!

Riferimenti

  1. Akhouri, S., & House, S. A. (2019). Rinite allergica. StatPearls [Internet]. Recuperato da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK538186/
  2. Calderón, M.A., & Bacharier, L.B. (2021). Controversie in allergia: una revisione pro/contro di immunoterapia allergenica sublinguale e asma allergico. Il giornale di allergia e immunologia clinica: In Pratica . doi: 10.1016/j.jaip.2021.02.029. Recuperato da https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S2213219821002348?via%3Dihub
  3. Carr, W. W. e Yawn, B. P. (2017). La gestione della rinite allergica nell'era dei trattamenti efficaci da banco. Medicina post-laurea, 129 (6), 572-580. Recuperato da https://www.tandfonline.com/doi/abs/10.1080/00325481.2017.1333384
  4. Choi, J., & Azmat, C. E. (2020). Antagonisti del recettore dei leucotrieni. StatPearls [Internet]. Recuperato da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK554445/
  5. Galli, S.J., & Tsai, M. (2012). IgE e mastociti nella malattia allergica. Medicina della natura, 18 (5), 693-704. doi: 10.1038/nm.2755. Recuperato da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3597223/
  6. Kuehl, B. L., Abdulnour, S., O'Dell, M. e Kyle, T. K. (2015). Comprendere il ruolo del professionista sanitario nell'autogestione del paziente con rinite allergica. SAGE medicina aperta, 3 , 2050312115595822. doi: 10.1177/2050312115595822. Recuperato da https://journals.sagepub.com/doi/full/10.1177/2050312115595822
  7. Larsen, J. N., Broge, L. e Jacobi, H. (2016). Immunoterapia allergica: il futuro del trattamento delle allergie. Scoperta della droga oggi, 21 (1), 26-37. doi: 10.1016/j.drudis.2015.07.010. Recuperato da https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1359644615002810
  8. Malone, M., & Kennedy, T. M. (2017). Recensione: effetti collaterali di alcuni farmaci allergici comunemente usati (decongestionanti, agenti anti-leucotrieni, antistaminici, steroidi e zinco) e loro sicurezza in gravidanza. Giornale internazionale dei farmaci per le allergie, 3 (1), 24-27. doi: 10.23937/2572-3308.1510024. Recuperato da: https://pdfs.semanticscholar.org/1275/7d103bb7524dd3ecee559fef146376b6aeac.pdf
  9. Mayorga, C., Perez-Inestrosa, E., Rojo, J., Ferrer, M., & Montañez, M. I. (2021). Ruolo delle nanostrutture nell'allergia: diagnostica, trattamenti e sicurezza. Allergia . doi: 10.1111/all.14764. Recuperato da https://onlinelibrary.wiley.com/doi/full/10.1111/all.14764
  10. Pyasi, K., Tufvesson, E., & Moitra, S. (2016). Valutazione del ruolo dei farmaci modificanti i leucotrieni nella gestione dell'asma: i loro benefici 'perdono nella traduzione'?. Farmacologia polmonare e terapeutica, 41 , 52-59. doi: 10.1016/j.pupt.2016.09.06. Recuperato da https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S1094553916301006
  11. Reber, L. L., Hernandez, J. D., & Galli, S. J. (2017). La fisiopatologia dell'anafilassi. Giornale di allergia e immunologia clinica, 140 (2), 335-348. doi: 10.1016/j.jaci.2017.06.003. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5657389/
  12. Scadding, G. K., Kariyawasam, H. H., Scadding, G., Mirakian, R., Buckley, R. J., Dixon, T., et al. (2017). Linee guida BSACI per la diagnosi e la gestione della rinite allergica e non allergica (edizione riveduta 2017; 2007). Allergia clinica e sperimentale, 47 (7), 856-889. due: 10.1111 / cea.12953. Recuperato da https://onlinelibrary.wiley.com/doi/full/10.1111/cea.12953
  13. Schmidt, C.W. (2016). Sovraccarico pollinico: allergie stagionali in un clima che cambia. Prospettive di salute ambientale. Istituto Superiore di Sanità . doi: 10.1289/ehp.124-A70. Recuperato da https://ehp.niehs.nih.gov/doi/full/10.1289/ehp.124-A70
  14. Zhang, T., Finn, D. F., Barlow, J. W. e Walsh, J. J. (2016). Stabilizzatori dei mastociti. Rivista europea di farmacologia, 778 , 158-168. doi: 10.1016/j.ejphar.2015.05.071. Recuperato da https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0014299915300972
Vedi altro