Accutane: usi, rischi, effetti collaterali e alternative

Accutane: usi, rischi, effetti collaterali e alternative

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Se hai lottato con i brufoli e non riesci a trovare sollievo, non sei solo: l'acne colpisce tra 40 milioni e 50 milioni di persone negli Stati Uniti. E mentre l'acne colpisce principalmente adolescenti e giovani adulti, anche molti adulti più anziani lottano con essa (forse su 54% delle donne e 40% degli uomini di età superiore ai 25 anni) (Cordain, 2002). Se non hai riscontrato successo con alcun trattamento per l'acne da banco, potresti essere curioso di provare un farmaco su prescrizione chiamato Accutane. Ecco cosa devi sapere.

Vitali

  • Accutane è un trattamento per l'acne grave che non ha risposto ad altri tipi di trattamento.
  • Accutane è una forma orale di retinoide che prende di mira diversi fattori che contribuiscono all'acne.
  • Accutane può avere gravi effetti collaterali e non dovrebbe essere assunto da chi è incinta o potrebbe rimanere incinta.

Cos'è l'Accutane?

Accutane è il marchio del farmaco generico chiamato isotretinoina. È nella classe di farmaci retinoidi ed è stato approvato per l'acne grave resistente al trattamento nel 1982 dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti. A differenza di altri retinoidi, che sono topici (come Retin-A), Accutane è un farmaci per via orale (Kotori, 2015). È l'unica terapia nota per avere un impatto su tutte le fattori principali che contribuiscono all'acne, come la produzione di olio, i pori ostruiti, l'infiammazione e altro (Layton, 2009). Accutane è usato per trattare l'acne cistica o una forma di acne grave chiamata acne nodulare recalcitrante (che causa noduli gonfi e dolorosi sulla pelle) che non sono stati aiutati da altri trattamenti, come gli antibiotici (NIH, 2018).



Annuncio pubblicitario

Semplifica la tua routine di cura della pelle



Ogni bottiglia di Nightly Defense prescritta dal medico è realizzata per te con ingredienti potenti e scelti con cura e consegnata a casa tua.

Per saperne di più

Come funziona Accutane?

È stato dimostrato che l'accutane agisce su una varietà di fattori importanti che contribuiscono all'acne. Riduce l'olio (ghiandole sebacee), aiuta a prevenire i pori ostruiti, inibisce la crescita di alcuni batteri sulla superficie della pelle e ha effetti antinfiammatori. Durante il trattamento, Accutane riduce anche la produzione di olio (sebo) del 90% o più entro sei settimane. Tuttavia, una volta interrotto il trattamento , i livelli di batteri e olio aumentano di nuovo, anche se di solito in quantità inferiori rispetto a dove erano iniziati prima del trattamento (Kotori, 2015).

Possono essere necessarie diverse settimane o più prima che Accutane abbia il suo pieno effetto e può peggiorare l'acne all'inizio del trattamento. La maggior parte delle persone che assumono Accutane ha un ciclo di trattamento che dura per 16-20 settimane alla volta , ma il farmaco può continuare ad aiutare a migliorare l'acne anche dopo il trattamento (Leyden, 2014).



Potenziali rischi ed effetti collaterali di Accutane

Come tutti i farmaci, Accutane comporta alcuni rischi e possibili effetti collaterali. Tuttavia, alcuni dei potenziali effetti avversi di Accutane sono gravi, quindi è importante parlare con il proprio medico e comprendere tutti i pro e i contro prima di assumere il farmaco.

Alcuni degli effetti collaterali più comuni (che colpiscono tra l'1 e il 10% degli utenti) del trattamento con Accutane includono pelle secca, prurito e desquamazione della pelle e desquamazione, nonché secchezza di occhi, bocca e naso. Le labbra screpolate sono un effetto collaterale estremamente comune di Accutane, che colpisce fino al 90% delle persone che lo assumono. Secchezza nasale e sangue dal naso possono verificarsi nell'1-10% degli utenti e, sebbene siano meno comuni (colpiscono meno dello 0,01% degli utenti), effetti collaterali come la fotosensibilità (sensibilità alla luce), il diradamento dei capelli e la riduzione della visione notturna possono verificarsi (Drugs.com, 2020).

Altro effetti collaterali meno comuni (che interessano meno dello 0,01% degli utenti) includono nausea, vomito, mal di testa, dolori ossei e articolari, diarrea o sanguinamento rettale, forte dolore toracico o addominale, problemi di salute mentale (può causare depressione o pensieri suicidi) e alti livelli di trigliceridi nel sangue (Drugs.com, 2020).

Una complicazione particolarmente grave di Accutane è il suo potenziale di causare gravi problemi di gravidanza e parto. Accutane non deve essere assunto da persone in gravidanza o che potrebbero iniziare una gravidanza perché esiste un rischio elevato che possa provocare l'interruzione della gravidanza o che il bambino possa nascere troppo presto, morire poco dopo la nascita o essere nato con difetti alla nascita. Se stai pensando di prendere Accutane per l'acne, dovrai prima fare un test di gravidanza. Il programma iPLEDGE è stato istituito per assicurarsi che le donne in gravidanza non prendano Accutane e che le donne non rimangano incinte durante l'assunzione del farmaco. Puoi ottenere una prescrizione per Accutane solo se sei registrato con iPLEDGE, hai una prescrizione da un prescrittore registrato con iPLEDGE e compila la prescrizione presso una farmacia registrata con iPLEDGE (NIH, 2018).

Alternative all'Accutane per il trattamento dell'acne

Mentre Accutane è una terapia dell'acne estremamente efficace, di solito è considerato un trattamento di ultima istanza a causa del suo potenziale di causare gravi effetti collaterali. La maggior parte dei medici consiglia di provare una varietà di altri trattamenti per l'acne prima di provare Accutane.

Accutane è un retinoide orale molto forte, ma ci sono molti retinoidi topici che sono anche considerati trattamenti efficaci per l'acne. Esempi di retinoidi topici includono adapalene (marca Differin), tazarotene (marca Tazorac) e tretinoina (marca Retin-A) (Leida, 2017).

Il perossido di benzoile è anche considerato uno dei trattamenti più sicuri ed efficaci per l'acne ed è spesso usato come terapia di prima linea. Alcuni studi hanno persino dimostrato che funziona meglio della tretinoina topica per l'acne infiammatoria e la ricerca ha anche indicato che dosi più basse di perossido di benzoile funzionano altrettanto bene di dosi più elevate (e causano meno irritazione), quindi non è necessario andare più in alto di 5 % (Grobel, 2018).

Molti antibiotici topici sono anche usati per inibire la crescita dei batteri P. acnes e ridurre l'infiammazione. Alcuni degli antibiotici topici più popolari usati per combattere l'acne sono eritromicina e clindamicina (Rati, 2011). Pillole anticoncezionali orali hanno anche dimostrato di trattare efficacemente l'acne in alcune persone, ma la terapia dovrebbe essere utilizzata solo dopo che un medico ha eseguito una valutazione ormonale e ha escluso eventuali interazioni farmacologiche o gravi rischi o complicazioni (Słopień, 2018). Nel alcuni casi , le iniezioni di steroidi possono essere utili nel trattamento di grandi lesioni infiammatorie (Kraft, 2011).

Riferimenti

  1. Cordain, L., Lindeberg, S., Hurtado, M., Hill, K., Eaton, S. B., & Brand-Miller, J. (2002). Acne vulgaris. Archivi di dermatologia, 138(12). doi: 10.1001/archderm.138.12.1584, https://jamanetwork.com/journals/jamadermatology/fullarticle/479093
  2. Grobel, H., & Murphy, S.A. (2018). Acne Vulgaris e Acne Rosacea. Medicina Integrativa. doi: 10.1016/b978-0-323-35868-2.00077-3
  3. Drugs.com (2019) Effetti collaterali di Accutane. Recuperato da: https://www.drugs.com/sfx/accutane-side-effects.html
  4. Kotori M.G. (2015). Compresse di vitamina A a basso dosaggio per il trattamento dell'acne vulgaris. Archivi medici (Sarajevo, Bosnia ed Erzegovina), 69(1), 28–30. doi: 10.5455/medarh.2015.69.28-30, https://europepmc.org/article/med/25870473
  5. Kraft, J., & Freiman, A. (2011). Gestione dell'acne. CMAJ: rivista della Canadian Medical Association = journal de l'Association medicale canadienne, 183 (7), E430 – E435. doi: 10.1503 / cmaj.090374, x https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21398228
  6. Layton A. (2009). L'uso di isotretinoina nell'acne. Dermato-endocrinologia, 1(3), 162-169. doi: 10.4161/derm.1.3.9364, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2835909/
  7. Leida, J.J., Del Rosso, J.Q., & Baum, E.W. (2014). L'uso dell'isotretinoina nel trattamento dell'acne vulgaris: considerazioni cliniche e direzioni future. The Journal of dermatologia clinica ed estetica, 7(2 Suppl), S3-S21., https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24688620
  8. Leida, J., Stein-Gold, L. e Weiss, J. (2017). Perché i retinoidi topici sono il cardine della terapia per l'acne Dermatologia e terapia, 7(3), 293-304. doi: 10.1007/s13555-017-0185-2, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28585191
  9. NIH (2018). Isotretinoina. Recuperato da: https://medlineplus.gov/druginfo/meds/a681043.html
  10. Ranganathan, S., & Mukhopadhyay, T. (2010). Forfora: la malattia della pelle più sfruttata commercialmente. Rivista indiana di dermatologia, 55(2), 130-134. doi: 10.4103/0019-5154.62734, http://www.e-ijd.org/article.asp?issn=0019-5154;year=2010;volume=55;issue=2;spage=130;epage=134;aulast=Ranganathan
  11. Rathi S.K. (2011). Trattamento dell'acne vulgaris: lo scenario attuale. Giornale indiano di dermatologia, 56 (1), 7-13. doi: 10.4103/0019-5154.77543, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21572783
  12. Sanders, M. G., Pardo, L. M., Ginger, R. S., Jong, J. C. K.-D. e Nijsten, T. (2019). Associazione tra dieta e dermatite seborroica: uno studio trasversale. Journal of Investigative Dermatology, 139 (1), 108-114. doi: 10.1016/j.jid.2018.07.027, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/301 3 0619
  13. Słopień, R., Milewska, E., Rynio, P., & Męczekalski, B. (2018). Uso di contraccettivi orali per la gestione dell'acne volgare e dell'irsutismo nelle donne in età riproduttiva e nella tarda età riproduttiva. Przeglad menopauzalny = Revisione della menopausa, 17(1), 1-4. doi: 10.5114/pm.2018.74895, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29725277
  14. Velegraki, A., Cafarchia, C., Gaitanis, G., Iatta, R., Boekhout, T. (2015). Infezioni da Malassezia nell'uomo e negli animali: fisiopatologia, rilevamento e trattamento. PLoS Pathog 11(1): e1004523. doi: 10.1371/journal.ppat.1004523, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25569140
  15. Verallo-Rowell, V. M., Dillague, K. M. e Syah-Tjundawan, B. S. (2008). Nuovi effetti antibatterici ed emollienti degli oli di cocco e di oliva vergini nella dermatite atopica dell'adulto. Dermatite, 19(6), 308-315. doi: 10.2310/6620.2008.08052, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19134433
  16. Verdolini, R., Bugatti, L., Filosa, G., Mannello, B., Lawlor, F., & Cerio, R. R. (2005). Antichi bagni al bicarbonato di sodio per la cura della psoriasi nell'era del biologico futuristico: un vecchio alleato da salvare. Journal of Dermatological Treatment, 16 (1), 26-29. doi: 10.1080/09546630410024862, https://www.tandfonline.com/doi/abs/10.1080/09546630410024862
Vedi altro