Androgeni: quanto troppo o troppo poco colpisce uomini e donne

Androgeni: quanto troppo o troppo poco colpisce uomini e donne

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Il corpo umano si basa su enormi reti di segnali che consentono a una parte del corpo di comunicare con un'altra per crescere, cambiare e prosperare. Un sistema di messaggistica chiave è l'uso di segnali chimici chiamati ormoni. Gli ormoni consentono al tuo corpo di regolare la glicemia, controllare il tuo umore, governare la tua fame e attivare il tuo sistema immunitario. Diamo uno sguardo più da vicino a un gruppo estremamente importante di ormoni negli uomini chiamati androgeni.

Vitali

  • Gli androgeni sono un gruppo di ormoni che includono testosterone, diidrotestosterone (DHT) e deidroepiandrosterone (DHEA) che agiscono sul recettore degli androgeni.
  • Gli androgeni sono considerati ormoni maschili, ma sono importanti anche nelle donne.
  • Gli androgeni in eccesso possono causare effetti collaterali significativi, tra cui un aumento del rischio di malattie cardiovascolari negli uomini e la crescita di peli superflui e calvizie maschile nelle donne.
  • Gli androgeni bassi possono causare diminuzione del desiderio sessuale, disfunzione erettile e affaticamento.
  • I livelli di androgeni diminuiscono con l'età.

Cosa sono gli androgeni?

Gli androgeni sono un gruppo di ormoni presenti nel corpo umano che agiscono su un recettore ormonale chiamato recettore degli androgeni. Hanno una vasta gamma di funzioni, incluso aiutare a creare caratteristiche sessuali maschili. Testosterone, diidrotestosterone (DHT), deidroepiandrosterone (DHEA), androstenedione (A4) sono tra gli ormoni di questa categoria. Sebbene siano considerati ormoni sessuali maschili, gli androgeni sono importanti anche nelle donne. Ad esempio, il testosterone nelle donne è importante per mantenere il desiderio sessuale (libido), la densità ossea e la massa muscolare.

Gli elementi costitutivi degli androgeni sono il colesterolo, le stesse molecole che si trovano nei cibi grassi e ostruiscono le arterie. A causa della loro struttura chimica, potresti sentire gli androgeni essere indicati come ormoni steroidei. Alcuni androgeni sono prodotti nelle ghiandole surrenali, un paio di ghiandole che si trovano sopra i reni. La produzione di androgeni si verifica anche nei testicoli.

Annuncio pubblicitario

Supplementi di supporto del testosterone romano

La fornitura del primo mese è di $ 15 ($ 20 di sconto)

Per saperne di più

Cosa fanno gli androgeni?

Gli androgeni hanno una vasta gamma di effetti sul corpo. Esamineremo alcuni degli androgeni più significativi e quali ruoli svolgono.

  • Testosterone: Il testosterone è il principale androgeno negli uomini. Funziona per aumentare la libido, la funzione erettile, la produzione di sperma, mantenere la densità ossea e la massa muscolare, la produzione di globuli rossi, la crescita dei peli del viso e del corpo e regolare l'umore. Gli uomini hanno una produzione di testosterone 20-25 volte superiore rispetto alle donne (Horstman, 2012).
  • DHT: DHT è un altro importante androgeno. È fatto di testosterone da un enzima chiamato 5-alfa-reduttasi. Nei bambini maschi, aiuta il pene, lo scroto e la prostata a svilupparsi. Svolge anche un ruolo nei cambiamenti di voce e capelli che gli uomini subiscono durante la pubertà. Più tardi nella vita, il DHT, purtroppo, gioca un ruolo nella calvizie maschile e nell'ingrossamento della prostata, noto anche come iperplasia prostatica benigna (IPB).
  • Deidroepiandrosterone (DHEA): DHEA sembra essere molto popolare negli integratori, anche se non è stato davvero dimostrato che sia utile (Signori, 1999). È prodotto naturalmente nel corpo nelle ghiandole surrenali. DHEA è un precursore del testosterone; molti dei suoi effetti androgeni si verificano dopo che è stato trasformato in A4 o A5 e poi in testosterone. Agisce anche sui recettori degli estrogeni ed è stato anche scoperto che ha effetti sul sistema nervoso centrale. In particolare, sembra avere proprietà protettive e antinfiammatorie sul cervello (Yilmaz, 2019).
  • Androstenedione (A4): A4 è costituito da DHEA nelle ghiandole surrenali e nei testicoli. Viene quindi trasformato in testosterone. A4 è pensato per giocare un ruolo nell'aggressività e nella competizione nei ragazzi (Gray, 2017). A4 è spesso preso come integratore per la costruzione muscolare ma non ha dimostrato di migliorare i livelli di testosterone o aumentare lo sviluppo muscolare (King, 1999).
  • Androstendiolo (A5): A5 è anche fatto da DHEA ed è un altro ormone che viene trasformato in testosterone. Ha effetti sui recettori degli estrogeni e sui recettori degli androgeni. È stato studiato come un modo per proteggere dalle radiazioni perché può aumentare i livelli di cellule del sangue (Whitnall, 2000).

Cosa succede se i tuoi livelli di androgeni sono troppo alti?

Negli uomini, i livelli di androgeni sono raramente troppo alti e quando lo sono, di solito è a causa di farmaci o integratori. L'abuso sia di androgeni naturali che di steroidi androgeni sintetici (chiamati anche steroidi anabolizzanti o steroidi androgeni-anabolizzanti) è una tecnica di doping comune utilizzata dagli atleti di tutto il mondo. Il testosterone stesso può aumentare la forza e le dimensioni dei muscoli, ma altri androgeni come A4 e DHEA non hanno mostrato benefici significativi (Bhasin, 1996). Tuttavia, l'abuso di androgeni per aumentare le prestazioni non è privo di rischi. Gli studi hanno riportato che aumentare il testosterone al di sopra dei livelli normali negli uomini provoca aggressività e sintomi dell'umore in alcuni uomini (Pope, 2000). Anche lì rapporti di giovani atleti che soffrono di morte cardiaca improvvisa dopo l'uso di steroidi androgeni (Hausmann, 1998), insieme ad altri effetti collaterali cardiovascolari tra cui aumento dei livelli di colesterolo (Brown, 2000) e livelli di cellule del sangue (Stergiopoulos, 2008), che può aumentare il rischio di malattie cardiovascolari.

Un altro importante effetto collaterale dell'abuso di androgeni sta restringendo i testicoli, causando infertilità e riducendo la capacità del corpo di produrre il proprio testosterone (Rahnema, 2014). Inoltre, il seno si ingrandisce perché il testosterone in eccesso viene spesso convertito in estradiolo, un potente tipo di estrogeno. Studi hanno dimostrato che oltre la metà degli uomini che assumono steroidi androgeni finisce per avere un seno ingrossato (de Luis, 2001).

Nelle donne, al di fuori del miglioramento delle prestazioni atletiche, ci sono anche condizioni che causano un aumento degli androgeni, chiamato anche iperandrogenismo. La sindrome dell'ovaio policistico (PCOS) è la più comune di queste. In questa condizione, le ovaie producono troppo testosterone. Questo provoca una crescita eccessiva di peli sul corpo e sul viso (chiamato irsutismo), perdita di capelli di tipo maschile, acne ed è associato a infertilità da un ciclo mestruale interrotto e resistenza all'insulina (Lizneva, 2016). La resistenza all'insulina si verifica quando i muscoli, il grasso e il fegato non assorbono lo zucchero nel sangue come dovrebbero, portando a livelli elevati di zucchero nel sangue. L'aumento della resistenza all'insulina può portare al diabete.

Scopri di più sul diabete qui.

Cosa succede se i tuoi livelli di androgeni sono troppo bassi?

Livelli di testosterone, il principale androgeno, che sono troppo bassi possono causare diminuzione del desiderio sessuale, disfunzione erettile (compresa diminuzione delle erezioni mattutine), affaticamento, perdita di massa muscolare, aumento dell'aumento di grasso, anemia e osteoporosi (ossa deboli). Questo è anche chiamato Low T, carenza di androgeni o ipogonadismo e può essere valutato con esami del sangue. Una volta confermata la diagnosi, viene trattata con la terapia sostitutiva con testosterone (TRT).

Cosa succede ai tuoi livelli di androgeni con l'avanzare dell'età?

L'invecchiamento provoca un calo degli ormoni sessuali sia negli uomini che nelle donne. Negli uomini, il testosterone diminuisce nel tempo. Un grande studio dal Istituti Nazionali di Sanità (NIH) ha riferito che un basso livello di testosterone colpisce il 20% degli uomini di 60 anni, il 30% degli uomini di 70 anni e il 50% degli uomini di età superiore a 80 anni (Harman, 2001). C'è un calo del testosterone anche nelle donne— uno studio sul Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism hanno scoperto che il livello di testosterone in una donna di 40 anni è circa la metà di quello in una di 20 (Zumoff, 1995). Le donne sperimentano anche un calo degli estrogeni con l'invecchiamento, perdendo circa l'80% dei loro livelli ormonali nel primo anno della menopausa (Horstman, 2012). Ciò causa molti dei sintomi associati alla menopausa, tra cui vampate di calore, atrofia vaginale e osteoporosi.

Riferimenti

  1. Bhasin, S., Storer, T. W., Berman, N., Callegari, C., Clevenger, B., Phillips, J., … Casaburi, R. (1996). Gli effetti delle dosi soprafisiologiche di testosterone sulle dimensioni e la forza muscolare negli uomini normali. New England Journal of Medicine, 335 (1), 1-7. doi: 10.1056/nejm199607043350101, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/8637535
  2. Brown, G. A., Vukovich, M. D., Martini, E. R., Kohut, M. L., Franke, W. D., Jackson, D. A. e King, D. S. (2000). Risposte endocrine all'assunzione cronica di androstenedione in uomini di età compresa tra 30 e 56 anni. Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism, 85 (11), 4074-4080. doi: 10.1210/jcem.85.11.6940
  3. de Luis, D. A., Aller, R., Cuellar, L. A., Terroba, C., & Romero, E. (2001). Steroidi anabolizzanti e ginecomastia. Revisione della letteratura. Anales De Medicina Interna, 18(9), 489–491. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11715139
  4. Gray, P. B., Mchale, T. S. e Carré, J. M. (2017). Una revisione degli studi sul campo maschili umani sugli ormoni e sullo sforzo riproduttivo comportamentale. Ormoni e comportamento, 91, 52-67. doi: 10.1016/j.yhbeh.2016.07.004, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27449532
  5. Harman, S.M., Metter, E.J., Tobin, J.D., Pearson, J., & Blackman, M.R. (2001). Effetti longitudinali dell'invecchiamento sui livelli sierici di testosterone totale e libero in uomini sani. Studio longitudinale di Baltimora sull'invecchiamento. Il Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism, 86(2), 724–731. doi: 10.1210/jcem.86.2.7219, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11158037
  6. Hausmann, R., Hammer, S., & Betz, P. (1998). Farmaci che migliorano le prestazioni (agenti dopanti) e morte improvvisa: un caso clinico e una revisione della letteratura. Rivista internazionale di medicina legale, 111(5), 261-264. doi: 10.1007/s004140050165, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/9728754
  7. Horstman, A. M., Dillon, E. L., Urban, R. J. e Sheffield-Moore, M. (2012). Il ruolo degli androgeni e degli estrogeni sull'invecchiamento sano e sulla longevità. The Journals of Gerontology Serie A: Scienze biologiche e scienze mediche, 67 (11), 1140–1152. doi: 10.1093/gerona/gls068, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22451474
  8. King, D. S., Sharp, R. L., Vukovich, M. D., Brown, G. A., Reifenrath, T. A., Uhl, N. L. e Parsons, K. A. (1999). Effetto dell'androstenedione orale sul testosterone sierico e adattamenti all'allenamento di resistenza nei giovani uomini: uno studio controllato randomizzato. JAMA, 281(21), 2020–2028. doi: 10.1001/jama.281.21.2020, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10359391
  9. Lizneva, D., Gavrilova-Jordan, L., Walker, W. e Azziz, R. (2016). Eccesso di androgeni: indagini e gestione. Best practice e ricerca Ostetricia clinica e ginecologia, 37, 98-118. doi: 10.1016/j.bpobgyn.2016.05.003, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27387253
  10. Pope, H. G., Kouri, E. M., & Hudson, J. I. (2000). Effetti delle dosi soprafisiologiche di testosterone sull'umore e sull'aggressività negli uomini normali: uno studio controllato randomizzato. Archivi di Psichiatria Generale, 57(2), 133-140. doi: 10.1001/archpsyc.57.2.133, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10665615
  11. Rahnema, C. D., Lipshultz, L. I., Crosnoe, L. E., Kovac, J. R. e Kim, E. D. (2014). Ipogonadismo indotto da steroidi anabolizzanti: diagnosi e trattamento. Fertilità e sterilità, 101(5), 1271-1279. doi: 10.1016/j.fertnstert.2014.02.002, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24636400
  12. Sirrs, S.M., & Bebb, R.A. (1999). DHEA: panacea o olio di serpente? Medico di famiglia canadese, 45, 1723–1728. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10424272
  13. Stergiopoulos, K., Mathews, R., Brennan, J., Setaro, J., & Kort, S. (2008). Steroidi anabolizzanti, infarto miocardico acuto e policitemia: un caso clinico e revisione della letteratura. Salute vascolare e gestione del rischio, 4(6), 1475-1480. doi: 10.2147/vhrm.s4261, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2663437/
  14. Whitnall, M. H., Elliott, T. B., Harding, R. A., Inal, C. E., Landauer, M. R., Wilhelmsen, C. L., … Seed, T. M. (2000). L'androstendiolo stimola la mielopoiesi e aumenta la resistenza alle infezioni nei topi irradiati con raggi gamma. Rivista internazionale di immunofarmacologia, 22 (1), 1-14. doi: 10.1016/s0192-0561(99)00059-4, http://europepmc.org/article/med/10684984
  15. Yilmaz, C., Karali, K., Fodelianaki, G., Gravanis, A., Chavakis, T., Charalampopoulos, I. e Alexaki, V. I. (2019). Neurosteroidi come regolatori della neuroinfiammazione. Frontiere in neuroendocrinologia, 55, 100788. doi: 10.1016/j.yfrne.2019.100788, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/31513776
  16. Zumoff, B., Strain, G.W., Miller, L.K., & Rosner, W. (1995). La concentrazione media di testosterone plasmatico nelle ventiquattro ore diminuisce con l'età nelle donne normali in premenopausa. Il Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism, 80 (4), 1429-1430. doi: 10.1210/jcem.80.4.7714119, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/7714119
Vedi altro