Ci sono effetti collaterali nel prendere troppo olio di pesce?


Ci sono effetti collaterali nel prendere troppo olio di pesce?

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Gli umani sono divertenti. Molti di noi vogliono diventare più sani e vivere più a lungo, purché ciò che serve per arrivarci non sia troppo fastidioso. filo interdentale? Beh, ci vuole molto tempo, quando sei stanco niente di meno. Dormire di più? Si intralcia nel prendere quegli spettacoli a tarda notte. Popping integratori di olio di pesce? I rutti di pesce possono essere peggiori dell'alito del caffè vecchio. A parte i rutti al sapore di mare, l'olio di pesce offre una vasta gamma di benefici per la salute che potrebbero comunque valerne la pena.

Quando parliamo di olio di pesce, ci riferiamo agli acidi grassi omega-3 che puoi ottenere dagli integratori o dal consumo di pesce. È comune nello sgombro, nel salmone, nelle sardine, nell'aringa, nel tonno e nel fegato di merluzzo, anche se la maggior parte delle persone opta per le capsule. E non è così semplice come assumere i tuoi omega-3. Ci sono più acidi grassi, ma l'acido eicosapentaenoico (EPA) e l'acido docosaesaenoico (DHA) sono due dei più importanti presenti nell'olio di pesce. Ma il pesce grasso non è l'unica fonte di acidi grassi polinsaturi (o PUFA)

L'olio di pesce ha la reputazione di migliorare la salute del cuore e ridurre il rischio di malattie cardiache. Questo perché può aumentare il colesterolo buono HDL (Pietro, 2002), abbassare i livelli alti di trigliceridi (Oelrich, 2013), migliorare il flusso sanguigno (Wang, 2012), e anche pressione sanguigna più bassa nei pazienti con ipertensione (o pressione sanguigna anormalmente alta) (Minihane, 2016). Ma questo è lontano dalla sua unica capacità. Anche l'olio di pesce può migliorare la composizione corporea e aiutare con la perdita di peso (Hill, 2007), allevia l'infiammazione cronica e le malattie ad essa collegate come artrite reumatoide (Calder, 2006), e anche alleviare i sintomi della depressione (da Silva, 2008). Ma ciò non significa che non ci siano effetti collaterali, o che l'alitosi sia l'unica preoccupazione.



Vitali

  • L'olio di pesce è un integratore di omega-3 che contiene acidi grassi salutari acido eicosapentaenoico (EPA) e acido docosaesaenoico (DHA).
  • Gli Omega-3 possono giovare alla salute del tuo cuore, alleviare l'infiammazione e aiutarti a perdere peso.
  • Sapere quanto prenderne può essere difficile poiché non ci sono raccomandazioni specifiche o standardizzate per migliorare la salute.
  • Prendere troppo può causare problemi gastrointestinali.
  • L'effetto collaterale più comune sono i rutti vitaminici di pesce che possono essere ridotti conservando le capsule di olio di pesce in frigorifero.

Possibili effetti collaterali dell'olio di pesce

Vale la pena notare che l'olio di pesce è generalmente ben tollerato. Ma solo perché gli integratori di olio di pesce possono essere buoni non significa che di più sia ancora meglio. Infatti, mentre dosi moderate offrono tutta una serie di benefici per la salute, gli effetti collaterali in genere iniziano a manifestarsi solo quando qualcuno inizia a prendere dosi elevate di questi integratori. Ma l'esperienza di ognuno sarà diversa e alcune persone potrebbero manifestare effetti collaterali a dosi inferiori rispetto ad altre.

Annuncio pubblicitario

Roman Daily: multivitaminico per uomini



Il nostro team di medici interni ha creato Roman Daily per colmare le lacune nutrizionali comuni negli uomini con ingredienti e dosaggi scientificamente supportati.

Per saperne di più

Sapore sgradevole che può essere nel respiro o nel sudore

A volte il sapore degli integratori di olio di pesce è difficile da digerire, anche per gli amanti del pesce. La vitamina rutta o non accade solo con l'olio di pesce, ma questo può essere un segno che qualunque cosa tu stia prendendo si sta rompendo prima che colpisca il tuo tratto digestivo. La maggior parte di questo è aneddotico, ma molte persone riferiscono di eruttazione e alito di pesce e persino di sudore dall'odore sgradevole quando assumono olio di pesce. Anche se conservare il flacone di integratori in frigorifero può aiutare a ridurre o attenuare il cattivo sapore, potrebbe non impedire che l'odore si manifesti quando ti alleni.

Problemi gastrointestinali

I problemi digestivi sono alcuni degli effetti collaterali più comuni dell'assunzione di integratori di omega-3, in particolare diarrea e flatulenza (Bradberry, 2013). Ma il problema gastrointestinale non si limita a questi sintomi. Altri possono sperimentare effetti collaterali dell'olio di pesce un po' più in alto. È stato dimostrato che i grassi alimentari causano indigestione in alcuni, quindi le persone che assumono questi integratori possono provare nausea, vomito, reflusso acido o bruciore di stomaco (Khodarahmi, 2016).

E i vegani che cercano di ottenere il loro apporto di omega-3 attraverso olio di alghe o olio di semi di lino, che contiene l'acido grasso alfa-linolenico (ALA), non sono immuni da effetti collaterali simili. Infatti olio di semi di lino può aumentare il movimento intestinale frequenza sufficiente per renderlo un valido trattamento per la stitichezza (Ramos, 2015).



Reazioni allergiche

Sebbene sia raro che anche le persone allergiche al pesce e ai crostacei abbiano un'allergia all'olio di pesce puro, sono stati segnalati casi (Agricoltore, 2012). Un piccolo studio che ha esaminato solo due marche di olio di pesce ha scoperto che i partecipanti, sebbene allergici al pesce, tolleravano l'uso di olio di pesce (Mark, 2008). Ma il numero di partecipanti e il marchio testato erano piccoli e questa non è un'indicazione che questi risultati siano veri per tutti coloro che considerano un integratore. Le persone con allergie note a pesci o crostacei possono scegliere di utilizzare olio di semi di lino o olio di alghe come alternativa per l'assunzione di acidi grassi polinsaturi o discutere i rischi con il proprio medico di base.

Altri potenziali effetti collaterali dell'olio di pesce

Potresti aver sentito parlare di altri effetti collaterali che non abbiamo descritto sopra. Questo perché, per alcuni degli effetti collaterali riportati, semplicemente non sono state fatte abbastanza ricerche. Non possiamo dire con certezza che questi effetti collaterali siano effettivamente dovuti all'olio di pesce e non a qualcos'altro in molti di questi casi. Alcuni di questi sintomi sono stati riportati in resoconti dell'esperienza di singoli pazienti, che non possiamo utilizzare per parlare in generale di ciò che potrebbe accadere a chiunque prenda questi integratori. Gli effetti collaterali per i quali non ci sono ancora abbastanza ricerche includono:

  • Aumento del rischio di sanguinamento
  • Sanguinamento nello stomaco o nell'intestino (ulcere)
  • Colpo
  • Tossicità da vitamina A
  • Insonnia
  • Aumento del rischio di cancro alla prostata
  • Bassa pressione sanguigna

La capacità dell'olio di pesce di abbassare la pressione sanguigna è uno dei suoi numerosi benefici per la salute. Ma semplicemente non abbiamo ancora abbastanza ricerche per sapere se questo effetto può essere pericoloso per le persone che non soffrono di ipertensione.

quanto tempo impiega il retin a a lavorare sulle rughe?

Riferimenti

  1. Aucoin, M., Cooley, K., Knee, C., Fritz, H., Balneaves, L. G., Breau, R., … Seely, D. (2016). Acidi grassi Omega-3 derivati ​​dal pesce e cancro alla prostata: una revisione sistematica. Terapie integrative del cancro, 16(1), 32-62. doi: 10.1177/1534735416656052, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27365385
  2. Azadbakht, L., & Khodarahm, M. (2016). Assunzione di grassi alimentari e dispepsia funzionale. Ricerca biomedica avanzata, 5(1), 76. doi: 10.4103/2277-9175.180988, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4863403/
  3. Blanchard, L.B., & Mccarter, G.C. (2015). Insonnia ed esacerbazione dell'ansia associata a integratori di olio di pesce ad alto contenuto di EPA dopo un trattamento efficace della depressione. Rapporti sui casi medici di Oxford, 2015(3), 244-245. doi: 10.1093/omcr/omv024, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26634135
  4. Bradberry, J. C. e Hilleman, D. E. (2013). Panoramica delle terapie con acidi grassi Omega-3. Farmacia e terapia, 38(11), 681–691. Recuperato da https://www.ptcommunity.com/journal/month/full/2019/8
  5. Calder, P.C. (2006). n-3 Acidi grassi polinsaturi, infiammazione e malattie infiammatorie. L'American Journal of Clinical Nutrition, 83(6). doi: 10.1093/ajcn/83.6.1505s, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16841861
  6. Clarke, J., Cullen-Dean, G., Regelink, E., Chan, L. e Rose, V. (1990). Aumento dell'incidenza di epistassi negli adolescenti con ipercolesterolemia familiare trattati con olio di pesce. The Journal of Pediatrics, 116(1), 139-141. doi: 10.1016/s0022-3476(05)81666-x, https://www.jpeds.com/article/S0022-3476(05)81666-X/abstract
  7. Clarke, J., Herzberg, G., Peeling, J., Buist, R., & Corbett, D. (2005). L'integrazione alimentare di acidi grassi polinsaturi omega-3 peggiora la funzione motoria degli arti anteriori dopo emorragia intracerebrale nei ratti. Neurologia sperimentale, 191 (1), 119-127. doi: 10.1016/j.expneurol.2004.09.003, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15589518
  8. Detopoulou, P., & Papamikos, V. (2014). Sanguinamento gastrointestinale dopo un'elevata assunzione di acidi grassi Omega-3, cortisone e terapia antibiotica: un caso di studio. Rivista internazionale di nutrizione sportiva e metabolismo dell'esercizio, 24 (3), 253-257. doi: 10.1123/ijsnem.2013-0204, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24281788
  9. Centrale FoodData. (n.d.). Estratto il 18 dicembre 2019 da https://fdc.nal.usda.gov/index.html
  10. Hill, A. M., Buckley, J. D., Murphy, K. J. e Howe, P. R. (2007). La combinazione di integratori di olio di pesce con un regolare esercizio aerobico migliora la composizione corporea e i fattori di rischio di malattie cardiovascolari. L'American Journal of Clinical Nutrition, 85 (5), 1267-1274. doi: 10.1093/ajcn/85.5.1267, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17490962
  11. Kmet, A., Unger, J., Jahangir, K. e Kolber, M. R. (2012). Ingestione di capsule di olio di pesce: un caso di anafilassi ricorrente. Medico di famiglia canadese, 58(7), e379–e381. Recuperato da https://www.cfp.ca/
  12. Lloyd, J. C., Masko, E. M., Wu, C., Keenan, M. M., Pilla, D. M., Aronson, W. J., … Freedland, S. J. (2013). L'olio di pesce rallenta la crescita dello xenotrapianto di cancro alla prostata rispetto ad altri grassi alimentari ed è associato a una ridotta espressione genica della via mitocondriale e dell'insulina. Cancro alla prostata e malattie della prostata, 16(4), 285–291. doi: 10.1038/pcan.2013.19, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23877027
  13. Mark, B.J., Beaty, A.D., & Slavin, R.G. (2008). Gli integratori di olio di pesce sono sicuri nei pazienti allergici al pesce con pinne? Procedimenti per allergie e asma, 29(5), 528–529. doi: 10.2500/aap.2008.29.3159, https://europepmc.org/article/med/18926060
  14. McCarty, M. F., Dinicolantonio, J. J., Lavie, C. J. e O'Keefe, J. H. (2014). Omega-3 e cancro alla prostata: esame delle prove pertinenti. Atti della Mayo Clinic, 89(4), 444-450. doi: 10.1016/j.mayocp.2013.10.029, https://www.mayoclinicproceedings.org/article/S0025-6196(13)01000-8/fulltext
  15. Mcewen, B., Morel-Kopp, M.-C., Chen, W., Tofler, G., & Ward, C. (2013). Effetti degli acidi grassi polinsaturi Omega-3 sulla funzione piastrinica in soggetti sani e soggetti con malattie cardiovascolari. Seminari in Trombosi ed Emostasi, 39(01), 025-032. doi: 10.1055/s-0032-1333309, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23329646
  16. Minihane, A. M., Armah, C. K., Miles, E. A., Madden, J. M., Clark, A. B., Caslake, M. J., … Calder, P. C. (2016). Il consumo di olio di pesce che fornisce quantità di acido eicosapentaenoico e acido docosaesaenoico che possono essere ottenute dalla dieta riduce la pressione sanguigna negli adulti con ipertensione sistolica: un'analisi retrospettiva. The Journal of Nutrition, 146(3), 516-523. doi: 10.3945/jn.115.220475, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26817716
  17. Montgomery, P., Burton, J. R., Sewell, R. P., Spreckelsen, T. F. e Richardson, A. J. (2014). Acidi grassi e sonno nei bambini del Regno Unito: risultati oggettivi soggettivi e pilota del sonno dallo studio DOLAB – uno studio controllato randomizzato. Giornale di ricerca sul sonno, 23 (4), 364-388. doi: 10.1111/jsr.12135, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24605819
  18. Morris, M. C., Sacks, F., & Rosner, B. (1993). L'olio di pesce abbassa la pressione sanguigna? Una meta-analisi di studi controllati. Circolazione, 88(2), 523–533. doi: 10.1161/01.cir.88.2.523, https://www.ahajournals.org/doi/abs/10.1161/01.cir.88.2.523
  19. Oelrich, B., Dewell, A., & Gardner, C. (2013). Effetto della supplementazione di olio di pesce sui trigliceridi sierici, colesterolo LDL e sottofrazioni LDL negli adulti ipertrigliceridemici. Nutrizione, metabolismo e malattie cardiovascolari, 23 (4), 350-357. doi: 10.1016/j.numecd.2011.06.003, https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0939475311001621
  20. Ufficio Integratori Alimentari – Vitamina A. (n.d.). Estratto il 18 dicembre 2019 da https://ods.od.nih.gov/factsheets/VitaminA-HealthProfessional/#h8
  21. Petersen, M., Pedersen, H., Major-Pedersen, A., Jensen, T., & Marckmann, P. (2002). Effetto dell'integrazione con olio di pesce e olio di mais sulle sottoclassi LDL e HDL nei pazienti diabetici di tipo 2. Cura del diabete, 25(10), 1704–1708. doi: 10.2337/diacare.25.10.1704, https://care.diabetesjournals.org/content/25/10/1704
  22. Ramos, C. I., Lima, A. F. A. D., Grilli, D. G., & Cuppari, L. (2015). Gli effetti a breve termine dell'olio d'oliva e dell'olio di semi di lino per il trattamento della stitichezza nei pazienti in emodialisi. Journal of Renal Nutrition, 25 (1), 50-56. doi: 10.1053/j.jrn.2014.07.009, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25238699
  23. Shin, S., Jing, K., Jeong, S., Kim, N., Song, K.-S., Heo, J.-Y., … Lim, K. (2013). L'acido grasso polinsaturo Omega-3 DHA induce l'apoptosi e l'autofagia simultanee tramite la segnalazione Akt-mTOR mediata da ROS mitocondriale nelle cellule del cancro alla prostata che esprimono il mutante p53 BioMed Research International, 2013, 1–11. doi: 10.1155/2013/568671, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23841076
  24. Silva, T. M. D., Munhoz, R. P., Alvarez, C., Naliwaiko, K., Kiss, Á., Andreatini, R. e Ferraz, A. C. (2008). Depressione nella malattia di Parkinson: uno studio pilota in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo sull'integrazione di acidi grassi omega-3. Journal of Affective Disorders, 111 (2-3), 351-359. doi: 10.1016/j.jad.2008.03.008, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18485485
  25. Skerrett, P., & Hennekens, C. H. (2003). Consumo di pesce e oli di pesce e diminuzione del rischio di ictus. Cardiologia preventiva, 6(1), 38-41. doi: 10.1111/j.1520-037x.2003.0959.x, https://onlinelibrary.wiley.com/doi/full/10.1111/j.1520-037X.2003.0959.x
  26. Szymanski, K. M., Wheeler, D. C., & Mucci, L. A. (2010). Consumo di pesce e rischio di cancro alla prostata: una revisione e una meta-analisi. L'American Journal of Clinical Nutrition, 92(5), 1223-1233. doi: 10.3945/ajcn.2010.29530, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20844069
  27. Taheri, S., Keyvandarian, N., Mortazavi, M., Hosseini, S., & Naini, A. (2015). Effetto degli acidi grassi Omega-3 sulla pressione sanguigna e sui lipidi sierici in pazienti in dialisi peritoneale ambulatoriale continua. Journal of Research in Pharmacy Practice, 4(3), 135. doi: 10.4103/2279-042x.162356, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26312252
  28. Wang, Q., Liang, X., Wang, L., Lu, X., Huang, J., Cao, J., … Gu, D. (2012). Effetto dell'integrazione di acidi grassi omega-3 sulla funzione endoteliale: una meta-analisi di studi randomizzati controllati. Aterosclerosi, 221(2), 536–543. doi: 10.1016/j.aterosclerosi.2012.01.006, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22317966
  29. Organizzazione mondiale della Sanità. (2008, novembre). Riepilogo provvisorio delle conclusioni e raccomandazioni dietetiche sugli acidi grassi e grassi totali. Estratto il 18 dicembre 2019 da https://www.who.int/nutrition/topics/FFA_summary_rec_conclusion.pdf?ua=1 .
Vedi altro