Benefici dell'Ashwagandha che sono stati dimostrati dalla ricerca

Benefici dell'Ashwagandha che sono stati dimostrati dalla ricerca

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Le pratiche dell'Ayurveda, una forma tradizionale di medicina indiana, esistono da secoli, ma solo ora alcuni dei suoi trattamenti caratteristici stanno ottenendo il riconoscimento negli Stati Uniti. Uno di questi è l'ashwagandha o Withania somnifera, chiamato anche ginseng indiano o ciliegia invernale. Questa pianta è un adattogeno, una famiglia di piante medicinali come erbe e radici popolari nella medicina alternativa che aiutano il corpo ad adattarsi o ad affrontare tutti i tipi di fattori di stress, da quelli fisici a quelli mentali. (Altri adattogeni popolari includono ginseng americano e siberiano, alcuni funghi come Cordyceps e Rhodiola rosea.) E siamo davvero alcune delle ultime persone che stanno prendendo piede; L'ashwagandha è stata a lungo un'erba essenziale della medicina tradizionale ayurvedica, indiana e africana, che utilizza sia le radici che le bacche della pianta per i trattamenti.

Allora perché la tua routine moderna dovrebbe prendere spunto da queste antiche tradizioni di benessere? Sebbene la scienza moderna debba ancora recuperare terreno su questi trattamenti tradizionali, la ricerca sembra promettente. Come molti altri adattogeni, i potenziali benefici per la salute si estendono dal cervello ai livelli di zucchero nel sangue. Ecco cosa devi sapere sull'ashwagandha e perché potrebbe valerne la pena:

pillole per l'ingrandimento del pene che funzionano davvero

Vitali

  • L'ashwagandha è una pianta usata da secoli nella medicina ayurvedica
  • Considerato un adattogeno, può aiutare il tuo corpo ad affrontare i fattori di stress mentali e fisici, dall'ansia all'infiammazione
  • Gli studi sull'uomo dimostrano che l'erba può aumentare la produzione di testosterone, aumentare la salute dello sperma e persino aumentare le dimensioni e la forza dei muscoli in alcune persone
  • Ashwagandha è generalmente ben tollerato e ampiamente disponibile

Benefici dell'Ashwagandha

La radice di Ashwagandha è considerata una droga di Rasayana, una parola sanscrita che si traduce in percorso dell'essenza e una pratica della medicina ayurvedica che si riferisce alla scienza dell'allungamento della vita. Molti dei suoi benefici per la salute sono all'altezza di questa reputazione secolare, ma qui c'è un problema. Affinché tu possa raccogliere i benefici per la salute dell'ashwagandha, come la riduzione dei livelli di cortisolo e il miglioramento della salute del cuore, devi assorbirlo correttamente. L'Ashwagandha ottiene il suo potente potere medicinale dai withanolidi, lattoni steroidei presenti in natura che si trovano nella radice, ma devono essere assorbiti e passare attraverso la parete intestinale per conferire i loro benefici.



Ridurre la glicemia

La polvere a base di radice di ashwagandha è stata in grado di abbassare lo zucchero nel sangue di una quantità simile a quella di un farmaco per il diabete orale nei pazienti con diabete di tipo 2, uno molto piccolo studio trovato (Andalù, 2000). Un altro ha anche riscontrato effetti sui livelli di zucchero nel sangue, notando differenze significative in glicemia a digiuno tra i pazienti che assumono ashwagandha ad alte dosi e quelli a cui è stato somministrato un placebo (Auddy, 2008). Il secondo ha scoperto che gli effetti erano dose-dipendenti: maggiore è la dose della radice adattogena, maggiore è la riduzione dei livelli di zucchero nel sangue. I ricercatori pensano che ciò sia dovuto al modo in cui agisce sul cortisolo, che svolge un ruolo nella regolazione della glicemia.

Ridurre i livelli di cortisolo (stress)

Lo stress sul nostro corpo è più di quello a cui la maggior parte di noi pensa quando parliamo di stress. Per il nostro corpo, lo stress può essere emotivo, psicologico o fisico. Ma qualunque sia lo stress a cui stai pensando, coinvolge il cortisolo. Probabilmente conosci il cortisolo come l'ormone dello stress, che prende il soprannome perché le nostre ghiandole surrenali lo rilasciano in risposta allo stress. (Per la cronaca, un po' di cortisolo non è solo buono ma vitale per le reazioni di partenza come svegliarsi e avere l'energia per affrontare la giornata.)

Uno studio che ha somministrato ai partecipanti una dose elevata di estratto di radice di ashwagandha ha scoperto che, rispetto a un placebo, si riduceva significativamente livelli sierici di cortisolo (Chandrasekhar, 2012). I partecipanti a questo studio hanno anche riportato una migliore qualità della vita perché i loro livelli di stress percepiti sono diminuiti. E un altro studio clinico ha dato ai dipendenti che avevano sperimentato almeno 6 settimane di ashwagandha ad alte dosi di ansia da moderata a grave e ha scoperto che, insieme a molti altri interventi, ha migliorato significativamente la salute mentale, la concentrazione, i livelli di energia, il funzionamento sociale, la vitalità e qualità generale della vita (Cool, 2009).

È importante notare che mentre questo può aiutarti a sentirti meno stressato al lavoro per i fattori di stress psicologici come un capo aggressivo, aiuta anche con cose che il tuo corpo vede come fattori di stress come l'ipoglicemia. Livelli di cortisolo cronicamente elevati possono essere associati a livelli elevati di zucchero nel sangue e aumento di peso.



Trattare l'artrite

Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche sugli esseri umani, studi preliminari suggeriscono che l'ashwagandha può aiutare a combattere l'infiammazione, rendendolo un trattamento potenzialmente potente per l'artrite reumatoide (RA). L'uso della radice come antinfiammatorio risale a molto tempo fa. La medicina ayurvedica schiacciava la radice in una pasta che veniva applicata su ulcere e caruncole come antidolorifico, nonché sulle articolazioni per alleviare l'infiammazione, e un studi preliminari sostiene la pratica (Singh, 2011). Un piccolo studio ha scoperto che, in combinazione con un altro trattamento ayurvedico per l'artrite chiamato Sidh Makardhwaj, la polvere di ashwagandha allevia le articolazioni gonfie e dolorose nelle persone con AR. Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare i risultati.

Ashwagandha è anche bravo a combattere altre fonti di infiammazione. Il tè fatto con withania somnifera e altre quattro erbe ayurvediche ha aumentato i livelli di natural killer (NK) cellule nell'uomo in uno studio (Bhat, 2009). Queste cellule immunitarie combattono le infezioni, che sono una potenziale fonte di infiammazione. Un altro ha scoperto che riduceva la proteina C-reattiva (CRP), che è un marker molto aspecifico di infiammazione nel corpo. In effetti, la PCR è stata ridotta di circa il 36% nei partecipanti a uno studio con solo una dose due volte al giorno di 250 mg di estratto di ashwagandha (Auddy, 2008).

Aumenta il testosterone e migliora la fertilità negli uomini

Il numero e la motilità degli spermatozoi sono aumentati negli uomini infertili trattati con polvere di ashwagandha in uno studio che ha incluso 75 uomini fertili e 75 infertili e il loro stress ossidativo, un squilibrio tra radicali liberi dannosi e anche gli antiossidanti salutari nel corpo sono diminuiti (Ahmad, 2010). Anche i livelli di testosterone dei soggetti sono aumentati. Ma un altro piccolo studio è particolarmente promettente per uomini alle prese con l'infertilità (Mahdi, 2011). Gli uomini a cui è stato somministrato ashwagandha per lo stress hanno visto una diminuzione dei livelli di stress, un aumento degli antiossidanti nel sangue e una migliore qualità dello sperma. Infatti, alla fine dello studio, le partner del 14% degli uomini erano rimaste incinte.

Può aumentare la massa muscolare e la forza

Uno degli effetti più conosciuti dell'ashwagandha è la sua capacità di aumentare la forza e l'energia. In effetti, la parola ashwagandha è sanscrita per l'odore del cavallo e fa riferimento all'odore unico dell'erba e alla sua capacità di aumentare la forza. (Non preoccuparti, puoi evitare il problema dell'odore optando per le capsule rispetto alla polvere sfusa.) I partecipanti a uno studio progettato per valutare la tollerabilità dell'erba ayurvedica hanno mostrato una composizione positiva e la forza cambia 30 giorni (Raut, 2012). Abbastanza per dimostrare che valeva la pena dedicare uno studio esclusivamente a come l'ashwagandha poteva aiutare in queste aree.

Sebbene fosse un piccolo studio, un altro ha mostrato che l'integrazione con ashwagandha può rivelarsi vantaggioso per coloro su un regime di sollevamento pesi (Wankhede, 2015). Alla fine dello studio di 8 settimane, i partecipanti che assumevano l'integratore avevano aumentato la loro panca del 176% in più rispetto a quelli che assumevano il placebo. I loro guadagni di forza sull'estensione delle gambe hanno anche superato le loro controparti che assumevano placebo e hanno guadagnato una massa muscolare significativamente maggiore e perso più grasso corporeo.



quante volte può venire un uomo in una settimana

Prevenire la perdita della funzione cerebrale

Le proprietà di ashwagandha che donano giovinezza non si applicano solo alla tua attitudine fisica. Studi preliminari condotti su animali e in provetta suggeriscono che si estende anche al potenziamento delle capacità mentali e delle funzioni cerebrali. Sebbene la pratica dell'uso dell'ashwagandha per la salute del cervello sia una lunga pratica ayurvedica, la ricerca sugli esseri umani è in ritardo. Il tempo di reazione e la funzione cognitiva sono migliorati significativamente negli uomini sottoposti a un regime di ashwagandha rispetto al placebo in un piccolo studio (Pingali, 2014). Anche la memoria e l'elaborazione delle informazioni sono state aumentate nei partecipanti a un altro studio che ha esaminato specificamente effetti nelle persone con lieve deterioramento cognitivo (MCI) (Choudhary, 2017).

Sebbene ci siano studi sugli animali che mostrano grandi promesse per l'ashwagandha come trattamento per malattie come il Parkinson e l'Alzheimer, sono necessarie ulteriori ricerche specificamente sugli esseri umani per vedere se i benefici sono gli stessi. Gli studi suggeriscono che questa erba può potenzialmente aiutare formazione delle cellule cerebrali (Kuboyama, 2009) e comunicazione e proteggi il cervello (Jayaprakasam, 2010) contro la beta-amiloide, una placca che provoca danni e morte cellulare e svolge un ruolo nello sviluppo dell'Alzheimer. Ma ancora una volta, non possiamo ancora dire che questo sia vero negli esseri umani fino a quando non verranno fatte ulteriori ricerche.

Migliora la salute del cuore

Un'area in cui abbiamo una solida ricerca umana è l'area della salute del cuore. Appare Withania somnifera abbassare (Raut, 2012) entrambi colesterolo totale e LDL e trigliceridi sierici (Agnihotri, 2013), i principali elementi costitutivi del grasso corporeo negli esseri umani, in alcune persone con un uso costante. Uno studio molto piccolo ha trovato lo stesso, notando diminuzioni dei trigliceridi e del colesterolo sierici, colesterolo LDL e VLDL (lipoproteine ​​​​a densità molto bassa) colesterolo nei suoi soggetti dopo 30 giorni di utilizzo (Andallu, 2000).

Può fermare la crescita del cancro

Questo è senza dubbio uno dei potenziali effetti più eccitanti della withania somnifera. Per prima cosa, però: al momento non esiste alcuna ricerca umana che suggerisca che l'ashwagandha abbia proprietà antitumorali, ma vale la pena menzionare gli studi sugli animali e in provetta perché sono così promettenti. La morte programmata delle cellule tumorali (o di qualsiasi altra cellula) è chiamata apoptosi e uno studio ha scoperto che la withaferina, un composto nell'erba ayurvedica, rende le cellule tumorali meno resistenti all'apoptosi e interrompendo la loro crescita (Nishikawa, 2015). E gli studi sugli animali hanno scoperto che queste proprietà sono vere per più tipi di tumori, rendendolo un potenziale trattamento per il polmone (Senthilnathan, 2006), Seno (Khazal, 2014), ovarico (Kakar, 2014), cervello ( Chang, 2016), prostata (Nishikawa, 2015), e colon (Muralikrishnan, 2010) tumori. Nei topi, questa radice sembra particolarmente efficace. I tumori ovarici nei topi si sono ridotti del 70-80% (Kakar, 2014) quando trattati con withaferin da solo o in combinazione con un farmaco antitumorale. Dobbiamo confermare questi risultati con studi sull'uomo prima di dire che può fare lo stesso con i nostri tumori, ma è un primo passo di speranza.

Ampiamente disponibile e sicuro per la maggior parte delle persone

Una delle parti più sorprendenti di questo adattogeno è il tasso relativamente basso di effetti collaterali notato in molti diversi studi clinici. Un partecipante a uno studio sulla withania somnifera ha abbandonato dopo aver sperimentato un aumento appetito e libido così come vertigini (Raut, 2012). Ma ci sono gruppi di persone che non dovrebbero prenderlo, soprattutto non senza prima parlare con un operatore sanitario.

Le donne incinte e le mamme che allattano dovrebbero evitare l'ashwagandha. E le persone con una malattia autoimmune, come Hashimoto, artrite reumatoide o lupus, devono consultare un medico prima di iniziare un regime di integratori. Inoltre, parla con un operatore sanitario se stai assumendo farmaci per la tiroide. L'Ashwagandha può influire sui risultati di laboratorio che testano la funzione tiroidea. Fa anche parte della famiglia della belladonna, quindi coloro che seguono una dieta che elimina questo gruppo di piante che include pomodori, peperoni e melanzane dovrebbero evitare di assumere questo integratore.

Gli integratori di Ashwagandha sono facilmente reperibili nei negozi di salute, nei negozi di integratori e online. Basta scegliere un prodotto di un'azienda di cui ti fidi poiché l'ashwagandha non è regolamentato dalla FDA.

Riferimenti

  1. Agnihotri, A. P., Sontakke, S. D., Thawani, V. R., Saoji, A. e Goswami, V. S. (2013). Effetti di Withania somnifera in pazienti con schizofrenia: uno studio pilota randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo. Giornale indiano di farmacologia, 45 (4), 417-418. doi: 10.4103/0253-7613.115012 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3757622/
  2. Ahmad, M. K., Mahdi, A. A., Shukla, K. K., Islam, N., Rajender, S., Madhukar, D., … Ahmad, S. (2010). Withania somnifera migliora la qualità dello sperma regolando i livelli di ormone riproduttivo e lo stress ossidativo nel plasma seminale dei maschi sterili. Fertilità e sterilità, 94(3), 989-996. doi: 10.1016/j.fertnstert.2009.04.046 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/19501822/
  3. Andallu, B., & Radhika, B. (2000). Effetto ipoglicemizzante, diuretico e ipocolesterolemizzante della radice di ciliegio invernale (Withania somnifera, Dunal). Giornale indiano di biologia sperimentale, 38 (6), 607-609. Estratto da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11116534 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/11116534/
  4. Auddy, B., Hazra, J., Mitra, A., Abedon, B., & Ghosal, S. (2008). Un estratto standardizzato di Withania somnifera riduce significativamente i parametri legati allo stress negli esseri umani cronicamente stressati: uno studio in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo. JANA, 11 (1), 50-56. Estratto da https://blog.priceplow.com/wp-content/uploads/sites/2/2014/08/withania_review.pdf https://blog.priceplow.com/wp-content/uploads/sites/2/2014/08/withania_review.pdf
  5. Bhat, J., Damle, A., Vaishnav, P. P., Albers, R., Joshi, M. e Banerjee, G. (2009). Miglioramento in vivo dell'attività delle cellule natural killer attraverso il tè fortificato con erbe ayurvediche. Ricerca in fitoterapia, 24 (1). doi: 10.1002/ptr.2889 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/19504465/
  6. Chandrasekhar, K., Kapoor, J. e Anishetty, S. (2012). Uno studio prospettico, randomizzato in doppio cieco, controllato con placebo sulla sicurezza e l'efficacia di un estratto ad alta concentrazione a spettro completo della radice di Ashwagandha nel ridurre lo stress e l'ansia negli adulti. Indian Journal of Psychological Medicine, 34(3), 255–262. doi: 10.4103/0253-7176.106022 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/23439798/
  7. Chang, E., Pohling, C., Natarajan, A., Witney, T. H., Kaur, J., Xu, L., … Gambhir, S. S. (2016). AshwaMAX e Withaferin A inibiscono i gliomi nei modelli ortotopici cellulari e murini. Journal of Neuro-Oncology, 126(2), 253-264. doi: 10.1007/s11060-015-1972-1 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/26650066/
  8. Choudhary, D., Bhattacharyya, S. e Bose, S. (2017). Efficacia e sicurezza dell'estratto di radice di Ashwagandha (Withania somnifera (L.) Dunal) nel miglioramento della memoria e delle funzioni cognitive. Journal of Dietary Supplements, 14(6), 599-612. doi: 10.1080/19390211.2017.1284970 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/28471731/
  9. Cooley, K., Szczurko, O., Perri, D., Mills, E. J., Bernhardt, B., Zhou, Q. e Seely, D. (2009). Cura naturopatica per l'ansia: uno studio controllato randomizzato ISRCTN78958974. PLoS UNO, 4(8), e6628. doi: 10.1371/journal.pone.0006628 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/19718255/
  10. Jayaprakasam, B., Padmanabhan, K., & Nair, M. G. (2010). Le withanamidi nel frutto di Withania somnifera proteggono le cellule PC-12 dall'amiloide-beta responsabile del morbo di Alzheimer. Ricerca sulla fitoterapia, 24(6), 859-863. doi: 10.1002/ptr.3033 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/19957250/
  11. Kakar, S. S., Ratajczak, M. Z., Powell, K. S., Moghadamfalahi, M., Miller, D. M., Batra, S. K. e Singh, S. K. (2014). Withaferin A da solo e in combinazione con cisplatino sopprime la crescita e la metastasi del cancro ovarico prendendo di mira le cellule staminali del cancro putativo. PLoS One, 9(9), e107596. doi: 10.1371/journal.pone.0107596 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/25264898/
  12. Khazal, K. F., Hill, D. e Grubbs, C. J. (2014). Effetto dell'estratto di radice di Withania somnifera sul cancro mammario spontaneo del recettore degli estrogeni negativo nei topi MMTV/Neu. Ricerca anticancro, 34(11), 6327-6332. Estratto da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4386658/ https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4386658/
  13. Kuboyama, T., Tohda, C., & Komatsu, K. (2009). Rigenerazione neuritica e ricostruzione sinaptica indotta da withanolide A. British Journal of Pharmacology, 144(7). doi: 10.1038/sj.bjp.0706122 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/15711595/
  14. Mahdi, A. A., Shukla, K. K., Ahmad, M. K., Rajender, S., Shankhwar, S. N., Singh, V. e Dalela, D. (2011). Withania somnifera Migliora la qualità dello sperma nella fertilità maschile correlata allo stress. Medicina complementare e alternativa basata sull'evidenza, 2011, 576962. doi: 10.1093/ecam/nep138 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3136684/
  15. Muralikrishnan, G., Dinda, A.K., & Shakeel, F. (2010). Effetti immunomodulatori del cancro del colon sperimentale indotto dall'azoxymethane di Withania somniferaon nei topi. Indagini immunologiche, 39(7), 688–698. doi: 10.3109/08820139.2010.487083 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/20840055/
  16. Nishikawa, Y., Okuzaki, D., Fukushima, K., Mukai, S., Ohno, S., Ozaki, Y., … Nojima, H. (2015). Withaferin A induce selettivamente la morte cellulare nelle cellule di cancro alla prostata androgeno-indipendenti ma non nelle cellule normali di fibroblasti. PLoS One, 10(7), e0134137. doi: 10.1371/journal.pone.0134137 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4521694/
  17. Pingali, U., Pilli, R., & Fatima, N. (2014). Effetto dell'estratto acquoso standardizzato dei test Withania somniferaon delle prestazioni cognitive e psicomotorie in partecipanti umani sani. Ricerca sulla farmacognosia, 6 (1), 12-18. doi: 10.4103/0974-8490.122912 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3897003/
  18. Raut, A., Rege, N., Shirolkar, S., Pandey, S., Tadvi, F., Solanki, P., … Kene, K. (2012). Studio esplorativo per valutare la tollerabilità, la sicurezza e l'attività di Ashwagandha (Withania somnifera) in volontari sani. Journal of Ayurveda and Integrative Medicine, 3(3), 111-114. doi: 10.4103/0975-9476.100168 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/23125505/
  19. Senthilnathan, P., Padmavathi, R., Magesh, V. e Sakthisekaran, D. (2006). Stabilizzazione di profili enzimatici legati alla membrana e perossidazione lipidica da Withania somnifera insieme a paclitaxel su cancro polmonare sperimentale indotto da benzo (a) pirene. Biochimica molecolare e cellulare, 292 (1-2), 13-17. doi: 10.1007/s11010-006-9121-y https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/17003952/
  20. Singh, N., Bhalla, M., Jager, P. D. e Gilca, M. (2011). Una panoramica su Ashwagandha: un Rasayana (Rinnovatore) dell'Ayurveda. Rivista africana di medicine tradizionali, complementari e alternative, 8(5 Suppl), 208-213. doi: 10.4314/ajtcam.v8i5s.9 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22754076/
  21. Wankhede, S., Langade, D., Joshi, K., Sinha, S. R. e Bhattacharyya, S. (2015). Esaminando l'effetto dell'integrazione con Withania somnifera sulla forza muscolare e sul recupero: uno studio randomizzato controllato. Journal of the International Society of Sports Nutrition, 12, 43. doi: 10.1186/s12970-015-0104-9 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/26609282/
Vedi altro