Ashwagandha: è sicuro da usare ogni giorno per aiutare a far fronte allo stress?


Ashwagandha: è sicuro da usare ogni giorno per aiutare a far fronte allo stress?

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

È sicuro assumere ashwagandha ogni giorno?

Gli umani non sono noti per la loro pazienza. Vogliamo essere di 20 libbre più magre in due settimane, raddoppiare i nostri stipendi nei prossimi cinque anni e andare in pensione a 35 anni. Alcune cose vengono rispettate in una tempistica di cui siamo soddisfatti: Amazon, per esempio, e alcuni farmaci che funzionano alleviare i sintomi immediatamente o almeno entro 30 minuti. Ci imbattiamo in problemi quando ci aspettiamo che gli integratori, come l'ashwagandha, funzionino allo stesso modo della medicina. Ecco cosa devi sapere se è sicuro assumere ashwagandha ogni giorno e come può essere dosato in sicurezza.



il viagra funziona meglio del cialis?

Vitali

  • L'ashwagandha è un adattogeno che può aiutare il tuo corpo a far fronte allo stress.
  • Questo integratore è disponibile in polvere, capsule, estratti e tinture.
  • Le dosi giornaliere più studiate nell'uomo sono comprese tra 250 mg e 600 mg.
  • Gli studi mostrano bassi tassi di effetti collaterali, che tendono ad essere lievi, ma si verificano.

Se stai pensando di prendere ashwagandha, o Withania somnifera , sai già che questa pianta è un adattogeno. Questa pianta, comunemente usata nella fitoterapia, aiuta a combattere lo stress, sia che si tratti di stress cronico da un lavoro o stress fisico da un allenamento estenuante. Non è nemmeno esattamente nuovo. L'ashwagandha, noto anche come ginseng indiano o ciliegia invernale, è stato utilizzato nella medicina tradizionale ayurvedica, indiana e africana. Pratiche tradizionali come l'Ayurveda utilizzavano la radice e le bacche di questa pianta per trattare un'ampia gamma di condizioni di salute e la ricerca moderna sta trovando prove a sostegno di alcuni di questi usi.

I potenziali benefici per la salute dell'ashwagandha sono sorprendentemente di ampia portata. La radice di Ashwagandha è considerata una droga di Rasayana, una parola sanscrita che si traduce in percorso dell'essenza e una pratica della medicina ayurvedica che si riferisce alla scienza dell'allungamento della vita. È appropriato descrivere la radice in questo modo. Molti sistemi diversi nel tuo corpo devono funzionare al meglio per farti vivere una vita lunga e sana e i potenziali benefici dell'ashwagandha vanno dalla cognizione alla salute delle articolazioni delle dita dei piedi.

Annuncio pubblicitario



Roman Daily: multivitaminico per uomini

Il nostro team di medici interni ha creato Roman Daily per colmare le lacune nutrizionali comuni negli uomini con ingredienti e dosaggi scientificamente supportati.

Per saperne di più

Come prendere l'ashwagandha

Innanzitutto, dovresti sempre consultare il tuo medico prima di iniziare un nuovo regime di integratori. Possono consigliare in base al tuo stato di salute individuale e alle preoccupazioni se questa erba ayurvedica può essere utile e se ci sono potenziali problemi di cui dovresti essere a conoscenza, anche se ne esamineremo alcuni.



metoprololo succinato er vs metoprololo tartrato

Sebbene tu possa trovare l'estratto di ashwagandha in polvere, tintura ed elisir, c'è un motivo per cui vedrai principalmente capsule e pillole nei negozi di salute e online. La parola ashwagandha è sanscrita per l'odore del cavallo e fa riferimento alla capacità dell'erba di aumentare la forza e al suo odore unico. La polvere di Ashwagandha può essere miscelata in bevande calde o frullati, ma potrebbe essere necessario sperimentare con gli ingredienti per mascherare il sapore unico e il profilo olfattivo del supplemento. Capsule e pillole sono alternative facili e ampiamente disponibili.

Trovare la giusta dose

La scelta di un modulo può essere relativamente facile rispetto alla selezione del dosaggio di ashwagandha, che dipende da cosa stai assumendo per affrontare l'ashwagandha. Studi su diversi problemi di salute hanno utilizzato dosi che vanno da 250 mg a 5 g, ma ciò non significa che sia consigliabile o necessario saltare all'estremità superiore. Ecco cosa devi sapere sul dosaggio standard (Auddy, 2008):

  • Solo 250 mg al giorno possono ridurre i livelli di cortisolo e ansia.
  • Le dosi tra 250 mg e 600 mg sono le più studiate.
  • Dosi giornaliere maggiori sono in genere suddivise in porzioni assunte 2-4 volte al giorno,
  • Dosi più elevate possono essere migliori nella gestione della glicemia, con un picco di 500 mg.
  • Potresti non notare gli effetti per 30-60 giorni.

Se guardi gli integratori dell'azienda media sugli scaffali del tuo negozio di salute locale o online, vedrai una vasta gamma di dosi giornaliere suggerite che vanno da 150 a 2.000 mg. Dosi più basse sono comuni negli integratori che utilizzano più ingredienti per affrontare un problema di salute specifico, mentre dosi più elevate si trovano principalmente negli integratori specifici per ashwagandha. Vale la pena notare che la maggior parte degli studi sperimentali ha esaminato gli effetti nel corso di 30 giorni. Ma in alcuni casi, non sono stati notati risultati positivi per sei settimane. Dai tempo al tuo integratore di lavorare prima di decidere se è un trattamento che vale la pena continuare.

Scegli attentamente il tuo estratto di ashwagandha

Se stai usando questa erba Auyvedica ogni giorno, vuoi la migliore forma disponibile. Gli estratti di Ashwagandha possono essere ottenuti dalla radice della pianta, dalle foglie o da una combinazione dei due. Questi integratori non sono tutti necessariamente equivalenti. Studi aver mostrato che le foglie e le radici di Withania somnifera hanno diverse concentrazioni di withanolidi (Kaul, 2016). Le radici sono considerate la migliore fonte di questi composti salutari, motivo per cui la maggior parte degli studi sull'ashwagandha utilizza l'estratto ottenuto da questa parte della pianta.

Un concentrazione ideale di withanolide per un integratore di ashwagandha è compreso tra 1,5 e 5%, che bilancia al meglio i potenziali benefici per la salute e gli effetti collaterali di questi composti (Singh, 2019). Controlla l'etichetta per informazioni su quale parte della pianta viene utilizzata e acquista sempre da un marchio di cui ti puoi fidare per assicurarti che il tuo estratto di ashwagandha sia realizzato con la radice più potente.

È sicuro assumere ashwagandha ogni giorno?

L'uso terapeutico quotidiano di Withania somnifera è generalmente considerato sicuro a dosi comprese tra 250 mg e 500 mg. La sicurezza dell'ashwagandha a queste dosi è stata stabilita con studi sull'uomo. Per raggiungere la fascia più alta di questa gamma, la maggior parte delle marche di integratori di ashwagandha ti fa assumere da due a tre capsule ogni giorno poco prima o con un pasto. Non è necessario suddividere la dose durante il giorno e possono essere assunte anche tre capsule o pillole contemporaneamente.

Sebbene ci sia una base scientifica per ritenere queste dosi sicure, ognuno è diverso, così come la loro tolleranza a integratori specifici. Partire in basso ti aiuterà a valutare la tua tolleranza e dovresti discutere la gamma superiore con un medico. Potresti voler iniziare con una pillola o una capsula di ashwagandha al giorno per vedere come reagisci e aggiungere lentamente le capsule fino a quando non stai assumendo la dose completa suggerita. La ricerca è anche molto indietro rispetto alla medicina tradizionale quando si tratta di adattogeni come Withania somnifera . Quindi, sebbene gli studi abbiano utilizzato in modo sicuro dosi giornaliere di questa pianta con relativamente pochi effetti collaterali, potrebbero essere necessarie ulteriori ricerche per comprendere appieno i suoi effetti sulla salute.

Potenziali effetti collaterali di ashwagandha

Gli studi clinici sugli effetti di questa erba adattogena negli esseri umani mostrano tassi notevolmente bassi di effetti collaterali, ma si verificano. Un partecipante in uno studio sopra Withania somnifera abbandonato dopo aver sperimentato un aumento dell'appetito e della libido, nonché vertigini (Raut, 2012). Sebbene tutti dovrebbero parlare con un operatore sanitario prima di iniziare un nuovo regime di integratori, ci sono alcune persone per le quali questo è ancora più importante. Se stai assumendo farmaci per l'ipertensione, la glicemia o la funzione dell'ormone tiroideo, assicurati di parlare con un operatore sanitario dell'ashwagandha.

L'uso di ashwagandha non è suggerito per le persone con una malattia autoimmune, come la tiroidite di Hashimoto, l'artrite reumatoide o il lupus eritematoso sistemico, poiché potrebbe influenzare il sistema immunitario. Anche le donne incinte e che allattano dovrebbero evitare di assumere l'estratto di ashwagandha. Infine, chi segue diete che eliminano il solanacee o la famiglia della belladonna, un gruppo di piante che include pomodori, peperoni e melanzane, dovrebbe anche saltare questo integratore poiché l'ashwagandha fa parte di questa famiglia di piante.

che aspetto ha un maschio non circonciso

Cose da considerare quando si acquista ashwagandha

L'Ashwagandha è considerato un integratore, una classe di prodotti che è regolamentata solo in modo approssimativo dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti. Quindi, sebbene prodotti come polvere, estratto e capsule di ashwagandha siano facilmente disponibili nei negozi di salute e online, è importante acquistare da un'azienda di cui ti fidi.

Riferimenti

  1. Auddy, B., Hazra, J., Mitra, A., Abedon, B., & Ghosal, S. (2008). Un estratto standardizzato di Withania somnifera riduce significativamente i parametri legati allo stress negli esseri umani cronicamente stressati: uno studio in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo. JANA, 11 (1), 50-56. Recuperato da https://blog.priceplow.com/wp-content/uploads/sites/2/2014/08/Withania_review.pdf
  2. Kaul, S.C., Ishida, Y., Tamura, K., Wada, T., Iitsuka, T., Garg, S., . . . Wadhwa, R. (2016). Nuovi metodi per generare foglie ed estratti di Ashwagandha arricchiti con ingredienti attivi. Plos Uno, 11(12). doi:10.1371/journal.pone.0166945. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27936030/
  3. Raut, A., Rege, N., Shirolkar, S., Pandey, S., Tadvi, F., Solanki, P., … Kene, K. (2012). Studio esplorativo per valutare la tollerabilità, la sicurezza e l'attività di Ashwagandha (Withania somnifera) in volontari sani. Journal of Ayurveda and Integrative Medicine, 3(3), 111-114. doi: 10.4103/0975-9476.100168. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/23125505/
  4. Singh, N., Bhalla, M., Jager, P. D. e Gilca, M. (2011). Una panoramica su Ashwagandha: un Rasayana (Rinnovatore) dell'Ayurveda. Rivista africana di medicine tradizionali, complementari e alternative, 8(5 Suppl), 208-213. doi: 10.4314/ajtcam.v8i5s.9. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22754076/
  5. Singh, V. K., Mundkinajeddu, D., Agarwal, A., Nguyen, J., Sudberg, S., Gafner, S. e Blumenthal, M. (2019). Adulterazione di radici ed estratti di Ashwagandha (Withania somnifera). Bollettino botanico adulteranti. Estratto il 10 giugno 2020 da cms.herbalgram.org/BAP
Vedi altro