I migliori ingredienti in un multivitaminico per uomini

I migliori ingredienti in un multivitaminico per uomini

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi di carattere medico, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli su Health Guide sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Lo sapevi che ci sono? oltre 1.400 (e oltre!) multivitaminici registrati sul mercato (Blumberg, 2018)? Ci sono molte scelte per quella che potresti aver pensato fosse una decisione semplice per la tua salute. Come si sceglie il miglior multivitaminico per uomo? E cosa è più importante in un multivitaminico maschile?

Anche se non tutti i ricercatori concordano sul fatto che i multivitaminici valgano la pena, ti forniremo alcune linee guida su come scegliere un integratore alimentare adatto alle tue esigenze.



Vitali

  • Gli ingredienti più importanti in un multivitaminico maschile sono la vitamina D, il magnesio e la vitamina B12. Altri ingredienti che possono avere alcuni benefici sono il selenio e il potassio.
  • Fai attenzione ai livelli di vitamine A e K, calcio e magnesio inclusi nel tuo multivitaminico.
  • La ricerca sui multivitaminici è mista, e un multivitaminico quotidiano non è certo un toccasana. Tuttavia, la maggior parte degli studi mostra che i multivitaminici sono generalmente sicuri, con alcuni possibili benefici.

Quali sono gli ingredienti dei migliori multivitaminici per uomo?

La maggior parte dei multivitaminici quotidiani sul mercato afferma di avere tutti i nutrienti essenziali e le vitamine essenziali di cui hai bisogno in un giorno. Vantano dozzine di antiossidanti, micronutrienti e aminoacidi destinati a migliorare la salute del cuore, il sistema immunitario, i livelli di energia, la funzione muscolare, la salute del cervello e il benessere generale. Quando tutti affermano di offrire benefici simili, può essere difficile sapere cosa è più importante in un integratore vitaminico di alta qualità una volta al giorno.

Annuncio pubblicitario



Roman Daily: multivitaminico per uomini

Il nostro team di medici interni ha creato Roman Daily per colmare le lacune nutrizionali comuni negli uomini con ingredienti e dosaggi scientificamente supportati.

Per saperne di più

Ci sono davvero solo tre ingredienti che vorrai assicurarti che il tuo integratore multivitaminico includa:



Vitamina D

Le persone, e gli esperti di marketing, chiamano la vitamina D la vitamina del sole perché possiamo ottenere il nostro pieno fabbisogno di vitamina D direttamente dal sole. Anche così, la carenza di vitamina D è comune, colpendo circa il 35% degli adulti negli Stati Uniti (Sizar, 2020). Alcune persone sono a maggior rischio di carenza di vitamina D rispetto ad altre, compresi gli anziani, le persone con la pelle più scura e, persone che vivono in climi che non prende molto sole.

Se rientri in una di queste categorie o hai testato i tuoi livelli di vitamina D e sai che sono bassi, un integratore di vitamina D è fondamentale. Puoi prendere la vitamina D da sola o in un multivitaminico, ma assicurati che il tuo integratore includa almeno 600 UI di vitamina D2 o vitamina D3 per soddisfare il valore giornaliero raccomandato (Bouillon, 2017).

c'è alcune prove che la carenza di vitamina D può essere associata a livelli di testosterone più bassi, ma quel legame non è abbastanza chiaro a questo punto. Sono necessarie ulteriori ricerche (Chen, 2019).

Magnesio

Da qualche parte tra il 56 e il 68% degli americani lo sono carente di magnesio . Questo è un numero impressionante, soprattutto considerando quanto sia importante il magnesio per la nostra salute. Il magnesio è un minerale coinvolto in molte funzioni, tra cui sonno, depressione, salute delle ossa, salute cardiovascolare e innumerevoli altri aspetti del benessere (Schwalfenberg, 2017).

La carenza di magnesio si verifica per diverse ragioni . La dieta è un fattore importante, poiché gli alimenti trasformati sono più bassi di magnesio rispetto a frutta e verdura (un altro buon motivo per seguire una dieta equilibrata). Che tu ci creda o no, se sei carente di vitamina D, è più probabile che tu sia carente anche di magnesio (sono strettamente correlati, quindi assicurati che il tuo multivitaminico contenga entrambi!). Gli uomini adulti dovrebbero consumare 400-420 mg di magnesio al giorno (tra cibo e integrazione) (Schwalfenberg, 2017).

Integratori di magnesio: cosa dovresti cercare

9 minuti di lettura

Vitamina B12

Conosciuta anche come cobalamina, la vitamina B12 svolge un ruolo importante nella funzione neurologica, formando globuli rossi e altri aspetti della salute. Proprio come la vitamina D e il magnesio, anche la carenza di vitamina B12 è abbastanza comune, ma la carenza di vitamina B12 colpisce gli uomini anche più delle donne , quindi è particolarmente importante in un multivitaminico maschile (Margalit, 2018).

Anche gli uomini e le donne più anziani sono a rischio di carenza di vitamina B12, con una stima 20% delle persone sopra i 60 essere carente di vitamina B12 (Shipton, 2015). Persone che assumono metformina , un farmaco per il diabete, sono anche a maggior rischio di carenza di vitamina B12 (Yang, 2019).

L'assunzione di un integratore di vitamina B12, da solo o in un multivitaminico, può affrontare tutte queste carenze e migliorare la salute generale. Gli adulti dovrebbero prendere 2,4 mcg al giorno di vitamina B12 (Ward, 2014).

Altri ingredienti comuni nei multivitaminici per gli uomini

Naturalmente, la maggior parte dei multivitaminici include molto di più dei soli tre ingredienti che abbiamo appena menzionato. Ecco cosa dice la ricerca su alcuni degli altri ingredienti multivitaminici degli uomini comuni:

  • Selenio —C'è alcune prove (sebbene minimo) che il selenio può avere alcuni effetti protettivi contro il cancro alla prostata. È possibile che l'assunzione di questo possa essere benefica per la salute della prostata (Sayehmiri, 2018).
  • Saw palmetto —Questo è un altro ingrediente spesso pubblicizzato per i suoi benefici sulla prostata. Le prove non lo supportano, ma un derivato del saw palmetto, l'acido laurico, un acido grasso libero, può essere efficace contro ridurre l'infiammazione della prostata (Kwon, 2019).
  • Cromo —C'è poche prove che l'integrazione con il cromo è benefica per la salute e c'è qualche controversia sul fatto che sia una buona idea prenderlo (Maret, 2019).
  • Licopene - Piccoli studi indicano che il licopene può migliorare la produzione di sperma negli uomini infertili, ma sono necessarie ulteriori ricerche per saperlo con certezza (Nouri, 2019).
  • Potassio —Anche se non è utile specificamente per gli uomini, un integratore di potassio può essere efficace a abbassare la pressione sanguigna blood . Oltre il 90% degli adulti negli Stati Uniti è carente di potassio (Stone, 2016).
  • Manganese —Questo minerale è un un po' un miscuglio . Nelle persone con carenza di manganese, l'integrazione con manganese può essere utile per determinate condizioni, incluso il diabete mellito di tipo 2. Tuttavia, se non hai una carenza di manganese, probabilmente non otterrai molti benefici dall'integrazione con esso. E può anche causare danni a dosi elevate (Li, 2018).
  • Vitamina C —Anche se la vitamina C ha una buona reputazione per migliorare la funzione immunitaria e altri indicatori di salute, c'è nessuna prova reale che l'integrazione di vitamina C ha un grande impatto sulla salute. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che la vitamina C non è ben assorbita attraverso l'integrazione. È meglio assumere la vitamina C attraverso il cibo intero (Granger, 2018).

Il miglior multivitaminico per uomini sopra i 50

6 minuti di lettura

Vale la pena menzionare altri due ingredienti: ferro e acido folico (folato). La maggior parte dei multivitaminici maschili probabilmente non li include (almeno non in dosi elevate) perché, in generale, gli uomini non ne hanno bisogno di più di quello che consumano attraverso il cibo. A meno che tu non sappia di essere carente di ferro o acido folico, non è necessario cercare un multivitaminico che contenga questi ingredienti.

cosa fa crescere il pene durante la pubertà?

Fai attenzione con queste vitamine e minerali specifici

Potresti notare che molti multivitaminici elencano più della dose giornaliera raccomandata (RDA) per molti ingredienti. Per la maggior parte delle vitamine e dei minerali, questo è generalmente sicuro poiché c'è poca tossicità a dosi elevate. Tuttavia, non è il caso di tutte le vitamine e i minerali.

La FDA regola in una certa misura gli integratori alimentari, ma in modo molto più limitato rispetto ai farmaci da prescrizione (Starr, 2015). Quindi è importante guardare attentamente le etichette e fare attenzione a determinate vitamine e minerali. Ecco gli ingredienti più preoccupanti:

vitamina A

Mentre la vitamina A è necessaria per la salute, è può avere effetti tossici in dosi elevate . Vale a dire, può causare osteoporosi e perdita ossea a dosi elevate ed è associato ad alti tassi di fratture dell'anca. Alcuni multivitaminici possono anche avere beta-carotene, che può convertirsi in vitamina A nel corpo. Alte dosi di beta-carotene possono aumentare il rischio di cancro ai polmoni nei fumatori, quindi se fumi, fai molta attenzione. Il tuo multivitaminico non dovrebbe superare la RDA per la vitamina A di 900 mcg per gli uomini (Hamishehkar, 2016).

vitamina K

Nel determinate popolazioni , la vitamina K può essere pericolosa. È importante parlare con il proprio medico prima di assumere un nuovo multivitaminico contenente vitamina K. Se si soffre di malattie renali o si assumono anticoagulanti, potrebbe essere necessario evitare di assumere vitamina K (o assicurarsi di assumere dosi relativamente basse ) (Imbrescia, 2020).

Calcio

Il calcio svolge un ruolo importante in molte parti diverse della nostra salute, ma non è una buona idea assumerlo in dosi elevate. Quando prendi troppo calcio, è può causare effetti collaterali gastrointestinali , come costipazione, diarrea e mal di stomaco. Sebbene non siano pericolosi, questi sintomi probabilmente non sono qualcosa che vuoi provare. La RDA per il calcio è di 1.000 mg al giorno (incluso ciò che si mangia) (Li, 2018).

Alimenti ricchi di calcio: latticini e non solo

8 minuti di lettura

Magnesio

Anche se il magnesio è uno dei minerali più importanti da cercare in un multivitaminico, dovresti stare attento a non prenderne troppo. La RDA per il magnesio è di 350 mg al giorno e il superamento può causare alcuni effetti collaterali, tra cui diarrea, vertigini, debolezza muscolare, e altri (Schwalfenberg, 2017).

Dovresti prendere un multivitaminico da uomo?

Abbiamo esaminato come valutare un multivitaminico e scegliere quello giusto per te, ma dovresti anche prendere un multivitaminico da uomo quotidiano? Non tutti i ricercatori la pensano così.

In generale, le persone che assumono un multivitaminico quotidiano si vedono più sani , ma ciò non si allinea necessariamente con i marcatori effettivi di salute (Paranjpe, 2020). E c'è poche prove che i multivitaminici migliorano la salute del cuore (Kim 2018).

La verità è che il modo migliore per assumere i nutrienti, le vitamine e i minerali quotidiani è attraverso il cibo vero. Ma non viviamo in un mondo ideale, e le carenze nutrizionali sono comuni , quindi un multivitaminico integrale di alta qualità può essere un'ottima aggiunta alla tua routine quotidiana (Bird, 2017). Sia che tu prenda un multivitaminico in compresse, gel morbido o in forma gommosa, questi sono alcuni dei potenziali vantaggi di assumere un multi quotidiano:

  • Umore - Uno studio ha mostrato miglioramenti dell'umore nelle persone che assumono un multivitaminico quotidiano. Ha anche migliorato un amminoacido chiamato omocisteina (White, 2015).
  • Energia - Un altro studio hanno mostrato che i multivitaminici potrebbero avere un impatto positivo sulle prestazioni energetiche e di esercizio (Dodd, 2020).
  • Molteplici vantaggi negli anziani —Gli anziani sono a rischio molto più elevato di carenze nutrizionali, quindi questo gruppo vede il maggiore impatto dei multivitaminici . Possono frenare l'anemia sideropenica, i danni neurologici e le malattie ossee (Ward, 2014).

Assumere un multivitaminico da uomo può essere un passo importante per migliorare la tua salute generale. Fai solo attenzione a quali ingredienti sono inclusi, presta attenzione alle dosi e non aspettarti che un multivitaminico sia un toccasana. Ti consigliamo di parlare con il tuo medico prima di iniziare un nuovo multivitaminico, soprattutto se hai condizioni di salute esistenti o stai assumendo altri farmaci.

Riferimenti

  1. Bird, J. K., Murphy, R. A., Ciappio, E. D. e McBurney, M. I. (2017). Rischio di carenza di più micronutrienti simultanei nei bambini e negli adulti negli Stati Uniti. Nutrienti, 9(7), 655. Doi: 10.3390/nu9070655. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5537775/
  2. Blumberg, J. B., Bailey, R. L., Sesso, H. D. e Ulrich, C. M. (2018). Il ruolo in evoluzione dell'uso di integratori multivitaminici/multiminerali tra gli adulti nell'era della nutrizione personalizzata. Nutrienti, 10(2), 248. Doi: 10.3390/nu10020248. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5852824/
  3. Brodo R. (2017). Analisi comparativa delle linee guida nutrizionali per le revisioni della vitamina D. Nature. Endocrinologia, 13(8), 466-479. Doi: 10.1038/nrendo.2017.31. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/28387318/
  4. Chen, C., Zhai, H., Cheng, J., Weng, P., Chen, Y., et al. (2019). Legame causale tra vitamina D e testosterone totale negli uomini: un'analisi di randomizzazione mendeliana. The Journal of Clinical endocrinology and metabolismo, 104(8), 3148-3156. Doi: 10.1210/jc.2018-01874. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30896763/
  5. Dodd, F. L., Kennedy, D. O., Stevenson, E. J., Veasey, R. C., Walker, K., Reed, S., Jackson, P. A. e Haskell-Ramsay, C. F. (2020). Effetti acuti e cronici dell'integrazione multivitaminica/minerale sulle misure energetiche oggettive e soggettive. Nutrizione e metabolismo, 17, 16. Doi: 10.1186/s12986-020-00435-1. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32123534/
  6. Granger, M., & Eck, P. (2018). Vitamina C dietetica nella salute umana. Progressi nella ricerca sugli alimenti e la nutrizione, 83, 281-310. Doi: 10.1016/bs.afnr.2017.11.006. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29477224/
  7. Hanishehkar, H., Ranjdoost, F., Asgharian, P., Mahmoodpoor, A., & Sanaie, S. (2016). Vitamine, sono sicure?. Bollettino farmaceutico avanzato, 6(4), 467-477. Doi: 10.15171/apb.2016.061. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5241405/
  8. Imbrescia K, Moszczynski Z. (2020). Vitamina K. StatPerle. Recuperato da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK551578/ il 15 febbraio 2021.
  9. Kim, J., Choi, J., Kwon, S. Y., McEvoy, J. W., et al. (2018). Associazione di integratori multivitaminici e minerali e rischio di malattie cardiovascolari: una revisione sistematica e una meta-analisi. Circolazione. Qualità cardiovascolare e risultati, 11(7), e004224. Doi: 10.1161/CIRCOUTCOMES.117.004224. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29991644/
  10. Kwon Y. (2019). Uso dell'estratto di saw palmetto (Serenoa repens) per l'iperplasia prostatica benigna. Scienze alimentari e biotecnologie, 28(6), 1599–1606. Doi: 10.1007/s10068-019-00605-9. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6859144/
  11. Li, L. e Yang, X. (2018). L'elemento essenziale Manganese, stress ossidativo e malattie metaboliche: collegamenti e interazioni. Medicina ossidativa e longevità cellulare, 2018, 7580707. Doi: 10.1155/2018/758070. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5907490/
  12. Maret W. (2019). Supplementazione di cromo nella salute umana, sindrome metabolica e diabete. Ioni metallici nelle scienze della vita, 19, /books/9783110527872/9783110527872-015/9783110527872-015.xml. Doi: 10.1515/9783110527872-015. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30855110/
  13. Margalit, I., Cohen, E., Goldberg, E., & Krause, I. (2018). Carenza di vitamina B12 e ruolo del genere: uno studio trasversale di un'ampia coorte. Annali di nutrizione e metabolismo, 72(4), 265–271. Doi: 10.1159/000488326. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29597190/
  14. Nouri, M., Amani, R., Nasr-Esfahani, M., & Tarrahi, M.J. (2019). Gli effetti del supplemento di licopene sullo spermatogramma e sullo stress ossidativo seminale negli uomini infertili: uno studio clinico randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo. Ricerca in fitoterapia: PTR, 33(12), 3203–3211. Doi: 10.1002/ptr.6493. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31468596/
  15. Paranjpe, M. D., Chin, A. C., Paranjpe, I., Reid, N. J., et al. (2020). Salute autodichiarata senza benefici clinicamente misurabili tra gli utenti adulti di integratori multivitaminici e multiminerali: uno studio trasversale. BMJ aperto, 10(11), e039119. Doi: 10.1136/bmjopen-2020-039119. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/33148746/
  16. Sayehmiri, K., Azami, M., Mohammadi, Y., Soleymani, A., & Tardeh, Z. (2018). L'associazione tra selenio e cancro alla prostata: una revisione sistematica e una meta-analisi. Giornale asiatico-pacifico di prevenzione del cancro: APJCP, 19(6), 1431–1437. Doi: 10.22034/APJCP.2018.19.6.1431. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29936712/
  17. Schwalfenberg, G.K., & Genuis, S.J. (2017). L'importanza del magnesio nella sanità clinica. Scientifica, 2017, 4179326. Doi: 10.1155/2017/4179326. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5637834/
  18. Shipton, M.J. e Thachil, J. (2015). Carenza di vitamina B12 – Una prospettiva del 21° secolo. Medicina clinica (Londra, Inghilterra), 15(2), 145-150. Doi: 10.7861/clinmedicina.15-2-145. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4953733/
  19. Sizar O, Khare S, Goyal A, et al. (2020). Carenza di vitamina D. StatPearls. Recuperato da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK532266/ il 16 febbraio 2021.
  20. Starr R. R. (2015). Troppo poco, troppo tardi: regolamentazione inefficace degli integratori alimentari negli Stati Uniti. Giornale americano di sanità pubblica, 105(3), 478-485. Doi: 10.2105/AJPH.2014.302348. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4330859/
  21. Stone, M. S., Martyn, L. e Weaver, C. M. (2016). Assunzione di potassio, biodisponibilità, ipertensione e controllo del glucosio. Nutrienti, 8(7), 444. Doi: 10.3390/nu8070444. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4963920/
  22. Ward E. (2014). Affrontare le lacune nutrizionali con integratori multivitaminici e minerali. Rivista nutrizionale, 13, 72. Doi: 10.1186/1475-2891-13-72. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4109789/
  23. White, D. J., Cox, K. H., Peters, R., Pipingas, A. e Scholey, A. B. (2015). Effetti dell'integrazione di quattro settimane con una preparazione multivitaminica/minerale sui biomarcatori dell'umore e del sangue nei giovani adulti: uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo. Nutrienti, 7(11), 9005-9017. Doi: 10.3390/nu7115451. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4663579/
  24. Yang, W., Cai, X., Wu, H. e Ji, L. (2019). Associazioni tra uso di metformina e livelli di vitamina B12, anemia e neuropatia nei pazienti con diabete: una meta-analisi. Giornale del diabete, 11(9), 729-743. Doi: 10.1111/1753-0407.12900. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30615306/
Vedi altro