Livelli di zucchero nel sangue: cosa sono e perché sono importanti

Livelli di zucchero nel sangue: cosa sono e perché sono importanti

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Se hai un debole per i dolci o hai mai desiderato un pezzo di frutta o un dessert, sai che il corpo ama lo zucchero. In effetti, i nostri corpi sono programmati per amare lo zucchero. Lo zucchero è la fonte di carburante preferita dall'uomo poiché la scomposizione dello zucchero è uno dei modi più importanti in cui le cellule del corpo ottengono energia. Il corpo è anche in grado di scomporre i grassi e le proteine ​​per produrre energia (i grassi in realtà contengono più energia per unità), ma nessuno di questi produce energia velocemente quanto lo zucchero.

Lo zucchero nel sangue si riferisce allo zucchero che scorre nel sangue. Tuttavia, per capire meglio cosa significa, è utile definire cosa è esattamente uno zucchero e cosa fa nel corpo.

Vitali

  • La scomposizione dello zucchero è il modo principale in cui le cellule del corpo ottengono energia.
  • Esistono in realtà molti tipi diversi di zuccheri e si riconoscono dal suffisso -ose,
  • Il glucosio è la forma misurata di zucchero nel sangue.
  • L'indice glicemico di un alimento è una misura della velocità con cui i carboidrati contenuti in quel cibo vengono scomposti e influenzano la glicemia.
  • Sebbene comuni nelle persone con diabete mellito, un basso livello di zucchero nel sangue (ipoglicemia) e un alto livello di zucchero nel sangue (iperglicemia) possono colpire chiunque in determinate circostanze.

Che cos'è lo zucchero?

Sebbene tu possa pensare allo zucchero come a una cosa sola, in realtà ci sono molti diversi tipi di zuccheri. Gli zuccheri, riconosciuti dal suffisso -ose, sono anche chiamati saccaridi e sono classificati in base alla loro struttura chimica.

Gli zuccheri semplici sono gli zuccheri più piccoli e sono chiamati monosaccaridi. Gli zuccheri semplici includono:

  • Fruttosio: questo è lo zucchero che si trova nella frutta e nello sciroppo di mais
  • Galattosio: questo è uno degli zuccheri presenti nei latticini
  • Glucosio (chiamato anche destrosio): questo è il tipo di zucchero creato dalle piante durante la fotosintesi. Gli zuccheri più grandi vengono scomposti in glucosio nel corpo e il glucosio è la principale forma di zucchero che scorre attraverso il flusso sanguigno

Annuncio pubblicitario

Oltre 500 farmaci generici, ciascuno $ 5 al mese

Passa a Ro Pharmacy per ottenere le tue prescrizioni riempite per soli $ 5 al mese ciascuna (senza assicurazione).

Per saperne di più

Gli zuccheri composti sono costituiti da due zuccheri semplici messi insieme e sono chiamati disaccaridi. Gli zuccheri composti includono:

  • Lattosio: questo zucchero è costituito da una molecola di galattosio e una molecola di glucosio legate tra loro. È lo zucchero che si trova nel latte e per digerirlo richiede un enzima specifico chiamato lattasi. Se non hai abbastanza di quell'enzima, si dice che sei intollerante al lattosioose
  • Maltosio: questo zucchero è costituito da due molecole di glucosio legate tra loro. Viene da certi grani
  • Saccarosio: questo zucchero è costituito da una molecola di fruttosio e una molecola di glucosio legate tra loro. Proviene dalla canna da zucchero ed è il tipo di zucchero che compone lo zucchero da tavola

Le grandi catene di monosaccaridi sono chiamate polisaccaridi. Un altro nome per i polisaccaridi è carboidrati complessi. Pertanto, quando mangi carboidrati complessi, stai mangiando lunghe catene di zuccheri. Importanti tipi di carboidrati complessi sono:

  • Cellulosa: questa è una catena di molte molecole di glucosio che aiuta a fornire struttura alle cellule vegetali. Non può essere scomposto o digerito dall'uomo ed è, quindi, un tipo di fibra alimentare insolubile (non solubile)
  • Glicogeno: questa è una catena di molte molecole di glucosio ed è il modo principale in cui il corpo umano immagazzina energia. Il glicogeno si trova principalmente nel fegato e nei muscoli. Quando c'è un eccesso di glucosio nel corpo, viene immagazzinato come glicogeno per un uso futuro. Quando non c'è abbastanza glucosio nel corpo, il glicogeno viene scomposto in glucosio per fornire di più
  • Amido: questa è una catena di molte molecole di glucosio ed è il modo principale in cui le piante immagazzinano energia. Di conseguenza, è anche il carboidrato più comune nella dieta umana. La differenza tra cellulosa, glicogeno e amido è il modo in cui le molecole di glucosio sono collegate tra loro, che è diverso in tutti e tre

Ogni volta che mangi un carboidrato complesso o uno zucchero composto, viene prima scomposto dal corpo in zuccheri semplici (a meno che il carboidrato non sia come la cellulosa e non possa essere digerito). Questi zuccheri semplici (la maggior parte dei quali sono glucosio) vengono trasportati nel sangue alle cellule dove vengono ulteriormente scomposti in pezzi più piccoli e metabolizzati per produrre energia. Il risultato finale del metabolismo dello zucchero è energia, acqua e anidride carbonica.

Quali sono i livelli di zucchero nel sangue?

Quando gli operatori sanitari parlano dei livelli di zucchero nel sangue, parlano della quantità misurata di zucchero che scorre nel sangue. Il sangue è il principale meccanismo di trasporto del corpo e tutte le vitamine, i nutrienti, l'ossigeno e l'acqua di cui le cellule hanno bisogno provengono dal sangue circolante. Il glucosio è la forma misurata di zucchero nel sangue, quindi lo zucchero nel sangue è sinonimo di glucosio nel sangue. La parola plasma è talvolta usata anche al posto del sangue quando si descrivono questi livelli. (Se dovessi rimuovere tutte le cellule del sangue e tutti i componenti relativi alla coagulazione dal sangue, ciò che ti rimane è il plasma). Pertanto, glucosio plasmatico significa la stessa cosa di zucchero nel sangue e glucosio nel sangue.

In che modo il cibo influisce sui livelli di zucchero nel sangue?

Cibi diversi hanno un impatto diverso sulla glicemia. L'indice glicemico di un alimento è una misura che rappresenta la velocità con cui i carboidrati in quel cibo vengono scomposti e influenzano la glicemia. L'indice glicemico è una scala da 1 a 100, con 100 che ha l'effetto maggiore (il glucosio puro ha un punteggio di 100). Gli alimenti a basso indice glicemico vanno da 1 a 55 e includono fagioli, frutta, legumi e verdure non amidacee. Gli alimenti con indice glicemico medio vanno da 56 a 69 e includono riso integrale e pane integrale. Gli alimenti ad alto indice glicemico vanno da 70 a 100 e includono cereali, meloni, patate, pane bianco e riso bianco.

Poiché l'indice glicemico non tiene conto di quanti carboidrati effettivamente si mangiano, a volte viene utilizzato un valore correlato chiamato carico glicemico. Carico Glicemico = (Indice Glicemico X Grammi di Carboidrati)/100. Gli alimenti a basso carico glicemico hanno un punteggio compreso tra 0 e 10, gli alimenti con carico glicemico medio hanno un punteggio compreso tra 11 e 19 e gli alimenti ad alto carico glicemico hanno un punteggio di 20+. A volte il carico glicemico è parallelo all'indice glicemico, a volte i valori sono diversi. Ad esempio, l'anguria ha un alto indice glicemico ma un basso carico glicemico perché il numero effettivo di carboidrati ingeriti è basso. Le persone con diabete potrebbero voler prestare attenzione all'indice glicemico e ai carichi glicemici degli alimenti che mangiano per un controllo ottimale della glicemia.

Come viene regolata la glicemia nel corpo?

La glicemia è regolata nel corpo da diversi ormoni. I due ormoni più importanti che influiscono sui livelli di zucchero nel sangue sono il glucagone e l'insulina. Il pancreas rilascia questi ormoni. Il pancreas è un organo che si trova dietro lo stomaco e agisce come parte sia dell'apparato digerente che del sistema endocrino. Molti di questi termini sono simili e possono creare confusione. Come promemoria:

  • Glucosio = Uno zucchero semplice
  • Glicogeno = un polisaccaride che è una forma di stoccaggio del glucosio nel corpo
  • Glucagone = Un ormone rilasciato dal pancreas che aiuta a controllare i livelli di zucchero nel sangue

glucagone: Il glucagone è l'ormone principale che aiuta ad aumentare i livelli di zucchero nel sangue. Quando i livelli sono troppo bassi, stimola le cellule alfa del pancreas a rilasciare glucagone. Il glucagone agisce quindi sul fegato, inducendo la scomposizione del glicogeno in glucosio. Il glucosio appena rilasciato entra nel flusso sanguigno, aumentando i livelli di zucchero nel sangue.

Insulina: L'insulina è l'ormone principale che aiuta ad abbassare i livelli di zucchero nel sangue. Quando i livelli sono troppo alti, stimola le cellule beta del pancreas a rilasciare insulina. L'insulina agisce quindi in due modi. In primo luogo, l'insulina promuove l'assorbimento del glucosio da parte delle cellule adipose e muscolari. In secondo luogo, l'insulina agisce sul fegato, stimolando l'immagazzinamento del glucosio sotto forma di glicogeno: queste due azioni dell'insulina aiutano ad abbassare i livelli di zucchero nel sangue.

Quali sono i valori normali di zucchero nel sangue?

Nel corpo, i livelli di zucchero nel sangue sono strettamente regolati. Questo perché avere un livello di zucchero nel sangue troppo alto o troppo basso può essere pericoloso per la salute. Quando si mangia cibo, i livelli di zucchero nel sangue aumentano, ma quando il glucosio viene trasferito nelle cellule per essere utilizzato per produrre energia o immagazzinato sotto forma di glicogeno, i livelli di zucchero nel sangue diminuiscono di nuovo. I livelli di zucchero nel sangue sono quindi classificati come livelli di zucchero nel sangue a digiuno (quando non hai mangiato o bevuto nulla per almeno otto ore) o livelli di zucchero nel sangue non a digiuno. In un individuo sano, l'intervallo normale è:

  • I normali livelli di zucchero nel sangue a digiuno sono 70—99 mg/dL
  • I normali livelli di zucchero nel sangue due ore dopo aver mangiato sono<140 mg/dL

I livelli di zucchero nel sangue che sono al di fuori di questi intervalli possono essere utilizzati per diagnosticare il diabete o il prediabete.

Che cos'è l'ipoglicemia (basso livello di zucchero nel sangue)?

L'ipoglicemia è un termine per ipoglicemia, che si verifica quando i livelli di glucosio nel sangue scendono al di sotto di 70 mg/dL. Mentre l'ipoglicemia si verifica in genere nel contesto del diabete, è anche possibile che le persone senza diabete soffrano di ipoglicemia.

I sintomi dell'ipoglicemia includono ansia, vertigini, affaticamento, mal di testa, battito cardiaco irregolare, tremori e sudorazione. Tuttavia, l'ipoglicemia può essere molto pericolosa e può evolvere in alterazioni della vista, confusione, convulsioni, perdita di coscienza e morte. È importante riconoscere l'ipoglicemia il più rapidamente possibile e agire su di essa.

Cos'è l'iperglicemia (glicemia alta)?

L'iperglicemia si riferisce alla glicemia alta. Mentre l'iperglicemia persistente ha molti effetti a lungo termine, l'iperglicemia in genere non produce sintomi evidenti a meno che i livelli di zucchero nel sangue non siano superiori a 180 mg/dL per un periodo prolungato. Quando ciò accade, i sintomi possono includere mal di testa, affaticamento, minzione frequente, sete e alterazioni della vista.

Nel diabete, l'iperglicemia può portare alla chetoacidosi diabetica (DKA) o allo stato iperglicemico iperosmolare (HHS). In entrambe queste condizioni, i livelli di glucosio nel sangue sono notevolmente elevati e possono verificarsi sintomi gravi, tra cui confusione, febbre, perdita di coscienza, convulsioni e perdita della vista. Queste condizioni sono emergenze che richiedono cure mediche immediate.

Come sono collegati la glicemia e il diabete?

Il diabete di tipo 1 e il diabete di tipo 2 sono disturbi con il modo in cui il corpo produce o risponde all'insulina, uno dei due ormoni che regolano la glicemia. Di conseguenza, i livelli di zucchero nel sangue nel diabete non sono controllati. Secondo l'American Diabetes Association, il diabete può essere diagnosticato se si verifica una delle seguenti condizioni:

  • La glicemia è > 126 mg/dL dopo un digiuno di 8 ore. Questo deve essere confermato più di una volta.
  • Il glucosio plasmatico è > 200 mg/dL se assunto in modo casuale, in combinazione con i sintomi del diabete.
  • Il glucosio plasmatico è > 200 mg/dL durante un test di tolleranza al glucosio orale (OGTT), che include la somministrazione di 1,75 g/kg di glucosio per bocca.
  • L'emoglobina A1C, un esame del sangue che fornisce una stima ragionevole dei livelli di zucchero nel sangue nei due o tre mesi precedenti, è > 6,5.

Il prediabete può essere diagnosticato anche se si verifica una delle seguenti condizioni:

  • Il glucosio plasmatico è di 100—125 mg/dL dopo aver digiunato per 8 ore.
  • Il glucosio plasmatico è 140-199 mg/dL durante un test di tolleranza al glucosio orale (OGTT).
  • L'emoglobina A1C è 5,7-6,4.

Come si misurano i livelli di zucchero nel sangue?

I livelli di zucchero nel sangue vengono controllati con un esame del sangue. Se ti trovi nell'ufficio di un operatore sanitario o in un'altra struttura sanitaria, il sangue prelevato da una vena o da un'arteria può indicare il livello di zucchero nel sangue. Tuttavia, è più comune che la glicemia possa essere controllata con un polpastrello. Un polpastrello consiste nel fare una piccola puntura all'estremità del dito con una lancetta, estrarre il sangue e controllare i livelli di zucchero nel sangue in una macchina chiamata glucometro. I glucometri possono determinare il livello di zucchero nel sangue in pochi secondi e sono uno strumento estremamente utile per chiunque abbia il diabete.

Sono ora disponibili anche monitor glicemici continui. I sistemi di monitoraggio continuo della glicemia prevedono un sensore indossabile o impiantabile che tiene traccia della glicemia in tempo reale. Questi risultati sono facilmente visualizzabili su un dispositivo come uno smartphone e possono aiutare le persone con diabete a mantenere un controllo glicemico ancora migliore.

Riferimenti

  1. Riferimento
Vedi altro