Il clomifene citrato può aumentare il testosterone?

Il clomifene citrato può aumentare il testosterone?

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

I livelli di testosterone iniziano a diminuire man mano che si invecchia. Solo perché questo processo è naturale non lo rende meno doloroso. Può influenzare ogni aspetto della tua vita, dal desiderio sessuale al ciclo del sonno, e la scienza è costantemente alla ricerca di modi per riportare i livelli di testosterone in carreggiata ( Kaufman, 2005 ).

allegra vs claritin vs zyrtec vs xyzal

Vitali

  • Il clomifene è stato originariamente sviluppato per trattare l'infertilità nelle donne, ma può essere prescritto per il trattamento di bassi livelli di testosterone negli uomini.
  • Bassi livelli di testosterone possono essere responsabili di bassa libido, disfunzione erettile e diminuzione della massa muscolare.
  • Il citrato di clomifene aumenta i livelli di testosterone senza influire sulla fertilità.
  • Se pensi di avere un basso livello di testosterone, informa il tuo medico in modo che tu possa fare il test.

Il basso livello di testosterone è più comune di quanto pensiamo, interessando fino al 40% degli uomini sopra i 45 anni ( Rivas, 2014 ). Mentre i livelli di testosterone diminuiscono progressivamente con l'età, non è qualcosa che il tuo medico eseguirà comunemente, a meno che tu non abbia sintomi.

I sintomi di bassa T possono includere diminuzione della densità ossea e della massa muscolare, diminuzione del desiderio sessuale, meno erezioni mattutine e disfunzione erettile ( Rivas, 2014 ).

Annuncio pubblicitario

Supplementi di supporto del testosterone romano

La fornitura del primo mese è di $ 15 ($ 20 di sconto)

Per saperne di più

C'è una vasta gamma di opzioni di trattamento quando si tratta di T bassa. Il trattamento sintomatico include farmaci per la disfunzione erettile (Viagra, Cialis ecc.). Per trattare il problema di fondo, alcuni operatori sanitari prescrivono la terapia sostitutiva con testosterone (TRT), che si presenta in molte forme, tra cui cerotti , gel e iniezioni ( Rivas, 2014 ). Sebbene questo sia generalmente efficace, può danneggiare la fertilità maschile. Fortunatamente, ci sono altre opzioni oltre a TRT. Un'opzione è il clomifene, un farmaco originariamente sviluppato per trattare l'infertilità femminile che ha dimostrato di aumentare i livelli di testosterone preservando la fertilità maschile ( Krzastek, 2019 ).

In che modo il clomifene tratta il testosterone basso?

Il testosterone viene prodotto nei testicoli. Ma il centro di controllo che dice alle tue palle quanto produrre è in realtà nel tuo cervello. Quando il tuo corpo ha molto testosterone, dice al tuo cervello di interrompere la produzione, ma a volte il tuo cervello interrompe la catena di montaggio del testosterone anche quando i tuoi livelli sono bassi.

Un trattamento comune per il testosterone basso è la terapia sostitutiva con testosterone (TRT). Sebbene efficace, la terapia sostitutiva con testosterone ne ha alcuni effetti collaterali , in particolare la perdita della fertilità maschile. Dando testosterone direttamente al corpo, la terapia con testosterone interrompe la sua naturale produzione di testosterone e sperma ( Patel, 2019 ).

A differenza della terapia sostitutiva con testosterone, il clomifene è un'opzione di trattamento che preserva la fertilità ( Katz, 2012 ). Il clomifene inganna il tuo cervello facendogli pensare che ci sia troppo poco testosterone e dovrebbe aumentare la produzione nei testicoli. Il clomifene migliora, piuttosto che ottunde, la produzione naturale di testosterone del corpo.

Il clomifene è un trattamento off-label per il basso livello di testosterone negli uomini, il che significa che sebbene non sia approvato dalla FDA per tale uso, può essere prescritto da un operatore sanitario ( Di Giorgio, 2016 ). L'uso a lungo termine del clomifene ha effetti collaterali, comunemente cambiamenti visivi, disturbi dell'umore e tensione mammaria ( Krzastek, 2019 ). Per questi motivi, il clomifene è attualmente disponibile solo su prescrizione medica e dovrebbe essere assunto solo come indicato da un operatore sanitario.

Testosterone: cos'è e come influisce sulla salute?

7 minuti di lettura

Perché i bodybuilder e gli atleti usano il clomifene?

Il clomifene è vietato dall'agenzia antidoping degli Stati Uniti come potenziatore delle prestazioni ( USATA, 2021 ). Con i suoi effetti sull'aumento del testosterone, non c'è da meravigliarsi se il testosterone offre agli atleti vantaggi negli sport competitivi, come l'aumento della forza delle gambe ( Magazziniere, 2003 ). Alcuni bodybuilder usano il clomifene dopo un ciclo di uso di steroidi anabolizzanti per stimolare nuovamente la produzione naturale di testosterone ( Miller, 2019 ).

Quali sono i modi naturali per aumentare il testosterone?

Cosa succede se hai livelli di testosterone normali e vuoi dare al tuo corpo un? spinta naturale ?

Anche se non esiste un biohack segreto per aumentare i livelli di testosterone durante la notte, alcuni studi hanno scoperto che l'esercizio a breve termine ( Devi, 2014 ) e l'esercizio particolarmente intenso ( Sato, 2016 ) sono collegati ad un aumento dei livelli di testosterone nei giovani maschi.

Leggi il nostro articolo su otto modi naturali per aumentare i livelli di testosterone per consigli più utili.

puoi mangiare troppi omega 3?

Riepilogo: per gli uomini con basso livello di testosterone, il clomifene è un'opzione di trattamento. Gli effetti collaterali comuni includevano cambiamenti di umore, mal di testa e dolorabilità al petto.

Riferimenti

  1. Devi, S., Saxena, J., Rastogi, D., Goel, A., & Saha, S. (2014). Effetto dell'esercizio fisico a breve termine sui livelli sierici di testosterone totale nei giovani adulti. Giornale indiano di fisiologia e farmacologia, 58 (2), 178-181. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/25509972/
  2. Di Giorgio, L., & Sadeghi-Nejad, H. (2016). Terapie off label per la sostituzione del testosterone. Andrologia e urologia traslazionali, 5(6), 844-849. doi: 10.21037/tau.2016.08.15. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5182219/
  3. Katz, D.J., Nabulsi, O., Tal, R., & Mulhall, J.P. (2012). Risultati del trattamento con clomifene citrato in giovani uomini ipogonadici. British Journal of Urology (BJU) International, 110 (4), 573-578. doi: 10.1111/j.1464-410X.2011.10702.x. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22044663/
  4. Kaufman, J. M., & Vermeulen, A. (2005). Il declino dei livelli di androgeni negli uomini anziani e le sue implicazioni cliniche e terapeutiche. Recensioni endocrine, 26(6), 833-876. doi: 10.1210/er.2004-0013. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/15901667/
  5. Krzastek, SC, Sharma, D., Abdullah, N., Sultan, M., Machen, GL, Wenzel, JL, Ells, A., Chen, X., Kavoussi, M., Costabile, RA, Smith, RP, & Kavoussi, PK (2019). Sicurezza ed efficacia a lungo termine del citrato di clomifene per il trattamento dell'ipogonadismo. The Journal of Urology, 202(5), 1029-1035. doi: 10.1097/JU.00000000000000396. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31216250/
  6. Miller, G. D., Moore, C., Nair, V., Hill, B., Willick, S. E., Rogol, A. D., & Eichner, D. (2019). Effetti dell'asse ipotalamo-ipofisi-testicolare e rilevamento urinario dopo la somministrazione di clomifene nei maschi. Il Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism, 104 (3), 906-914. doi: 10.1210/jc.2018-01159. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30295816/
  7. Patel, A. S., Leong, J. Y., Ramos, L. e Ramasamy, R. (2019). Il testosterone è un contraccettivo e non dovrebbe essere usato negli uomini che desiderano la fertilità. Il World Journal of Men's Health, 37 (1), 45-54. doi: 10.5534/wjmh.180036. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6305868/
  8. Rivas, A. M., Mulkey, Z., Lado-Abeal, J. e Yarbrough, S. (2014). Diagnosi e gestione di bassi livelli di testosterone sierico. Atti (Baylor University. Medical Center), 27 (4), 321-324. doi: 10.1080/08998280.2014.11929145. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4255853/
  9. Sato, K., Iemitsu, M., Katayama, K., Ishida, K., Kanao, Y. e Saito, M. (2016). Risposte degli ormoni steroidei sessuali a diverse intensità di esercizio negli atleti di resistenza. Fisiologia sperimentale, 101 (1), 168-175. doi: 10.1113/EP085361. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/26518151/
  10. Storer, T. W., Magliano, L., Woodhouse, L., Lee, M. L., Dzekov, C., Dzekov, J., Casaburi, R. e Bhasin, S. (2003). Il testosterone aumenta in modo dose-dipendente la forza massima volontaria e la potenza delle gambe, ma non influenza l'affaticamento o la tensione specifica. Il Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism, 88 (4), 1478-1485. doi: 10.1210/jc.2002-021231. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/12679426/
  11. Agenzia antidoping degli Stati Uniti (USADA). (2021). Elenco degli standard internazionali vietati. USADA. Estratto il 3 aprile 2021 da https://www.usada.org/wp-content/uploads/wada_2021_english_prohibited_list.pdf
Vedi altro