La mancanza di vitamina D può causare aumento di peso?

La mancanza di vitamina D può causare aumento di peso?

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi di carattere medico, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli su Health Guide sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

retin a per l'acne prima e dopo

Il sovrappeso può essere un fattore di rischio per la carenza di vitamina D. Uno studio recente ha scoperto che le donne con maggior grasso corporeo complessivo e addominale (Pancia) grasso e gli uomini con alti livelli di fegato e grasso addominale avevano maggiori probabilità di essere carenti di vitamina D (Rafiq, 2018). e un Revisione 2016 di 15 studi hanno scoperto che il livello di vitamina D di una persona può essere leggermente migliorato perdendo peso (Mallard, 2016).

Alcuni ricercatori teorizzano che la vitamina D possa impedire la formazione di nuove cellule adipose e aumentare i livelli di serotonina, una sostanza chimica del cervello associata all'appetito. Può anche essere associato a livelli più elevati di testosterone, che potrebbero favorire la perdita di peso.



Alcuni studi hanno scoperto che la vitamina D può aiutare nella perdita di peso o nella prevenzione dell'aumento di peso. Uno studio ha scoperto che le donne in sovrappeso o obese che hanno assunto un integratore di vitamina D per sei settimane sono diminuite significativamente il loro peso, la circonferenza della vita e l'indice di massa corporea (BMI), rispetto a un gruppo di controllo (Khosravi, 2018).

Vitali

  • La scienza non è sicura.
  • Gli studi dimostrano che l'assunzione di vitamina D potrebbe in qualche modo aiutare le persone in sovrappeso o obese a perdere peso, insieme a dieta ed esercizio fisico.
  • L'eccesso di grasso corporeo è stato anche correlato con un basso livello di vitamina D.
  • Ma secondo gli ultimi studi, non è del tutto chiaro se la bassa vitamina D sia una causa o un effetto dell'eccesso di peso corporeo.

Ma alcuni studi hanno trovato risultati contrastanti. Uno studio del 2014 su 218 donne in sovrappeso o obese hanno scoperto che coloro che assumevano un integratore di vitamina D, insieme all'esercizio fisico e a una dieta ipocalorica, non perdevano più peso rispetto alle donne che assumevano un placebo (Mason, 2014).



Una revisione del 2019 di 11 studi randomizzati sulla vitamina D e sulla perdita di peso ha rilevato che l'assunzione di vitamina D ha un effetto desiderabile sulla perdita di peso riducendo l'IMC e la circonferenza della vita in individui in sovrappeso e obesi. Ma i dosaggi t preso dai partecipanti allo studio varia ampiamente (Perna, 2019).

Il consenso scientifico sembra essere che nessuno di questi risultati sia definitivo e che siano necessarie ulteriori ricerche.

Quindi, può una mancanza di vitamina D causa aumento di peso? La giuria è ancora fuori. Non è chiaro se la carenza di vitamina D possa causare obesità o se ci sia solo un'associazione tra i due. Tuttavia, come notato da un gruppo di ricercatori nel 2019, lo stile di vita mirato attraverso una dieta sana e l'esercizio fisico dovrebbe essere la prima opzione di trattamento che influenzerà sia lo stato dismetabolico correlato all'obesità che carenza di vitamina D , prendendo due piccioni con una fava (Vranic, 2019).



Annuncio pubblicitario

Roman Daily: multivitaminico per uomini

Il nostro team di medici interni ha creato Roman Daily per colmare le lacune nutrizionali comuni negli uomini con ingredienti e dosaggi scientificamente supportati.

Per saperne di più

Diagnosi di una carenza di vitamina D

Il tuo medico può controllare il tuo livello di vitamina D con un semplice prelievo di sangue.

Secondo l'Istituto Superiore di Sanità, sei a rischio di carenza di vitamina D se il suo livello ematico di vitamina D è inferiore a 30 nmol/L (<12 ng/mL). You’re at risk of vitamin D inadequacy if your level ranges from 30 to 50 nmol/L (12–20 ng/mL) (NIH, n.d.).

Come ottenere più vitamina D se sei carente?

Buone fonti di vitamina D negli alimenti includono pesce grasso (come salmone e tonno), olio di pesce, latte fortificato, uova e cereali per la colazione fortificati.

Potresti anche prendere un integratore di vitamina D. L'Office of Dietary Supplements raccomanda un apporto giornaliero di vitamina D di 600 UI per gli adulti fino a 69 anni e 800 UI per gli adulti dai 70 anni in su. Il limite massimo giornaliero tollerabile è di 4.000 UI (100 mcg). Fai attenzione quando prendi integratori di vitamina D — la tossicità della vitamina D è possibile (NIH, n.d.).

Cos'è la vitamina D?

La vitamina D è un proormone, non tecnicamente una vitamina, che è coinvolto in molti dei processi chiave del corpo. (Un proormone è qualcosa che il corpo produce e converte in un ormone). Conosciuta come la vitamina del sole, la vitamina D viene prodotta dall'organismo in risposta all'esposizione al sole. Quando la luce solare colpisce la pelle, il corpo produce una sostanza che il fegato, poi i reni, convertono in forme utilizzabili dall'organismo.

La vitamina D si trova in una varietà di alimenti, tra cui uova e latte. Ma gran parte della popolazione mondiale è carente di vitamina D: fino a 1 miliardo di persone in tutto il mondo e il 40% degli americani (Parva, 2018).

Ruolo della vitamina D nel corpo/benefici

Salute delle ossa/prevenzione dell'osteoporosi

Il ruolo principale della vitamina D è quello di aiutare il corpo a mantenere i giusti livelli di calcio e fosforo. Influenza il modo in cui il calcio viene assorbito dal cibo e il modo in cui il corpo costruisce e riassorbe le ossa (cosa che il corpo fa costantemente; è un processo chiamato rimodellamento osseo). Gli studi suggeriscono che la vitamina D potrebbe aiutare prevenire le fratture e l'osteoporosi (Bischof-Ferrari, 2005).

Funzione immunitaria

Una mancanza di la vitamina D è stata associata con un aumentato rischio di infezione e una maggiore probabilità di malattie autoimmuni. Sembra rafforzare il sistema immunitario innato del corpo, aiutandolo a distruggere i batteri e altri microbi invasori (Aranow, 2011)

Protezione da alcuni tipi di cancro

Alcuni studi hanno scoperto che la vitamina D potrebbe avere un effetto protettivo contro una serie di tumori, in particolare del colon-retto e della mammella (Meeker, 2016). Un basso livello di vitamina D è associato a un rischio più elevato di tali tumori.

Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che la vitamina D regola i geni che controllano la differenziazione, la divisione e la morte delle cellule, aiuta a controllare la crescita cellulare, rafforza il sistema immunitario e riduce l'infiammazione, tutti processi che possono influenzare lo sviluppo del cancro.

Regola l'insulina/ridotto rischio di diabete

È stato scoperto che dosi regolari di vitamina D all'inizio della vita riducono il rischio di diabete di tipo 1 e prendere vitamina D più avanti nella vita sembra ridurre il rischio di diabete di tipo 2 (Schwalfenberg, 2008). La vitamina D sembra aiutare il corpo a elaborare l'insulina e a controllare la glicemia.

Salute cardiovascolare

Uno studio ha scoperto che la carenza di vitamina D è associata a diversi fattori di rischio per le malattie cardiovascolari, tra cui ipertensione, malattia coronarica, cardiomiopatia (ingrossamento del muscolo cardiaco) e diabete. Il studio ha anche scoperto che la vitamina D l'integrazione è stata associata a una migliore sopravvivenza (Vacek, 2012). Tuttavia, altri studi non hanno trovato quei benefici (NIH, n.d.).

Riferimenti

  1. Aranow C. (2011). Vitamina D e sistema immunitario. Journal of investigative medicine: la pubblicazione ufficiale della Federazione americana per la ricerca clinica, 59(6), 881-886. https://doi.org/10.2310/JIM.0b013e31821b8755 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22071212/
  2. Bischoff-Ferrari, H.A., Willett, W.C., Wong, J.B., Giovannucci, E., Dietrich, T., & Dawson-Hughes, B. (2005). Prevenzione delle fratture con supplementazione di vitamina D. Jama, 293 (18), 2257. doi: 10.1001 / jama.293.18.2257 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK71740/
  3. Società Endocrina. Vitamina D. (n.d.). Estratto il 5 giugno 2020 da https://www.hormone.org/your-health-and-hormones/glands-and-hormones-a-to-z/hormones/vitamin-d https://www.hormone.org/your-health-and-hormones/glands-and-hormones-a-to-z/hormones/vitamin-d
  4. Khosravi, Z. S., Kafeshani, M., Tavasoli, P., Zadeh, A. H., & Entezari, M. H. (2018). Effetto della supplementazione di vitamina D su perdita di peso, indici glicemici e profilo lipidico nelle donne obese e sovrappeso: uno studio di sperimentazione clinica. Rivista internazionale di medicina preventiva, 9, 63. https://doi.org/10.4103/ijpvm.IJPVM_329_15 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6071442/
  5. Mallard, S.R., Howe, A.S., & Houghton, L.A. (2016). Stato della vitamina D e perdita di peso: una revisione sistematica e una meta-analisi di studi randomizzati e non randomizzati controllati sulla perdita di peso. La rivista americana di nutrizione clinica, 104(4), 1151-1159. https://doi.org/10.3945/ajcn.116.136879 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27604772/
  6. Mason, C., Xiao, L., Imayama, I., Duggan, C., Wang, C., Korde, L. e Mctiernan, A. (2014). Integrazione di vitamina D3 durante la perdita di peso: uno studio controllato randomizzato in doppio cieco. L'American Journal of Clinical Nutrition, 99 (5), 1015-1025. doi:10.3945/ajcn.113.073734 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/2462284/
  7. Meeker, S., Seamons, A., Maggio-Price, L., & Paik, J. (2016). Legami protettivi tra vitamina D, malattie infiammatorie intestinali e cancro del colon. Rivista mondiale di gastroenterologia, 22(3), 933-948. https://doi.org/10.3748/wjg.v22.i3.933 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4716046/
  8. National Institutes of Health, Office of Dietary Supplements – Vitamin D. (n.d.). Estratto il 5 giugno 2020 da https://ods.od.nih.gov/factsheets/VitaminD-HealthProfessional
  9. Parva, N. R., Tadepalli, S., Singh, P., Qian, A., Joshi, R., Kandala, H., Nookala, V. K. e Cheriyath, P. (2018). Prevalenza della carenza di vitamina D e fattori di rischio associati nella popolazione statunitense (2011-2012). Cureus, 10(6), e2741. https://doi.org/10.7759/cureus.2741 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6075634/
  10. Perna S. (2019). La supplementazione di vitamina D è utile per i programmi di perdita di peso? Una revisione sistematica e una meta-analisi di studi randomizzati controllati. Medicina (Kaunas, Lituania), 55(7), 368. https://doi.org/10.3390/medicina55070368 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6681300/
  11. Rafiq, R., Walschot, F., Lips, P., Lamb, H. J., de Roos, A., Rosendaal, F. R., Heijer, M. D., de Jongh, R. T. e de Mutsert, R. (2019). Associazioni di diversi depositi di grasso corporeo con concentrazioni sieriche di 25-idrossivitamina D. Nutrizione clinica (Edimburgo, Scozia), 38(6), 2851–2857. https://doi.org/10.1016/j.clnu.2018.12.018 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30635144/
  12. Schwalfenberg G. (2008). Vitamina D e diabete: miglioramento del controllo glicemico con replezione di vitamina D3. Medico di famiglia canadese Medecin de famille canadien, 54(6), 864–866. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/18556494/
  13. Vacek, J. L., Vanga, S. R., Good, M., Lai, S. M., Lakkireddy, D. e Howard, P. A. (2012). Carenza e integrazione di vitamina D e relazione con la salute cardiovascolare. L'American Journal of Cardiology, 109(3), 359-363. doi:10.1016/j.amjcard.2011.09.020 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22071212/
  14. Vranić, L., Mikolašević, I., & Milić, S. (2019). Carenza di vitamina D: conseguenza o causa dell'obesità?. Medicina (Kaunas, Lituania), 55 (9), 541. https://doi.org/10.3390/medicina55090541 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6780345/
Vedi altro