Cause, trattamento e prevenzione della fibrillazione atriale o AFib

Cause, trattamento e prevenzione della fibrillazione atriale o AFib

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

La fibrillazione atriale (chiamata anche AFib o AF) è un battito cardiaco veloce e irregolare; a volte è descritto come un battito cardiaco tremolante o fluttuante. La fibrillazione atriale è il aritmia cardiaca più comune e in genere si traduce in un battito cardiaco troppo veloce e/o con un ritmo irregolare (CDC, 2019). Il Associazione americana del cuore (AHA) stima che oltre 2,7 milioni di americani convivano con AF e la quantità di persone con questa condizione aumenta con l'età (AHA, 2016). Secondo il Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) , circa il 2% delle persone di età inferiore ai 65 anni ha la fibrillazione atriale rispetto a circa il 9% delle persone di età pari o superiore a 65 anni (CDC, 2019).

In genere, il tuo cuore batte con un ritmo regolare, consentendo agli atri (le camere superiori del cuore) di pompare il sangue nei ventricoli (le camere inferiori del cuore) e quindi nel corpo. Tuttavia, nella fibrillazione atriale, gli atri del tuo cuore battono molto più velocemente e con un ritmo diverso dai ventricoli. La frequenza cardiaca in AF può variare da 100-175 battiti al minuto; la frequenza cardiaca media è solitamente di 60-100 battiti al minuto. Questa rapida frequenza cardiaca impedisce ai ventricoli di riempirsi di sangue e, di conseguenza, meno sangue viene pompato nel resto del corpo. Il sangue si accumula negli atri perché tremano invece di spremere completamente tutto il sangue nei ventricoli, causando coaguli di sangue e altri problemi come ictus.

Esistono quattro diversi tipi di fibrillazione atriale:

Vitali

  • La fibrillazione atriale è l'aritmia cardiaca più comune, che colpisce oltre 2,7 milioni di persone negli Stati Uniti.
  • La fibrillazione atriale è più diffusa nelle persone di età superiore ai 65 anni.
  • Le complicanze della fibrillazione atriale comprendono ictus, insufficienza cardiaca e infarto.
  • Il trattamento della fibrillazione atriale prevede la prevenzione dell'ictus e il controllo della frequenza cardiaca e/o del ritmo tramite farmaci o procedure.
  • Fibrillazione atriale parossistica: questo tipo di AF si verifica solo occasionalmente; i tuoi sintomi vanno e vengono, durando da pochi minuti fino a un giorno o addirittura una settimana. Alcune persone hanno bisogno di cure, mentre altre scoprono che i loro sintomi migliorano da soli. Puoi avere più episodi di questo breve evento (parossismo).
  • Fibrillazione atriale persistente: in questa condizione, l'AFib dura più di una settimana. La maggior parte delle persone finisce per aver bisogno di cure per riportare il ritmo cardiaco alla normalità.
  • Fibrillazione atriale persistente a lungo termine: in questo tipo di AFib, il ritmo anomalo dura per più di un anno senza scomparire.
  • Fibrillazione atriale permanente: come suggerisce il nome, questo tipo di AFib non migliora con più cicli di trattamento e hai la fibrillazione atriale per il resto della tua vita.

Fattori di rischio per la fibrillazione atriale

I fattori di rischio per la fibrillazione atriale includono:

quanto durano i preservativi dopo la data di scadenza?
  • Età avanzata: con l'avanzare dell'età, sei a un rischio maggiore di fibrillazione atriale, soprattutto dopo i 65 anni.
  • Alta pressione sanguigna: la pressione alta incontrollata aumenta il rischio di fibrillazione atriale. Si ritiene che questo fattore di rischio contribuisca a 14-22% dei casi di fibrillazione atriale (Mozaffarian, 2015).
  • Razza/etnia: la fibrillazione atriale è più comune tra i bianchi negli Stati Uniti.
  • Fumo: il rischio di fibrillazione atriale sembra essere maggiore quanto più si fuma e diminuisce se si smette.
  • Malattie cardiache: se hai una malattia cardiaca, come malattia coronarica, problemi alle valvole cardiache, insufficienza cardiaca congestizia, cardiopatia congenita, infiammazione del cuore, una storia di infarto o intervento chirurgico al cuore o un cuore ingrossato (cardiomiopatia) a maggior rischio di sviluppare fibrillazione atriale.
  • Obesità: le persone obese sono a maggior rischio di sviluppare fibrillazione atriale.
  • Alcol e droghe illegali: bere alcolici, in particolare il binge drinking (con cinque drink in due ore per gli uomini o quattro drink per le donne), aumenta il rischio di fibrillazione atriale. Inoltre, alcune droghe illegali, come la cocaina, possono scatenare la fibrillazione atriale.
  • Storia familiare: le tue possibilità di avere la fibrillazione atriale sono maggiori se hai una famiglia che ha anche la condizione.
  • Altri problemi medici cronici: altre condizioni che ti mettono a rischio di sviluppare la fibrillazione atriale includono malattie della tiroide, diabete, apnea notturna e malattie polmonari croniche.

Annuncio pubblicitario

Oltre 500 farmaci generici, ciascuno $ 5 al mese

Passa a Ro Pharmacy per ottenere le tue prescrizioni riempite per soli $ 5 al mese ciascuna (senza assicurazione).

Per saperne di più

Segni e sintomi di fibrillazione atriale

A volte le persone con fibrillazione atriale non hanno alcun sintomo e non sono consapevoli che qualcosa non va nel loro cuore; in questi casi, la condizione viene solitamente diagnosticata dal proprio medico durante un esame fisico. Altre persone possono avere sintomi da lievi a gravi, tra cui:

  • Tremore, corsa, battito cardiaco irregolare (palpitazioni)
  • Fatica
  • Vertigini o stordimento
  • Fiato corto
  • Debolezza
  • Difficoltà nell'esercizio a causa della fatica
  • Dolore o pressione al petto
  • Svenimento o perdita di coscienza

Complicazioni della fibrillazione atriale

Anche se avere il cuore che batte in modo irregolare o molto più veloce del solito non è una sensazione confortevole, sono le complicazioni della fibrillazione atriale che sono pericolose per la salute: questi includono ictus e insufficienza cardiaca.
Quando gli atri tremano invece di aprirsi completamente e spremere tutto il loro sangue nei ventricoli, il sangue diventa stagnante e si accumula, portando a coaguli di sangue. Questi coaguli di sangue possono quindi raggiungere il cuore o il cervello, causando infarti e ictus. Le persone con fibrillazione atriale hanno un rischio di ictus quattro o cinque volte più alto rispetto alle persone senza AF (CDC, 2019). Gli studi clinici dimostrano che la fibrillazione atriale causa 15-20% di tutti gli ictus ischemici , che sono un tipo specifico di ictus dovuto a coaguli di sangue nel cervello (Mozaffarian, 2015).
A causa di questo potenziale di formazione di coaguli di sangue, gli attacchi di cuore sono anche una potenziale conseguenza sulla salute della fibrillazione atriale. Piuttosto che andare al cervello, i coaguli di sangue possono viaggiare lungo i vasi sanguigni che alimentano e nutrono il cuore; un coagulo in questi vasi porta a danni al tessuto cardiaco stesso, chiamato ischemia miocardica o infarto. Il rischio di infarto da fibrillazione atriale è più alto nel primo anno dopo la diagnosi , soprattutto tra le donne e gli afroamericani (NIH, n.d.)

Un'altra complicazione della fibrillazione atriale è l'insufficienza cardiaca, una condizione in cui il cuore non pompa abbastanza sangue nei polmoni e nel corpo; L'AFib può anche peggiorare l'insufficienza cardiaca esistente. Se il cuore non riesce a pompare efficacemente il sangue nel corpo, il sangue può risalire nelle vene, comprese quelle nei polmoni. Ciò porta ad un accumulo di liquidi nei polmoni e provoca affaticamento e difficoltà respiratorie; il fluido può anche accumularsi nei piedi, nelle caviglie e nelle gambe.

Come diagnosticare la fibrillazione atriale

Come per molte altre condizioni mediche, la diagnosi di fibrillazione atriale inizia con un esame fisico. Il tuo medico controllerà il tuo cuore per assicurarsi che la frequenza e il ritmo siano regolari ed esaminerà i polmoni e le gambe per cercare eventuali accumuli di liquidi. In caso di dubbi, esistono test aggiuntivi che possono fornire al tuo fornitore maggiori informazioni sulla salute del tuo cuore:

cos'è la clorella della parete cellulare rotta?
  • Elettrocardiogramma (ECG o ECG): gli ECG esaminano i segnali elettrici del cuore e sono uno strumento standard per la diagnosi della fibrillazione atriale.
  • Monitor Holter o monitor di eventi: si tratta di ECG portatili in grado di misurare l'attività elettrica del cuore per periodi prolungati; questo dà al tuo fornitore maggiori informazioni su come funziona il tuo cuore durante le attività quotidiane.
  • Ecocardiogramma: gli ecocardiogrammi utilizzano le onde sonore per creare un'immagine del tuo cuore e visualizzare come il sangue scorre attraverso le diverse camere. Può darti informazioni su quanto bene il cuore sta pompando il sangue e se c'è un accumulo di sangue o coaguli. Esistono due diversi tipi di studi: ecocardiogramma transtoracico (TTE) ed ecocardiogramma transesofageo (TEE). In un TTE, lo strumento che produce le onde sonore (trasduttore) è posizionato sul petto. Durante un TEE, il trasduttore è collegato a un tubo flessibile ed è guidato lungo l'esofago (gola).
  • Esami del sangue: utilizzando questi test, il medico può cercare problemi alla tiroide o altre condizioni che possono portare alla fibrillazione atriale.
  • Test da stress: ti potrebbe essere chiesto di fare esercizio (o di somministrarti farmaci per far battere il cuore più velocemente per simulare l'esercizio) mentre vengono scattate foto del tuo cuore per vedere come funziona il tuo cuore sotto stress.
  • Radiografia del torace: viene scattata un'immagine del torace utilizzando i raggi X per osservare il cuore e i polmoni; può anche fornire informazioni su condizioni diverse dalla fibrillazione atriale che potrebbero causare i sintomi.

Trattamento per la fibrillazione atriale

Gli obiettivi del trattamento della fibrillazione atriale sono focalizzati sulla prevenzione degli ictus e, in molti casi, sul ripristino della normale frequenza e ritmo cardiaco.

La strategia per prevenire l'ictus prevede diversi percorsi di trattamento. Il primo è adottare uno stile di vita sano per il cuore, tra cui:

  • Mangiare una dieta povera di sodio e grassi saturi e ricca di frutta e verdura
  • Mantenere un peso sano; l'obesità è un fattore di rischio per la fibrillazione atriale, insieme ad altre forme di malattie cardiache
  • Gestire lo stress
  • Allenarsi più volte alla settimana
  • Smettere di fumare
  • In cerca di aiuto per la dipendenza da alcol o droghe
  • Evitare stimolanti, come la caffeina, che possono aumentare la frequenza cardiaca

Gli anticoagulanti (fluidificanti del sangue) sono l'altro modo per prevenire gli ictus. Se soffri di fibrillazione atriale a basso rischio, il tuo medico potrebbe consigliarti di prendere un'aspirina ogni giorno. Tuttavia, la maggior parte delle persone ha bisogno di anticoagulanti più potenti per impedire la coagulazione del sangue durante gli episodi di fibrillazione atriale e prevenire gli ictus. Gli anticoagulanti comunemente usati includono:

  • Warfarin (nome commerciale Coumadin)
  • Apixaban (nome commerciale Eliquis)
  • Dabigatran (nome commerciale Pradaxa)
  • Enoxaparina (nome commerciale Lovenox)
  • Rivaroxaban (nome commerciale Xarelto)

Questi farmaci rendono il sangue meno incline alla coagulazione per ridurre il rischio di ictus, ma aumentano anche il rischio di sanguinamento. Assicurati di parlare con il tuo fornitore e usa tutti i farmaci come prescritto.

Oltre a prevenire gli ictus, l'altra domanda sul trattamento da discutere con il tuo medico è se hai bisogno di controllare la frequenza cardiaca o il ritmo cardiaco (o entrambi). Riportare la frequenza cardiaca in un intervallo normale è importante perché consente ai ventricoli di avere il tempo sufficiente per riempirsi completamente di sangue. Puoi ancora avere il ritmo cardiaco anormale, ma potresti sentirti meglio e avere meno sintomi con una frequenza cardiaca più lenta. Esistono diversi tipi di farmaci che il medico può prescrivere per trattare la frequenza cardiaca accelerata associata alla fibrillazione atriale:

quantità raccomandata di sodio al giorno
  • Beta-bloccanti: esempi sono metoprololo e atenololo; gli effetti collaterali includono pressione sanguigna bassa (ipotensione)
  • Calcioantagonisti: esempi sono verapamil e diltiazem
  • Digossina: questo farmaco può controllare la frequenza cardiaca ma può portare ad altre aritmie, quindi deve essere usato con cautela e non è adatto a tutti (Lopes, 2018).

Il medico può tentare di ripristinare il ritmo cardiaco al suo ritmo regolare (chiamato anche ritmo sinusale normale); questo processo è chiamato cardioversione e può essere realizzato in due modi:

  • Cardioversione con farmaci: le vengono somministrati farmaci chiamati antiaritmici per aiutare a ripristinare il normale ritmo cardiaco
  • Cardioversione elettrica: si tratta di una breve procedura in cui una breve scossa elettrica a bassa energia viene erogata al cuore tramite cerotti (elettrodi) sul petto. Ti viene somministrato un sedativo in modo da non sentire la scossa elettrica. La scossa elettrica consente all'attività elettrica del cuore di ripristinare il normale ritmo sinusale

Entrambi i tipi di cardioversione vengono eseguiti in ospedale in modo che la funzione cardiaca possa essere monitorata per tutto il tempo. Potrebbero essere somministrati anticoagulanti giorni o settimane prima della cardioversione per prevenire la formazione di coaguli di sangue nel cuore.

Per alcune persone, i farmaci e la cardioversione non sono sufficienti per controllare la fibrillazione atriale; questi casi possono richiedere una procedura chirurgica. Una possibilità è inserire un pacemaker. Un pacemaker è un piccolo dispositivo elettrico che viene impiantato nel corpo e regola il battito cardiaco. Viene impiantato sotto la pelle con fili che viaggiano fino al cuore per controllare la frequenza e il ritmo. Quando rileva che il battito cardiaco è troppo veloce o troppo lento, invia un impulso elettrico al cuore per ripristinare la frequenza e il ritmo normali. Un'altra procedura chirurgica, chiamata ablazione, uccide il tessuto cardiaco che causa i segnali elettrici anomali per consentire al cuore di battere nuovamente con un ritmo normale. L'ablazione può essere eseguita tramite un catetere o un intervento chirurgico a cuore aperto.

  • Nell'ablazione con catetere, un tubo sottile viene inserito in un vaso sanguigno nell'inguine e guidato nel cuore. Una volta nel cuore, la punta del catetere può utilizzare il calore o il freddo estremi per distruggere le aree del cuore che producono segnali elettrici anomali e causano battiti cardiaci veloci e irregolari. Il tessuto cicatriziale risultante che si forma può anche incoraggiare gli impulsi elettrici del cuore a rimanere regolari.
  • A volte è necessaria un'ablazione del nodo atrioventricolare (AV). In questa procedura, il catetere viene utilizzato per distruggere un gruppo di cellule speciali, chiamate nodo AV, che si trovano tra gli atri e i ventricoli e sono responsabili della comunicazione elettrica tra i due. Successivamente, gli atri continueranno a tremare e battere in modo anomalo, ma il segnale non raggiungerà i ventricoli. Un pacemaker viene impiantato nei ventricoli per controllare la velocità con cui il cuore batte.
  • Infine, in un'ablazione chirurgica, il chirurgo esegue un intervento a cuore aperto e taglia il tessuto cardiaco anomalo, creando cicatrici che interferiscono con gli impulsi elettrici irregolari; questo permette al cuore di tornare a un ritmo normale. Questa procedura è chiamata procedura labirinto e può essere combinata con altre procedure cardiache, come la sostituzione delle valvole, o può essere eseguita da sola.

Come prevenire la fibrillazione atriale

Il modo migliore per prevenire l'insorgenza della fibrillazione atriale è mantenere uno stile di vita sano per il cuore, che include:

  • Mangiare una dieta povera di sodio e grassi saturi e ricca di frutta e verdura
  • Mantenere un peso sano
  • Gestire lo stress
  • Allenarsi più volte alla settimana
  • Smettere di fumare
  • In cerca di aiuto per la dipendenza da alcol o droghe
  • Controllo della pressione sanguigna, del colesterolo, del diabete e di qualsiasi malattia cardiaca esistente

Se hai già la fibrillazione atriale, il modo migliore per prevenire le complicazioni della tua fibrillazione atriale è seguire le istruzioni del medico per quanto riguarda i farmaci. Mantieni linee di comunicazione aperte con il tuo fornitore e informalo di eventuali sintomi nuovi o in peggioramento.

Riferimenti

  1. American Heart Association (AHA) – Che cos'è la fibrillazione atriale. (2016, 31 luglio). Estratto il 24 novembre 2019 da https://www.heart.org/it/argomenti-sanitari/fibrillazione-atriale/che-cos'è-fibrillazione-atriale-afib-o-af
  2. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) – Fibrillazione atriale (2019, 9 dicembre). Estratto il 24 novembre 2019 da https://www.cdc.gov/heartdisease/atrial_fibrillation.htm
  3. Lopes, R. D., Rordorf, R., Ferrari, G. M. D., Leonardi, S., Thomas, L., Wojdyla, D. M., … Wallentin, L. (2018). Digossina e mortalità nei pazienti con fibrillazione atriale. Giornale dell'American College of Cardiology, 71(10), 1063-1074. doi: 10.1016/j.jacc.2017.12.060, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29519345
  4. National Institutes of Health (NIH), National Heart, Lung, and Blood Institute - Fibrillazione atriale. (n.d.). Estratto il 24 novembre 2019 da https://www.nhlbi.nih.gov/health-topics/fibrillazione-atriale
  5. Mozaffarian, D., Benjamin, E.J., Go, A.S., Arnett, D.K., Blaha, M.J., Cushman, M., … Turner, M.B. (2015). Statistiche su malattie cardiache e ictus - Aggiornamento 2015. Circolazione, 131(4). doi: 10.1161/cir.00000000000000152, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25520374
Vedi altro