Citalopram (nome commerciale Celexa) e alcol

Citalopram (nome commerciale Celexa) e alcol

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Cos'è il citalopram?

Il citalopram è un tipo di farmaco antidepressivo chiamato inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina (SSRI).

Gli SSRI impediscono alle cellule nervose (neuroni) di riassorbire una sostanza chimica chiamata serotonina, un importante neurotrasmettitore. Di conseguenza, più serotonina può rimanere attiva nel cervello. Anche se non sappiamo esattamente perché funzionano, anni di ricerche dimostrano che offrono sollievo a molti pazienti.

Vitali

  • Il citalopram, venduto con il marchio Celexa, è un farmaco approvato dalla Food and Drug Administration statunitense per il trattamento del disturbo depressivo maggiore.
  • Può essere prescritto off-label per il trattamento di molte altre condizioni di salute mentale.
  • Bere alcol dovrebbe essere evitato durante l'assunzione di citalopram.
  • Citalopram porta un avviso di scatola nera dalla FDA. Il citalopram può aumentare i pensieri suicidi nei bambini, negli adolescenti e nei giovani adulti di età inferiore ai 25 anni. Se hai pensieri suicidi, chiama la National Suicide Prevention Hotline al numero (800) 273-8255. Sono disponibili 24 ore al giorno.

La depressione come condizione medica non è semplicemente sentirsi giù dopo una rottura o perdere una persona cara. Quelle sono semplicemente parti tristi della vita che la maggior parte delle persone in genere supera a tempo debito senza l'aiuto di terapie o farmaci. Citalopram e altri SSRI sono usati per trattare il disturbo depressivo maggiore (MDD), una condizione più grave e non rara.



cosa prendere per aumentare il testosterone

Gli operatori sanitari possono anche prescrivere citalopram off-label per il trattamento di altre condizioni di salute mentale. Questi includono il disturbo d'ansia generalizzato (GAD), il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) e il disturbo da stress post-traumatico (PTSD), tra gli altri.



Depressione e alcol:

Bere per affrontare la depressione o altri problemi di salute mentale non è raro. Un'analisi dei dati di trent'anni nel 2011 ha mostrato l'abuso o la dipendenza da alcol più che raddoppiato la probabilità di un episodio depressivo maggiore (Boden, 2011). Un ampio studio del 2004 ha rilevato che il 16,4% dei pazienti con depressione maggiore e il 14,82% di quelli con disturbo d'ansia generalizzato aveva anche un disturbo da uso di alcol , sebbene questo fosse basato su definizioni precedenti di depressione e ansia della precedente edizione del Manuale diagnostico e statistico, e i numeri attuali possono variare leggermente (Grant, 2004). Uno studio più recente su PTSD e dipendenza da alcol ha trovato ciascuno ha aumentato la probabilità dell'altro (Berenz, 2017).

Annuncio pubblicitario

Oltre 500 farmaci generici, ciascuno $ 5 al mese



Passa a Ro Pharmacy per ottenere le tue prescrizioni riempite per soli $ 5 al mese ciascuna (senza assicurazione).

come rimanere duro senza pillole?
Per saperne di più

I criteri specifici per il disturbo da uso di alcol (AUD), precedentemente noto come abuso o dipendenza da alcol (AAD), sono leggermente cambiati nel corso degli anni. L'attuale Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM-5) utilizza il seguenti criteri per determinare diversi livelli di AUD (NIAAA, 2020). Se nell'ultimo anno hai:

  • Ho provato a smettere o ridurre il consumo di alcol più di una volta, ma non ci sono riuscito
  • Hai bevuto di più, o per un periodo più lungo, di quanto avresti voluto
  • Ho passato molto tempo a bere, ammalato per aver bevuto o dopo una sbornia
  • Volevo l'alcol così intensamente che non riuscivi a pensare ad altro
  • Lascia che l'alcol, la malattia o i postumi di una sbornia influenzino le tue prestazioni lavorative, i compiti scolastici o la cura della tua casa e della tua famiglia
  • Ha continuato a bere anche se ha causato problemi con la famiglia o gli amici
  • Riduci le altre attività importanti, interessanti o piacevoli da bere
  • Ti sei trovato in situazioni più di una volta durante o dopo aver bevuto che aumentava la probabilità di farti male, come sesso non sicuro, guidare, nuotare o andare in aree pericolose
  • Continuare a bere anche quando ti ha fatto sentire depresso o ansioso, ha peggiorato un altro problema di salute o dopo essere svenuto
  • Ho scoperto che dovevi bere più di prima per raggiungere lo stesso livello di intossicazione
  • Aveva sintomi di astinenza dopo aver bevuto come insonnia, irrequietezza, nausea, sudorazione, battito cardiaco accelerato, convulsioni, allucinazioni o sensazioni che non c'erano

Due o tre casi dall'elenco sopra indicano un abuso di alcol lieve, quattro o cinque moderato e sei o più grave.

Alcol e Celexa:

Anche se sei un bevitore leggero senza un disturbo da consumo di alcol, mescolare l'alcol con Celexa o qualsiasi SSRI aumenta il rischio di effetti collaterali. Sappiamo da tempo che l'alcol influenza i livelli di serotonina e i recettori della serotonina (Amante, 1997). Anche l'uso a breve termine può influenzare il funzionamento della stessa sostanza chimica che stai cercando di regolare assumendo un SSRI.

  • Sindrome serotoninergica è una condizione pericolosa causata da troppa serotonina nel sistema nervoso (Able, 2010). In genere è il risultato di un sovradosaggio di SSRI o della combinazione di farmaci o integratori che influenzano i livelli di serotonina. Anche l'uso di alcol a breve termine può portare a picchi temporanei nei livelli di serotonina (Batta, 2016). La sindrome serotoninergica dovrebbe essere considerata un altro potenziale pericolo di interazione SSRI-alcol. La sindrome serotoninergica è rara ma può portare a insufficienza d'organo e morte.
  • Sindrome del QT lungo è una condizione rara che colpisce il cuore che può essere un effetto collaterale del citalopram. In termini molto semplici, significa che il cuore impiega più tempo a ricaricarsi dopo ogni battito. Un grande studio nel 2016 hanno scoperto che la probabilità di sviluppare la sindrome del QT lungo è maggiore tra i forti bevitori (Li, 2016). I pazienti con una storia familiare di QT lungo devono essere particolarmente cauti nel combinare l'alcol con il citalopram.

L'uso degli SSRI per il trattamento dei disturbi da uso di alcol ha prodotto risultati contrastanti. Uno studio italiano ha suggerito che il citalopram potrebbe aiutare a mantenere la sobrietà. Quasi il doppio dei pazienti è rimasto in astinenza dopo quattro mesi di terapia contro quelli senza farmaci (Angelone, 1998). Uno studio più recente ha seguito i pazienti con PTSD per due anni. Coloro che hanno iniziato il trattamento con SSRI entro 30 giorni dalla diagnosi erano significativamente meno probabile avere una visita o un ricovero in ospedale per alcol correlata (Naglich, 2019).

cosa significa testosterone libero basso?

I dati non sono sempre così positivi, però. Per i pazienti non già astinenti, un altro studio ha trovato quelli che assumevano citalopram avevano giorni di bevute più abbondanti rispetto a quelli che assumono placebo (Charney, 2015).

Effetti collaterali di citalopram

L'uso di alcol può aumentare alcuni dei possibili effetti collaterali del citalopram. Consumare anche una piccola quantità di alcol comporta un aumento del rischio di sonnolenza e compromissione delle capacità motorie. Non dovresti guidare, utilizzare macchinari pesanti o nuotare se hai bevuto alcol durante l'assunzione di citalopram.

Il più comune effetti collaterali riportati dai pazienti che assumono citalopram includono (DailyMed, 2019):

  • Nausea
  • Bocca asciutta
  • Sonnolenza
  • Insonnia
  • Aumento della sudorazione

Gli effetti collaterali meno comuni possono includere:

  • Agitazione
  • Ansia
  • Diarrea
  • Indigestione
  • Effetti collaterali sessuali, come diminuzione del desiderio sessuale, difficoltà di erezione e difficoltà a eiaculare
  • Dolori mestruali
  • Naso chiuso o che cola

Alcuni rari effetti collaterali possono essere segni di qualcosa di più grave, come il sovradosaggio di Celexa o la sindrome serotoninergica. Contattare immediatamente il proprio medico se si dispone di uno dei seguenti sintomi (Medline Plus, n.d.):

  • Dolore al petto o difficoltà a respirare
  • Vertigini, instabilità o svenimento
  • Prurito, eruzione cutanea, orticaria o vesciche
  • Sudorazione eccessiva
  • Ritmo cardiaco irregolare, battito cardiaco accelerato
  • Contrazioni muscolari o rigidità
  • Febbre
  • Perdita di coordinazione
  • Confusione, incapacità di concentrazione, problemi di memoria
  • allucinazioni
  • Difficoltà a deglutire
  • Raucedine
  • Gonfiore, in particolare alla testa, alle braccia/mani o alle gambe/piedi
  • Tremori/brividi
  • Crisi

Non interrompere mai bruscamente l'assunzione di farmaci antidepressivi. Sintomi di astinenza dagli SSRI possono includere vertigini, ansia e irritabilità (Fava, 2015). Consultare sempre prima il proprio medico curante e diminuiranno gradualmente la dose in modo sicuro.

quanto dura la seconda epidemia di herpes?

Interazioni farmacologiche:

Bisogna prendere precauzioni con il seguente (MedlinePlus, n.d.):

  • Gli inibitori delle monoamino ossidasi (IMAO) non devono essere assunti entro quattordici giorni dal citalopram o da qualsiasi SSRI
  • Qualsiasi altro SSRI, incluso escitalopram (marchio Lexapro), fluoxetina (marca Prozac), fluvoxamina (marca Luvox), paroxetina (marca Paxil) e sertralina (marca Zoloft)
  • Antidepressivi triciclici
  • Farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), inclusi antidolorifici come aspirina, ibuprofene e naprossene
  • Farmaci per il cuore, in particolare quelli per il battito cardiaco irregolare
  • Stabilizzatori dell'umore, come il litio
  • Antipsicotici, in particolare pimozide (nome commerciale Orap)
  • Qualsiasi farmaco per l'ansia o la malattia mentale
  • Farmaci per il dolore cronico
  • Farmaci per le convulsioni
  • Farmaci per l'emicrania, come i triptani
  • Metoprololo per la pressione alta (nomi commerciali Lopressor, Toprol XL)
  • Anticoagulanti come il warfarin (nome commerciale Coumadin)

Questo elenco non è esaustivo. Informa il tuo medico di tutti i farmaci che stai assumendo, sia con prescrizione che senza prescrizione, compresi gli integratori a base di erbe, prima di iniziare qualsiasi nuovo farmaco. Potrebbe influire sulla dose o il medico potrebbe voler esaminare diverse opzioni di trattamento con meno interazioni.

La combinazione di alcol o droghe illecite con farmaci da prescrizione può essere piuttosto rischioso. Sii onesto con il tuo medico sul consumo di alcol o sostanze e segui i suoi consigli medici.

Riferimenti

  1. Ables, A., & Nagubilli, R. (2010, 01 maggio). Prevenzione, riconoscimento e gestione della sindrome serotoninergica. Estratto il 10 novembre 2020 da https://www.aafp.org/afp/2010/0501/p1139.html
  2. Angelone, S. M., Bellini, L., Bella, D. D., & Catalano, M. (1998). Effetti della fluvoxamina e del citalopram nel mantenimento dell'astinenza in un campione di alcolici disintossicati italiani. Alcol e alcolismo, 33(2), 151-156. doi:10.1093/oxfordjournals.alcalc.a008371. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/9566477/
  3. Batta, A. (2016). Interazione dei neurotrasmettitori con l'alcol nei casi di depressione. Cronache di ricerca medica, 3(04), 400-408. Recuperato da https://medrech.com/index.php/medrech/article/view/191
  4. Berenz, E. C., Roberson-Nay, R., Latendresse, S. J., Mezuk, B., Gardner, C. O., Amstadter, A. B. e York, T. P. (2017). Disturbo post-traumatico da stress e dipendenza da alcol: epidemiologia e ordine di insorgenza. Trauma psicologico: teoria, ricerca, pratica e politica, 9 (4), 485-492. doi:10.1037/tra0000185. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27617659/
  5. Boden, J. M. e Fergusson, D. M. (2011). Alcol e depressione. Dipendenza, 106(5), 906-914. doi:10.1111/j.1360-0443.2010.03351.x. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/21382111/
  6. Charney, D. A., Heath, L. M., Zikos, E., Palacios-Boix, J. e Gill, K. J. (2015). Risultati di consumo più scarsi con il trattamento con citalopram per la dipendenza da alcol: uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo. Alcolismo: ricerca clinica e sperimentale, 39 (9), 1756-1765. doi:10.1111/acer.12802. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/26208048/
  7. DailyMed – Compressa di Citalopram bromidrato, rivestita con film. (2019). Estratto il 06 novembre 2020 da https://dailymed.nlm.nih.gov/dailymed/drugInfo.cfm?setid=2632b547-2e13-447f-ac85-c774e437d6a8
  8. Fava, G. A., Gatti, A., Belaise, C., Guidi, J., & Offidani, E. (2015). Sintomi di astinenza dopo la sospensione dell'inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina: una revisione sistematica. Psicoterapia e psicosomatica, 84(2), 72-81. doi:10.1159/000370338. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/25721705/
  9. Grant, B. F., Stinson, F. S., Dawson, D. A., Chou, S. P., Dufour, M. C., Compton, W., . . . Kaplan, K. (2004). Prevalenza e co-occorrenza di Disturbi da Uso di Sostanze e Disturbi Indipendenti dell'Umore e dell'Ansia. Archives of General Psychiatry, 61(8), 807. doi:10.1001/archpsyc.61.8.807. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/15289279/
  10. Li, Z., Guo, X., Liu, Y., Sun, G., Sun, Y., Guan, Y., . . . Abraham, MR (2016). Relazione tra consumo di alcol pesante e prolungamento dell'intervallo QTc. L'American Journal of Cardiology, 118(8), 1201-1206. doi:10.1016/j.amjcard.2016.07.033. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27561189/
  11. Lovinger, D.M. (1997). Il ruolo della serotonina negli effetti dell'alcol sul cervello. Alcol Salute e mondo della ricerca, 21 (2), 114-120. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6826824/
  12. MedlinePlus. (2018). Citalopram: informazioni sui farmaci MedlinePlus. Estratto il 01 novembre 2020 da https://medlineplus.gov/druginfo/meds/a699001.html
  13. Naglich, A. C., Bozeman, S., Brown, E. S. e Adinoff, B. (2019). Effetto degli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina sull'utilizzo sanitario in pazienti con disturbo post-traumatico da stress e disturbo da uso di alcol. Alcol e alcolismo, 54(4), 428-434. doi:10.1093/alcalc/agz045. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/311885085/
  14. Istituto nazionale sull'abuso di alcol e l'alcolismo (NIAAA). (2020). Disturbo da uso di alcol: un confronto tra DSM-IV e DSM-5. Estratto il 16 novembre 2020 da https://www.niaaa.nih.gov/publications/brochures-and-fact-sheets/alcohol-use-disorder-comparison-between-dsm
Vedi altro