Herpes labiale e herpes orale: cause, sintomi e trattamento

Herpes labiale e herpes orale: cause, sintomi e trattamento

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

i farmaci per la pressione sanguigna causano l'ed?

Se sei uno dei milioni di americani che hanno l'herpes orale, sai che può essere un problema fastidioso e doloroso. L'herpes orale, chiamato anche herpes labiale, è un'infezione virale che provoca piccole e dolorose vesciche intorno alla bocca e sulle labbra durante un'epidemia. Queste vesciche, comunemente chiamate herpes labiale o bolle di febbre, sono causate dal virus dell'herpes simplex di tipo 1 (HSV-1). Da notare, le afte, le ulcere piccole, poco profonde, rosse o bianche che si trovano all'interno della bocca e sulle gengive non sono correlate all'herpes orale. Se si ottiene l'herpes orale, purtroppo non esiste una cura, anche se può essere trattata con farmaci antivirali.

Vitali

  • L'herpes orale è causato dal virus dell'herpes simplex di tipo 1 (HSV-1).
  • I sintomi più comuni dell'herpes orale sono piccole e dolorose vesciche intorno alla bocca e sulle labbra, comunemente note come herpes labiale.
  • L'HSV-1 è comunemente diffuso da persona a persona attraverso baci, condivisione di utensili, bicchieri, tazze, bottiglie d'acqua, asciugamani, balsamo per le labbra o rasoi o attraverso il sesso orale.
  • Non esiste una cura per l'herpes orale, anche se esistono farmaci antivirali che possono trattarlo efficacemente.

In che modo l'herpes orale è correlato all'herpes genitale? È un termine improprio?

I virus della famiglia dei virus dell'herpes causano sia l'herpes orale che l'herpes genitale. L'HSV-1 causa principalmente l'herpes orale e l'HSV-2 causa principalmente l'herpes genitale. Tuttavia, c'è qualche crossover: alcuni casi di herpes genitale sono causati da HSV-1 quando il virus si diffonde attraverso il sesso orale. Anche se il due virus sono strettamente correlati , avere un'infezione da HSV-1 non ha dimostrato di prevenire un'infezione da HSV-2, ma può prevenire i sintomi (Langenberg, 1999). Quindi, per rispondere alla domanda, no, l'herpes orale non è un termine improprio, ma di solito non è causato dallo stesso virus che causa l'herpes genitale.



Annuncio pubblicitario

Trattamento efficace per l'herpes labiale



meglio del viagra da banco

La tranquillità e il trattamento prescritto di cui hai bisogno senza gli scomodi viaggi in farmacia.

Per saperne di più

Quanto è comune l'herpes orale?

HSV-1, il virus che causa l'herpes orale, è onnipresente. In tutto il mondo, si stima che 3,7 miliardi di persone sono infettate da HSV-1 (Cercatore, 2015). È più diffuso nelle aree a basso e medio reddito del mondo, ma rimane diffuso negli Stati Uniti, che colpisce quasi la metà della popolazione (Xu, 2006). Molte persone sono state infettate da HSV-1 da bambini, con tassi di HSV-1 che vanno oltre 25% entro i 7 anni (Xu, 2007). I membri della famiglia sono una fonte comune di trasmissione nei bambini, ma i bambini spesso possono trasmetterla l'un l'altro, specialmente negli asili nido. La buona notizia è che il Le infezioni da HSV-1 stanno diminuendo negli Stati Uniti , passando dal 62% nel 1988 al 1994 al 47,5% nel 2015 al 2016 (McQuillan, 2018).

cos'è il propranololo usato per l'ansia?

Quali sono i sintomi dell'herpes orale?

Prima di tutto, anche se sei infetto da HSV-1, potrebbe non significare che avrai alcun sintomo. Studi hanno dimostrato che solo circa 1 persona su 4 precedentemente infettata da HSV-1 ha mai avuto sintomi (Oliver, 1995). Tieni presente che anche se non hai mai avuto segni di herpes orale, puoi comunque diffonderlo ad altri. Se si verificano sintomi di herpes orale, in genere includono piccole vesciche piene di liquido dentro e intorno alla bocca. I tuoi sintomi durante l'infezione primaria (o prima) sono generalmente peggiori di qualsiasi episodio ricorrente che potresti avere in futuro. Potresti anche provare febbre, dolori muscolari, mal di gola, linfonodi ingrossati o mal di testa. Nei bambini, questi sintomi possono essere abbastanza gravi da richiedere il ricovero in ospedale per disidratazione o controllo del dolore. Questo può durare fino a 2 settimane prima di andare via.

Dopo che i sintomi sono scomparsi per la prima volta, il virus entra in uno stato latente, o dormiente, in un fascio di cellule nervose chiamato ganglio trigemino. Nel 20-40% delle persone infette da HSV-1 , il virus uscirà di nuovo da queste cellule e si riattiverà (Spruance, 1977). Quando lo fa, si chiama infezione ricorrente e causerà l'herpes labiale, le classiche piccole vesciche intorno alla bocca e alle labbra. Poiché il tuo sistema immunitario ha già visto il virus in precedenza, i sintomi gravi e sistemici che sono comparsi durante l'infezione primaria di solito non sono presenti. Circa un giorno prima della comparsa delle piaghe, potresti provare dolore, bruciore, formicolio e prurito intorno alla bocca e alle labbra. Questo è chiamato prodromo ed è un ottimo momento per assumere farmaci antivirali per ridurre o fermare i sintomi di un focolaio. L'herpes labiale guarirà dopo cinque-otto giorni e scomparirà fino al prossimo focolaio.



Come si trasmette l'herpes orale e quali sono i fattori di rischio per l'acquisizione dell'herpes orale?

L'HSV-1 si trasmette da persona a persona attraverso il contatto diretto con le piaghe da herpes, il contatto con la pelle, il contatto orale o il contatto con la saliva infetta. È comune diffondere l'HSV-1 attraverso baci, condivisione di utensili, bicchieri, tazze, bottiglie d'acqua, asciugamani, balsamo per le labbra o rasoi o attraverso il sesso orale. Anche se non hai alcun sintomo di herpes orale, puoi comunque infettare gli altri con HSV-1. Tuttavia, è più probabile che diffonda HSV-1 quando si hanno sintomi perché è il periodo in cui i livelli virali sono più alti.

Ci sono alcuni gruppi di persone che sono particolarmente ad alto rischio di contrarre l'HSV-1. Gli atleti che praticano sport di contatto, in particolare i lottatori, sono ad alto rischio perché la loro saliva viene spesso a contatto con la pelle rotta. Nel 2007 c'è stato un grande epidemia in Minnesota dopo che un torneo di wrestling al liceo ha provocato 54 atleti con infezioni sintomatiche entro un mese (Anderson, 2008). È così comune nei lottatori che alcuni ricercatori l'hanno chiamato 'herpes gladiatorum'. Altri gruppi ad alto rischio includono i bambini - l'HSV-1 viene trasmesso dal tratto genitale materno durante il parto - e gli adolescenti sessualmente attivi, che sono a maggior rischio per entrambi herpes genitale e orale.

Cosa può causare un'epidemia di herpes orale?

Sebbene la riattivazione dell'herpes orale non sia completamente compresa, febbre, mestruazioni, luce solare, infezioni delle alte vie respiratorie, stress e scarsa funzione immunitaria sono stati tutti legato a recidive di herpes orale (Progettazione, 2008). Trauma alla zona precedentemente infetta , come il lavoro dentale o la chirurgia, può anche essere un fattore scatenante per la recidiva (Young, 1976).

Come si cura l'herpes orale? Puoi liberartene?

L'herpes orale è un'infezione permanente (non esiste una cura), ma sono disponibili opzioni di trattamento per mitigare e prevenire i sintomi. Prima di tutto, ci sono tre farmaci antivirali orali approvati per il trattamento episodico di un'epidemia di herpes orale: aciclovir, famciclovir e valaciclovir. L'aciclovir deve essere assunto più frequentemente degli altri due farmaci, ma in genere è più economico. Gli antivirali dovrebbero essere avviati al primo segno di un focolaio. Alcuni operatori sanitari prescrivono questi stessi farmaci su base continuativa per la prevenzione di epidemie in pazienti con episodi ricorrenti. Sono disponibili anche trattamenti topici per le epidemie episodiche: docosanolo, penciclovir e aciclovir.

Inoltre, alcune persone si affidano a farmaci da banco per controllare il dolore e gestire i loro sintomi. Anche succhiare il ghiaccio o bere bevande fredde può attenuare il dolore. Tuttavia, è stato dimostrato che solo i farmaci antivirali riducono o prevengono le epidemie di herpes orale.

Riferimenti

  1. Anderson, BJ (2008). Gestire le epidemie di herpes Gladiatorum nel wrestling competitivo. Rapporti attuali di medicina sportiva, 7(6), 323-327. doi: 10.1249/jsr.0b013e31818eebde, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19005353
  2. Langenberg, A. G., Corey, L., Ashley, R. L., Leong, W. P. e Straus, S. E. (1999). Uno studio prospettico su nuove infezioni da virus dell'herpes simplex di tipo 1 e di tipo 2. Gruppo di studio sul vaccino Chiron HSV. New England Journal of Medicine, 341(19), 1432–1438. doi: 10.1056/nejm199911043411904, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10547406
  3. Looker, K. J., Magaret, A. S., May, M. T., Turner, K. M. E., Vickerman, P., Gottlieb, S. L. e Newman, L. M. (2015). Stime globali e regionali delle infezioni da virus Herpes Simplex di tipo 1 prevalenti e incidenti nel 2012. PLOS One, 10(10). doi: 10.1371/journal.pone.0140765, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26510007
  4. McQuillan, G., Kruszon-Moran, D., Flagg, E. W. e Paulose-Ram, R. (2018). Prevalenza del virus dell'herpes simplex di tipo 1 e di tipo 2 nelle persone di età compresa tra 14 e 49 anni: Stati Uniti, 2015-2016. NCHS Data Briefs, (308), 1-8. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed?term=29442994
  5. Oliver, L., Wald, A., Kim, M., Zeh, J., Selke, S., Ashley, R. e Corey, L. (1995). Sieroprevalenza delle infezioni da virus herpes simplex in una clinica di medicina di famiglia. Archivi di medicina di famiglia, 4(3), 228-232. doi: 10.1001/archfami.4.3.228, https://europepmc.org/article/med/7881604
  6. Opstelten, W., Neven, A. K., & Eekhof, J. (2008). Trattamento e prevenzione dell'herpes labiale. Medico di famiglia canadese, 54(12), 1683–1687. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2602638/#
  7. Spruance, S.L., Overall, J.C., Kern, E.R., Krueger, G.G., Pliam, V., & Miller, W. (1977). La storia naturale dell'herpes simplex labiale ricorrente. New England Journal of Medicine, 297 (2), 69-75. doi: 10.1056/nejm197707142970201, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2602638/#
  8. Xu, F., Sternberg, M. R., Kottiri, B. J., Mcquillan, G. M., Lee, F. K., Nahmias, A. J., … Markowitz, L. E. (2006). Tendenze nella sieroprevalenza del virus dell'herpes simplex di tipo 1 e di tipo 2 negli Stati Uniti. JAMA, 296(8), 964–973. doi: 10.1001/jama.296.8.964, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16926356
  9. Xu, F., Lee, F. K., Morrow, R. A., Sternberg, M. R., Luther, K. E., Dubin, G. e Markowitz, L. E. (2007). Sieroprevalenza del virus dell'herpes simplex di tipo 1 nei bambini negli Stati Uniti. Il Journal of Pediatrics, 151 (4), 374-377. doi: 10.1016/j.jpeds.2007.04.065, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17889072
  10. Young, S.K., Rowe, N.H., & Buchanan, R.A. (1976). Uno studio clinico per il controllo delle infezioni da virus dell'herpes mucocutaneo facciale. I. Caratterizzazione della storia naturale in una popolazione scolastica professionale. Chirurgia orale, medicina orale, patologia orale, 41(4), 498-507. doi: 10.1016/0030-4220(76)90277-2, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/1063349
Vedi altro