Vaccini COVID-19 in sviluppo: cosa possiamo aspettarci e quando?


Vaccini COVID-19 in sviluppo: cosa possiamo aspettarci e quando?

Importante

Le informazioni sul nuovo coronavirus (il virus che causa il COVID-19) sono in continua evoluzione. Aggiorneremo periodicamente il nostro nuovo contenuto sul coronavirus in base ai risultati sottoposti a revisione paritaria appena pubblicati a cui abbiamo accesso. Per le informazioni più affidabili e aggiornate, visitare il Sito web CDCC o il I consigli dell'OMS per il pubblico.

Dal suo inizio a Wuhan, in Cina, alla fine del 2019, la nuova malattia da coronavirus 2019 (COVID-19) è diventata una pandemia globale che colpisce oltre 96 milioni persone in tutto il mondo e più di 24 milioni persone negli Stati Uniti (al 18 gennaio 2021) (ArcGis, 2020). Molte persone con infezioni da COVID-19 non hanno sintomi o hanno solo sintomi lievi. Purtroppo questo contribuisce alla diffusione perché è possibile trasmettere il virus ad altri anche se non ci si sente male. quando sintomi si verificano, tendono a iniziare circa 2-10 giorni dopo l'esposizione a COVID-19, secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC, 2020). I sintomi di COVID-19 includono (CDC, 2020):



  • Tosse
  • Febbre o brividi
  • Dolore muscolare (mialgie)
  • Mal di testa
  • Mancanza di respiro (dispnea)
  • Tosse con muco
  • Gola infiammata
  • Diarrea
  • Nausea
  • Perdita dell'olfatto (anosmia)
  • Cambiamento del senso del gusto (disgeusia)
  • Mal di stomaco
  • Rinorrea

Vitali

  • Il COVID-19, causato dal nuovo coronavirus SARS-CoV-2, è una pandemia globale che colpisce milioni di persone.
  • Utilizzando il paradigma pandemico dello sviluppo di vaccini, i ricercatori hanno sviluppato una gamma di diversi vaccini candidati.
  • Il vaccino prodotto da Pfizer è diventato disponibile per le persone di età superiore agli 80 anni all'inizio di dicembre.

    La FDA ha anche approvato il vaccino Moderna per l'uso di emergenza a dicembre.
  • Ci sono anche trattamenti utilizzati per le persone che hanno già contratto il virus, tra cui remdesivir, favipiravir, desametasone e immunomodulatori.

Le persone anziane o con condizioni mediche croniche, come malattie cardiache, diabete, obesità e malattie polmonari, sono a maggior rischio di sviluppare malattie gravi. I sintomi gravi possono richiedere il ricovero in ospedale, il ricovero nell'unità di terapia intensiva (ICU), il supporto di ossigeno o la ventilazione meccanica (intubazione). Nei casi peggiori, COVID-19 ha portato alla morte in oltre 400.000 persone negli Stati Uniti e oltre 2 milioni di persone mondiale (ArcGis, 2021).

Vaccini contro il covid-19

In tutto il mondo, gli scienziati stanno lavorando duramente su una serie di vaccini COVID-19. Molti dei candidati al vaccino sono inizialmente progettati per trattare altre malattie, come Ebola, SARS e influenza, ma vengono modificati per l'uso contro il COVID-19. All'inizio di dicembre, il Regno Unito ha esteso l'accesso a un vaccino prodotto da Pfizer per i cittadini di età superiore agli 80 anni. Gli studi clinici hanno dimostrato che il vaccino era efficace per oltre il 90%. I cittadini riceveranno due dosi (CNN, 2020). Successivamente, gli Stati Uniti hanno iniziato a distribuire il vaccino di Pfizer, seguito da quello di Moderna, iniziando con i lavoratori in prima linea e gli individui ad alto rischio di contrarre un grave caso di virus. Potrebbe volerci del tempo prima che i vaccini siano ampiamente disponibili negli Stati Uniti.

come ottenere un ding dong più grande?

Lo sviluppo del vaccino di solito richiede molto tempo—circa dieci anni in media (Pronker, 2013). In genere, dopo aver trascorso molti anni nell'arena dei test preclinici, un vaccino può essere testato su un piccolo gruppo di persone per osservare gli effetti collaterali e determinare la dose migliore: si tratta di studi clinici di fase 1. La fase 2 coinvolge più persone per vedere come funziona e eventuali effetti collaterali aggiuntivi.



quanto la metformina abbasserà la glicemia?

Infine, ci sono studi di fase 3 che testano il vaccino su migliaia di persone per periodi più estesi. Dopo la fase 3, è possibile ottenere la licenza e la produzione su larga scala del vaccino. Poiché ogni fase delle sperimentazioni sui vaccini deve essere completata e i dati devono essere analizzati prima che possa iniziare la fase successiva, questo processo richiede anni.

Tuttavia, alla luce della pandemia globale causata da SARS-Cov2, devono essere utilizzate nuove strategie. La Coalition for Epidemic Preparedness Innovation (CEPI), un'organizzazione internazionale non governativa, sostiene lo sviluppo di vaccini per malattie epidemiche, come il COVID-19. Il paradigma pandemico ha permesso ai ricercatori di ridurre il tempo dalla ricerca di laboratorio sui vaccini alle sperimentazioni cliniche dai tradizionali 3-4 anni fino a 16 settimane (Lurie, 2020).

Ad esempio, nel caso dei vaccini COVID-19, gli studi clinici di fase 1 sull'uomo sono iniziati contemporaneamente agli studi sugli animali. La maggior parte dei vaccini in fase di sviluppo agisce contro il proteina spike del guscio esterno (la corona) della particella virale, ma i dettagli variano a seconda dello sviluppatore (Thanh Le, 2020). I vaccini candidati utilizzano piattaforme diverse per influenzare le particelle di coronavirus: ci sono vaccini a DNA, vaccini a virus inattivati, vaccini a mRNA e vaccini a vettori virali non replicanti.



È sicuro svolgere queste attività durante la pandemia di COVID-19?

8 minuti di lettura


Nell'ottobre del 2020, Pfizer ha annunciato che i primi dati sul vaccino contro il coronavirus che stavano sviluppando hanno dimostrato 90% di efficacia nel prevenire l'infezione senza seri problemi di sicurezza (NYTimes, 2020). Poi, all'inizio di dicembre, il vaccino di Pfizer ha ricevuto l'autorizzazione per l'uso di emergenza dalla FDA, seguita dall'approvazione per il vaccino Moderna una settimana dopo. Mentre la distribuzione iniziale durante le ultime settimane del 2020 sarà limitata a individui ad alto rischio e lavoratori essenziali, la distribuzione sarà ampliata all'inizio del 2021.

Altri trattamenti

Scienziati di tutto il mondo non stanno solo lavorando a un vaccino contro il COVID-19. Stanno anche studiando potenziali trattamenti per alleviare i sintomi di SARS-CoV-2. Possibili trattamenti includono antivirali, plasma convalescente e immunomodulatori (NIH, 2020). L'idrossiclorochina era una potenziale opzione di trattamento all'inizio, ma da allora è caduta in disgrazia a causa di preoccupazioni per il rischio di problemi del ritmo cardiaco e morte in alcune persone (PESCE, 2020).

il massaggio prostatico aiuta con l'ingrossamento della prostata?

I farmaci antivirali interferiscono con la capacità del virus di replicarsi. Il farmaco antivirale remdesivir è stato approvato dalla FDA nell'ottobre 2020 per il trattamento del COVID-19. Questo farmaco, che viene somministrato per iniezione, è stato dimostrato in studi clinici per accorciare i tempi di ricovero e migliorare i sintomi nei pazienti ospedalizzati (Beigel, 2020). Suo attualmente approvato per il trattamento di adulti e bambini di età superiore ai 12 anni ricoverati per COVID-19 (FDA, 2020).

Gli studi clinici sono già iniziati il favipiravir , un antivirale inizialmente sviluppato per il trattamento dell'influenza (Stanford, 2020). Questo farmaco viene testato non solo su pazienti COVID-19 ospedalizzati, ma anche su persone i cui sintomi non giustificano il ricovero.

La FDA ha anche concesso autorizzazione all'uso di emergenza per un farmaco chiamato bamlanivimab, prodotto da una società chiamata Regeneron. Questo farmaco è un tipo di anticorpo monoclonale, che è essenzialmente una versione prodotta in laboratorio di uno strumento utilizzato dal nostro sistema immunitario per combattere le infezioni. Sebbene questo farmaco abbia mostrato alcuni risultati promettenti, non è per tutti. È specificamente utilizzato nei pazienti a rischio di sviluppare un caso di coronavirus grave o potenzialmente letale (FDA, 2020).

COVID-19 vs SARS vs MERS: in cosa differiscono?

6 minuti di lettura

come aumentare il tuo desiderio sessuale uomini

Il plasma convalescente è plasma sanguigno prelevato da persone che si sono riprese dall'infezione da SARS-CoV-2. Questo plasma può contenere anticorpi contro il virus e, se somministrato abbastanza presto a un paziente con una grave infezione da COVID-19, potrebbe aiutarlo a combattere la malattia in modo più rapido ed efficace. Questo trattamento è ancora considerato sperimentale e, secondo il National Institutes of Health, esiste informazioni insufficienti raccomandare a favore o contro l'uso del plasma convalescente (NIH, 2020).

Gli immunomodulatori, come il desametasone, aiutano a regolare la risposta immunitaria. Il COVID-19 può causare una reazione eccessiva del sistema immunitario del tuo corpo, portando a sintomi gravi (come l'ARDS) e può danneggiare i tuoi polmoni e altri organi (portando alla morte nei casi peggiori). Tenendo sotto controllo il tuo sistema immunitario, questi tipi di farmaci possono migliorare la mortalità e gli esiti complessivi.

desametasone viene utilizzato in pazienti COVID-19 che sono ricoverati in ospedale e richiedono ossigeno supplementare o ventilazione meccanica (intubazione) (NIH, 2020). Altri immunomodulatori in esame sono gli inibitori dell'interleuchina-6 (IL-6) (ad es. tocilizumab , sarilumab e siltuximab) e cocktail di anticorpi, come REGN-COV2 (UpToDate, 2020).

Cosa puoi fare adesso?

Mentre siamo tutti in attesa di una più ampia distribuzione dei vaccini per la prevenzione del COVID, ci sono misure che puoi adottare per proteggere te stesso, la tua famiglia e la tua comunità. Ricorda di praticare il distanziamento sociale quando sei fuori casa: evita grandi gruppi di persone e stai ad almeno un metro di distanza dagli altri. Indossa una mascherina in pubblico e lavati spesso le mani.

Riferimenti

  1. Dashboard ArcGIS. (2020). Estratto il 19 ottobre 2020 da https://gisanddata.maps.arcgis.com/apps/opsdashboard/index.html#/bda7594740fd40299423467b48e9ecf6
  2. Beigel, J. (2020, 8 ottobre). Remdesivir per il trattamento del Covid-19 – Rapporto finale. Il New England Journal of Medicine. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32445440/

    Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) - Sintomi del coronavirus (2020). Estratto il 31 luglio 2020 da https://www.cdc.gov/coronavirus/2019-ncov/symptoms-testing/symptoms.html
  3. FDA: Ufficio del Commissario. (22 ottobre 2020) La FDA approva il primo trattamento per COVID-19. Estratto il 27 ottobre 2020 da https://www.fda.gov/news-events/press-announcements/fda-approves-first-treatment-covid-19

    Linee guida della Infectious Diseases Society of America (IDSA) sul trattamento e la gestione dei pazienti con COVID-19. (2020). Estratto il 31 luglio 2020 da https://www.idsociety.org/practice-guideline/covid-19-guideline-treatment-and-management/
  4. Lurie, N., Saville, M., Hatchett, R. e Halton, J. (2020). Sviluppo di vaccini contro il Covid-19 a velocità pandemica. Giornale di medicina del New England, 382(21), 1969-1973. doi: 10.1056/nejmp2005630 https://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMp2005630
  5. Maxouris, C., & Levenson, E. (2020). CNN - Il dottor Anthony Fauci afferma che è 'tempo di crisi' per lo sviluppo del vaccino. Estratto il 31 luglio 2020 da https://www.cnn.com/2020/07/27/health/us-coronavirus-monday/index.html
  6. National Institutes of Health (NIH) - Pannello delle linee guida per il trattamento del COVID-19: Linee guida per il trattamento della malattia da coronavirus 2019 (COVID-19) (24 luglio 2020). Estratto il 31 luglio 2020 da https://www.covid19treatmentguidelines.nih.gov/
  7. Pronker, E., Weenen, T., Commandeur, H., Claassen, E., & Osterhaus, A. (2013). Rischio nella ricerca e sviluppo di vaccini quantificato. Plos UNO, 8(3), e57755. doi: 10.1371/journal.pone.0057755 https://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0057755
  8. Stanford Medicine News Center – Studio di Stanford Medicine per testare favipiravir per il trattamento di pazienti ambulatoriali COVID-19. (2020). Estratto il 31 luglio 2020 da http://med.stanford.edu/news/all-news/2020/06/stanford-medicine-trial-tests-favipiravir-for-covid-19.html
  9. Thanh Le, T., Andreadakis, Z., Kumar, A., Gómez Román, R., Tollefsen, S., Saville, M. e Mayhew, S. (2020). Il panorama dello sviluppo del vaccino contro il COVID-19. Nature Review Drug Discovery, 19 (5), 305-306. doi: 10.1038/d41573-020-00073-5 https://www.nature.com/articles/d41573-020-00073-5
  10. Aggiornato. Malattia di coronavirus 2019 (COVID-19): gestione negli adulti ospedalizzati. (2020, 27 luglio). Estratto il 31 luglio 2020 da https://www.uptodate.com/contents/coronavirus-disease-2019-covid-19-management-in-hospitalized-adults
  11. Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti (HHS) - L'HHS accelera le sperimentazioni cliniche, si prepara alla produzione di vaccini COVID-19. (2020). Estratto il 29 luglio 2020 da https://www.hhs.gov/about/news/2020/03/30/hhs-accelerates-clinical-trials-prepares-manufacturing-covid-19-vaccines.html
  12. Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) – Progetto di panorama dei vaccini candidati COVID-19. (28 luglio 2020). Estratto il 31 luglio 2020 da https://www.who.int/publications/m/item/draft-landscape-of-covid-19-candidate-vaccines
Vedi altro