Diabete: cause, sintomi, diagnosi e trattamento

Diabete: cause, sintomi, diagnosi e trattamento

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi di carattere medico, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli su Health Guide sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Sommario

  1. Diabete di tipo 1
  2. Diabete di tipo 2
  3. Diabete gestazionale
  4. prediabete
  5. I sintomi del diabete
  6. Diagnosi del diabete
  7. Vivere con il diabete

Il diabete mellito è una malattia cronica che causa un aumento della glicemia superiore al normale. Il glucosio è il carburante che il corpo utilizza per svolgere tutte le sue funzioni. Quando la glicemia sale a livelli anormali, si parla di iperglicemia. La parola diabete in greco significa travasare. È stato notato che le persone con diabete hanno passato grandi quantità di urina. Mellitus è latino per dolce perché è stato anche notato che l'urina delle persone con diabete aveva un sapore dolce a causa dell'elevata quantità di zucchero che conteneva.

Esistono due tipi di diabete mellito. Nel diabete di tipo 1, il sistema immunitario dell'organismo distrugge le cellule del pancreas che producono insulina. L'insulina è l'ormone che regola l'uso del glucosio nel corpo. Nel diabete di tipo 2, le cellule del corpo non rispondono normalmente all'insulina (chiamata insulino-resistenza). Il Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie stima che quasi il 10% degli americani abbia il diabete (CDC, 2017), inclusi circa 30 milioni di adulti. Circa 1 persona su 4 non sa nemmeno di avere il diabete.

Il diabete è il settima causa di morte negli USA e una delle malattie più costose con costi stimati di 327 miliardi di dollari nel 2017 (Diabetes Care, 2017). La buona notizia è che il moderno trattamento del diabete si sta evolvendo. E con una certa conoscenza del trattamento e della prevenzione del diabete, puoi prendere provvedimenti per migliorare la tua salute e vivere la tua vita migliore.

Annuncio pubblicitario

Oltre 500 farmaci generici, ciascuno $ 5 al mese

Passa a Ro Pharmacy per ottenere le tue prescrizioni riempite per soli $ 5 al mese ciascuna (senza assicurazione).

Per saperne di più

Il diabete è una malattia di fisiologia dell'insulina disordinata (Wilcox, 2005), il che significa che la funzione dell'insulina nel corpo è anormale. Ciò può essere dovuto a una produzione insufficiente di insulina (tipo 1) o alla resistenza delle cellule del corpo agli effetti dell'insulina (tipo 2). Quindi cos'è l'insulina e cosa fa?

L'insulina è un ormone peptidico, il che significa che è composta da proteine. Gli ormoni sono molecole prodotte dalle ghiandole e rilasciate nel flusso sanguigno dove viaggiano verso altri organi e portano loro messaggi. Gli ormoni peptidici funzionano legandosi ai recettori sulle membrane cellulari e inviando messaggi alla cellula da lì. C'è anche un altro tipo di ormone, chiamato ormoni steroidei, che è fatto di colesterolo. Gli ormoni steroidei funzionano attraversando le membrane cellulari e trasmettendo i loro messaggi alla cellula in modo più diretto.

L'insulina ha molte funzioni nel corpo. Una delle sue funzioni principali è quella di regolare la quantità di glucosio nel sangue. Il controllo della glicemia da parte dell'insulina può essere riassunto nei seguenti passaggi:

  • Quando si mangia un pasto contenente carboidrati o proteine, al pancreas viene segnalato di rilasciare insulina nel flusso sanguigno.
  • Molte cellule del corpo contengono recettori dell'insulina sulla loro superficie. Quando l'insulina si lega ai suoi recettori, avviene una reazione a catena che consente al glucosio di entrare nelle cellule muscolari e adipose.
  • L'insulina segnala anche al fegato di smettere di produrre glucosio (un processo chiamato gluconeogenesi) e di iniziare a produrre glicogeno, che è una forma di stoccaggio del glucosio.

Prese insieme, queste azioni impediscono ai livelli di zucchero nel sangue di schizzare alle stelle dopo aver mangiato un pasto. Subito dopo essere stato mangiato, il cibo viene scomposto nei suoi componenti e il glucosio è uno di questi componenti. La regolazione dei livelli di glucosio è fondamentale per mantenere il corpo in funzione correttamente. Quando le persone non producono abbastanza insulina (diabete di tipo 1) o le loro cellule non rispondono all'insulina (diabete di tipo 2), i livelli di zucchero nel sangue aumentano (iperglicemia). Ora puoi capire perché l'insulina è così importante quando si parla di diabete.

Tipi di diabete

I tre tipi più importanti di diabete sono il tipo 1, il tipo 2 e il diabete gestazionale. Tutti e tre determinano livelli di zucchero nel sangue più elevati, ma sono diversi e richiedono un trattamento diverso.

Vitali

  • Il diabete si riduce alla funzione dell'insulina nel corpo che è anormale.
  • Il tipo 1 si riferisce alle cellule di insulina che vengono distrutte nel pancreas dal sistema immunitario, mentre il tipo 2 si sviluppa quando le cellule del corpo non rispondono all'insulina.
  • Il diabete gestazionale è transitorio e si sviluppa quando una donna è incinta.
  • Insieme ai progressi della medicina, oggi sono disponibili molte altre risorse per aiutare le persone a gestire il diabete e vivere la loro vita migliore.

Nozioni di base sul diabete di tipo 1

Il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune, il che significa che il sistema immunitario del corpo distrugge le cellule del pancreas che producono insulina. Questo di solito accade nell'infanzia o nella prima età adulta. Senza insulina, il glucosio (zucchero) non può entrare nelle cellule. Ciò causa la morte in poche settimane e fino agli anni '20 il diabete di tipo 1 era sempre fatale. Nel primi anni '20 (Wilcox, 2005), Eli Lilly ha iniziato a produrre in serie insulina dal pancreas dei maiali e delle mucche. Questo è stato il primo trattamento per il diabete di tipo 1 e ha prolungato la vita delle persone. Il problema con l'insulina prelevata dagli animali è che è leggermente diversa dall'insulina umana. Ciò ha indotto le persone a iniziare a produrre anticorpi e ad avere reazioni allergiche.

Nei decenni successivi, gli scienziati hanno scoperto come produrre insulina umana attraverso l'ingegneria genetica, nonché come produrre insuline ad azione più lunga e più breve. Questi progressi hanno risolto il problema delle reazioni allergiche, ma hanno anche aiutato a prevenire o ritardare le complicanze del diabete, come la cecità e il danno renale. Oggi esistono almeno cinque tipi di insulina con diverse lunghezze d'azione vendute da molte aziende farmaceutiche. Ciò consente di adattare il trattamento alla persona.

Il trattamento del diabete di tipo 1 richiede sempre iniezioni di insulina. Anche il trattamento dei fattori di rischio per le malattie cardiovascolari è una parte importante del trattamento poiché il diabete di tipo 1 è di per sé un fattore di rischio per le malattie cardiovascolari. Ciò include il trattamento dell'ipertensione e dei livelli di colesterolo, l'attività fisica e lo smettere di fumare.

Fattori di rischio e cause del diabete di tipo 1

La causa esatta del diabete di tipo 1 non è nota, ma è in gioco una combinazione di fattori genetici e ambientali. Geni specifici che le persone ereditano dai loro genitori li predispongono al diabete, ma è necessario un innesco ambientale per causare il diabete. Gli scienziati pensano che alcuni virus possano attivare il sistema immunitario per attaccare e distruggere le cellule del pancreas che producono insulina. I fattori di rischio per il diabete di tipo 1 includono:

  • Storia familiare: avere un genitore o un fratello con diabete di tipo 1 aumenta il rischio di sviluppare il diabete.
  • Età: il diabete di tipo 1 ha due picchi di età, uno tra i 5 ei 7 anni e un altro intorno alla pubertà, sebbene possa verificarsi anche più tardi nella vita.
  • Gara: caucasici (CDC, 2019) hanno un rischio maggiore di diabete di tipo 1 rispetto ad altre etnie.

Nozioni di base sul diabete di tipo 2

Nel diabete di tipo 2, il pancreas produce abbastanza insulina (nelle prime fasi), ma le cellule del corpo non rispondono come dovrebbero. Nel tempo, il corpo produce sempre più insulina per superare la resistenza delle cellule ai suoi effetti. Alla fine, il pancreas stesso viene danneggiato e non può produrre abbastanza insulina.

Poiché la resistenza delle cellule causa il diabete di tipo 2 all'insulina, il trattamento è diverso rispetto al diabete di tipo 1. La spina dorsale del trattamento è la modifica dello stile di vita, compresa la perdita di peso, l'esercizio fisico e una dieta sana. Esistono anche almeno otto classi di farmaci usati per trattare il diabete di tipo 2. Questi farmaci agiscono attraverso meccanismi diversi. Alcuni di loro aumentano la produzione di insulina da parte del corpo per superare la resistenza all'insulina. Altri funzionano abbassando la produzione di zucchero del fegato, mentre alcuni funzionano aumentando la quantità di zucchero che lascia il corpo nelle urine. L'insulina viene utilizzata anche nel diabete di tipo 2 quando la malattia progredisce. Come il diabete di tipo 1, il diabete di tipo 2 è un importante fattore di rischio per infarto e ictus, quindi parte del trattamento è la gestione aggressiva dei fattori di rischio cardiovascolare. Ciò include il trattamento dell'ipertensione e dei livelli di colesterolo e lo smettere di fumare.

Fattori di rischio e cause del diabete di tipo 2

Il diabete di tipo 2 è causato da una combinazione di fattori genetici, ambientali e di stile di vita. I fattori di rischio più importanti per il diabete di tipo 2 sono:

  • Essere in sovrappeso o obesi: secondo il Organizzazione mondiale della Sanità (OMS), il 90% delle persone con diabete di tipo 2 è sovrappeso o obeso (OMS, 2003).
  • Età: il rischio di diabete di tipo 2 aumenta dopo i 45 anni.
  • Stile di vita sedentario: uno stile di vita attivo è protettivo contro il diabete di tipo 2.
  • Razza: alcune etnie hanno un rischio maggiore di diabete di tipo 2. Questi includono afroamericani, nativi americani e nativi dell'Alaska, ispanici e isolani del Pacifico.
  • Donne che hanno avuto il diabete gestazionale
  • Donne con sindrome dell'ovaio policistico (PCOS)
  • Persone con prediabete
  • Persone con pressione alta

Nozioni di base sul diabete gestazionale

Il diabete gestazionale si verifica nelle donne in gravidanza che non avevano il diabete prima della gravidanza. Ciò aumenta i rischi di sviluppare la preeclampsia e di incubare i bambini troppo grandi per il parto vaginale. La causa del diabete gestazionale non è completamente compresa. La gravidanza stessa produce uno stato di insulino-resistenza (Aratri, 2018). Nelle persone con insulino-resistenza di fondo, questo può far aumentare i livelli di zucchero nel sangue fino al punto di avere il diabete. La pietra angolare del trattamento del diabete gestazionale è la modifica della dieta. Questi cambiamenti non sono sufficienti per alcune donne che dovranno assumere insulina o farmaci per via orale (ad esempio metformina) per controllare la glicemia. È importante notare che le donne che contraggono il diabete gestazionale sono a maggior rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 più avanti nella vita.

Fattori di rischio e cause del diabete gestazionale

Molti dei fattori di rischio per il diabete gestazionale sono gli stessi del diabete di tipo 2, tra cui:

  • Essere in sovrappeso o obesi
  • Avere più di 35
  • Avere uno stile di vita sedentario
  • Origine etnica. Alcune etnie hanno un rischio più elevato di diabete di tipo 2 gestazionale. Questi includono afroamericani, nativi americani e nativi dell'Alaska, ispanici e isolani del Pacifico.
  • Donne che hanno avuto il diabete gestazionale con una precedente gravidanza o hanno dato alla luce un bambino di peso superiore a 9 libbre
  • Donne con sindrome dell'ovaio policistico (PCOS)
  • Donne con prediabete prima della gravidanza
  • Donne con pressione alta o anamnesi di malattie cardiache

Prediabete: un bivio

Il prediabete è una condizione che precede il diabete di tipo 2. Nel prediabete, il corpo ha già problemi a regolare la glicemia, ma i livelli non sono ancora abbastanza nell'intervallo diabetico. Le persone con prediabete non sviluppano automaticamente il diabete di tipo 2. Lo stile di vita cambia come perdita di peso ed esercizio fisico (Diabetes Prevention Program Research Group, 2002) può prevenire la progressione dal prediabete al diabete. La metformina, un farmaco usato per trattare il diabete di tipo 2, può anche prevenire la progressione del prediabete al diabete di tipo 2 in alcune persone.

I sintomi del diabete

I sintomi del diabete sono legati ad alti livelli di zucchero nel sangue. I classici sintomi del diabete di tipo 1 includono:

  • Urinare più del solito (anche di notte)
  • Sete e fame estreme
  • Dimagrire nonostante si mangi tanto
  • Debolezza e stanchezza

I sintomi del diabete di tipo 2 avanzato e del diabete gestazionale sono simili al diabete di tipo 1.
Tuttavia, è importante capire che le persone con diabete di tipo 2 e diabete gestazionale spesso non hanno sintomi a meno che la malattia non sia avanzata e il loro livello di zucchero nel sangue sia estremamente alto. Ecco perché lo screening regolare del diabete è essenziale.

Avere una glicemia molto alta per lunghi periodi aumenta i rischi di danni agli organi, inclusi occhi, reni e nervi. Quando questi organi subiscono danni, le persone possono manifestare sintomi gravi come cecità, dolore ai nervi e segni e sintomi di insufficienza renale (difficoltà respiratorie, affaticamento, prurito, anemia, fratture ossee, ecc.).

Diagnosi di diabete di tipo 1 e 2 e prediabete

I medici in genere utilizzano uno dei tre test per diagnosticare il diabete o il prediabete:

  • Glicemia a digiuno: digiuni per otto ore (senza cibo o bevande, solo acqua), quindi misuri i livelli di zucchero nel sangue.
  • Emoglobina A1C: a volte chiamata emoglobina glicata, questa è una misura complessiva di quante particelle di emoglobina nel sangue sono attaccate alle molecole di zucchero.
  • Test di tolleranza al glucosio orale di 2 ore (OGTT): comporta il consumo di 75 g (circa 2 ½ once) di glucosio (zucchero) e la misurazione della glicemia (e talvolta dei livelli di insulina) due ore dopo.

Il tuo corpo elabora sempre il glucosio e lo usa per produrre energia. Ciò significa che i livelli di glucosio possono variare durante il giorno o dopo determinate attività come mangiare, dormire o fare esercizio. Questo flusso costante rende difficile la misurazione accurata dei livelli di glucosio. Ecco perché, nella maggior parte dei casi, i medici richiedono un test di conferma se uno di questi test è anormale prima di fare una diagnosi.

Ogni test del glucosio ha i suoi pro e contro e il medico potrebbe preferire un test rispetto a un altro, a seconda della persona. Ad esempio, il test OGTT viene eseguito raramente, al di fuori della diagnosi di diabete gestazionale nelle donne in gravidanza. In confronto, il test dell'emoglobina A1C ha il vantaggio di non essere influenzato se si mangia subito prima del test. Il glucosio a digiuno e l'emoglobina A1C sono spesso usati insieme in quanto possono essere inclusi nello stesso prelievo di sangue dopo un digiuno notturno.

Come leggere il test della glicemia

Gli intervalli dei risultati del test della glicemia dovrebbero rientrare in una delle tre categorie: Normale, Prediabetico e Diabetico. Nel caso in cui queste sezioni non siano evidenziate, ecco gli intervalli di glucosio per normale, prediabete e diabete in ciascun test:

a che età il pene di un uomo smette di crescere?
Glicemia a digiuno Emoglobina A1C Test di tolleranza al glucosio orale di 2 ore (OGTT)
Normale: 70–99 mg/dL Normale:<5.7% Normale:<140 mg/dL
Prediabete: 100–125 mg/dL Prediabete: 5,7%–6,4% Prediabete: 140–199 mg/dL
Diabete: >125 mg/dL Diabete: > 6,4% Diabete: >199 mg/dL

Diagnosi del diabete gestazionale

Il Associazione americana per il diabete (ADA) raccomanda (ADA, 2017) che tutte le donne in gravidanza vengano sottoposte a screening per il diabete gestazionale a 24-28 settimane, indipendentemente dalla loro storia. Esistono due metodi per lo screening del diabete gestazionale, il metodo in una fase e il metodo in due fasi. Il metodo one-step prevede di bere 75 g di glucosio e quindi misurare la glicemia una e due ore dopo. Il metodo in due fasi prevede di bere 50 g di glucosio e quindi misurare la glicemia un'ora dopo. Se la glicemia a un'ora è superiore a 130, il secondo passaggio viene eseguito con una bevanda di glucosio da 100 g. I valori limite per la diagnosi del diabete gestazionale per il metodo in una fase e per la fase due del metodo in due fasi sono:

  • Glucosio a digiuno: one-step >91 mg/dL; a due fasi > 95 mg/dL
  • Glicemia a un'ora: >180 mg/dL per entrambi i test
  • Glicemia a due ore: one-step >153 mg/dL; a due fasi > 155 mg/dL
  • Glicemia a tre ore: one-step > non misurato; a due fasi >140 mg/dL

Zucchero nelle mie urine?

Raramente, altri test vengono utilizzati per vari scopi nelle persone con diabete. In circostanze normali, il rene filtra il glucosio nelle urine durante il processo di filtraggio del sangue. Tuttavia, normalmente non si trova glucosio nelle urine perché il rene ha trasportatori speciali che riassorbono il glucosio nel sangue.

Quando i livelli di glucosio nelle persone con diabete aumentano superiore a 200–250 mg/dL (Osaki, 2016), questi trasportatori raggiungono la capacità massima e il glucosio inizia a riversarsi nelle urine. In questi casi, un'astina di livello delle urine troverà il glucosio. Per inciso, molti dei sintomi della glicemia alta si verificano a causa di questo. Il glucosio nelle urine fa sì che ci siano volumi più elevati di urina. Quando le persone con livelli di zucchero molto alti urinano troppo, si disidratano. Ciò si traduce in perdita di peso, affaticamento, debolezza e sete estrema. Una causa secondaria di perdita di peso può comportare la perdita di calorie dal glucosio che si perde nelle urine.

E i chetoni?

Per la maggior parte, il diabete è una malattia cronica e curabile in questi giorni, ma le emergenze diabetiche si verificano ancora. Una delle emergenze diabetiche più importanti è chiamata chetoacidosi diabetica (DKA). È molto più comune con il diabete di tipo 1 che con il diabete di tipo 2. La DKA si verifica a causa di un'estrema carenza di insulina. Può anche essere causato da un fabbisogno di insulina superiore al normale dovuto a stress, come traumi, infezioni e infarti. Di solito, le persone con DKA hanno livelli di glucosio molto alti (oltre 250 mg/dL). In rari casi, le persone non hanno questi livelli di glucosio molto alti. È un processo complicato, ma le basi sono le seguenti.

  • Un'estrema carenza di insulina impedisce al glucosio di entrare nelle cellule.
  • Le cellule iniziano a bruciare aminoacidi e acidi grassi per produrre energia perché non hanno accesso al glucosio.
  • La combustione di quantità molto elevate di acidi grassi provoca una metabolizzazione incompleta di alcuni acidi grassi.
  • Questa combustione parziale degli acidi grassi produce grandi quantità di due chetoni, chiamati beta-idrossibutirrato e acetoacetato. Questi chetoni sono acidi e rendono acido il sangue.
  • Livelli molto elevati di zucchero nel sangue inducono la persona a urinare grandi quantità di urina, causando una grave disidratazione.
  • Grandi quantità di potassio vengono perse nelle urine, causando l'esaurimento del potassio del corpo.

I segni e i sintomi della DKA includono:

  • Nausea e vomito
  • Dolore addominale
  • Letargia e stanchezza
  • Battito cardiaco accelerato (tachicardia)
  • Respiri rapidi e profondi (respirazione di Kussmaul)
  • Odore fruttato al respiro
  • Nei casi più gravi, la confusione può essere causata da gonfiore al cervello.

DKA è un'emergenza medica e può portare alla morte fino al 5% dei casi (BMJ, 2015). La diagnosi di chetoacidosi diabetica si basa sull'avere un pH sanguigno acido (<7.3), elevated ketone levels in the blood and/or urine, and glucose levels, along with other labs measuring kidney function electrolytes in the blood.

Il trattamento della DKA include grandi quantità di liquidi IV, insulina IV e sostituzione di minerali per correggere le carenze minerali. L'istruzione è importante per prevenire le recidive.

Vivere con il diabete

Vivere con il diabete può essere difficile. Può causare ansia riguardo alle scelte alimentari e il cibo dovrebbe essere uno dei grandi piaceri della vita. Il diabete di tipo 1 e il diabete gestazionale possono essere particolarmente impegnativi in ​​quanto richiedono più controlli giornalieri della glicemia, tradizionalmente eseguiti con la puntura del dito. Anche alcune persone con diabete di tipo 2 (coloro che usano determinati farmaci, inclusa l'insulina) devono farlo. E poi ci sono tutte le preoccupazioni per la salute a lungo termine. Avrò un infarto a 40 anni? Potrò vedere i miei figli laurearsi o giocare con i miei nipoti? Il diabete mi impedirà di raggiungere i miei obiettivi di carriera? Queste sono solo alcune delle domande che le persone potrebbero porsi su come il diabete influenzerà la loro vita.

La buona notizia è che non c'è mai stato più spazio per aiutare le persone con diabete a vivere la migliore vita possibile. I progressi della medicina nella gestione del diabete e la riduzione dei fattori di rischio delle complicanze del diabete sono una parte importante della storia.

Gli ultimi anni hanno visto nuovi farmaci che riducono il rischio cardiovascolare nei pazienti con diabete di tipo 2. Alcuni di questi farmaci possono anche aiutare con la perdita di peso. La chirurgia bariatrica è diventata molto più sicura di quanto non fosse all'inizio e in alcuni casi può causare la remissione del diabete.

Le cose interessanti in fase di sviluppo includono il pancreas bionico e i trapianti di cellule insulari. Ciò comporta il trapianto di cellule sane che producono insulina in una persona con diabete di tipo 1 in modo che possa produrre la propria insulina.

Oltre ai progressi della medicina, oggi sono disponibili molte altre risorse per aiutare le persone a gestire il diabete. Oggi le app possono aiutare con scelte alimentari migliori. Le pompe per insulina e i glucometri continui (CGM) possono aiutare le persone con diabete di tipo 1 a gestire i loro regimi di insulina. I gruppi di supporto e gli educatori sul diabete possono aiutare a educare le persone su come prendersi cura del loro diabete mentre continuano a vivere la vita al massimo.

Con la giusta istruzione e supporto, le persone con diabete possono vivere una vita appagante e, con la medicina moderna, possono vivere una vita più lunga e più sana.

Riferimenti

  1. Associazione americana per il diabete. (2017). 2. Classificazione e diagnosi del diabete: standard di assistenza medica nel diabete—2018. Cura del diabete , 41 (Supplemento 1). doi: 10.2337/dc18-S002, https://care.diabetesjournals.org/content/41/Supplement_1/S13
  2. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. (n.d.). Rapporto nazionale sulle statistiche sul diabete, 2017 . Rapporto nazionale sulle statistiche sul diabete, 2017 . Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti. Recuperato da https://www.cdc.gov/diabetes/pdfs/data/statistics/national-diabetes-statistics-report.pdf
  3. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. (2019, 28 agosto). Chi è a rischio? Recuperato da https://www.cdc.gov/diabetes/basics/risk-factors.html .
  4. Chetoacidosi diabetica negli adulti. (2015). BMJ . doi: 10.1136 / bmj.h5866, https://www.bmj.com/content/351/bmj.h5866
  5. Costi economici del diabete negli Stati Uniti nel 2017. (2018). Cura del diabete , 41 (5), 917-928. doi: 10.2337 / dci18-0007, https://care.diabetesjournals.org/content/41/5/917
  6. Osaki, A., Okada, S., Saito, T., Yamada, E., Ono, K., Niijima, Y., … Yamada, M. (2016). La soglia renale per il riassorbimento del glucosio predice il miglioramento del diabete mediante la terapia con inibitori del cotrasportatore sodio-glucosio 2. Journal of Diabetes Investigation , 7 (5), 751–754. doi: 10.1111 / jdi.12473, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27181936
  7. Aratri, J., Stanley, J., Baker, P., Reynolds, C. e Vickers, M. (2018). La fisiopatologia del diabete mellito gestazionale Rivista internazionale di scienze molecolari , 19 (11), 3342. doi: 10.3390 / ijms19113342, https://www.mdpi.com/1422-0067/19/11/3342
  8. Gruppo di ricerca del programma di prevenzione del diabete. (2002). Riduzione dell'incidenza del diabete di tipo 2 con intervento sullo stile di vita o metformina. New England Journal of Medicine , 346 (6), 393–403. doi: 10.1056 / nejmoa012512, https://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMoa012512
  9. Wilcox, G. (2005). Insulina e insulino-resistenza. Le recensioni del biochimico clinico . Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1204764/
  10. Organizzazione mondiale della Sanità. (2003). Obesità e sovrappeso . Obesità e sovrappeso , Recuperato da https://www.who.int/news-room/fact-sheets/detail/obesity-and-overweight
Vedi altro