Diabete e dieta pre-diabete: il cibo come cura

Diabete e dieta pre-diabete: il cibo come cura

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Se ti è stato diagnosticato il diabete di tipo 2 o il prediabete, potresti sentirti confuso o incerto. Ma non dovresti sentirti impotente. Apportando alcune semplici modifiche allo stile di vita, puoi gestire la condizione prendendo il controllo dei livelli di glucosio nel sangue, forse anche al punto in cui non hai più bisogno di farmaci. Questo può aiutarti a evitare gli effetti più gravi del diabete, che includono malattie cardiovascolari, disfunzione erettile, problemi di vista e persino problemi di circolazione che possono portare all'amputazione.

Vitali

  • Il miglioramento del diabete fino al punto in cui i farmaci non sono più necessari è talvolta chiamato remissione del diabete e può essere ottenuto migliorando il controllo del glucosio.
  • Insieme all'attività fisica, apportare modifiche alla dieta può aiutare a ridurre la glicemia e aumentare la sensibilità all'insulina.
  • Una dieta prediabete o diabetica enfatizza gli alimenti ricchi di fibre, a basso contenuto di grassi e con un basso carico glicemico.
  • Discuti con il tuo medico in che modo un'alimentazione sana può influire sulla glicemia.

Che cos'è il diabete?

Prima di tutto, è importante ricordare che queste raccomandazioni si applicano solo al diabete di tipo 2, che è diverso dal tipo 1. Nel diabete di tipo 1, il pancreas ha difficoltà a produrre insulina, che il corpo utilizza per elaborare il glucosio per produrre energia, mantenendo lo zucchero nel sangue entro una gamma sana. Le persone con diabete di tipo 1 devono gestire la loro condizione con iniezioni di insulina prima di mangiare. Prima degli anni '20 e dell'introduzione dell'insulina iniettabile, il diabete di tipo 1 era sempre fatale.

Nel diabete di tipo 2, il pancreas produce insulina, almeno inizialmente, ma le cellule gli sono resistenti. In genere, l'insulino-resistenza si manifesta in risposta a scelte di dieta e stile di vita ed è fortemente associata al sovrappeso e alla sedentarietà. Alle persone con diabete di tipo 2 vengono spesso prescritti farmaci come la metformina per aiutare a tenere sotto controllo la glicemia.



Annuncio pubblicitario

Incontra Plenity —uno strumento di gestione del peso approvato dalla FDA



Plenity è una terapia solo su prescrizione. Per un uso sicuro e corretto di Plenity, parlare con un operatore sanitario o fare riferimento al Istruzioni per l'uso .

Per saperne di più

Che cos'è il prediabete?

Il prediabete è l'equivalente corporeo di una luce rossa lampeggiante a un passaggio a livello: qualcosa che vuoi schivare sta scendendo lungo il binario. Secondo il Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie , il prediabete è quando il livello di zucchero nel sangue è elevato ma non abbastanza alto da essere diabete di tipo 2 (CDC, 2019). Quasi 84 milioni di americani sono su quella barca e il 90% di noi non sa di esserlo. Presta attenzione a questo segnale di avvertimento e potresti essere in grado di invertire la condizione con la dieta e l'esercizio fisico gestendo meglio i livelli di glucosio.

Mettere il diabete in remissione


Non c'è modo di invertire il diabete. Tuttavia, potrebbe essere possibile controllare il diabete abbastanza bene con modifiche dello stile di vita che non è più necessario utilizzare farmaci per gestire il diabete. Questo è comunemente indicato come spingere il diabete in remissione.

Uno dei modi più efficaci per farlo: ripulisci la tua dieta e mantieni il tuo peso in un intervallo sano. L'obesità è il fattore di rischio n. 1 per il diabete di tipo 2. Ma tu hai il potere di cambiarlo. Studi hanno scoperto che perdere fino al 10% del peso corporeo totale può essere sufficiente per prevenire il diabete di tipo 2 (Berger, 2003).

Ecco alcuni modi per farlo.



Allontanati dalle bevande zuccherate

L'americano medio beve più di 200 calorie giornaliere. Prendi un paio di lattine di soda e ti avvicini a 300. I succhi trasformati sono un altro segreto dietetico. Bere bevande zuccherate è stato associato a obesità, diabete di tipo 2, carie e problemi ai reni: l'elenco potrebbe continuare. Quindi salta la soda e bevi acqua (puoi infonderla con frutta), tisane, caffè freddo o seltz.

Evita la carne lavorata

Le persone che mangiano carne rossa lavorata hanno un rischio molto più elevato di diabete. Avere solo una porzione al giorno (ad esempio, due fette di pancetta, due fette di salumi o un hot dog) è stato associato a più di un 20 percento di rischio in più di sviluppare il diabete di tipo 2 (Datz, 2014). Taglia la carne lavorata o eliminala dalla tua dieta: lo farai ridurre anche il rischio di cancro al colon (Santarelli, 2008).

Mangia più piante

Un Revisione degli studi di ottobre 2018 pubblicato sulla rivista BMJ Open Diabetes Research & Care ha esaminato più di 400 adulti di mezza età con diabete di tipo 2 (Toumpanakis, 2018). Ha scoperto che coloro che seguivano una dieta a base vegetale avevano miglioramenti significativi nel controllo della glicemia, nella perdita di peso e nei livelli di colesterolo, rispetto alle persone che non seguivano diete a base vegetale. Alcuni sono stati persino in grado di ridurre o eliminare i farmaci per il diabete. Se desideri provare la dieta a casa, concentrati su molte verdure, legumi (un must per proteine ​​e fibre), frutta, semi, cereali integrali e noci, consiglia Facoltà di Medicina di Harvard (Harvard, 2019). Ma non interrompere l'assunzione di farmaci senza prima parlare con il medico.

Anche se non diventi completamente vegetariano, cerca di ottenere da 5 a 7 porzioni di frutta e verdura ogni giorno. Frutta e verdura dovrebbero costituire metà del piatto a ogni pasto.

Fattore dell'indice glicemico e del carico glicemico di un alimento

Evita il pane bianco, i prodotti da forno lavorati e i cereali zuccherati. Quei carboidrati semplici possono far aumentare la glicemia e poi bloccarsi, portando a un'altra sessione di carico di carboidrati. Questo perché hanno un alto indice glicemico.

L'indice glicemico (GI) è un sistema che classifica gli alimenti su una scala da 1 a 100 in base al loro effetto sui livelli di zucchero nel sangue. I punteggi GI bassi sono inferiori a 55. I punteggi GI medi sono 55-69 e i punteggi GI alti sono 70-100.

Conoscere l'IG di un alimento è un strumento prezioso nella gestione del diabete o del prediabete (Riccardi, 2008). Ancora più prezioso è il carico glicemico (GL). GL è l'output di una formula che tiene conto della dimensione della porzione di un alimento oltre all'indice glicemico di tale alimento.

Carico Glicemico = GI/100 moltiplicato per i grammi netti di carboidrati pianificati (i carboidrati netti sono i grammi totali di carboidrati meno la fibra alimentare).

Inoltre, i carboidrati complessi come i cereali integrali richiedono più tempo per l'elaborazione da parte del corpo e ti fanno sentire sazio più a lungo. Assicurati solo di controllare l'etichetta dei valori nutrizionali: alcuni prodotti contrassegnati come grano intero o grano intero sono ricchi di zuccheri aggiunti.

E su quella nota, controlla le etichette dei valori nutrizionali

Il numero di prodotti che contengono zuccheri aggiunti potrebbe scioccarti, dai sughi per la pasta alle zuppe. Scegli quelli con poco o nessuno.

Ottieni più fibre

Come i cereali integrali, le fibre ti riempiono. La fibra solubile rallenta anche l'assorbimento della glicemia. La ricerca ha dimostrato che le persone che seguono una dieta ricca di fibre hanno minori probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2 (Riccardi, 2008). e un Revisione degli studi di 37 anni hanno scoperto che le persone con diabete di tipo 2 che aggiungono fibre alla loro dieta hanno visto riduzioni statisticamente significative dei livelli di zucchero nel sangue (Mcrae, 2018). Quindi fai il pieno di frutta e verdura, cereali integrali, fagioli, legumi, noci e semi.

Evita di mangiare fuori per la cucina casalinga

Sai che i fast food sono ricchi di scorte che dovresti evitare; vale a dire, calorie, grassi saturi e carboidrati semplici. Ma anche i ristoranti dall'apparenza salutare aggiungono di nascosto burro, panna e olio ai loro piatti per esaltare il sapore e farti tornare. Prepara più cibo a casa; in questo modo, sai esattamente cosa sta succedendo in ciò che stai mangiando. Enfatizza gli alimenti non trasformati che hanno un basso contenuto di grassi e un GL più basso e se hai poco tempo, ci sono una varietà di piani pasto a domicilio e guide alla preparazione dei pasti che possono aiutarti.

Riferimenti

  1. Berger, L. (2003, 22 giugno). La soluzione del 10 percento: perdere un po' porta grandi guadagni. Recuperato da https://www.nytimes.com/2003/06/22/health/the-10-percent-solution-losing-a-little-brings-big-gains.html .
  2. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. (2019, 30 maggio). Prediabete: la tua possibilità di prevenire il diabete di tipo 2. Recuperato da https://www.cdc.gov/diabetes/basics/prediabetes.html .
  3. Datz, T. (2014, 13 gennaio). Mangiare carni lavorate, ma non carni rosse non lavorate, può aumentare il rischio di malattie cardiache e diabete. Recuperato da https://www.hsph.harvard.edu/news/press-releases/processed-meats-unprocessed-heart-disease-diabetes/
  4. Harvard Health Publishing. (2019). Dieta priva di carne legata ai benefici per le persone con diabete di tipo 2. Recuperato da https://www.health.harvard.edu/staying-healthy/meat-free-diet-linked-to-benefits-for-people-with-type-2-diabetes .
  5. Mcrae, M.P. (2018). Assunzione di fibre alimentari e diabete mellito di tipo 2: una revisione generale delle meta-analisi. Journal of Chiropractic Medicine , 17 (1), 44-53. doi: 10.1016/j.jcm.2017.11.002, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29628808
  6. Riccardi, G., Rivellese, A. A., & Giacco, R. (2008). Ruolo dell'indice glicemico e del carico glicemico nello stato di salute, nel prediabete e nel diabete. L'American Journal of Clinical Nutrition , 87 (1). doi: 10.1093/ajcn/87.1.269s, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18175767
  7. Santarelli, R., Pierre, F., & Corpet, D. (2008). Carne lavorata e cancro del colon-retto: una rassegna di prove epidemiologiche e sperimentali. Alimentazione e cancro , 60 (2), 131-144. doi: 10.1080 / 01635580701684872, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18444144
  8. Toumpanakis, A., Turnbull, T., & Alba-Barba, I. (2018). Efficacia delle diete a base vegetale nel promuovere il benessere nella gestione del diabete di tipo 2: una revisione sistematica. BMJ Open Diabetes Research & Care , 6 (1). doi: 10.1136 / bmjdrc-2018-000534, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30487971
Vedi altro