Il ginseng coreano o rosso aiuta con la disfunzione erettile?


Il ginseng coreano o rosso aiuta con la disfunzione erettile?

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Il ginseng coreano, noto anche come ginseng rosso o asiatico o Panax ginseng, è una radice utilizzata come medicinale erboristico da migliaia di anni. Originario dell'Asia, è uno dei due principali tipi di ginseng: il ginseng americano (Panax quinquefolius) è l'altro. Ci sono 12 specie di ginseng in totale, incluso il ginseng siberiano, che è una pianta diversa che non ha le stesse sostanze chimiche naturali o gli stessi effetti sul corpo.

Sia il ginseng asiatico che quello americano contengono ginsenosidi (saponine di ginseng) , sostanze chimiche naturali che si ritiene diano proprietà medicinali al ginseng, tra cui vasodilatazione (il rilassamento dei vasi sanguigni), antiossidante, antinfiammatorio e antitumorale (Lu, 2009).

Il ginseng ha un effetto stimolante sul corpo, sebbene il ginseng americano sia considerato meno stimolante del ginseng rosso coreano. La radice di ginseng e l'estratto di ginseng sono stati utilizzati nella medicina tradizionale cinese (MTC) come tè, spesso per trattare la debolezza o l'affaticamento.

Il ginseng è noto come adattogeno, una sostanza utilizzata nella fitoterapia che si ritiene aiuti il ​​corpo ad affrontare lo stress e ad aumentare il benessere.



Vitali

  • Il ginseng coreano (alias Red ginseng o Panax ginseng) è un'erba usata da secoli nella medicina tradizionale cinese.
  • Gli studi dimostrano che il ginseng coreano può essere utile nel trattamento della disfunzione erettile (DE), ma sono inconcludenti.
  • I ricercatori ritengono che il ginseng abbia effetti antiossidanti, antinfiammatori e antitumorali e incoraggi il rilassamento dei vasi sanguigni.
  • Il ginseng può avere molti altri benefici per la salute, anche se sono necessarie ulteriori ricerche.

Ginseng coreano ed ED

Il ginseng coreano è stato a lungo usato come trattamento per l'impotenza e studi scientifici hanno scoperto che potrebbe essere efficace nel trattamento dei sintomi della disfunzione erettile.

In un Meta-analisi 2018 di 24 studi controllati che hanno coinvolto 2.080 uomini con disfunzione erettile, i ricercatori hanno scoperto che il ginseng ha migliorato significativamente la funzione erettile e può essere un efficace trattamento a base di erbe per la disfunzione erettile, sebbene abbiano avvertito che erano necessari ulteriori studi prima di poter trarre conclusioni definitive (Borrelli, 2018).

Un prima revisione degli studi specifico per il ginseng rosso e la DE ha esaminato sette studi randomizzati controllati e ha trovato prove suggestive dell'efficacia del ginseng rosso nel trattamento della disfunzione erettile (Jang, 2008). In sei dei sette studi, gli uomini con disfunzione erettile hanno riportato un miglioramento delle loro erezioni dopo l'assunzione di ginseng, rispetto agli uomini che hanno assunto un placebo. Le dosi di ginseng rosso che hanno preso erano 600 mg, tre volte al giorno, in quattro studi, 900 mg in due prove e 1000 mg in una prova.

Il ginseng potrebbe essere utile per la disfunzione erettile perché gli studi hanno scoperto che rilassa i vasi sanguigni, consentendo il flusso sanguigno. UN 2007 studio giapponese hanno scoperto che un tipo di ginsenoside rilascia ossido nitrico attraverso i recettori degli steroidi sessuali di membrana, rilassando le cellule muscolari lisce vascolari, promuovendo la vasodilatazione e prevenendo la contrazione delle arterie (Nakaya, 2007).

È simile a come funzionano i farmaci per la disfunzione erettile come il Viagra e il Cialis. Chiamati inibitori della PDE5, bloccano un enzima (fosfodiesterasi 5) che fa parte di una reazione che fa contrarre le cellule muscolari lisce. Ciò allarga le arterie in tutto il corpo, facilitando il flusso sanguigno, compreso il pene, aumentando la loro fornitura di ossido nitrico.

Annuncio pubblicitario

Ottieni $ 15 di sconto sul tuo primo ordine di trattamento per la disfunzione erettile



Un vero professionista sanitario autorizzato negli Stati Uniti esaminerà le tue informazioni e ti ricontatterà entro 24 ore.

Per saperne di più

Ulteriori benefici per la salute del ginseng

Il ginseng coreano può anche avere i seguenti effetti benefici (anche se sono necessari ulteriori studi prima che i ricercatori possano affermarlo con certezza):

Può aiutare a rafforzare il sistema immunitario. Uno studio hanno scoperto che l'assunzione di 100 mg di ginseng al giorno per 12 settimane ha reso il vaccino antinfluenzale più efficace: i soggetti dello studio che hanno assunto ginseng hanno avuto meno casi di influenza e raffreddore e livelli più elevati di anticorpi e cellule germinali (Scaglione, 1996). Un altro studio hanno scoperto che le persone sane che assumevano 100 mg di ginseng due volte al giorno per otto settimane avevano livelli più elevati di linfociti e T-helper, cellule che aiutano il corpo a combattere le infezioni (Scaglione, 1990).

Può aiutare a ridurre i sintomi delle malattie cardiache. UN Revisione degli studi del 2012 afferma che il ginseng può essere potenzialmente prezioso nel trattamento delle malattie cardiovascolari, indicando vari studi sull'uomo e sugli animali che hanno scoperto che il ginseng potrebbe migliorare la circolazione sanguigna, ridurre i lipidi nel sangue, aumentare la vasodilatazione, tutte cose che possono giovare al cuore (Kim, 2012).

Può aiutare a migliorare la salute del cervello. Alcune ricerche hanno scoperto che il ginseng può migliorare le prestazioni mentali, l'apprendimento e la memoria. Si ritiene che gli agenti chimici del ginseng aumentino il livello dell'ormone adrenocorticotropo (ACTH) nel cervello.

Può aiutare a ridurre lo stress. Alcuni studi hanno trovato che l'assunzione di ginseng può ridurre i livelli di stress (Lee, 2017).

Può aiutare a curare il diabete. Il ginseng può aiutare a ridurre la glicemia, una preoccupazione per i diabetici. UN 2016 meta-analisi degli studi hanno scoperto che le persone con diabete di tipo 2 che assumevano ginseng avevano livelli migliorati di glucosio a digiuno e insulina post-pasto, insieme a trigliceridi nel sangue, colesterolo totale e colesterolo LDL migliorati, rispetto a un gruppo di controllo (Gui, 2016).

Può aiutare a combattere il cancro. Nel uno studio di più di 4.000 persone di età superiore ai 40 anni, coloro che hanno usato il ginseng hanno mostrato un minor rischio di cancro (Yun, 1998). Alcuni studi hanno scoperto che il ginseng può essere protettivo contro il cancro del colon (Vayghan, 2014). Il ginseng può aiutare a prevenire la crescita del tumore; sembra che ridurre l'infiammazione e inibire l'angiogenesi , due processi chiave nella formazione e nella progressione del cancro (Dai, 2017).

Forme di ginseng

Il ginseng coreano viene venduto sotto forma di pillole, capsule, polvere, in bustine di tè o come radice essiccata che può essere prodotta.



Rischi/potenziali effetti collaterali del ginseng

Tieni presente che gli integratori di ginseng non sono regolamentati dalla Food and Drug Administration, quindi non c'è modo di assicurare la purezza o la potenza di qualsiasi varietà che acquisti. Il ginseng non è stato approvato dalla FDA per il trattamento di alcuna condizione medica.

Il ginseng può anche avere i seguenti effetti collaterali:

  • Aumenta gli effetti della caffeina o causa insonnia
  • Sangue dal naso o sanguinamento vaginale
  • Aumento della frequenza cardiaca
  • Alta pressione sanguigna
  • Mal di testa o nervosismo

Il ginseng può causare interazioni farmacologiche ed essere pericoloso da mescolare con determinati farmaci. Parla sempre con il tuo medico dei farmaci e degli integratori che stai assumendo prima di iniziare qualsiasi integratore a base di erbe.

Cos'è l'ED?

Tecnicamente parlando, l'ED è l'incapacità di mantenere o mantenere un'erezione sufficiente per soddisfare il sesso. Ciò potrebbe significare che hai erezioni più morbide, erezioni meno frequenti, erezioni che non durano quanto vorresti o una mancanza di erezioni mattutine.

La DE frequente (o il peggioramento dei sintomi della DE) può essere un segnale di avvertimento precoce di problemi di salute più gravi come malattie cardiache, ictus, ipertensione, diabete, depressione o squilibrio ormonale. Quindi è importante rivolgersi a ED ai primi segni di problemi.

Non cedere allo stigma della DE

Lo devi a te stesso per superare qualsiasi vergogna o imbarazzo associato all'ED. Ignorare i sintomi della disfunzione erettile perché sei imbarazzato può significare problemi di salute potenzialmente pericolosi per la vita lungo la strada. L'ED capita alla maggior parte dei ragazzi ad un certo punto della loro vita.

Se stai riscontrando una disfunzione erettile, parla con un operatore sanitario oggi. E leggi la nostra guida esperta sulla disfunzione erettile, compresi i trattamenti per la disfunzione erettile, le cause comuni della disfunzione erettile e come funzionano i farmaci per la disfunzione erettile (come il Viagra o il sildenafil).

Riferimenti

  1. Borrelli, F., Colalto, C., Delfino, D. V., Iriti, M., & Izzo, A. A. (2018, aprile). Supplementi dietetici a base di erbe per la disfunzione erettile: una revisione sistematica e una meta-analisi. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29633089
  2. Dai, D., Zhang, C.-F., Williams, S., Yuan, C.-S. e Wang, C.-Z. (2017). Ginseng sul cancro: ruolo potenziale nella modulazione dell'angiogenesi mediata dall'infiammazione. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28068835
  3. Gui, Q.-F., Xu, Z.-R., Xu, K.-Y., & Yang, Y.-M. (2016, febbraio). L'efficacia delle terapie correlate al ginseng nel diabete mellito di tipo 2: una revisione sistematica aggiornata e una meta-analisi. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4753873/
  4. Jang, D.-J., Lee, M. S., Shin, B.-C., Lee, Y.-C., & Ernst, E. (2008, ottobre). Ginseng rosso per il trattamento della disfunzione erettile: una revisione sistematica. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2561113/
  5. Kim, J.-H. (2012, gennaio). Malattie cardiovascolari e Panax ginseng: una rassegna sui meccanismi molecolari e sulle applicazioni mediche. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3659571/
  6. Lee, S., & Rhee, D.-K. (2017, ottobre). Effetti del ginseng sulla depressione correlata allo stress, sull'ansia e sull'asse ipotalamo-ipofisi-surrene. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5628357/
  7. Lü, J.-M., Yao, Q., & Chen, C. (2009, luglio). Composti del ginseng: un aggiornamento sui loro meccanismi molecolari e applicazioni mediche. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2928028/
  8. Nakaya, Y., Mawatari, K., Takahashi, A., Harada, N., Hata, A. e Yasui, S. (2007, agosto). Il fitoestrogeno ginsensoside Re attiva i canali del potassio delle cellule muscolari lisce vascolari attraverso PI3K/Akt e le vie dell'ossido nitrico. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17878692
  9. Scaglione, F., Cattaneo, G., Alessandria, M., & Cogo, R. (1996). Efficacia e sicurezza dell'estratto di Ginseng standardizzato G115 per potenziare la vaccinazione contro la sindrome influenzale e la protezione contro il comune raffreddore [corretto]. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/8879982
  10. Scaglione, F., Ferrara, F., Dugnani, S., Falchi, M., Santoro, G., & Fraschini, F. (1990). Effetti immunomodulatori di due estratti di Panax ginseng C.A. Meyer. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/2100737
  11. Vayghan, H. J., Ghadimi, S. S. e Nourazarian, A. R. (2014). Ruoli preventivi e terapeutici del ginseng – focus sul cancro del colon. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24568461
  12. Yun, T.K., & Choi, S.Y. (1998, giugno). Prevenzione del cancro non specifico dell'organo del ginseng: uno studio prospettico in Corea. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/9698120
Vedi altro