Alti livelli di folati: cosa significano?

Alti livelli di folati: cosa significano?

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Il folato è un altro nome per la vitamina B9. Abbiamo bisogno del folato per creare globuli rossi sani e aiuta a creare e riparare DNA e RNA. Insieme alla vitamina B12, lavora per convertire l'omocisteina in metionina, un amminoacido essenziale per la costruzione di nuove cellule del sangue, tra molte altre funzioni. Livelli elevati di omocisteina sono anche un noto fattore di rischio per le malattie cardiovascolari e si pensa che il folato aiuti a regolarlo.

Vitali

  • Il folato, noto anche come vitamina B9, è un nutriente idrosolubile essenziale per molte funzioni.
  • Il folato è disponibile naturalmente attraverso alimenti o integratori alimentari come l'acido folico e il metilfolato.
  • Alti livelli di folati possono essere pericolosi quanto bassi livelli di folati.

Il folato è disponibile in più forme. Il modo migliore per ottenerlo è naturalmente, attraverso cibi ricchi di folati. I vegetariani saranno felici di sapere che fagioli, legumi, noci e semi sono tutte ottime fonti, così come verdure a foglia verde, agrumi e avocado ( USDA, n.d. ). Per coloro che non assumono abbastanza folati attraverso la loro dieta, potrebbero essere utili integratori di metilfolato o acido folico.

Il folato è essenziale per le donne in gravidanza, poiché bassi livelli di folato sono associati a maggiori rischi di difetti del tubo neurale (NTD). Questi sono problemi con il cervello, la colonna vertebrale o il midollo spinale che sono presenti alla nascita.

Il folato è così essenziale che molti governi, compresi gli Stati Uniti, hanno imposto la fortificazione con acido folico dei prodotti a base di cereali. La fortificazione negli Stati Uniti è iniziata nel 1998 ed è considerata uno dei più grandi successi nel campo della salute pubblica. Gli studi hanno stimato che ha portato a una riduzione del 13-30% dei DTN. Altri paesi hanno trovato risultati simili ( Imbard, 2013 ).

Annuncio pubblicitario

Roman Daily: multivitaminico per uomini

Il nostro team di medici interni ha creato Roman Daily per colmare le lacune nutrizionali comuni negli uomini con ingredienti e dosaggi scientificamente supportati.

Per saperne di più

Il folato è già presente in molti degli alimenti che mangiamo, sia naturalmente che attraverso l'arricchimento del grano con acido folico. Uno studio del 2002 ha rilevato che solo il 7% dei partecipanti aveva livelli di folati al di sotto del fabbisogno giornaliero stimato dopo aver somministrato cibi fortificati con acido folico, mentre quasi la metà di loro era stata al di sotto di quel livello prima dell'esposizione a cibi fortificati ( Choumenkovitch, 2002 ).

A causa di questa fortificazione quasi universale, non c'è molto bisogno che la maggior parte delle persone si preoccupi dei bassi livelli di folati. Ad eccezione di alcuni individui con condizioni specifiche, gli operatori sanitari non raccomandano spesso l'integrazione di acido folico. Inoltre, se prendi un multivitaminico al mattino, probabilmente ce n'è già in abbondanza.

L'assunzione di acido folico o folato extra è spesso pubblicizzata come benefica per diverse condizioni. Anche se molte di queste affermazioni mancano di supporto scientifico, farebbe male prenderne di più? È una vitamina, dopotutto, e le vitamine non possono essere dannose, giusto? Bene, non è sempre così, come discuteremo di seguito. Alti livelli di folato possono portare a condizioni mediche pericolose, proprio come potrebbe una carenza di folati.

herpes genitale quanto dura?

Rischi di alti livelli di folati

I rischi di folati alti sono legati a un altro argomento: la differenza tra folati e acido folico.

Il folato puro è ciò che si trova naturalmente in molti alimenti. Non è molto stabile e non va bene con la conservazione a lungo termine, quindi non possiamo fare un integratore vitaminico di folati. L'acido folico, tuttavia, è una formulazione sintetica e stabile. I nostri corpi non possono usare l'acido folico così com'è. Dobbiamo prima metabolizzarlo per ottenere il folato che possiamo usare.

Tuttavia, possiamo abbattere solo così tanto alla volta, e spesso ci rimane un eccesso di acido folico non metabolizzato che fluttua intorno ai nostri corpi. Gli studi hanno suggerito che la maggior parte degli americani ha già un eccesso di acido folico ( Smith, 2008 ).

L'eccesso di acido folico è pericoloso? Possibilmente.

perché un uomo si sveglia con l'erezione?

Carenze vitaminiche che possono influenzare la forza erettile

8 minuti di lettura

Come accennato in precedenza, a volte sia una carenza che un eccesso di acido folico o acido folico sono collegati a condizioni simili, inclusi alcuni tipi di cancro. Uno studio del 2007 ha rilevato che bassi livelli di folati comportano un aumento del rischio di cancro del colon-retto. La somministrazione di modesti integratori di acido folico ha soppresso la crescita dei tumori del colon-retto, ma un'eccessiva integrazione ha aumentato il rischio di crescita del tumore di nuovo ( Kim, 2007 ). Alcune ricerche hanno trovato anche una possibile connessione con il cancro alla prostata. Uno studio ha scoperto che gli uomini che assumono integratori di acido folico hanno quasi tre volte più probabilità di sviluppare il cancro alla prostata rispetto a quelli che non lo hanno fatto ( Figueiredo, 2009 ).

È un'area matura per ulteriori studi in corso. Ma le tendenze suggeriscono che l'eccesso di integratori può aumentare il rischio di alcuni tumori. E questa è una distinzione importante da notare: l'aumento del rischio è più spesso associato all'uso di integratori, che significa acido folico, rispetto a livelli elevati di folato dal folato naturale. In effetti, lo studio sul cancro alla prostata sopra citato ha rilevato che un'elevata assunzione di folati, se rigorosamente da fonti alimentari naturali, era associata a inferiore rischio di cancro ( Figueiredo, 2009 ).

Un secondo problema con il folato nel sangue alto è che potrebbe mascherare le carenze di cobalamina (vitamina B12).

Bassi livelli di folato o vitamina B12 possono causare anemia megaloblastica ( Statua, 2020 ). Potrebbe sembrare il nome di un'arma di un film di Transformers, ma è molto reale e molto pericoloso. Anemia significa globuli rossi bassi e megaloblastica significa che le cellule prodotte sono malformate e sovradimensionate. Quando è il risultato di una carenza di vitamina B12, viene spesso chiamato anemia perniciosa .

Oltre all'anemia, bassi livelli di vitamina B12 possono causare seri problemi al sistema nervoso.

Cosa ha a che fare la carenza di vitamina B12 con il folato? Si pensa che alte concentrazioni di folati nel sangue, sia dal cibo che dagli integratori, potrebbero risolvere efficacemente l'anemia causata da un basso livello di vitamina B12. Poiché l'anemia è spesso uno dei primi modi in cui gli operatori sanitari possono notare una carenza di vitamina B12, l'integrazione con troppo acido folico e la correzione dell'anemia mascherano essenzialmente il deficit di vitamina B12 ( Smith, 2008 ). Ciò potrebbe ritardare la diagnosi e consentire ad altri danni neuropatici di continuare inosservati fino a quando i sintomi non diventano gravi.

L'alto contenuto di folato potrebbe avere altri effetti dannosi relativi alla bassa B12. Uno studio sugli anziani americani nel 2007 ha scoperto che alti livelli ematici di folati per i pazienti con normale vitamina B12 indicavano minori rischi di anemia e deterioramento cognitivo. Ma nei pazienti con vitamina B12 bassa, folato alto era associato ad a più alto rischio ( Morris, 2007 ). Non è ancora del tutto chiaro perché ciò accada e gli studi continuano.

pillole di vitamina B12 su un tavolo

Quanto è efficace la B12 sublinguale?

7 minuti di lettura

Un terzo problema è specifico per l'acido folico. Le molecole di acido folico non metabolizzate possono legarsi a molti degli stessi recettori cellulari che fa il folato. Per questo motivo, alcuni ricercatori ritengono che l'eccesso di acido folico possa impedire al folato utilizzabile di svolgere il suo lavoro ( Smith, 2008 ). Questa è un'area ancora oggetto di ricerca, però.

Interazioni con folati

Gli integratori di folati possono interagire con alcuni farmaci. Questi includono ( NIH, n.d. ):

mi sono svegliato con un'erezione
  • Metotrexato. Il folato può ridurre gli effetti antitumorali del metotrexato. Tuttavia, può essere utile assumere folati se si assume metotrexato per i disturbi autoimmuni. Il tuo medico ti guiderà se stai assumendo metotrexato.
  • Farmaci antiepilettici, come fenitoina, carbamazepina e valproato. Il folato e questi farmaci hanno mostrato un effetto doppio negativo, ciascuno abbassando i livelli sierici degli altri.

Di quanti folati ha bisogno?

Il National Institutes of Health (NIH) degli Stati Uniti raccomanda che la maggior parte degli adulti abbia bisogno di 400 microgrammi di DFE al giorno. Cos'è il DFE? sta per equivalente alimentare di folati . I nutrizionisti usano questo termine a causa dei diversi modi in cui i nostri corpi elaborano il folato naturale rispetto all'acido folico. In poche parole, grammo per grammo, otteniamo più folati dall'acido folico di quanto possiamo dal folato naturale negli alimenti. Quanto elaboriamo varia anche se otteniamo l'acido folico attaccato al cibo come il grano arricchito rispetto a quello dritto in una pillola ( NIH, n.d. ).

Ad esempio, una porzione di lenticchie con 200 microgrammi di folato fornirebbe lo stesso folato di una fetta di pane con 120 mcg di acido folico, che sarebbe lo stesso di una pillola di acido folico da 100 mcg. Confuso! Ma se stai contando i numeri di folato, non c'è molto da preoccuparsi. Supplementi e prodotti arricchiti elencheranno sia il peso dell'acido folico che il DFE e l'obiettivo per la maggior parte degli adulti è che 400 microgrammi di DFE al giorno.

I migliori ingredienti in un multivitaminico per uomini

9 minuti di lettura

Chi ha bisogno di acido folico extra?

A parte quelli con una dieta povera, alcune persone hanno un basso contenuto di folati per altri motivi. Molte condizioni possono aumentare l'utilizzo dei folati o impedirne l'assorbimento. Questi includono, ma non sono limitati a ( Maron, 2009 ):

  • Gravidanza
  • Celiachia
  • Morbo di Crohn
  • Sindrome infiammatoria intestinale (IBS)
  • Enteropatia diabetica
  • Malattia del fegato
  • Tubercolosi
  • Psoriasi
  • Cancro
  • Anemia falciforme
  • Alcolismo

La carenza di folati può anche essere un effetto collaterale di alcune procedure mediche. Gli interventi chirurgici allo stomaco come il bypass gastrico, la chirurgia intestinale e la dialisi possono influenzare i livelli di folati ( Maron, 2009 ). Alcuni farmaci possono anche ridurre il folato, inclusa la sulfasalazina, spesso prescritta per la colite ulcerosa.

A meno che tu non abbia una delle condizioni di cui sopra e il tuo medico le abbia suggerito, gli integratori di folati potrebbero non fare molto per te. Potrebbero anche avere effetti dannosi.

La buona notizia è che il folato alimentare naturale non è stato collegato a tutti i problemi di troppo acido folico. Come con la maggior parte delle vitamine, le fonti naturali sono solitamente il modo migliore per ottenere il folato. Se sei sul carro dei toast con avocado, congratulazioni: probabilmente stai già ricevendo la maggior parte della tua dose giornaliera di folati nel modo più sano.

Riferimenti

  1. Choumenkovitch, S.F., Selhub, J., Wilson, P.W.F., Rader, J.I., Rosenberg, I.H., & Jacques, P.F. (2002). L'assunzione di acido folico dalla fortificazione negli Stati Uniti supera le previsioni. The Journal of Nutrition, 132(9), 2792-doi: 10.1093/jn/132.9.2792 Estratto da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/12221247/
  2. Figueiredo, J. C., Grau, M. V., Haile, R. W., Sandler, R. S., Summers, R. W., Bresalier, R. S., et al. (2009). Acido folico e rischio di cancro alla prostata: risultati di uno studio clinico randomizzato. Giornale del National Cancer Institute, 101(6), 432-435. doi: 10.1093/jnci/djp019 Estratto da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/19276452/
  3. Imbard, A., Benoist, J.-F., & Blom, H. J. (2013). Difetti del tubo neurale, acido folico e metilazione. Giornale internazionale di ricerca ambientale e salute pubblica, 10 (9), 4352-4389. doi: 10.3390/ijerph10094352 Estratto da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/24048206/
  4. Kim, Y.I. (2007). Folati e cancro del colon-retto: una revisione critica basata sull'evidenza. Nutrizione molecolare e ricerca alimentare, 51 (3), 267-292. doi: 10.1002/mnfr.200600191 Estratto da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/17295418/
  5. Maron, B.A., & Loscalzo, J. (2009). Il trattamento dell'iperomocisteinemia. Revisione annuale della medicina, 60, 39-54. doi: 10.1146/annurev.med.60.041807.123308 Estratto da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/18729731/
  6. Morris, M.S., Jacques, P.F., Rosenberg, I.H., & Selhub, J. (2007). Stato di folati e vitamina B-12 in relazione ad anemia, macrocitosi e deterioramento cognitivo negli anziani americani nell'età della fortificazione dell'acido folico. L'American Journal of Clinical Nutrition, 85 (1), 193-200. doi: 10.1093/ajcn/85.1.193 Estratto da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/17209196/
  7. National Institutes of Health Office of Dietary Supplements (n.d.). folato. Estratto il 6 febbraio 2021 da https://ods.od.nih.gov/factsheets/Folate-HealthProfessional/
  8. Smith, A.D., Kim, Y.-I., & Refsum, H. (2008). L'acido folico fa bene a tutti? L'American Journal of Clinical Nutrition, 87 (3), 517-533. doi: 10.1093/ajcn/87.3.517 Estratto da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/18326588/
  9. Socha, D. S., DeSouza, S. I., Flagg, A., Sekeres, M. e Rogers, H. J. (2020). Anemia megaloblastica grave: carenza di vitamine e altre cause. Cleveland Clinic Journal of Medicine, 87 (3), 153-164. doi: 10.3949/ccjm.87a.19072 Estratto da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32127439/
  10. Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (n.d.). Centrale FoodData. Generato in modo interattivo: recuperato il 6 febbraio 2021 da https://fdc.nal.usda.gov/fdc-app.html#/?component=1187
Vedi altro