Test dell'HIV: sviluppo, accuratezza e tipi di test

Test dell'HIV: sviluppo, accuratezza e tipi di test

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi di carattere medico, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli su Health Guide sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

L'ultima volta che hai visto il tuo medico, lui o lei potrebbe averti chiesto se volevi essere sottoposto a screening per il virus dell'immunodeficienza umana (HIV). Che tu pensi di avere o meno l'HIV, lo screening è importante e un buon modo per assicurarti che tutti coloro che hanno bisogno di cure lo ricevano. Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), circa il 14% di coloro che sono stati infettati dall'HIV nel 2011 non sono stati diagnosticati (Irene Hall, 2015). E mentre gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini (MSM) rappresentano circa il 70% delle nuove diagnosi di HIV, tutti, comprese donne e neonati, sono a rischio di contrarre l'HIV. L'identificazione di casi sconosciuti di HIV è importante anche quando si tratta di prevenire l'ulteriore diffusione dell'HIV nella comunità.

Vitali

  • Il primo test per cercare l'HIV è stato sviluppato nel 1985. Non cercava direttamente l'HIV, ma era progettato per rilevare gli anticorpi che il corpo produceva contro il virus.
  • Ci sono ora tre categorie principali di test disponibili: test anticorpali, test combinati e test di amplificazione nucleica (NAT).
  • Sfortunatamente, nessun test è in grado di rilevare con precisione l'infezione da HIV immediatamente dopo l'esposizione. Il tempo che intercorre tra l'esposizione e il momento in cui un test diventa effettivo è noto come periodo finestra.
  • Sebbene il test per l'HIV stia migliorando, non è perfetto. È possibile ottenere un risultato del test HIV falso negativo, soprattutto se si esegue il test entro il periodo finestra.

Attualmente, il CDC raccomanda lo screening per l'HIV almeno una volta in individui di età compresa tra 13 e 64 anni (CDC, 2019). Offrono anche la raccomandazione specifica che gli MSM vengano sottoposti a screening annualmente (e anche con una frequenza da tre a sei mesi a seconda dei fattori di rischio). Inoltre, il Task Force dei servizi preventivi degli Stati Uniti (USPSTF) raccomanda lo screening almeno una volta negli individui di età compresa tra 15 e 65 anni, nonché in tutte le donne in gravidanza (USPSTF, 2013). Altre persone ad alto rischio di contrarre l'HIV che dovrebbero prendere in considerazione lo screening almeno una volta all'anno includono (Sax, 2019):



  • Tossicodipendenti per via iniettiva (IVDU)
  • Persone che scambiano sesso con denaro o droga
  • Partner sessuali di persone sieropositive, bisessuali o IVDU
  • Persone che hanno un comportamento sessuale con altri che non conoscono il loro stato di HIV

Annuncio pubblicitario

Oltre 500 farmaci generici, ciascuno $ 5 al mese



come far crescere davvero il tuo pene

Passa a Ro Pharmacy per ottenere le tue prescrizioni riempite per soli $ 5 al mese ciascuna (senza assicurazione).

Per saperne di più

Il test diagnostico per l'HIV può essere eseguito anche se il tuo medico teme che tu possa avere l'HIV. Questo può essere basato sulla tua storia medica o in base ai sintomi che stai riscontrando. Il test per l'HIV richiede il consenso informato del paziente. Ciò significa che il tuo medico deve farti sapere esplicitamente che sta controllando l'HIV. A seconda dello stato in cui vivi, potrebbero essere richiesti diversi tipi di consenso informato. Consenso informato scritto era più comune ma è caduto in disgrazia (Bayer, 2017). Il consenso per il test HIV è ora generalmente suddiviso in test opt-in o test opt-out. Test di attivazione significa che ti viene detto che il test è disponibile e devi chiedere che venga eseguito; test di opt-out significa che ti viene detto che verrà eseguito un test e devi rifiutare esplicitamente se non vuoi che venga eseguito. Il Il CDC raccomanda il test di opt-out essere adottato da tutte le strutture sanitarie perché l'evidenza mostra che porta a tassi di test complessivi più elevati (Galletly, 2009).

come ingrandire i tuoi pini

Ma com'è il test HIV? Cosa devi fare e quando saranno disponibili i risultati? Beh, dipende. Facciamo un rapido ripasso su cos'è l'HIV prima di immergerci nei diversi tipi di test che possono cercarlo.



Che cos'è l'HIV/AIDS?

L'HIV è un virus che infetta il sistema immunitario dell'uomo; in particolare, le cellule T CD4+. Sebbene l'HIV sia generalmente considerato un'infezione a trasmissione sessuale (STI), può anche essere trasmesso da madre a figlio durante la gravidanza e l'allattamento o attraverso il contatto con sangue infetto, ad esempio condividendo aghi durante l'IVDU.

L'infezione da HIV progredisce in fasi caratterizzate da sintomi diversi. Senza trattamento, l'intera progressione dell'HIV dall'esposizione all'AIDS allo stadio terminale può richiedere più di dieci anni. Le fasi sono:

  1. Infezione acuta: è caratterizzata da una malattia simil-influenzale che in genere si manifesta da due a quattro settimane dopo l'esposizione. I sintomi più comuni sono febbre e linfonodi ingrossati.
  2. Latenza clinica (infezione cronica): questa fase si verifica dopo che il corpo ha reagito all'infezione iniziale e abbassa la carica virale. Questo periodo può durare circa dieci anni ed è tipicamente asintomatico. Tuttavia, senza trattamento, la carica virale aumenta lentamente in background e i livelli di cellule T CD4+ diminuiscono lentamente.
  3. AIDS: questa è una fase avanzata dell'HIV e viene definita dall'avere una conta delle cellule T CD4+ di<200 cells/mm3 or an AIDS-defining illness. Individuals with AIDS are at increased risk of acquiring opportunistic infections, which are infections that may not usually cause complications in an HIV-negative individual but can in someone who is HIV-positive.

L'HIV è un virus a RNA, il che significa che le sue informazioni genetiche sono memorizzate su frammenti di RNA. Il resto del virus è costituito da proteine ​​e una membrana lipidica. Alcune proteine ​​agiscono come antigeni nel corpo, il che significa che quando il corpo umano è esposto ad esse, il corpo sviluppa una risposta immunitaria. L'antigene ricercato dalla maggior parte dei test diagnostici e di screening si chiama p24. p24 è una proteina che forma il capside, il guscio protettivo attorno alle informazioni genetiche dell'HIV. In risposta all'esposizione a p24 e ad altri antigeni, il corpo umano crea anticorpi. Tuttavia, lo sviluppo degli anticorpi può richiedere da 2 a 12 settimane, un punto importante quando si discutono le opzioni di test per l'HIV.

Come è stato sviluppato il test HIV?

Il primo test per cercare l'HIV è stato sviluppato nel 1985. Il test utilizzava una tecnica chiamata ELISA indiretto e non cercava direttamente l'HIV. Invece, era un test anticorpale, il che significava che poteva rilevare gli anticorpi che il corpo produceva contro il virus. Poiché il corpo impiega fino a 12 settimane per ottenere una risposta anticorpale sufficiente, il test ELISA indiretto non è stato in grado di identificare con precisione l'HIV entro quella finestra di 12 settimane. Inoltre, erano necessarie tecniche chiamate western blot o immunodosaggio per confermare i risultati positivi.

Col tempo, diverse versioni o generazioni del test sono stati creati (Alexander, 2016). Versioni migliorate aggiunte in altri anticorpi (compresi i test per gli anticorpi IgM, che appaiono più rapidamente degli anticorpi IgG) e includevano anche i test per gli antigeni. I test di seconda generazione sono diventati disponibili nel 1987, di terza generazione nel 1991, di quarta generazione nel 1997 e di quinta generazione nel 2015.

Losartan è un ace inibitore o un beta bloccante?

L'obiettivo generale del miglioramento del test HIV è stato quello di sviluppare test che offrano:

  • Il numero più basso di risultati falsi positivi (hanno un'elevata specificità)
  • Il numero più basso di risultati falsi negativi (hanno un'elevata sensibilità)
  • Precisione il più vicino possibile al momento dell'infezione iniziale

Quali tipi di test ci sono per diagnosticare l'HIV ora?

Più di 30 anni dopo, sono disponibili diversi tipi di test HIV. Questi test differiscono in base a cosa testano, come vengono eseguiti, quanto sono accurati e quanto tempo dopo l'esposizione possono essere affidabili. Sfortunatamente, nessun test è in grado di rilevare con precisione un'infezione da HIV immediatamente dopo l'esposizione. Il tempo che intercorre tra l'esposizione e il momento in cui un test diventa effettivo è noto come periodo finestra. Il principali categorie di test disponibili sono (Sax, 2019):

Nome del test Come diagnostica l'HIV
Test anticorpali I test rapidi dell'HIV in genere cercano gli anticorpi dell'HIV che il corpo ha formato. I test possono essere in genere eseguiti su un campione di saliva o su un campione di sangue prelevato dal polpastrello e i risultati sono disponibili dopo circa 20 minuti. Alcuni test solo sugli anticorpi vengono eseguiti anche su prelievi di sangue standard, ma questi risultati potrebbero richiedere più tempo. Poiché sono alla ricerca di anticorpi, il periodo finestra per i test sugli anticorpi è di tre settimane e potrebbero non essere pienamente efficaci fino a quando non sono trascorse 12 settimane. L'accuratezza per rilevare l'infezione cronica è >99%, ma i test potrebbero non identificare le infezioni acute o iniziali. I test rapidi hanno il vantaggio di essere facilmente accessibili ed economici, ma se risultano positivi, richiedono un test di follow-up (tipicamente con il test immunologico di differenziazione HIV-1/HIV-2). Il test deve essere ripetuto anche tre mesi dopo l'esposizione per confermare un risultato negativo.
Test di combinazione Il metodo preferito di test per l'HIV è noto come test di quarta generazione o test combinato anticorpo/antigene (Ag/Ab). Questi test cercano gli anticorpi dell'HIV e l'antigene p24. Esistono due versioni di test combinati che possono fornire risultati rapidi (entro 30 minuti). Tuttavia, questi non sono accurati come le versioni di prelievo di sangue eseguite in laboratorio che richiedono alcuni giorni per risultare. Il periodo finestra per i test combinati è più breve rispetto ai test con soli anticorpi ed è compreso tra due e sei settimane. Questi test si avvicinano al 100% di precisione per identificare l'infezione cronica. Il test deve essere ripetuto anche tre mesi dopo l'esposizione per confermare un risultato negativo.
Test di amplificazione nucleica (NAT) I NAT sono talvolta chiamati anche test di amplificazione degli acidi nucleici (NAAT), test PCR o test RNA. Cercano direttamente l'HIV nel sangue identificando il suo materiale genetico sotto forma di RNA. Questi test vengono eseguiti con un prelievo di sangue standard e possono richiedere alcuni giorni per risultare. Il vantaggio di questi test è che il periodo finestra è più breve (da una a quattro settimane). Tuttavia, questi test sono più costosi e in genere non vengono eseguiti come test di screening a meno che non vi sia un elevato sospetto di possibile infezione.

Sebbene il test per l'HIV stia migliorando, non è perfetto. È possibile ottenere un risultato del test HIV falso negativo (quando il test torna negativo, ma si ha l'HIV), soprattutto se si esegue il test entro il periodo finestra. Il modo migliore per assicurarsi di essere HIV-negativi è continuare a sottoporsi a screening HIV regolari.

Quali tipi di test ci sono per coloro che hanno già l'HIV?

Dopo la diagnosi, la cura dell'HIV dura tutta la vita. Ciò significa che è fondamentale per tutte le persone sieropositive rimanere in contatto con l'assistenza sanitaria, rimanere conformi al trattamento e sottoporsi ai test di laboratorio raccomandati.

Due test di laboratorio che vengono eseguiti frequentemente in individui HIV positivi controllano la conta dei CD4 e la carica virale. Questi sono buoni test per monitorare l'efficacia del controllo dell'HIV. Il conteggio dei CD4 indica quante cellule T CD4+ ha un individuo. Con l'avanzare dell'HIV, questo livello diminuisce. Quando la conta dei CD4 scende al di sotto di 200 cellule/mm3, a un individuo viene diagnosticata l'AIDS. La carica virale indica quanto del virus è nel corpo. È possibile che le persone che sono state conformi al trattamento abbiano una carica virale non rilevabile. Ciò significa che il livello del virus nel sangue è così basso che non può essere rilevato dai test attuali. Da notare, questo non implica che un individuo sia guarito dall'HIV; se lui o lei dovesse interrompere l'assunzione di farmaci, la carica virale aumenterebbe di nuovo a livelli rilevabili.

Gli operatori sanitari in genere controllano questi valori ogni 3-4 mesi. Inoltre, secondo HIV.gov , i valori devono essere controllati prima di iniziare qualsiasi nuovo farmaco per l'HIV e da due a otto settimane dopo l'inizio o la modifica di qualsiasi farmaco per l'HIV (HIV.gov, 2017).

come avere un'erezione più dura senza pillole?

Ci sono alcuni altri esami del sangue che un operatore sanitario potrebbe voler eseguire per monitorare l'HIV e valutare la salute generale di qualcuno con l'HIV. Questi test aggiuntivi includere ma non essere limitato alla genotipizzazione dell'HIV per vedere quali trattamenti sarebbero più efficaci, un esame emocromocitometrico completo (CBC), un test per i livelli di elettroliti, un test per i livelli di colesterolo, test della glicemia, test dell'epatite, test della tubercolosi, toxoplasmosi test, screening per altre malattie sessualmente trasmissibili e test di gravidanza (HIV.gov, 2017).

Dove si può fare il test HIV?

Per essere testato per l'HIV, tutto ciò che devi fare è chiedere al tuo medico. Che tu sia al pronto soccorso, in un centro di cure urgenti o in uno studio medico, dovrebbero essere in grado di eseguire il test sul posto o dovrebbero essere in grado di darti un modulo d'ordine per eseguire il test presso un laboratorio locale. Alcune delle catene di laboratori più grandi includono LabCorp e Quest Diagnostics.

Molte parti del paese hanno anche cliniche progettate specificamente per testare e trattare problemi di salute sessuale. Questi includono Planned Parenthood, altre cliniche per la salute sessuale e cliniche mobili. Il test è sempre riservato e in molti di questi luoghi è gratuito oa basso costo (con pagamento determinato dal tuo reddito).

Alcuni siti di test possono disporre solo di test rapidi per gli anticorpi. Quando questo è il caso, se un test torna positivo, potresti essere indirizzato altrove per il test di conferma.

Infine, ora è possibile fare il test per l'HIV a casa propria. Un'azienda chiamata OraQuick effettua un test a domicilio che può essere acquistato da banco in una tipica farmacia. Il OraQuick Test HIV a domicilio è un test che viene eseguito eseguendo un tampone orale e controllando la saliva/il liquido orale per gli anticorpi dell'HIV (OraQuick, n.d.). I risultati sono generalmente disponibili in circa 20 minuti. I vantaggi dell'utilizzo di OraQuick sono che puoi metterti alla prova ogni volta che vuoi, anche se non puoi recarti da un operatore sanitario nel prossimo futuro.

Inoltre, i test possono essere eseguiti in completa privacy. Gli svantaggi dell'utilizzo di OraQuick sono che, se il test risulta positivo, è comunque necessario sottoporsi a test di conferma. Inoltre, avere un test positivo può essere molto doloroso. Sebbene OraQuick offra servizi di consulenza e di riferimento, potresti non avere a disposizione un supporto di persona per discutere del significato dei tuoi risultati. A causa di questi pro e contro, alcune persone potrebbero trovare utile OraQuick mentre altri farebbero meglio con i test di persona e la revisione dei risultati.

come puoi ingrandire il tuo pene?

Come viene trattato l'HIV?

Il segno distintivo del trattamento dell'HIV è chiamato terapia antiretrovirale (ART). Ciò include diversi farmaci che agiscono contro diverse fasi del ciclo di vita dell'HIV. Un trattamento adeguato in genere comporta una combinazione di due o tre farmaci antivirali. Potrebbe essere necessario durante il trattamento cambiare o cambiare i farmaci se iniziano a perdere efficacia.

Com'è vivere con l'HIV?

Vivere con l'HIV può essere diverso per tutti ed è difficile prevedere come una diagnosi di HIV possa cambiare la vita di un individuo. Attualmente non esiste una cura per l'HIV e il trattamento dura tutta la vita. Ciò significa assumere farmaci orali ogni giorno e controllare ripetutamente un operatore sanitario. La buona notizia è che, con un trattamento e un controllo adeguati dell'infezione, l'aspettativa di vita delle persone sieropositive si avvicina a quella delle persone non infette.

Tuttavia, c'è molto di più che viene fornito con una diagnosi di HIV oltre al semplice virus. Da quando è stato scoperto, l'HIV è stato avvolto dallo stigma e dalla vergogna. Le persone che scoprono di essere sieropositive possono interiorizzare questi sentimenti, possono sentirsi angosciate o depresse e possono avere paura di discutere della loro condizione con gli altri. Non c'è giudizio contro coloro che hanno questa reazione. Tuttavia, può essere dannoso per la salute e portare a un risultato complessivo peggiore se significa che un individuo non cerca un trattamento. Sono disponibili molte risorse volte a consigliare le persone sulla loro diagnosi. Per un elenco di risorse e altri servizi locali che forniscono supporto psicosociale, cerca in Internet o parla con il tuo medico.

Riferimenti

  1. Alexander, T. S. (2016). Test diagnostici del virus dell'immunodeficienza umana: 30 anni di evoluzione. Immunologia clinica e vaccinale, 23(4), 249-253. doi: 10.1128/cvi.00053-16, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26936099
  2. Bayer, R., Philbin, M., & Remien, R. H. (2017). La fine del consenso informato scritto per il test dell'HIV: non con un botto ma con un piagnucolio. Giornale americano di sanità pubblica, 107 (8), 1259-1265. doi: 10.2105/ajph.2017.303819, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5508137/
  3. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. (2019, 21 ottobre). Screening in ambienti clinici. Recuperato da https://www.cdc.gov/hiv/clinicians/screening/clinical-settings.html?CDC_AA_refVal=https://www.cdc.gov/hiv/testing/clinical/index.html
  4. Galletly, C. L., Pinkerton, S. D., & Petroll, A. E. (2008). Raccomandazioni CDC per test di esclusione e reazioni a diagnosi di HIV impreviste. Assistenza ai pazienti affetti da AIDS e malattie sessualmente trasmissibili, 22(3), 189–193. doi: 10.1089/apc.2007.0104, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18290754
  5. HIV.gov. (2017, 15 maggio). Cosa aspettarsi dalla tua prima visita di assistenza per l'HIV. Recuperato da https://www.hiv.gov/hiv-basics/starting-hiv-care/getting-ready-for-your-first-visit/what-to-expect-at-your-first-hiv-care-visit
  6. HIV.gov. (2017, 14 febbraio). Test di laboratorio e risultati. Recuperato da https://www.hiv.gov/hiv-basics/staying-in-hiv-care/provider-visits-and-lab-test/lab-tests-and-results
  7. Irene Hall, H., An, Q., Tang, T., Song, R., Chen, M., Green, T. e Kang, J. (2015). Prevalenza dell'infezione da HIV diagnosticata e non diagnosticata — Stati Uniti, 2008-2012. Rapporto settimanale su morbilità e mortalità, 64(24), 657–662. Recuperato da https://www.cdc.gov/mmwr/preview/mmwrhtml/mm6424a2.htm
  8. OraQuick. (n.d.). Come funziona il test orale. Recuperato da http://www.oraquick.com/what-is-oraquick/how-oral-testing-works
  9. Sax, P.E. (2019). Screening e test diagnostici per l'infezione da HIV. Aggiornato. Recuperato da https://www.uptodate.com/contents/screening-and-diagnostic-testing-for-hiv-infection
  10. Task Force dei servizi preventivi degli Stati Uniti. (2013, aprile). Infezione da virus dell'immunodeficienza umana (HIV): screening. Recuperato da https://www.uspreventiveservicestaskforce.org/Page/Document/UpdateSummaryFinal/human-immunodeficiency-virus-hiv-infection-screening
Vedi altro
Categoria Hiv