Quanto tempo impiega meloxicam a funzionare?

Quanto tempo impiega meloxicam a funzionare?

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Il tempo necessario al meloxicam per darti sollievo dal dolore dipende dal dosaggio che ti è stato prescritto e dalla gravità della tua condizione di base. Mentre alcuni individui possono ottenere sollievo entro due o tre settimane dall'inizio del trattamento, gli effetti completi possono richiedere mesi.

Meloxicam, un farmaco antinfiammatorio non steroideo (FANS) prescritto più frequentemente per gestire il dolore e il gonfiore associati a condizioni infiammatorie come l'osteoartrite e l'artrite reumatoide, è più forte degli antidolorifici da banco come Advil e Motrin.



Vitali

  • Avviso scatola nera: Meloxicam può aumentare il rischio di infarti e ictus, specialmente nelle persone con malattie cardiache o altri fattori di rischio cardiovascolare. Questo rischio può essere maggiore se si utilizza meloxicam a lungo termine. Meloxicam non deve essere usato per trattare il dolore subito prima o dopo un intervento chirurgico al cuore, come una procedura di bypass coronarico (CABG). Meloxicam può anche aumentare il rischio di ulcere gastriche, sanguinamento e fori (perforazioni) nello stomaco o nell'intestino.
  • Meloxicam è un FANS (farmaco antinfiammatorio non steroideo) usato per trattare il dolore e l'infiammazione associati a condizioni come l'artrite reumatoide e l'osteoartrite.
  • Meloxicam può migliorare alcuni sintomi dell'osteoartrite e dell'artrite reumatoide entro due o tre settimane.
  • Quelli su dosi più elevate di questo FANS possono provare più sollievo durante quel periodo.
  • Gli effetti completi di meloxicam possono richiedere sei mesi per manifestarsi completamente.

Anche un giorno può essere lungo per soffrire del dolore e del gonfiore dell'artrite, rendendo particolarmente importante un rapido sollievo quando si inizia un nuovo trattamento. La ricerca mostra che le persone con artrite reumatoide (RA) possono iniziare a provare sollievo già a tre settimane dall'inizio del trattamento. Uno studio che ha testato il FANS solo per tre settimane ancora trovato un miglioramento significativo nell'articolazione mattutina dei pazienti dolore entro la fine dello studio (Reginster, 1996).

I pazienti con osteoartrite (OA) possono sperimentare miglioramenti nel loro dolore articolare ancora più velocemente. Ricercatori ha notato prove che meloxicam funzionava dopo appena due settimane nei pazienti a cui sono state somministrate dosi giornaliere di 7,5 mg o 15 mg del farmaco prescritto. I risultati erano anche dose-dipendenti; quelli a cui sono state somministrate dosi più elevate di meloxicam hanno avuto più sollievo (Yocum, 2000).



Ma anche se i tuoi sintomi non sono completamente alleviati dopo alcune settimane, il tuo medico potrebbe chiederti di aspettare. Uno studio ha dimostrato che gli effetti del farmaco aumentato nei primi sei mesi di trattamento in pazienti con artrite reumatoide (Huskisson, 1996).

Cos'è il meloxicam?

Meloxicam è un FANS su prescrizione approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti per il trattamento del dolore articolare e infiammazione associata all'osteoartrite (la forma più comune di artrite, tipicamente causata dall'usura delle articolazioni), artrite reumatoide (una condizione infiammatoria cronica) e artrite reumatoide giovanile (che è l'artrite reumatoide che colpisce i bambini di età pari o superiore a due anni) (FDA, 2012). Nessuna di queste condizioni può essere curata, ma i FANS come il meloxicam possono gestire il dolore associato all'infiammazione articolare.

Annuncio pubblicitario



Oltre 500 farmaci generici, ciascuno $ 5 al mese

Passa a Ro Pharmacy per ottenere le tue prescrizioni riempite per soli $ 5 al mese ciascuna (senza assicurazione).

Per saperne di più

Meloxicam può anche essere usato off-label per trattare il dolore causato dalle riacutizzazioni della gotta. La gotta è un tipo doloroso di artrite caratterizzato da dolore improvviso, arrossamento e gonfiore che colpisce più comunemente un'articolazione dell'alluce ma può comparire in qualsiasi articolazione del corpo. Risulta da a accumulo di acido urico nel corpo e riacutizzazioni possono essere innescate da una serie di fattori comportamentali in individui suscettibili (Jin, 2012). Alcuni alimenti, come crostacei e carne rossa, e farmaci, come l'aspirina e alcuni diuretici (pillole d'acqua) aumentare i livelli di acido urico nel corpo (ACR, 2019). Mentre evitare i fattori scatenanti è fondamentale per prevenire le riacutizzazioni della gotta, meloxicam può essere usato per aiutare a gestire i sintomi della gotta (Gaffo, 2019).

rogaine schiuma o liquido più efficace

Meloxicam è stato utilizzato anche off-label per trattare il dolore associato alla spondilite anchilosante (AS) , una condizione infiammatoria cronica della colonna vertebrale (Song, 2008). Anche questa condizione non ha cura, ma i FANS possono gestire il dolore articolare e alla schiena ad essa associato (NIH, 2020).

Effetti collaterali del meloxicam

Gli effetti collaterali più comuni del meloxicam sono diarrea, indigestione (dispepsia) e sintomi simil-influenzali (FDA, 2012). Sono anche mal di testa, vertigini, eruzioni cutanee e altri problemi gastrointestinali come bruciore di stomaco, nausea e gas possibili effetti collaterali (DailyMed, 2019).

La FDA ha emesso un avviso sulla scatola nera, l'avviso più serio emesso da questo gruppo, sui gravi effetti collaterali di questo farmaco sul sistema gastrointestinale (GI). Meloxicam può aumentare il rischio di sanguinamento, nonché il rischio di ulcere gastriche e perforazioni nello stomaco o nell'intestino. Queste condizioni possono verificarsi senza preavviso e possono essere fatali. Le persone anziane e quelle con una precedente storia di problemi gastrointestinali che utilizzano meloxicam sono a maggior rischio per questi effetti avversi (FDA, 2012). Meloxicam anche interferisce con la coagulazione del sangue e rallenta il tempo di coagulazione (Rinder, 2002; Martini, 2014). Questo può aumentare il rischio di sanguinamento.

Quando rivolgersi al medico medical

Dovresti consultare immediatamente un medico se avverti un forte dolore allo stomaco che non scompare, feci nere o sanguinolente (sgabelli catramosi), vertigini o perdita di coscienza.

Meloxicam può causare gravi reazioni allergiche. I segni di una reazione allergica includono orticaria, problemi di respirazione, mancanza di respiro o eruzione cutanea con vesciche. Se si verifica uno di questi sintomi, rivolgersi immediatamente a un medico (DailyMed, 2019).

Dosaggio e marchi di Meloxicam

Meloxicam è disponibile come farmaco generico e come farmaci di marca Mobic o Vivlodex. Sia le compresse di meloxicam generiche che quelle di marca sono disponibili in dosaggi da 5 mg, 7,5 mg, 10 mg e 15 mg. Esistono più forme di questo farmaco. Meloxicam si presenta come una sospensione orale (7,5 mg/5 ml), una compressa disintegrante (dosi da 7,5 mg e 15 mg) e una soluzione endovenosa (IV) (30 mg/mL) tipicamente utilizzata in ambito ospedaliero.

La maggior parte delle persone prende una pillola per bocca al giorno. Se dimentica una dose, prenda la dose dimenticata non appena se ne ricorda. Tuttavia, se è quasi ora della dose successiva, salti la dose dimenticata e prenda la dose successiva come al solito. Non prenda una dose doppia. Le compresse di Meloxicam devono essere conservate a temperatura ambiente e fuori dalla portata dei bambini.

Una fornitura di 30 giorni costa tra $ 4 a oltre $ 400 , ma molti piani assicurativi coprono meloxicam (GoodRx.com). Il prezzo dipende dalla forza e dall'acquisto di pillole di marca o generiche.

Interazioni farmacologiche di Meloxicam

La combinazione di meloxicam con altri FANS (come i FANS da banco naprossene, paracetamolo o ibuprofene) aumenta la possibilità di sviluppare problemi gastrointestinali, come sanguinamento o ulcere. Il meloxicam IV può anche causare problemi gastrointestinali, anche se non viene assunto per via orale.

Alcuni farmaci possono aumentare il rischio di sanguinamento se assunti con meloxicam perché questo farmaco su prescrizione influisce sulla funzione delle piastrine, un componente del nostro sangue che interrompe il sanguinamento. Per questo motivo, gli anticoagulanti (come il warfarin), gli agenti antipiastrinici (come l'aspirina), gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) e gli inibitori della ricaptazione della serotonina-norepinefrina (SNRI) non devono essere assunti con meloxicam per questo motivo (DailyMed, 2019). Bere alcol durante l'assunzione di meloxicam aumenta anche il rischio di problemi di sanguinamento (FDA, 2012).

I farmaci per il trattamento della pressione alta potrebbero non funzionare altrettanto bene se assunti con meloxicam. Farmaci che abbassano la pressione sanguigna (farmaci antipertensivi), come ACE-inibitori, bloccanti del recettore dell'angiotensina (ARB) , o beta-bloccanti può essere meno efficace se assunto con meloxicam (Fournier, 2012; Johnson, 1994).

Avvertenze Meloxicam

La FDA ha emesso un avviso di scatola nera per il meloxicam, che è un avvertimento sulle complicazioni gravi o potenzialmente letali che possono derivare dall'assunzione di questo farmaco. Avvertenza scatola nera: Meloxicam può aumentare il rischio di infarti e ictus, specialmente nelle persone con malattie cardiache o altri fattori di rischio cardiovascolare. Questo rischio può essere maggiore se si utilizza meloxicam a lungo termine.

Meloxicam non deve essere usato per trattare il dolore subito prima o dopo un intervento chirurgico al cuore, come una procedura di bypass coronarico (CABG), come i FANS aumentare il rischio di infarto o ictus seguendo queste procedure (Kulik, 2015). Meloxicam può anche aumentare il rischio di sanguinamento, ulcerazione e fori (perforazioni) nello stomaco o nell'intestino (FDA, 2012).

Anche i FANS come meloxicam non devono essere assunti durante il terzo trimestre di gravidanza. Questi farmaci possono interferire con il modo in cui si sviluppa il cuore del feto e reindirizzare il flusso sanguigno nel corpo del feto, il che può provocare problemi cardiaci progressivi in seguito (Bloor, 2013; Enzensberger, 2012).

Riferimenti

  1. American College of Rheumatology (ACR) (2019). Gotta. Estratto il 16 settembre 2020 da https://www.rheumatology.org/I-Am-A/Patient-Caregiver/Diseases-Conditions/Gout
  2. Bermas, B. L. (2014). Farmaci antinfiammatori non steroidei, glucocorticoidi e farmaci antireumatici modificanti la malattia per la gestione dell'artrite reumatoide prima e durante la gravidanza. Parere attuale in reumatologia, 26(3), 334-340. doi:10.1097/bor.00000000000000054. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/24663106/
  3. Bloor, M., & Paech, M. (2013). Farmaci antinfiammatori non steroidei durante la gravidanza e l'inizio dell'allattamento. Anestesia e analgesia, 116(5), 1063-1075. doi:10.1213/ane.0b013e31828a4b54. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/23558845/
  4. DailyMed (2019). Compressa Meloxicam. Estratto il 16 settembre 2020 da https://dailymed.nlm.nih.gov/dailymed/drugInfo.cfm?setid=d5e12448-1ca1-46a4-8de4-e8b94567e5a8
  5. Enzensberger, C., Wienhard, J., Weichert, J., Kawecki, A., Degenhardt, J., Vogel, M., & Axt-Fliedner, R. (2012). Costrizione idiopatica del dotto arterioso fetale. Journal of Ultrasound in Medicine, 31(8), 1285-1291. doi:10.7863/jum.2012.31.8.1285. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22837295/
  6. Food and Drug Administration (FDA) (2012). Mobic (meloxicam) compresse e sospensione orale. Recuperato da https://www.accessdata.fda.gov/drugsatfda_docs/label/2014/012151s072lbl.pdf
  7. Fournier, J. P., Sommet, A., Bourrel, R., Oustric, S., Pathak, A., Lapeyre-Mestre, M. e Montastruc, J. L. (2012). Farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) e intensificazione del trattamento dell'ipertensione: uno studio di coorte basato sulla popolazione. Rivista europea di farmacologia clinica, 68(11), 1533–1540. doi:10.1007/s00228-012-1283-9. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22527348/
  8. Gaffo, A. L., MD, MsPH. (2019, 4 dicembre). Trattamento delle riacutizzazioni della gotta. Estratto il 18 settembre 2020 da https://www.uptodate.com/contents/treatment-of-gout-flares/
  9. GoodRx.com (n.d.). Meloxicam. Estratto il 16 settembre 2020 da https://www.goodrx.com/meloxicam
  10. Huskisson, E. C., Ghozlan, R., Kurthen, R., Degner, F. L., & Bluhmki, E. (1996). Uno studio a lungo termine per valutare la sicurezza e l'efficacia della terapia con meloxicam nei pazienti con artrite reumatoide. Reumatologia, 35 (suppl 1), 29-34. doi:10.1093/reumatologia/35.suppl_1.29. Recuperato da https://academic.oup.com/reumatologia/article/35/suppl_1/29/1782379
  11. Jin, M., Yang, F., Yang, I., Yin, Y., Luo, J. J., Wang, H. e Yang, X. F. (2012). Acido urico, iperuricemia e malattie vascolari. Frontiere nelle bioscienze (edizione Landmark), 17, 656-669. doi:10.2741/3950. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3247913/
  12. Johnson, A.G., Nguyen, T.V., & Day, R.O. (1994). I farmaci antinfiammatori non steroidei influenzano la pressione sanguigna? Una meta-analisi. Annali di medicina interna, 121(4), 289-300. doi:10.7326/0003-4819-121-4-199408150-00011. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/8037411/
  13. Martini, A. K., Rodriguez, C. M., Cap, A. P., Martini, W. Z. e Dubick, M. A. (2014). Acetaminofene e meloxicam inibiscono l'aggregazione piastrinica e la coagulazione nei campioni di sangue umano. Coagulazione del sangue e fibrinolisi, 25(8), 831-837. doi:10.1097/mbc.000000000000000162. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/25004022/
  14. Istituti Nazionali di Sanità (NIH). (2014, 01 novembre). Sintomi e cause delle ulcere peptiche (ulcere allo stomaco). Estratto il 24 settembre 2020 da https://www.niddk.nih.gov/health-information/digestive-diseases/peptic-ulcers-stomach-ulcers/symptoms-causes
  15. Istituti Nazionali di Sanità (NIH). (2020, 17 agosto). Spondilite anchilosante – Riferimento per la casa di genetica – NIH. Estratto il 22 settembre 2020 da https://ghr.nlm.nih.gov/condition/ankylosing-spondylitis
  16. Reginster, J. Y., Distel, M., & Bluhmki, E. (1996). Uno studio in doppio cieco di tre settimane per confrontare l'efficacia e la sicurezza di Meloxicam 7,5 mg e Meloxicam 15 mg in pazienti con artrite reumatoide. Reumatologia, 35 (suppl 1), 17-21. doi:10.1093/reumatologia/35.suppl_1.17. Recuperato da https://www.researchgate.net/profile/Erich_Bluhmki/publication/14569192_A_Double-Blind_Three-Week_Study_to_Compare_the_Efficacy_and_Safety_of_Meloxicam_75_mg_and_Meloxicam_15_mg_in_Patients_with_Rheumatoid_Arthritis/links/599d516745851574f4b258e4/A-Double-Blind-Three-Week-Study-to-Compare-the-Efficacy-and-Safety- di-Meloxicam-75-mg-e-Meloxicam-15-mg-in-pazienti-con-artrite-reumatoide.pdf
  17. Rinder, H. M., Tracey, J. B., Souhrada, M., Wang, C., Gagnier, R. P. e Wood, C. C. (2002). Effetti del meloxicam sulla funzione piastrinica in adulti sani: uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo. Il giornale di farmacologia clinica, 42 (8), 881-886. doi:10.1177/009127002401102795. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/12162470/
  18. Song, I.H., Poddubnyy, D.A., Rudwaleit, M., & Sieper, J. (2008). Benefici e rischi del trattamento della spondilite anchilosante con farmaci antinfiammatori non steroidei. Artrite e reumatismi, 58(4), 929-938. doi:10.1002/art.23275. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/18383378/
  19. Yocum, D. (2000). Sicurezza ed efficacia di Meloxicam nel trattamento dell'osteoartrite. Archivi di medicina interna, 160(19), 2947-2954. doi:10.1001/archinte.160.19.2947. Recuperato da https://jamanetwork.com/journals/jamainternalmedicine/fullarticle/485487
Vedi altro