Quante persone muoiono di obesità?

Quante persone muoiono di obesità?

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Se hai l'obesità, sicuramente non sei solo. In effetti, sei in compagnia di quasi la metà di tutti gli adulti statunitensi.

Ma quante persone muoiono di obesità? Quanto è pericoloso e cosa puoi fare al riguardo?

Cos'è l'obesità?

L'obesità è diventata un problema di salute pubblica in crescita sia negli Stati Uniti che in tutto il mondo. Secondo il CDC e il National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) 2017-2018, la prevalenza dell'obesità è oltre il 42% negli adulti americani (Hales, 2020). Anche i tassi di obesità infantile sono in aumento, con quasi 1 su 5 bambini negli Stati Uniti affetti da obesità (Sanyaolu, 2019).

Annuncio pubblicitario

Incontra Plenity —uno strumento di gestione del peso approvato dalla FDA

Plenity è una terapia solo su prescrizione. Per un uso sicuro e corretto di Plenity, parlare con un operatore sanitario o fare riferimento al Istruzioni per l'uso .

Per saperne di più

Ma cos'è l'obesità? È più che portare qualche chilo in più. È una malattia cronica che può portare a un peggioramento dei problemi di salute. L'obesità si basa su una misurazione chiamata tuo indice di massa corporea o BMI. Puoi calcolare il tuo BMI utilizzando il tuo peso e la tua altezza e quindi determinare quale categoria di seguito si applica a te. Più alto è il tuo BMI, più maggiore è il rischio di sviluppare problemi di salute rispetto alle persone nella categoria di peso normale (Purnell, 2018):

quanto dura la congestione del rimbalzo?

Quanto è mortale l'obesità?

Nel 2016, secondo il Organizzazione mondiale della Sanità (OMS), c'erano circa 650 milioni di persone in tutto il mondo con obesità; date le tendenze attuali, quel numero continuerà a salire, così come il numero di problemi di salute che questo gruppo di persone potrebbe incontrare. Sfortunatamente, il numero di decessi ogni anno dovuti a sovrappeso o obesità è di almeno 2,8 milioni di persone (OMS, 2020).

Se si considerano tutte le cause di morte, il 7% è associato ad avere un BMI più alto (Cohen, 2017). L'obesità aumenta il tuo mortalità per tutte le cause (o rischio di morte) in molte categorie di malattie, tra cui cancro, malattie cardiovascolari, ecc. (Bhaskaran, 2018).

puoi provare con l'olio di pesce?

Ma le persone obese non muoiono solo per il sovrappeso. Stanno morendo di cure mediche condizioni che sono più gravi a causa della loro obesità. Queste condizioni (indicate anche come comorbilità) includono (PSC, 2009):

  • Cardiopatia
  • Alta pressione sanguigna, diabete
  • Malattia del fegato
  • Alcuni tumori
  • problemi polmonari

L'obesità aumenta anche le possibilità di sviluppare alcune infezioni gravi, come COVID-19 (Popkin, 2020). Maggiori informazioni sul legame tra obesità e COVID-19 Qui .

A causa di questo aumento del rischio di peggioramento dei problemi medici, l'obesità può ridurre l'aspettativa di vita residua per diversi anni. Uno studio ha mostrato che un uomo di 40 anni con obesità potrebbe perdere più di quattro anni dalla sua aspettativa di vita rimanente. Anche le donne sono colpite dall'obesità; una donna di 40 anni può aspettarsi una riduzione di 3,5 anni della sua aspettativa di vita rispetto a una persona con un peso sano (Bhaskaran, 2018).

Questa tendenza peggiora quanto più alto è il tuo BMI. Le persone con il IMC più elevati , chiamata anche Classe 3 o obesità estrema, hanno le stime più alte degli anni persi dalla loro aspettativa di vita residua (Bhaskaran, 2018).

Quali sono i rischi per la salute dell'obesità?

Come puoi vedere, l'obesità può portare a vari problemi medici, molti dei quali hanno maggiori probabilità di causare la morte nelle persone obese rispetto a quelle con un peso sano.

Diabete di tipo 2

Non solo fino al 90% delle persone con diabete di tipo 2 hanno l'obesità, ma le persone con obesità hanno anche quasi 20 volte più probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2 rispetto alle persone con BMI normale (Kyrou, 2018). Chiaramente, il diabete e l'obesità sono strettamente collegati, tanto che alcuni esperti si riferiscono al diabete da obesità come diabete (Pappachan, 2017).

Diabete aumenta il rischio di sviluppare infarti, ictus, problemi renali e infezioni, che possono essere fatali se abbastanza gravi. Inoltre, le persone con diabete possono sviluppare chetoacidosi diabetica, una condizione potenzialmente pericolosa per la vita (Papatheodorou, 2018).

Fortunatamente, alcuni studi mostrano che perdere solo una modesta quantità di peso, anche solo del 5-10%, può portare a un miglioramento o addirittura alla remissione del diabete (Dhamba-Miller, 2020).

Cardiopatia

Le persone con obesità hanno maggiori probabilità di sviluppando malattie cardiache (chiamate anche malattie cardiovascolari o CVD). Le malattie cardiovascolari sono una delle principali cause di morte negli adulti statunitensi, specialmente nelle persone con obesità. Questo gruppo tende a contrarre malattie cardiache prima nella vita, trascorre più tempo a convivere con CVD e soffre di morte prematura per CVD più spesso rispetto alle persone con un BMI sano (Khan, 2018).

Avere l'obesità aumenta la pressione sanguigna, aumenta il colesterolo e aumenta i livelli di glucosio nel sangue. Questo triade di problemi medici aumenta il rischio di sviluppare malattie cardiache, infarti e ictus (Klop, 2013). Aumenta anche l'obesità infiammatorio e fattori della coagulazione, che rendono più probabile lo sviluppo di coaguli di sangue, soprattutto se si soffre di aterosclerosi e malattie cardiache. Se questi coaguli si verificano nel cuore o nel cervello, possono provocare rispettivamente infarti e ictus. Quando abbastanza gravi, queste condizioni possono essere fatali (Kyrou, 2018).

L'impatto dei farmaci sull'aumento di peso e sull'obesità

6 minuti di lettura

posso prendere il viagra con tamsulosina?

Alta pressione sanguigna

Il tuo pressione sanguigna può aumentare con l'obesità a causa di diversi fattori, tra cui infiammazione, danno ossidativo e cambiamenti ormonali. Questa pressione sanguigna elevata, chiamata anche ipertensione, aumenta il rischio di malattia cardiovascolare , compresi infarti e ictus, oltre a problemi ai reni e ai vasi sanguigni (Cohen, 2017).

Malattia del fegato

Molte persone con obesità sviluppano problemi al fegato come un fegato grasso o una steatosi epatica. Troppo grasso si accumula nelle cellule del fegato, impedendo loro di funzionare correttamente. Questo può portare a cicatrici, insufficienza epatica e persino cancro al fegato o morte. Sebbene questa condizione sia più spesso associata all'alcolismo, circa il 10-20% delle persone obese sviluppa una condizione chiamata steatosi epatica non alcolica o NAFLD. Questa è una malattia del fegato grasso riscontrata in qualcuno che beve poco o nessun alcol (Kyrou, 2018).

Cancro

Avere troppo grasso corporeo aumenta il rischio di sviluppare certezze tumori , compresi i tumori della gola, dello stomaco, del colon, del fegato, della cistifellea, del pancreas, della mammella, dell'utero, delle ovaie, dei reni e della tiroide. Inoltre, se qualcuno con obesità sviluppa il cancro, ha una maggiore probabilità di morire di quel cancro rispetto a una persona con un peso sano (Kyrou, 2018).

L'obesità colpisce i polmoni in diversi modi. L'aumento del grasso corporeo nel petto e nell'addome rende fisicamente più difficile respirare e i polmoni possono lottare sotto il peso in eccesso. Non puoi respirare così profondamente, traducendosi in meno ossigeno che entra nel flusso sanguigno ad ogni respiro. Nel tempo, i polmoni e i muscoli circostanti potrebbero iniziare a indebolirsi a causa di tutto il lavoro extra che devono svolgere (Kyrou, 2018).

Una persona obesa ha anche maggiori probabilità di sviluppare problemi polmonari come l'asma, la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e l'apnea ostruttiva del sonno (OSA). L'obesità gioca un ruolo significativo in apnea ostruttiva del sonno sleep , poiché circa il 63% delle persone con obesità ha OSA (Kline, 2021).

dimensione media del pene per gli uomini americani

L'OSA è una condizione in cui ti fermi e inizi a respirare più e più volte mentre dormi. Se tu o il tuo partner addormentato avete un rumore forte russare , boccheggiamento o interruzioni della respirazione durante il sonno, parla con il tuo medico per fare il test per l'OSA. Le persone con OSA possono anche avere sonnolenza diurna e mal di testa mattutino.

L'OSA è più di un semplice problema di dormire bene la notte: è un fattore di rischio per lo sviluppo di malattie cardiache, infarti, ictus, insufficienza cardiaca, problemi polmonari, diabete e persino incidenti stradali dovuti alla sonnolenza (Kline, 2021).

COVID-19

Gli scienziati hanno notato una tendenza significativa per quanto riguarda l'obesità e la pandemia globale di coronavirus. Hanno scoperto che avere l'obesità aumenta il rischio di sviluppare gravi COVID-19 malattia e che necessitano di ricovero ospedaliero con trattamento nell'unità di terapia intensiva (UTI). Le persone con obesità hanno anche maggiori probabilità di morire di COVID-19 rispetto alle loro controparti di peso sano. Le ragioni di ciò non sono chiare, ma è probabilmente dovuto a una combinazione di problemi polmonari, infiammazione e altre condizioni correlate all'obesità che possono avere (come diabete, ipertensione, ecc.) (Popkin, 2020).

L'obesità come fattore di rischio per il COVID-19

4 minuti di lettura

Cosa puoi fare al riguardo?

Il modo migliore per aumentare il rischio di problemi di salute e morte prematura per obesità è perdere peso e migliorare l'indice di massa corporea. Gli studi dimostrano che perdere solo 5-10% del tuo peso corporeo può ridurre il rischio di sviluppare molti problemi medici. La perdita di peso riduce la pressione alta, migliora il colesterolo, abbassa la glicemia, diminuisce il grasso corporeo nell'addome e nel fegato e l'elenco potrebbe continuare (Magkos, 2016)

Anche se perdere peso può sembrare più facile a dirsi che a farsi, una combinazione di un equilibrato dieta e attività fisica regime può fare molto per migliorare la tua salute.

Non devi farlo da solo. Collabora con il tuo medico per elaborare un piano. Il tuo fornitore può verificare se stai assumendo farmaci o se hai condizioni di salute che contribuiscono al tuo aumento di peso. Potresti anche essere un candidato per la perdita di peso farmaci o opzioni chirurgiche.

Riferimenti

  1. Bhaskaran K, Dos-Santos-Silva I, Leon DA, Douglas IJ, Smeeth L. (2018) Associazione di BMI con mortalità generale e causa-specifica: uno studio di coorte basato sulla popolazione di 3,6 milioni di adulti nel Regno Unito. Lancet Diabete Endocrinolia . Dic;6(12):944-953. doi:10.1016/S2213-8587(18)30288-2. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30389323/
  2. Cohen J. B. (2017). Ipertensione nell'obesità e l'impatto della perdita di peso. Rapporti attuali di cardiologia, 19 (10), 98. doi:10.1007/s11886-017-0912-4. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5606235/
  3. Dambha-Miller, H., Day, A. J., Strelitz, J., Irving, G. e Griffin, S. J. (2020). Cambiamento del comportamento, perdita di peso e remissione del diabete di tipo 2: uno studio di coorte prospettico basato sulla comunità. Medicina diabetica: una rivista della British Diabetic Association, 37 (4), 681-688. doi:10.1111/dme.14122. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31479535/
  4. Hales CM, Carroll MD, Fryar CD, OgdenCL. (2020) Prevalenza dell'obesità e dell'obesità grave tra gli adulti: Stati Uniti, 2017-2018. NCHS Data Brief, no 360 . Hyattsville, MD: Centro nazionale per le statistiche sanitarie. Estratto il 12 marzo 2021 da https://www.cdc.gov/nchs/data/databriefs/db360-h.pdf
  5. Khan SS, Ning H, Wilkins JT, Allen N, Carnethon M, Berry JD, Sweis RN, Lloyd-Jones DM. (2018). Associazione dell'indice di massa corporea con il rischio di malattie cardiovascolari e la compressione della morbilità. JAMA Cardiol , 3 (4):280-287. doi: 10.1001/jamacardio.2018.0022. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29490333/
  6. Kline, L.R. (2021). Presentazione clinica e diagnosi dell'apnea ostruttiva del sonno negli adulti. Callop, N. & Finlay, G. (a cura di) Estratto il 12 marzo 2021 da https://www.uptodate.com/contents/clinical-presentation-and-diagnosis-of-obstructive-sleep-apnea-in-adults
  7. Klop, B., Elte, J.W., & Cabezas, M.C. (2013). La dislipidemia nell'obesità: meccanismi e potenziali bersagli. Nutrienti, 5 (4), 1218–1240. doi:10.3390/nu5041218. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3705344
  8. Kyrou I, Randeva HS, Tsigos C, et al. (2018). Problemi clinici causati dall'obesità. In: Feingold KR, Anawalt B, Boyce A, et al., editori. Endotesto [Internet]. South Dartmouth (MA): MDText.com, Inc.; 2000-. Recuperato da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK278973/
  9. Magkos, F., Fraterrigo, G., Yoshino, J., Luecking, C., Kirbach, K., Kelly, S. C., et al. (2016). Effetti della perdita di peso progressiva moderata e successiva sulla funzione metabolica e sulla biologia del tessuto adiposo negli esseri umani con obesità. Metabolismo cellulare, 23 (4), 591–601. doi:10.1016/j.cmet.2016.02.005. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/26916363/
  10. Papatheodorou, K., Banach, M., Bekiari, E., Rizzo, M., & Edmonds, M. (2018). Complicazioni del diabete 2017. Journal of Diabetes Research, 2018 , 3086167. doi:10.1155/2018/3086167. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5866895/
  11. Pappachan, J. M. e Viswanath, A. K. (2017). Gestione medica del diabete: abbiamo obiettivi realistici?. Rapporti attuali sul diabete, 17 (1), 4. doi:10.1007/s11892-017-0828-9. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/28101792/
  12. Popkin, B. M., Du, S., Green, W. D., Beck, M. A., Algaith, T., Herbst, C. H., et al. (2020). Individui con obesità e COVID-19: una prospettiva globale sull'epidemiologia e le relazioni biologiche. Recensioni sull'obesità: una rivista ufficiale dell'Associazione internazionale per lo studio dell'obesità, 21 (11), e13128. doi:10.1111/obr.13128. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7461480/
  13. Collaborazione di studi prospettici (PSC), Whitlock, G., Lewington, S., Sherliker, P., Clarke, R., Emberson, J., et al. (2009). Indice di massa corporea e mortalità causa-specifica in 900 000 adulti: analisi collaborative di 57 studi prospettici. Lancetta, 373 (9669), 1083-1096. doi:10.1016/S0140-6736(09)60318-4. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2662372/
  14. Purnell JQ. Definizioni, classificazione ed epidemiologia dell'obesità. (2018). In: Feingold KR, Anawalt B, Boyce A, et al., editori. Endotesto [Internet]. South Dartmouth (MA): MDText.com, Inc.; 2000-. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK279167
  15. Sanyaolu, A., Okorie, C., Qi, X., Locke, J. e Rehman, S. (2019). Obesità infantile e adolescenziale negli Stati Uniti: una preoccupazione per la salute pubblica. Salute pediatrica globale, 6 , 2333794X19891305. doi: 10.1177/2333794X19891305. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6887808/
Vedi altro