Come parlare al tuo partner della disfunzione erettile


Come parlare al tuo partner della disfunzione erettile

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi di carattere medico, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli su Health Guide sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

La disfunzione erettile (DE) non colpisce solo le persone che ne sono affette, ma anche i loro partner. Ecco perché è fondamentale evitare qualsiasi imbarazzo e parlare con il tuo partner (e un operatore sanitario) ai primi segni di questa condizione comune, ma spesso curabile.



Sebbene molte persone generalizzino l'ED, che è caratterizzata da problemi nell'ottenere o mantenere un'erezione, come un problema cronico, può anche essere casuale o occasionale. Un partner sessuale è spesso la prima persona a notare sottili cambiamenti nella forza e nella frequenza delle erezioni di un partner. Ecco perché è importante che le persone si sentano a proprio agio a parlare con i loro partner di eventuali cambiamenti. Questo è anche di vitale importanza perché l'ED è in realtà abbastanza comune.

Vitali

  • La disfunzione erettile è una condizione caratterizzata da difficoltà a raggiungere o mantenere un'erezione.
  • ED non deve essere cronico. Può anche essere occasionale o casuale.
  • Circa 30 milioni di persone negli Stati Uniti hanno la disfunzione erettile.
  • È stato dimostrato che l'ED ha un impatto sia sul paziente che sui suoi partner.
  • I partner sono spesso parte integrante del trattamento e devono capire che l'ED non riguarda solo l'eccitazione.

L'ED è più comune di quanto pensi

Sebbene ottenere statistiche accurate sull'ED sia difficile, i numeri che abbiamo rivelano che è più comune di quanto la gente possa pensare. Ricercatori coinvolti con uno studio che ha esaminato 27.000 uomini provenienti da otto paesi diversi ha scoperto che solo il 58% dei partecipanti con disfunzione erettile aveva mai cercato aiuto da un medico per la condizione. Quindi, anche se hanno scoperto che circa l'8% degli uomini tra i 20 ei 29 anni e l'11% degli uomini tra i 30 e i 39 anni hanno la disfunzione erettile, il numero reale di uomini che soffrono di questa condizione comune potrebbe essere più alto (Rosen, 2004). UN studio 2019 ha scoperto che tra il 3% e il 76,5% degli uomini soffre di disfunzione erettile a livello globale (Kessler, 2019). Nello specifico negli Stati Uniti, si stima che 30 milioni di persone soffrano di disfunzione erettile (Nunes, 2012).

Annuncio pubblicitario



Ottieni $ 15 di sconto sul tuo primo ordine di trattamento per la disfunzione erettile

Un vero professionista sanitario autorizzato negli Stati Uniti esaminerà le tue informazioni e ti ricontatterà entro 24 ore.

Per saperne di più

In che modo l'ED influenza le relazioni?

Ciò che non è sopravvalutato è quanto l'ED può influenzare le relazioni. L'Associazione Impotenza (ora Associazione Disfunzione Sessuale) condotto un sondaggio online per scoprire esattamente come l'ED ha influito sugli uomini: il 62% dei partecipanti ha riferito che l'ED ha abbassato la propria autostima, il 29% ha affermato che aveva influenzato la loro relazione e il 21% ha indicato che una relazione era terminata come risultato diretto della condizione (Tomlinson , 2004).



È generalmente accettato che l'autostima abbia un impatto diretto sulla qualità della relazione, ma anche la scienza lo conferma. Alta autostima è correlato con maggiore soddisfazione relazionale sia per la persona con questa qualità che per il proprio partner (Erol, 2016). Ma i problemi per la relazione sono più profondi. Uno studio ha scoperto che i partner con disfunzione erettile hanno sperimentato evirazione e depressione oltre alla caduta dell'autostima riportata in altri studi. Gli stessi uomini hanno riferito di sentirsi incapaci di dirlo ai loro partner e preoccupati che stavano deludendo i loro partner e che i loro partner li avrebbero lasciati e sarebbero andati altrove (Tomlinson, 2004).

Ma non è solo il partner che sta vivendo l'ED ad essere colpito. Sebbene la ricerca ha trovato che circa l'80% dei casi di disfunzione erettile ha una causa organica (come un problema ormonale sottostante o problemi di circolazione), partner femminili di una persona con disfunzione erettile riferire sensazione poco attraente e preoccupante che il loro partner sia con qualcun altro (Yafi, 2016; Li, 2016). Il risultato finale è simile a quello del partner con disfunzione erettile: affrontare questo problema in una relazione può portare ad ansia e depressione per il partner femminile (Li, 2016). Come avrai intuito, influisce anche sulla vita sessuale di una coppia. femmine rapporto impegnarsi in una minore attività sessuale dopo che ai loro partner è stata diagnosticata la disfunzione erettile e valutano la loro vita sessuale come meno soddisfacente (Fisher, 2005).

Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche su come l'ED di un partner colpisce i partner maschili, uno studio ha notato che può causare conflitti tra i partner così come la paura dell'intimità e la paura del rifiuto (Vansintejan, 2013).

Come parlare di DE con il tuo partner

In alcuni casi, un operatore sanitario avvierà questo processo per conto del paziente. Ricercatori sulla salute sessuale e l'intimità hanno a lungo incoraggiato professionisti di coinvolgere i partner nella conversazione clinica iniziale sull'ED, anche chiedendo loro di entrare per la prima conversazione in studio sui problemi. I partner possono rivelare un aspetto della causa sottostante dell'ED che la persona che ha riscontrato il problema può minimizzare o negare del tutto (Dunn, 2004). Infatti, è stato trovato che coinvolgere un partner nella discussione medica iniziale sui problemi di erezione altera la diagnosi del paziente o il trattamento prescritto fino al 58% delle volte (Chun, 2001).

Iniziare la conversazione sull'ED con un esperto medico presente può essere un modo per contestualizzare il problema dall'inizio. Nessuno è in colpa per problemi di erezione. Iniziare la conversazione in un contesto medico può aiutare a sottolineare che il problema ha probabilmente cause di salute sottostanti, rimuovendo qualsiasi potenziale colpa. Questo è vitale poiché l'ansia da prestazione sessuale (SPA) è fin troppo reale, che colpisce tra 9% e 25% degli uomini. Questo specifico tipo di ansia contribuisce all'eiaculazione precoce e alla disfunzione erettile (Pyke, 2020).

Affronta l'argomento con delicatezza, ma francamente

Soprattutto, il tuo partner deve sapere che questo è importante per te quando inizi questa discussione, sottolinea il dottor Pepper Schwartz, Ph.D. Questo vale per le persone che soffrono di disfunzione erettile che cercano di affrontare l'argomento con i loro partner e per coloro che potrebbero aver notato problemi di erezione nei loro partner. Un altro grande da asporto: sicuramente non farlo a letto, o tirarlo su subito dopo che si è verificato il problema, consiglia. Non importa chi sta affrontando l'argomento, il Dr. Schwartz dice che un paio di cose potrebbero aiutare, tra cui:

come ingrandire davvero il tuo pene
  • Portare materiali sull'argomento a cui fare riferimento per le competenze
  • Iniziare la conversazione in una situazione non minacciosa, come durante la colazione
  • Bere un drink, come caffè o vino, per riempire le pause imbarazzanti che possono sorgere

Il tono emotivo che imposti quando ti rivolgi al tuo partner riguardo al suo potenziale ED è cruciale. Non far mai sentire il tuo partner alle strette, dice il dottor Schwartz. Dì al tuo partner che ami fare l'amore con loro, ma semplicemente non ne hai abbastanza e vorresti prolungare il rapporto. È qui che la ricerca precedente può tornare utile. Il Dr. Schwartz suggerisce di rassicurarli che la condizione può essere trattata e poi chiedere al tuo partner se lavorerà con te su questo. Ricorda che l'ED colpisce tutti nella relazione, quindi è giusto presentarlo come uno sforzo di squadra.

I materiali possono aiutare se il tuo partner è sulla difensiva

È possibile che il tuo partner si senta in imbarazzo e si metta sulla difensiva, avverte il dottor Schwartz. Il modo in cui ti avvicini al tuo partner può aiutare, ma è una conversazione che molte persone cercano di evitare, spiega. Se si arrabbia o si mette sulla difensiva, non approfondire il problema, ma non lasciare che il tuo partner pensi che lo stai lasciando cadere. Fai un passo indietro ma dì loro che devi davvero dare seguito a questo, suggerisce il Dr. Schwartz, aggiungendo che puoi anche concludere la conversazione con una nota positiva: rassicurali che pensi che siano sexy e che lo stai sollevando perché ritieni che la tua relazione sia abbastanza forte per lavorare su questo e migliorare le cose.

Se il tuo partner afferma di non avere problemi quando sai che qualcosa non va, puoi usare i materiali come un modo gentile per guidare la conversazione. Se il tuo partner dice che sono 'normali' ed è un tuo problema, mostra loro del materiale scritto e chiedi loro se descrive voi due insieme, consiglia il dottor Schwartz. Puoi dire loro che questa condizione è comune, ma uno dei motivi per cui sei preoccupato è che spesso è un segno di un problema molto peggiore e vorresti fare un check-up per la loro salute e per la tua vita sessuale.

Anche questo non va sempre secondo i piani, però. Se davvero puntano i piedi, magari programmano una consulenza matrimoniale, suggerisce il dottor Schwartz. Potrebbero esserci alcune cause alla radice del loro rifiuto di affrontare problemi di erezione o eiaculazione precoce che devono essere risolte prima di poter affrontare i problemi sessuali, spiega.

Quello che tu e il tuo partner dovete sapere su ED

Come puoi vedere da alcuni studi, l'ED può causare alcune convinzioni dannose tra le coppie che influenzano la loro relazione. Queste convinzioni e la paura che provocano possono rendere più difficile parlare apertamente dei problemi di erezione. Ma abbattere alcune delle idee sbagliate comuni sulla condizione può aiutare. Ecco cosa devi capire:

ED non riguarda solo l'eccitazione

Mentre l'eccitazione è una parte importante per ottenere un'erezione, la disfunzione erettile non riguarda necessariamente il non essere acceso. La disfunzione erettile a volte può essere causata da gravi condizioni di salute di base come ipertensione, colesterolo alto, diabete, depressione, danni ai nervi, basso livello di testosterone e malattie cardiache. Anche l'ansia, il senso di colpa e lo stress possono peggiorare ulteriormente la disfunzione erettile. Ma anche fattori piccoli come una leggera disidratazione possono causare ED. L'eccitazione è solo una parte del complicato processo che va avanti per raggiungere un'erezione. (Vale la pena notare che questo è anche il motivo per cui i farmaci per la disfunzione erettile non causano solo erezioni spontanee; l'eccitazione è una componente necessaria, anche con i farmaci prescritti.)

ED è curabile

Ottenere aiuto, informazioni accurate e supporto il prima possibile sono parti importanti per trattare con successo la disfunzione erettile. Esistono numerosi trattamenti per la disfunzione erettile, che vanno dalla modifica dello stile di vita ai farmaci orali fino alla chirurgia. Se stai soffrendo di disfunzione erettile, parla con un operatore sanitario di ciò che potrebbe essere meglio per te. Se il tuo ED è causato da un problema medico di base, quel problema dovrà essere affrontato. Ma se non ci sono problemi di fondo, i farmaci da prescrizione possono essere una soluzione praticabile. Molti farmaci per la disfunzione erettile sono ora disponibili in versioni generiche, il che significa che sono accessibili in una gamma di situazioni finanziarie più ampia che mai.

Il trattamento può aiutare entrambi i partner

In un documento, i ricercatori hanno sostenuto per l'importanza di coinvolgere le coppie nelle sperimentazioni cliniche di farmaci e terapie per la disfunzione erettile, evidenziando che gli uomini ei loro partner sarebbero entrambi affetti da difficoltà erettili. In effetti, hanno sostenuto che l'impotenza - un termine da cui il campo medico si sta allontanando - dovrebbe essere definita impotenza di coppia perché tutte le parti in una relazione sono così colpite dal problema di salute (Wagner, 2000). I partner sono stati coinvolti in alcuni studi, infatti, e le loro scoperte rivelano che i trattamenti per la disfunzione erettile apportano benefici a tutte le persone coinvolte in una relazione.

Ricerche precedenti che hanno esaminato partner maschili sugli inibitori della PDE-5, un tipo di trattamento per la disfunzione erettile che include farmaci noti come Viagra e Cialis, trovato che la loro esperienza e quella delle loro compagne erano intrecciate. Gli uomini avevano maggiori probabilità di continuare il trattamento quando le loro partner erano più soddisfatte della loro vita sessuale e la loro percezione di tale soddisfazione era più alta (Dean, 2006).

Riferimenti

  1. Chun, J., & Carson, C. C. (2001). Dialogo medico-paziente e valutazione clinica della disfunzione erettile. Cliniche urologiche del Nord America, 28(2), 249-258. doi:10.1016/s0094-0143(05)70135-x
  2. Dean, J., Boer, B. D., Graziottin, A., Hatzichristou, D., Heaton, J., & Tailor, A. (2006). Soddisfazione del partner e risultati del trattamento di successo per gli uomini con disfunzione erettile (DE). Supplementi europei di urologia, 5(13), 779-785. doi:10.1016/j.eursup.2006.06.006
  3. Dunn, M.E., PhD. (2004). Ripristino dell'intimità di coppia e della relazione vitale per ristabilire la funzione erettile. Il giornale dell'Associazione Osteopatica Americana, 104(3 Suppl), S6-S10. Estratto il 20 maggio 2020 da https://jaoa.org
  4. Erol, R. Y. e Orth, U. (2016). L'autostima e la qualità delle relazioni romantiche. Psicologo europeo, 21(4), 274-283. doi: 10.1027/1016-9040/a000259
  5. Fisher, W. A., Rosen, R. C., Eardley, I., Sand, M., & Goldstein, I. (2005). Esperienza sessuale di partner femminili di uomini con disfunzione erettile: studio sull'esperienza femminile degli atteggiamenti degli uomini agli eventi della vita e alla sessualità (FEMMINILI). Il Journal of Sexual Medicine, 2(5), 675-684. doi: 10.1111/j.1743-6109.2005.00118.x
  6. Kessler, A., Sollie, S., Challacombe, B., Briggs, K. e Hemelrijck, M. V. (2019). La prevalenza globale della disfunzione erettile: una revisione. BJU Internazionale, 124(4), 587–599. doi: 10.1111/bju.1481
  7. Li, H., Gao, T. e Wang, R. (2016). Il ruolo del partner sessuale nella gestione della disfunzione erettile. Recensioni sulla natura Urologia, 13 (3), 168-177. doi: 10.1038/nrurol.2015.315
  8. Nunes, K. P., Labazi, H., & Webb, R. C. (2012). Nuove intuizioni sulla disfunzione erettile associata all'ipertensione. Opinione attuale in nefrologia e ipertensione, 21 (2), 163-170. doi: 10.1097/mnh.0b013e32835021bd
  9. Pyke, R. E. (2020). Ansia da prestazione sessuale. Recensioni di medicina sessuale, 8 (2), 183-190. doi:10.1016/j.sxmr.2019.07.001
  10. Rosen, R. C., Fisher, W. A., Eardley, I., Niederberger, C., Nadel, A., & Sand, M. (2004). Lo studio multinazionale Mens Attitudes to Life Events and Sexuality (MALES): I. Prevalenza della disfunzione erettile e relativi problemi di salute nella popolazione generale. Attuale ricerca medica e parere, 20 (5), 607-617. doi: 10.1185/030079904125003467
  11. Tomlinson, J., & Wright, D. (2004). Impatto della disfunzione erettile e suo successivo trattamento con sildenafil: studio qualitativo. Bmj, 328(7447), 1037. doi: 10.1136/bmj.38044.662176.ee
Vedi altro