Herpesvirus umano 6 (HHV-6): trasmissione e sintomi

Herpesvirus umano 6 (HHV-6): trasmissione e sintomi

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

L'herpesvirus umano 6 (HHV-6) è un virus che fa parte della famiglia degli herpesvirus. Ha due sottotipi: HHV-6A e HHV-6B. HHV-6B è il sottotipo che infetta la maggior parte dei bambini. Negli Stati Uniti, si stima che il 90% dei bambini contragga l'infezione da HHV-6 all'età di 2 anni. L'HHV-6A è principalmente un enigma: non è chiaro esattamente quale effetto abbia, se del caso, sulla salute umana. Come altri herpesvirus umani, l'HHV-6 può entrare in latenza dopo l'infezione primaria e riattivarsi più tardi nella vita. Altri membri della famiglia dei virus dell'herpes includono il virus di Epstein-Barr (EBV), il citomegalovirus (CMV), il virus della varicella-zoster (VZV), l'HHV-7 e i virus dell'herpes simplex (HSV-1 e HSV-2).

quanto costa un test covid

Vitali

  • HHV-6 è un virus della famiglia degli herpesvirus che causa malattie lievi con febbre ed eruzioni cutanee nei bambini piccoli.
  • HHV-6 si diffonde attraverso la saliva ed è molto comune.
  • I sintomi delle infezioni da HHV-6 di solito migliorano da soli.

Quali sono i segni e i sintomi dell'HHV-6?

Quando un bambino è infetto da HHV-6, di solito ha una malattia lieve con febbre. Sintomi comuni HHV-6 le cause includono febbre nel 60% dei bambini, pignoleria (70%), naso che cola (66%), eruzioni cutanee (31%) e diarrea (26%) (Zerr, 2005). La febbre alta in questi bambini può causare convulsioni febbrili, ma di solito non sono pericolose.



Un classico insieme di sintomi che l'HHV-6 può causare è chiamato roseola infantum. Roseola infantum è anche conosciuta come sesta malattia, esantema subitum o semplicemente roseola. Si verifica in circa 20-30% delle infezioni da HHV-6 , di solito tra i 6 mesi e i 2 anni di età (Zerr, 2005). Nella roseola, i bambini piccoli hanno 3-5 giorni di febbre alta, seguiti da un'eruzione cutanea diffusa che appare per la prima volta sul corpo.

Raramente, le infezioni da HHV-6 possono causare gravi infiammazioni del rivestimento intorno al cervello (meningite) e del cervello stesso (encefalite). La meningite e l'encefalite possono essere pericolose per la vita e richiedono il ricovero e il trattamento. Queste infezioni gravi sono più comuni nei bambini con un sistema immunitario debole, nei bambini con cancro e nei trapiantati.



Annuncio pubblicitario

come ingrandire la testa del tuo pene

Trattamento per l'herpes genitale su prescrizione

Parla con un medico su come trattare e sopprimere i focolai prima del primo sintomo.



Per saperne di più

Come viene trasmesso l'HHV-6? Si può prevenire?

HHV-6 è tipicamente trasmesso da persona a persona tramite la saliva (Miyazaki, 2017). Poiché non esiste un vaccino per l'HHV-6, è difficile prevenire le infezioni da HHV-6. Il modo migliore per evitare le infezioni da HHV-6 è praticare una buona igiene, compreso il lavaggio frequente delle mani.

Nei riceventi il ​​trapianto, l'HHV-6 può subire una riattivazione e causare sintomi. Studi hanno mostrato HHV-6 associato alla soppressione del midollo osseo dopo il trapianto (Zerr, 2005). Ciò significa che l'HHV-6 può causare anemia e bassi livelli di globuli bianchi e piastrine, che possono portare a affaticamento, diminuzione dell'immunità e sanguinamento.

Come vengono diagnosticate le infezioni da HHV-6?

Le infezioni da HHV-6 nei bambini sani con un sistema immunitario normale sono generalmente lievi e non richiedono test di laboratorio. Gli operatori sanitari di solito sono in grado di diagnosticare le infezioni da HHV-6 in base ai sintomi e all'esame fisico. Tuttavia, nei bambini con un sistema immunitario debole o in casi gravi e potenzialmente letali di sospetto HHV-6, potrebbero essere necessari test di laboratorio per il virus. Il test più comunemente usato è il test della reazione a catena della polimerasi (PCR) in cui i campioni vengono testati per il DNA virale. Questo test può rilevare l'HHV-6 nel sangue, nel liquido cerebrospinale (CSF), nel cervello o nei polmoni.

effetti collaterali del composto crema di testosterone

Qual è il trattamento per l'HHV-6?

Nei bambini e negli adulti sani e immunocompetenti, i sintomi delle infezioni virali da HHV-6 di solito migliorano da soli. In generale, bere molti liquidi, paracetamolo (marchio Tylenol), ibuprofene (marca Advil) e mantenere un'alimentazione adeguata può aiutare. Non somministrare mai aspirina a un bambino poiché può causare una condizione pericolosa e pericolosa per la vita chiamata sindrome di Reye, che è caratterizzata da gonfiore del cervello e del fegato. Se c'è un'infezione rara e grave, come l'encefalite (cervello) o la miocardite (cuore), i farmaci antivirali per via endovenosa possono aiutare. Il tuo medico può scegliere ganciclovir o foscarnet per trattare l'HHV-6.

Sclerosi multipla e HHV-6

La ricerca sull'HHV-6 è ancora in fase di sviluppo. La sclerosi multipla, in particolare, è stata collegata all'HHV-6 . La sclerosi multipla (SM) è una malattia autoimmune che colpisce il sistema nervoso centrale, il cervello e il midollo spinale. Nella SM, il tuo sistema immunitario attacca la guaina protettiva intorno ai tuoi nervi. C'è molta varietà nelle manifestazioni cliniche della SM: può causare molti sintomi diversi, tra cui affaticamento, perdita di coordinazione, perdita della vista e dolore. La gravità della SM varia da persona a persona, ma in alcune persone la SM è cronica, progressiva e debilitante. Una caratteristica fondamentale della SM è lo sviluppo di placche (note anche come lesioni o cicatrici) causate da ripetuti attacchi del sistema immunitario di una persona contro le cellule del proprio sistema nervoso. In queste placche, i ricercatori di virologia e malattie infettive hanno trovato il DNA dell'HHV-6. Nel sangue periferico dei pazienti con SM, questi ricercatori hanno anche trovato livelli elevati di anticorpi contro l'HHV-6, che potrebbero indicare che il sistema immunitario sta reagendo contro il virus come parte del processo della malattia (Leibovitch, 2014). Altri studi hanno trovato HHV-6 e HHV-8 nel tessuto cerebrale della SM (Merelli, 1997). Sebbene siano necessarie molte più ricerche, è possibile che in futuro vengano sviluppati farmaci antivirali per aiutare con la SM.

Altre ricerche ha collegato la riattivazione dell'HHV-6 alla sindrome da stanchezza cronica (CFS), sebbene ciò possa riflettere una differenza nel sistema immunitario dei pazienti con CFS rispetto all'HHV-6 che è il colpevole (Ablashi, 2000). Sono stati segnalati anche rari casi di HHV-6, che causano polmonite (infezioni polmonari) e infezioni del fegato (Olson, 2019).

Riferimenti

  1. Ablashi, D. V., Eastman, H. B., Owen, C. B., Roman, M., Friedman, J., Zabriskie, J. B., … Whitman, J. E. (2000). Frequente riattivazione dell'HHV-6 in pazienti con sclerosi multipla (SM) e sindrome da stanchezza cronica (CFS). Giornale di virologia clinica, 16 (3), 179-191. doi: 10.1016/s1386-6532(99)00079-7, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10738137
  2. Leibovitch, E. C., & Jacobson, S. (2014). Prove che collegano l'HHV-6 con la sclerosi multipla: un aggiornamento. Opinione attuale in virologia, 9, 127-133. doi: 10.1016/j.coviro.2014.09.016, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25462444
  3. Merelli, E., Bedin, R., Sola, P., Barozzi, P., Mancardi, G. L., Ficarra, G., & Franchini, G. (1997). Sequenze di DNA del virus dell'herpes umano 6 e del virus dell'herpes umano 8 nel cervello di pazienti con sclerosi multipla, adulti normali e bambini. Giornale di neurologia, 244 (7), 450-454. doi: 10.1007/s004150050121, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/9266465
  4. Miyazaki, Y., Namba, H., Torigoe, S., Watanabe, M., Yamashita, N., Ogawa, H., … Yamada, M. (2017). Monitoraggio del DNA degli herpesvirus umani-6 e -7 nei campioni di saliva durante le fasi acuta e convalescente dell'esantema subitum. Journal of Medical Virology, 89(4), 696–702. doi: 10.1002/jmv.24690, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27648817
  5. Olson, C. A., Dominguez, S. R., Miller, S., Chiu, C. Y. e Messacar, K. (2019). Rilevazione di gastroenterite, epatite, encefalopatia e herpesvirus umano 6 in un bambino immunocompetente: vantaggi e rischi del test del pannello molecolare multiplex sindromico. Il Journal of Pediatrics, 212, 228-231. doi: 10.1016/j.jpeds.2019.04.058, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/31208781
  6. Zerr, D. M., Meier, A. S., Selke, S. S., Frenkel, L. M., Huang, M.-L., Wald, A., … Corey, L. (2005). Uno studio basato sulla popolazione sull'infezione primaria da Herpesvirus umano 6. New England Journal of Medicine, 352 (8), 768-776. doi: 10.1056/nejmoa042207, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15728809
  7. Zerr, D. M., Corey, L., Kim, H. W., Huang, M. L., Nguy, L. e Boeckh, M. (2005). Risultati clinici della riattivazione dell'Herpesvirus umano 6 dopo il trapianto di cellule staminali ematopoietiche. Malattie infettive cliniche, 40 (7), 932-940. doi: 10.1086/428060, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15824982
Vedi altro