Spiegazione dell'iperglicemia (glicemia alta)

Spiegazione dell'iperglicemia (glicemia alta)

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi di carattere medico, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli su Health Guide sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Il termine iperglicemia si riferisce a uno stato in cui i livelli di zucchero nel sangue sono al di sopra del range normale. Per dividere la parola, hyper- significa che c'è un eccesso di qualcosa, -glyc- deriva dal glucosio (la forma misurata di zucchero nel sangue) e -emia si riferisce a qualcosa che è nel sangue. Di solito si parla di iperglicemia nel contesto del diabete, ma anche alcune altre cose possono causarla. L'iperglicemia è l'opposto dell'ipoglicemia, ovvero quando i livelli di zucchero nel sangue sono troppo bassi. Sebbene alcuni dei sintomi possano essere simili, le cause e i trattamenti sono molto diversi.

Vitali

  • L'iperglicemia si riferisce a uno stato in cui i livelli di zucchero nel sangue sono al di sopra del range normale.
  • Sebbene alcuni dei sintomi dell'iperglicemia e dell'ipoglicemia possano essere simili, le cause e i trattamenti sono molto diversi.
  • Nelle persone con diabete, l'iperglicemia può essere prevenuta controllando frequentemente i livelli di zucchero nel sangue e rispettando i farmaci per il diabete.
  • La dieta e l'esercizio fisico svolgono un ruolo essenziale nel mantenere i livelli di zucchero nel sangue entro un intervallo sano.

In una persona sana, i normali livelli di zucchero nel sangue (noti anche come livelli di glucosio nel sangue) sono 70-99 mg/dL durante il digiuno (non mangiare o bere per almeno otto ore) o<140 mg/dL two hours after eating (postprandial or reactive hyperglycemia). Anything above this can classify as hyperglycemia, although there is a wide range of possible values and what they mean. For example, if your blood sugar is 100–125 mg/dL when fasting it may mean you have prediabetes and if your blood sugar is>125 mg/dL durante il digiuno può significare che hai il diabete mellito di tipo 1 (T1DM) o il diabete mellito di tipo 2 (T2DM). Questo è chiamato test della glicemia a digiuno (FPG) ed è un test di screening che può essere eseguito per rilevare il diabete.

Allo stesso modo, se la glicemia è 140-199 mg/dL due ore dopo aver mangiato potrebbe significare che hai il prediabete e se la glicemia è >199 mg/dL due ore dopo aver mangiato potrebbe significare che hai T1DM o T2DM. Questo è chiamato test di tolleranza al glucosio orale (OGTT) ed è un altro test di screening che può essere eseguito per rilevare il diabete. Oltre a questi valori, molti siti Web secondari considerano 180 mg/dL come soglia per definire l'iperglicemia e suggeriscono che la glicemia prolungata oltre questa quantità si verifica quando i sintomi si manifestano. La glicemia può arrivare fino a >250 mg/dL e persino >600 mg/dL. Questi livelli sono in genere associati alle emergenze mediche, come discuteremo un po' più avanti.

Annuncio pubblicitario

Oltre 500 farmaci generici, ciascuno $ 5 al mese

Passa a Ro Pharmacy per ottenere le tue prescrizioni riempite per soli $ 5 al mese ciascuna (senza assicurazione).

Per saperne di più

Come viene regolata la glicemia?

Quando mangi cibo (in particolare quando mangi zuccheri o carboidrati, che vengono scomposti in zuccheri), i livelli di zucchero nel sangue aumentano. Il corpo quindi fa del suo meglio per regolare questi livelli. Due ormoni, il glucagone e l'insulina sono i principali responsabili di questa regolazione.

Quando i livelli di zucchero nel sangue sono bassi: in risposta a livelli bassi, l'ormone glucagone viene rilasciato dalle cellule alfa del pancreas. Il glucagone agisce per aumentare i livelli di zucchero nel sangue stimolando il fegato a trasformare il glicogeno in glucosio. Il glicogeno è una forma di stoccaggio del glucosio che il tuo corpo può produrre quando i livelli di glucosio sono alti.

Quando i livelli di zucchero nel sangue sono alti: in risposta a livelli elevati, l'ormone insulina viene rilasciato dalle cellule beta del pancreas. L'insulina lavora per abbassare i livelli di zucchero nel sangue nel corpo agendo su grasso, fegato e cellule muscolari e spingendole ad assorbire il glucosio e usarlo come energia o immagazzinarlo come glicogeno.

Quali sono le cause dell'iperglicemia?

La causa di gran lunga più comune di iperglicemia è un problema con l'ormone insulina, e questo è anche ciò che porta al diabete. Nel diabete di tipo 1, il pancreas non è in grado di produrre insulina (il diabete di tipo 1 è una malattia autoimmune). Nel diabete di tipo 2, il pancreas produce insulina, ma anche i tessuti del corpo non rispondono. E il diabete gestazionale è iperglicemia/diabete causato dalla gravidanza.

Abbiamo già discusso di come l'insulina aiuti ad abbassare la glicemia spostando il glucosio nelle cellule adipose, epatiche e muscolari. Senza insulina, o quando i tessuti del corpo sono meno sensibili all'insulina (una condizione chiamata insulino-resistenza), anche questo non accade, portando ad un aumento della quantità di glucosio che rimane nel sangue. La resistenza all'insulina, a sua volta, è influenzata dalla genetica, dall'indice di massa corporea (BMI), dalla distribuzione del grasso, dal livello di attività e forse da altri fattori.

Le persone che non hanno il diabete possono anche avere glicemia alta, anche se questo è in genere in risposta diretta a qualcos'altro che accade nel corpo. Se hai un'infezione, sei stressato, hai problemi con le ghiandole surrenali o stai assumendo alcuni farmaci come gli steroidi (ad es. Prednisone/Deltasone, metilprednisolone/Solu-Medrol), potresti essere iperglicemico.

Quali sono i segni e i sintomi dell'iperglicemia?

A volte, puoi avere l'iperglicemia senza saperlo. Tuttavia, più alto è il livello di zucchero nel sangue o, più a lungo rimane lì, più è probabile che tu mostri i sintomi. I sintomi dell'iperglicemia sono paralleli ai sintomi del diabete e includono:

  • Aumento della sete (polidipsia)
  • Minzione frequente (poliuria)
  • Fame estrema (polifagia)
  • Mancanza di energia
  • Perdita di peso

Se hai il diabete di tipo 2, potresti non renderti conto di essere stato iperglicemico fino a quando non compaiono altri sintomi, che sono il risultato delle complicanze del diabete. Questi includono:

  • La vista cambia
  • Intorpidimento, formicolio o dolore alle estremità
  • Difficoltà a guarire
  • Infezioni frequenti
  • Malattie cardiache o problemi ai vasi sanguigni

Nel tempo, l'eccesso di zucchero nel sangue danneggia i vasi sanguigni. Nel diabete, questo può portare a problemi agli occhi (retinopatia diabetica), problemi ai nervi (neuropatia diabetica) e problemi ai reni (nefropatia diabetica, che portano all'emodialisi o al trapianto di rene). Il diabete è anche un fattore di rischio per molte malattie, comprese le malattie cardiovascolari.

Una delle complicazioni pericolose dell'iperglicemia è una condizione chiamata chetoacidosi diabetica (DKA). La DKA colpisce tipicamente le persone con T1DM, ma può verificarsi anche in quelli con T2DM. Nella DKA, i livelli di zucchero nel sangue possono essere >250 mg/dL. Tuttavia, poiché l'insulina non spinge il glucosio nelle cellule, il corpo si rivolge agli acidi grassi per produrre energia. I sottoprodotti della degradazione degli acidi grassi sono i chetoni, che sono composti acidi che si accumulano nel sangue. I sintomi della DKA includono alito fruttato, sonnolenza, letargia, dolore addominale e vomito. La DKA è un'emergenza che, se non trattata, può portare alla morte.

Un'altra complicazione pericolosa dell'iperglicemia è una condizione chiamata stato iperosmolare diabetico iperglicemico (HHS). L'HHS colpisce tipicamente le persone con diabete di tipo 2 e può essere innescato da un'infezione o dalla non conformità con i farmaci per il diabete. Nell'HHS, i livelli di zucchero nel sangue possono essere > 600 mg/dl. I sintomi dell'HHS includono aumento della sete, minzione frequente, febbre, sonnolenza, confusione, alterazioni della vista e coma. Come DKA, HHS è un'emergenza che richiede cure mediche.

Come si può prevenire l'iperglicemia?

Nelle persone con diabete, l'iperglicemia può essere prevenuta rispettando i farmaci per il diabete. Se stai assumendo insulina, controllare regolarmente i livelli di zucchero nel sangue è essenziale ed è un modo per vedere se i tuoi livelli stanno diventando troppo alti. È anche importante prestare attenzione a ciò che mangi e a quanto ti alleni.

Parliamo di cibo. L'indice glicemico è una misura con cui puoi dire quanto un alimento influenzerà i livelli di zucchero nel sangue. L'indice glicemico è un punteggio compreso tra 0 e 100 assegnato agli alimenti che contengono carboidrati e più alto è il punteggio, maggiore è il potenziale che il cibo ha per aumentare la glicemia. Il carico glicemico è un numero simile che viene calcolato dall'indice glicemico. Tuttavia, il carico glicemico incide sulla quantità effettiva di carboidrati che stai mangiando e quindi può dare una comprensione ancora migliore di come il cibo influenzerà la tua glicemia.

Per quanto riguarda l'esercizio: il tuo livello di attività durante il giorno gioca un ruolo nel livello di zucchero nel sangue. Pertanto, se hai una diminuzione della tua attività fisica, potrebbe essere necessario aumentare alcuni dei tuoi farmaci per il diabete o modificare il modo in cui mangi. Parla con il tuo medico se pensi che questo possa essere il tuo caso.

Come si cura l'iperglicemia?

A breve termine, l'iperglicemia lieve può essere trattata con l'esercizio.

A lungo termine, l'iperglicemia viene trattata con una varietà di farmaci mirati a ridurre i livelli di zucchero nel sangue. Le persone con diabete di tipo 1 si affidano all'insulina come trattamento poiché non sono in grado di produrne di proprie. Mentre alcune persone con diabete di tipo 2 possono anche richiedere l'insulina, ci sono molte altre classi di farmaci orali e iniettabili che funzionano nel corpo attraverso una varietà di metodi per mantenere bassi i livelli. Questi includono metformina, inibitori dell'alfa-glucosidasi, sequestranti degli acidi biliari, agonisti della dopamina-2, inibitori della DPP-4, agonisti del recettore GLP-1, meglitinidi, sulfoniluree, inibitori dell'SGLT2 e tiazolidinedioni.

Poiché DKA e HHS sono emergenze mediche, il trattamento richiede di essere in una struttura sanitaria (e possibilmente in un'unità di terapia intensiva o in terapia intensiva). Il trattamento di queste condizioni è mirato a ridurre i livelli di zucchero senza lasciarlo andare troppo in basso, correggere gli squilibri elettrolitici e fornire reidratazione. La terapia può includere liquidi per via endovenosa, insulina, glucosio (per assicurarsi che non diventi troppo basso) e potassio.

Se l'iperglicemia è dovuta a qualche altro problema come infezione, stress o un problema con le ghiandole surrenali, la gestione è orientata ad affrontare la causa sottostante.

Riferimenti

  1. Riferimento
Vedi altro