Trattamento dell'iperidrosi: soluzioni per un problema comune

Trattamento dell'iperidrosi: soluzioni per un problema comune

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi di carattere medico, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli su Health Guide sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

L'iperidrosi è una condizione medica in cui si suda eccessivamente. La sudorazione è una risposta necessaria e naturale ad un aumento della temperatura corporea; quando il tuo corpo percepisce un aumento della temperatura, attiva il tuo sistema nervoso autonomo (nervi simpatici) per aiutarti a rinfrescarti. Diverse cose possono scatenare la sudorazione, tra cui temperature calde, esercizio fisico o sentimenti di rabbia, imbarazzo, nervosismo o paura. Nell'iperidrosi, sudi più del solito, anche senza i tipici fattori scatenanti. Circa il 4,8% della popolazione negli Stati Uniti (sono 15,3 milioni di persone) soffrono di iperidrosi (Doolittle, 2016).

I due tipi di iperidrosi sono l'iperidrosi focale primaria e l'iperidrosi generalizzata secondaria. Nell'iperidrosi primaria, la sudorazione eccessiva è la condizione medica; il problema non è causato da un'altra condizione medica o dai farmaci che potresti assumere. L'iperidrosi primaria spesso si concentra su parti specifiche del corpo, le aree focali più comuni sono mani, piedi, ascelle e viso/testa. L'iperidrosi primaria di solito inizia nell'infanzia o nell'adolescenza e si verifica in egual modo su entrambi i lati del corpo. Questi episodi di sudorazione si verificano spesso almeno una volta alla settimana, ma raramente si verificano durante il sonno. Sembra che ci sia una componente genetica in questa condizione poiché la maggior parte delle persone con iperidrosi primaria ha anche un membro della famiglia con sudorazione eccessiva.

Tuttavia, nell'iperidrosi secondaria, la sudorazione è causata da un'altra condizione medica (come l'ipertiroidismo o la menopausa) o dagli effetti collaterali dei farmaci. Questo tipo di iperidrosi colpisce solitamente aree più estese, dette anche aree generalizzate, del corpo; alcune persone si lamentano di sudare dappertutto. L'iperidrosi secondaria inizia tipicamente nell'età adulta e si verifica durante il sonno (sudorazione notturna).

Vitali

  • L'iperidrosi è una condizione medica caratterizzata da eccessiva sudorazione.
  • Gli antitraspiranti da banco e da prescrizione sono la prima linea di trattamento.
  • Le procedure non invasive come la ionoforesi e le iniezioni di tossina botulinica possono essere efficaci.
  • I farmaci anticolinergici orali sono riservati alle persone che hanno provato altri trattamenti senza successo; esiste il rischio di effetti collaterali come secchezza delle fauci, visione offuscata, stitichezza, difficoltà a urinare e sonnolenza.
  • La chirurgia, che comporta la rimozione delle ghiandole sudoripare o il taglio dei nervi simpatici (simpatectomia toracica endoscopica), è l'opzione più invasiva e funge da ultima risorsa.

Come si cura l'iperidrosi?

Come abbiamo detto, i sondaggi indicano che quasi il 5% della popolazione negli Stati Uniti soffre di iperidrosi; tuttavia, è probabile che questo numero sia inferiore alla prevalenza effettiva perché molte persone non ne parlano mai al proprio medico. La maggior parte delle persone non si rende conto che la sudorazione eccessiva è un problema medico o che è curabile. Ci sono una varietà di trattamenti disponibili e discutere i pro e i contro di ciascuno con il tuo fornitore è il modo migliore per trovare quello giusto per te. Le potenziali terapie includono antitraspiranti da banco, antitraspiranti su prescrizione, iniezioni di tossina botulinica, ionoforesi, farmaci anticolinergici e interventi chirurgici; questi possono essere usati singolarmente o in combinazione.

Gli antitraspiranti da banco sono il trattamento di prima linea per la sudorazione indesiderata. È importante notare che c'è una differenza tra un antitraspirante e un deodorante. Un antitraspirante contiene sali metallici, come cloruro di alluminio, cloridrato di alluminio e sali di zirconio di alluminio; dopo essere stati applicati sulla pelle, questi composti si mescolano con il sudore, vengono aspirati nel condotto sudoripare e quindi otturarlo, prevenendo un'ulteriore sudorazione. I deodoranti, da soli, non impediscono la sudorazione; riducono solo l'odore. L'International Hyperhidrosi Society (IHhS, 2019) consiglia di utilizzare questi prodotti mattina e sera, avendo cura di applicare sulla pelle asciutta e valutare di massaggiare delicatamente il prodotto sulla pelle. Si possono usare anche antitraspiranti spray, specialmente per l'iperidrosi dei piedi (iperidrosi plantare). I vantaggi di questo trattamento sono il costo relativamente basso e la facilità di accesso e utilizzo. I contro antitraspiranti da banco includono l'irritazione della pelle e la possibilità che non funzionino per le persone con problemi di sudorazione più che lievi. Se questi prodotti non sono sufficienti, puoi parlare con il tuo fornitore di antitraspiranti soggetti a prescrizione. Questi prodotti in genere contengono concentrazioni più elevate di cloruro di alluminio, comprese tra il 10 e il 30%. Sebbene efficaci, il principale svantaggio degli antitraspiranti su prescrizione è l'irritazione della pelle.

Tossina botulinica (nome commerciale Botox) è un'altra opzione di trattamento che ha avuto successo per molte persone. È approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti per il trattamento della sudorazione eccessiva delle ascelle (iperidrosi ascellare). Sebbene non sia approvato dalla FDA per l'uso in altre aree, gli studi hanno dimostrato che la tossina botulinica può anche trattare l'aumento della sudorazione nelle mani e nei piedi (iperidrosi palmare e iperidrosi plantare). La tossina botulinica agisce bloccando temporaneamente la secrezione di acetilcolina, la sostanza chimica responsabile dell'attivazione della sudorazione. Ci vogliono dai due ai quattro giorni prima che la tossina botulinica inizi a fare effetto e la secchezza di solito dura 4-6 mesi; alcune persone riferiscono fino a un anno di efficacia, soprattutto dopo iniezioni ripetute (AAD, 2019). Il principale vantaggio di questo trattamento è l'efficacia a lungo termine; lo svantaggio è la potenziale debolezza muscolare temporanea nei primi giorni dopo l'iniezione e la necessità di iniezioni ripetute poiché gli effetti non sono permanenti.

Se hai iperidrosi alle mani o ai piedi (o entrambi), la ionoforesi può migliorare i sintomi. Per eseguire questo trattamento, che puoi fare a casa, dovrai immergere le mani o i piedi in una pentola poco profonda di acqua di rubinetto; il dispositivo medico per ionoforesi invierà quindi una corrente elettrica a bassa tensione attraverso l'acqua alle ghiandole sudoripare delle mani (o dei piedi). Questa corrente spegne temporaneamente le ghiandole sudoripare nelle aree trattate. In genere occorrono un totale di 6-10 trattamenti affinché le ghiandole sudoripare rispondano; ogni trattamento dura 20-40 minuti e probabilmente avrai bisogno di 2-3 trattamenti a settimana. Una volta ottenuti i risultati desiderati, potrebbe essere necessario ripetere la procedura settimanalmente o mensilmente per mantenere gli effetti. I vantaggi di questo trattamento sono che, con il mantenimento, questo può darti risultati positivi a lungo termine. I contro sono l'impegno di tempo coinvolto nei trattamenti iniziali e la necessità di manutenzione; alcune persone riferiscono anche di pelle secca, irritazione o lieve disagio con la terapia. Inoltre, dovresti evitare la ionoforesi se sei incinta, hai un pacemaker o hai una condizione cardiaca o epilessia. Parla con il tuo medico prima di considerare questo trattamento per vedere se è appropriato per te.

Un'altra opzione di trattamento è farmaci anticolinergici su prescrizione orale , come l'ossibutinina e il glicopirrolato; poiché si tratta di farmaci orali, trattano la sudorazione generale e non possono colpire aree specifiche. Questi farmaci agiscono per impedire all'acetilcolina di raggiungere le ghiandole sudoripare e innescare la sudorazione. Sono stati segnalati diversi effetti collaterali, il più comune è la secchezza delle fauci, a un tasso del 38-73% delle persone che usano questi farmaci (McConaghy, 2018). Altri effetti collaterali includono visione offuscata, costipazione, difficoltà a urinare, battito cardiaco accelerato e sonnolenza; in diversi studi, circa il 10% delle persone ha interrotto il trattamento a causa degli effetti collaterali (Cruddas, 2017). A causa dell'elevato tasso di effetti collaterali, i farmaci anticolinergici vengono generalmente prescritti solo se altre terapie non hanno successo.

Poiché è l'opzione più invasiva, la chirurgia è spesso il trattamento di ultima istanza. Ci sono due opzioni chirurgiche: rimozione delle ghiandole sudoripare e taglio dei nervi simpatici nell'area (simpatectomia toracica endoscopica). La rimozione delle ghiandole sudoripare viene eseguita solo nell'area delle ascelle (chirurgia locale) e può essere eseguita nell'ufficio del dermatologo. Solo l'area da trattare è intorpidita e vengono utilizzate una o più delle seguenti tecniche per rimuovere chirurgicamente le ghiandole sudoripare:

Annuncio pubblicitario

le migliori posizioni sessuali per peni piccoli

Una soluzione per la sudorazione eccessiva consegnato a casa tua

Drysol è un trattamento di prima linea per la sudorazione eccessiva (iperidrosi).

Per saperne di più
  • Escissione: elimina le ghiandole sudoripare
  • Liposuzione: rimuovere le ghiandole con l'aspirazione; questo a volte è anche combinato con il curettage
  • Curettage: raschia via le ghiandole sudoripare
  • Chirurgia laser: utilizza onde luminose ad alta energia per vaporizzare le ghiandole sudoripare

Indipendentemente dalla tecnica utilizzata, ci sono sempre rischi associati alla chirurgia, tra cui infezioni, lividi, gonfiore e perdita di sensibilità nell'area delle ascelle. Non c'è sudorazione compensatoria associata (vedi sotto) dopo la rimozione chirurgica delle ghiandole sudoripare.

L'altra opzione chirurgica è quella di recidere i nervi simpatici che alimentano le aree di eccessiva sudorazione, una procedura nota come simpatectomia toracica endoscopica (ETS). Questo è il più invasivo dei trattamenti, che richiede anestesia generale e chirurgia eseguita in ospedale. La simpatectomia toracica endoscopica comporta il taglio o il clipping dei nervi simpatici nella colonna vertebrale toracica (il busto) per trattare l'eccessiva sudorazione nelle mani, nei piedi o nell'area delle ascelle. Sebbene diminuisca la sudorazione nelle aree trattate, è associata all'effetto negativo della sudorazione compensatoria. Nella sudorazione compensatoria il corpo suda in altre parti per compensare l'impossibilità di sudare nelle zone trattate; per alcune persone, la sudorazione compensatoria è peggiore dell'iperidrosi originale.

Suggerimenti per controllare l'iperidrosi

Oltre ai trattamenti elencati, puoi anche provare a ridurre la sudorazione:

  • Fare il bagno ogni giorno per ridurre i batteri sulla pelle e asciugarsi accuratamente
  • Indossare scarpe e calzini realizzati con materiali naturali che permettano ai tuoi piedi di respirare
  • Cambia spesso i calzini se hai i piedi sudati
  • Arieggiare i piedi quando puoi
  • Indossare abiti realizzati con tessuti naturali o traspiranti

In conclusione

Se hai l'iperidrosi, non sei solo. Fortunatamente, esiste una varietà di trattamenti per l'intera gamma di gravità della sudorazione eccessiva. Parla con il tuo medico dei tuoi problemi di sudorazione, soprattutto se stai evitando determinate situazioni o sei molto angosciato a causa loro. Insieme, troverai il miglior percorso di trattamento da seguire.

Riferimenti

  1. Accademia americana di dermatologia. Iperidrosi: diagnosi e trattamento. (n.d.). Estratto il 19 dicembre 2019 da https://www.aad.org/diseases/a-z/hyperhidrosis-treatment .
  2. Nozioni di base sugli antitraspiranti – International Hyperhidrosi Society: Sito ufficiale. (n.d.). Recuperato da https://www.sweathelp.org/hyperhidrosis-treatments/antiperspirants/antiperspirant-basics.html .
  3. Cruddas, L., & Baker, D. (2017). Trattamento dell'iperidrosi primaria con farmaci anticolinergici orali: una revisione sistematica. Journal of the European Academy of Dermatology and Venereology, 31(6), 952-963. doi: 10.1111/jdv.14081, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27976476
  4. Doolittle, J., Walker, P., Mills, T. e Thurston, J. (2016). Iperidrosi: un aggiornamento su prevalenza e gravità negli Stati Uniti. Archivi di ricerca dermatologica, 308(10), 743–749. doi: 10.1007/s00403-016-1697-9, https://link.springer.com/article/10.1007/s00403-016-1697-9
  5. Mcconagh, J. R. e Fosselman, D. (2018). Iperidrosi: opzioni di gestione. Medico di famiglia americano, 97(11), 729–734. Recuperato da https://www.aafp.org/afp/2018/0601/p729.html#afp20180601p729-b21
Vedi altro