Ipospadia: disallineamento dell'apertura uretrale

Ipospadia: disallineamento dell'apertura uretrale

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

L'ipospadia è una condizione congenita , tipicamente comprendente una o più delle tre anomalie del pene. Innanzitutto, l'apertura uretrale non appare nella posizione corretta sulla punta del pene. Questa apertura, nota dal punto di vista medico come itinerario , può verificarsi ovunque dalla base del glande (testa) fino al perineo (van der Horst, 2017).

La seconda anomalia è una curvatura ventrale (verso il basso) della testa del pene chiamata a cordata . Il terzo è un prepuzio anomalo, con una mancanza di copertura nella parte inferiore ed un eccesso lungo la parte superiore, che conferisce al glande un aspetto incappucciato. Queste ultime due condizioni potrebbero non essere sempre evidenti o addirittura presenti (van der Horst, 2017). Quando queste ultime condizioni si verificano senza un meato spostato, a volte viene chiamato ipospadia sine ipospadia , che si traduce in modo confuso in ipospadia senza ipospadia.



Vitali

  • L'ipospadia è una disabilità congenita in cui l'apertura uretrale non si verifica alla fine del pene come al solito.
  • Casi gravi di ipospadia potrebbero portare a complicazioni o essere segni di altre condizioni.
  • I casi lievi potrebbero non richiedere un trattamento.

L'ipospadia è la seconda condizione congenita più comune negli uomini dopo il criptorchidismo (testicoli ritenuti). L'ipospadia si verifica in genere da sola. Tuttavia, gli studi hanno scoperto che dall'8 al 10% dei ragazzi nati con ipospadia lo farà avere anche almeno un testicolo ritenuto . Per quelli con ipospadia prossimale, quel numero può raggiungere il 32% (Kraft, 2011).

ipospadia rientra in tre categorie .



  • Ipospadia distale è quando il meato si verifica sul glande o sulla corona, appena al di sotto di dove normalmente sarebbe. Questi comprendono più della metà di tutti i casi diagnosticati.
  • Ipospadia mediana è quando si verifica sull'asta del pene.
  • Ipospadia prossimale è quando l'apertura dell'uretra è sullo scroto o nel perineo (Donaire, 2020). Questi tre tipi sono anche conosciuti come anteriore, medio e posteriore.

I bambini con ipospadia prossimale hanno una maggiore probabilità di avere altri disturbi dello sviluppo sessuale. Questi includono caratteristiche intersessuali e possono essere causati da anomalie cromosomiche sottostanti.

A seconda della gravità, l'ipospadia può causare problemi urinari o sessuali se non trattata. Potrebbe esserci difficoltà a fare pipì stando in piedi o il flusso di urina potrebbe essere allargato. L'angolo di una corda potrebbe causare erezioni dolorose o l'incapacità di eiaculare.

Cause di ipospadia

L'ipospadia è relativamente comune, sebbene i dati su quanto sia prevalente a volte possono essere contraddittori. Generalmente, gli studi suggeriscono che potrebbe essere più comune in Nord America rispetto ad altre regioni, colpendo circa 1 bambino su 250 nato con il pene (Donair, 2020).



L'ipospadia non ha una causa specifica. Tutti e due fattori genetici e ambientali possono svolgere un ruolo . Gli studi stimano che per qualsiasi caso di ipospadia, c'è una probabilità del 7% che anche un parente maschio di primo, secondo o terzo grado lo abbia. In molti casi, tuttavia, non viene identificata una causa specifica (van der Zanden, 2012).

Annuncio pubblicitario

Ottieni $ 15 di sconto sul tuo primo ordine di trattamento per la disfunzione erettile

Un vero professionista sanitario autorizzato negli Stati Uniti esaminerà le tue informazioni e ti ricontatterà entro 24 ore.

Per saperne di più

Altre condizioni come il basso peso alla nascita sono state collegate a un rischio più elevato di ipospadia. Gli studi hanno scoperto che anche diversi disturbi e condizioni materne possono contribuire. Questi i fattori includono (van der Zanden, 2012):

  • Insufficienza placentare
  • Ipertensione
  • Pre-eclampsia
  • Iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi (ICSI)
  • Porpora trombotica trombocitopenica (TTP)
  • BMI materno elevato
  • Gravidanze multiple (gemellari o più)
  • Uso di farmaci antiepilettici

L'esposizione al farmaco dietilstilbestrolo (DES) durante la gravidanza è considerato un fattore di rischio , ma questo farmaco non è stato prescritto alle donne in gravidanza dai primi anni '70. Potrebbe aver giocato un ruolo in alcuni uomini con ipospadia nati nel 1972 o prima. Molteplici sostanze chimiche alimentari e ambientali sono state proposte come possibili cause, ma la ricerca su queste ha avuto risultati contrastanti (van der Zanden, 2012).

Diagnosi di ipospadia

Nella maggior parte dei casi, l'ipospadia viene diagnosticata alla nascita. A volte è evidente dall'abbondanza del prepuzio dorsale (prepuzio superiore) e dalla mancanza di un prepuzio ventrale (lato inferiore). Nei casi in cui il prepuzio appare normale, ipospadia potrebbe non essere trovato fino alla circoncisione . Se viene rilevato prima o durante la circoncisione, alcuni operatori sanitari possono raccomandare di ritardare la procedura. Un urologo può quindi esaminare il neonato prima di procedere (Kraft, 2011).

Trattamento

La chirurgia dell'ipospadia può essere eseguita per migliorare la funzione urinaria e sessuale. Miglioramenti includere (Anand, 2020):

quanto dovrebbe essere grande un pene?
  • Eliminazione di un flusso urinario dilatato
  • Permettere al paziente di fare pipì stando in piedi
  • Alleviare le difficoltà sessuali dalla curvatura
  • Permettere allo sperma di entrare meglio nella vagina durante il rapporto inter
  • Normalizzare l'aspetto dei genitali

Per i casi lievi in ​​cui l'apertura si verifica nel glande, la chirurgia potrebbe non essere necessaria. Tuttavia, le difficoltà sessuali potrebbero non essere scoperte fino a più tardi nella vita, dopo che si inizia ad avere erezioni.

Quando si trova nei neonati, l'American Academy of Pediatrics raccomanda di eseguire la riparazione dell'ipospadia, se necessario, di età compresa tra i sei e i dodici mesi . Ciò riduce al minimo le possibilità di traumi psicologici o fisici (Kraft, 2011). La consapevolezza genitale non inizia fino a circa diciotto mesi di età e gli studi hanno scoperto che gli adolescenti che hanno subito un intervento chirurgico prima di quanto potessero ricordare avevano immagini del corpo più positive rispetto a quelli che hanno subito un intervento chirurgico in seguito (Anand, 2020).

Ci possono essere più passaggi per la riparazione chirurgica dell'ipospadia grave. Questi includere (Anand 2020:

  • Ortoplastica, rimozione della corda e raddrizzamento del pene
  • Uretroplastica, la ricostruzione dell'uretra per una corretta apertura
  • Glansoplastica, per correggere la forma della testa del pene.

È necessario un follow-up regolare dopo l'intervento chirurgico, sia a breve che a lungo termine. Complicanze post-chirurgiche Può includere (Keys, 2017):

  • Restringimento della carne
  • Restringimento uretrale
  • Spaccatura aperta del glande
  • infezioni
  • Dribbling
  • Crescita dei capelli nell'uretra
  • Etichette cutanee, cisti o altri problemi estetici
  • Disfunzione erettile
  • Balanite xerotica obliterante (BXO), un'infiammazione della zona del glande

Anche i sintomi possono tornare. È stata riportata curvatura del pene ricorrente dopo la pubertà. Può svilupparsi una fistola, in cui l'uretra si apre fuori dalla pelle invece del meato. I risultati per gli adulti sottoposti a chirurgia dell'ipospadia sono molto buoni, tuttavia, con un risultato di uno studio una percentuale di successo del 95% . Tuttavia, alcuni pazienti, in particolare quelli sottoposti a riparazioni secondarie, necessitavano di più interventi chirurgici (AlTaweel, 2017).

Riferimenti

  1. AlTaweel, W. M., & Seyam, R. M. (2017). Riparazione dell'ipospadia in età adulta: serie di casi. Annali di urologia, 9(4), 366-371. doi: 10.4103/UA.UA_54_17 Estratto da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29118541/
  2. Anand, S., & Lotfollahzadeh, S. (2020). Ricostruzione urogenitale dell'ipospadia. In StatPearls. Pubblicazione StatPearls. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/33232077/
  3. Donaire, A. E. e Mendez, M. D. (2020). Ipospadia. In StatPearls. Pubblicazione StatPearls. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29489236/
  4. Keays, M.A. e Dave, S. (2017). Gestione attuale dell'ipospadia: diagnosi, gestione chirurgica e risultati centrati sul paziente a lungo termine. Canadian Urological Association Journal = Journal De l'Association Des Urologues Du Canada, 11 (1-2Suppl1), S48-S53. doi: 10.5489/cuaj.4386 Estratto da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/28265319/
  5. Kraft, K. H., Shukla, A. R. e Canning, D. A. (2011). Ipospadia prossimale. TheScientificWorldJournal, 11, 894-906. doi: 10.1100/tsw.2011.76 Estratto da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/21516286/
  6. van der Horst, H.J.R., & de Wall, L.L. (2017). Ipospadia, tutto quello che c'è da sapere. Giornale europeo di pediatria, 176(4), 435–441. doi: 10.1007/s00431-017-2864-5 Estratto da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/28190103/
  7. van der Zanden, L. F. M., van Rooij, I. a. L. M., Feitz, W. F. J., Franke, B., Knoers, N. V. a. M., & Roeleveld, N. (2012). Eziologia dell'ipospadia: una revisione sistematica di geni e ambiente. Aggiornamento sulla riproduzione umana, 18(3), 260–283. doi: 10.1093/humupd/dms002 Estratto da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22371315/
Vedi altro