Lexapro vs Zoloft: in cosa differiscono questi farmaci?

Lexapro vs Zoloft: in cosa differiscono questi farmaci?

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Come si confronta Lexapro con Zoloft?

Lexapro e Zoloft sono entrambi farmaci antidepressivi soggetti a prescrizione e membri di una classe di farmaci chiamati inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina o SSRI. Questi farmaci sono entrambi considerati tra le opzioni di trattamento di prima linea per la depressione, sebbene siano anche usati per trattare l'ansia e altri disturbi dell'umore (Bauer, 2009). Quindi la differenza si riduce solo al nome? Non proprio. Ecco cosa devi sapere su Lexapro e Zoloft, in che modo sono simili e diversi e cosa potresti provare se prendi uno dei due.

Vitali

  • Lexapro e Zoloft sono entrambi farmaci da prescrizione in un gruppo di farmaci antidepressivi chiamati inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina o SSRI.
  • Zoloft è approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti per il trattamento di più condizioni rispetto a Lexapro, ma entrambi possono essere prescritti per usi off-label.
  • Lexapro provoca meno effetti collaterali di Zoloft, ma a dosi più elevate, Lexapro provoca più effetti negativi.
  • Con tutti gli SSRI, gli effetti collaterali tendono a manifestarsi entro le prime due settimane dall'inizio del medicinale e possono persistere oltre i primi tre mesi.
  • Sia per Lexapro che per Zoloft, la FDA ha emesso un avviso di scatola nera che indica che i pazienti e le loro famiglie dovrebbero prestare attenzione a eventuali cambiamenti comportamentali o di salute mentale, come peggioramento della depressione, attacchi di panico e pensieri suicidi. Gli adolescenti sono a maggior rischio di questi effetti collaterali durante l'assunzione di farmaci antidepressivi. Se tu o qualcuno della tua famiglia sperimentate sintomi simili, rivolgiti subito a un medico.

Lexapro è il nome commerciale dell'escitalopram ossalato. Lexapro è specificamente approvato per il trattamento di disturbo depressivo maggiore (MDD) e disturbo d'ansia generalizzato (GAD), ma gli operatori sanitari possono usarlo off-label per trattare disturbo ossessivo compulsivo (OCD) (FDA, 2017; Zutshi, 2007). è è stato studiato anche nei pazienti in trattamento per il disturbo da alimentazione incontrollata (BED) (Guerdjikova, 2007). Lexapro può essere usato a breve o lungo termine per trattare o gestire la MDD, ma è generalmente usato solo a breve termine per trattare la GAD (FDA, 2017).

Zoloft è il nome commerciale della sertralina cloridrato. Zoloft è approvato anche da la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti per il trattamento della MDD. Tuttavia, a differenza di Lexapro, è approvato anche per il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC), il disturbo di panico (PD), il disturbo da stress post-traumatico (PTSD), il disturbo d'ansia sociale (SAD) e il disturbo disforico premestruale (PMDD) (FDA, 2016 ). Anche i fornitori possono usarlo off-label per trattare l'eiaculazione precoce, GAD, BED, disturbo di dismorfismo corporeo e bulimia nervosa (UpToDate, n.d.)

dove posso trovare il cialis al banco?

Annuncio pubblicitario

Oltre 500 farmaci generici, ciascuno $ 5 al mese

Passa a Ro Pharmacy per ottenere le tue prescrizioni riempite per soli $ 5 al mese ciascuna (senza assicurazione).

Per saperne di più

Potenziali effetti collaterali degli SSRI

Tuttavia, la disfunzione sessuale è un effetto collaterale comune a tutti i farmaci antidepressivi SSRI paroxetina (nome commerciale Paxil) sembra essere il peggior trasgressore. La ricerca che ha esaminato 344 soggetti su diversi farmaci SSRI ha trovato i farmaci che ha causato di più gli effetti collaterali sessuali dalla maggior parte ai meno erano paroxetina, fluvoxamina (marca Luvox), sertralina (Zoloft) e fluoxetina (marca Prozac e Sarafem). Il rischio di effetti collaterali aumenta man mano che si aumenta la dose.

Escitalopram (Lexapro) sembra essere equivalente alla fluoxetina in questo studio (Jing, 2016). Lexapro e Zoloft hanno alcuni effetti collaterali simili in termini di disfunzione sessuale; sono osservati in entrambi i sessi negli studi clinici sull'efficacia e la sicurezza di questi antidepressivi SSRI. Tutti e due Lexapro e Zoloft può causare disturbi dell'eiaculazione (eiaculazione ritardata), diminuzione del desiderio sessuale e impotenza (disfunzione erettile) negli uomini.

come mantenere l'erezione durante il sesso?

Zoloft può anche causare problemi di eiaculazione negli uomini, mentre Lexapro può causare priapismo, un'erezione dolorosa e persistente. Entrambi questi farmaci da prescrizione possono abbassare la libido nelle donne, ma l'incapacità di raggiungere l'orgasmo è stata notata solo con Lexapro (FDA, 2017; FDA, 2016).

Depressione: capire l'epidemia nascosta dell'America

10 minuti di lettura

Se riscontri effetti collaterali sessuali su uno di questi farmaci, parlane con il tuo medico. In alcuni casi, possono essere adatti bupropione, mirtazapina, vilazodone, vortioxetina e inibitori della ricaptazione della serotonina-noradrenalina (SNRI). trattamenti alternativi . Ma nei pazienti che rispondono solo agli SSRI, una terapia aggiuntiva con bupropione può aiutare a mitigare questi effetti collaterali (Jing, 2016).

Ma tutti gli SSRI condividono alcuni altri effetti collaterali comuni, sebbene la frequenza esatta di questi effetti avversi possa differire tra i farmaci. Problemi gastrointestinali (GI) come mal di stomaco sono la più grande lamentela in tutti gli SSRI, anche se la fluvoxamina sembra essere la peggiore in questo senso. Sebbene le persone riferiscano anche ansia, agitazione e insonnia con tutti questi farmaci, questi effetti collaterali sono più comuni con la sertralina (Zoloft) e la fluoxetina. I ricercatori citano l'aumento di peso, la disfunzione sessuale e i disturbi del sonno come gli effetti più preoccupanti del trattamento a lungo termine con SSRI (Ferguson, 2001).

Effetti collaterali in caso di interruzione del trattamento

Tutti e due Zoloft e Lexapro può causare effetti indesiderati se smette di prenderli troppo velocemente. I sintomi di astinenza da entrambi i farmaci possono includere nausea, incubi, vertigini, vomito, irritabilità, mal di testa e parestesie (sensazione di formicolio e formicolio sulla pelle). È essenziale collaborare con il proprio medico per ridurre lentamente la dose di questi farmaci per evitare effetti avversi (FDA, 2016; FDA, 2017). Sintomi di astinenza da SSRI di solito iniziano entro una settimana di sospendere il farmaco e risolversi entro tre settimane (Ferguson, 2001).

Quale antidepressivo provoca la maggior perdita di capelli?

5 minuti di lettura

Effetti collaterali di Zoloft

Affinché un effetto collaterale di un farmaco sia definito comune, deve verificarsi in oltre il 2% delle persone che lo assumono negli studi clinici. Più effetti collaterali raggiungono questa frequenza critica negli studi clinici che testano la tollerabilità di Zoloft rispetto a quelli che testano Lexapro. Più effetti collaterali comuni di sertralina includono (FDA, 2016):

  • Nausea (26%)
  • Diarrea (20%)
  • Insonnia (20%)
  • Bocca secca (14%)
  • Fatica (12%)
  • Vertigini (12%)
  • Sonnolenza (11%)
  • Tremore (9%)
  • Dispepsia (8%)
  • Agitazione (8%)
  • Fallimento dell'eiaculazione (8%)
  • Appetito ridotto (7%)
  • Sudorazione eccessiva (7%)
  • Costipazione (6%)
  • Desiderio sessuale ridotto (6%)
  • Vomito (4%)
  • Palpitazioni cardiache (4%)
  • Visione sfocata (4%)
  • Disfunzione erettile (4%)
  • Disturbo dell'eiaculazione (eieculazione ritardata) (3%)

Nel complesso, questi effetti collaterali hanno indotto il 12% dei pazienti studiati a interrompere l'assunzione dei farmaci. I motivi più comunemente citati per interrompere il farmaco in tutte le condizioni erano nausea, diarrea, agitazione e insonnia (FDA, 2016).

Effetti collaterali di Lexapro

La misura in cui hai effetti collaterali su Lexapro può dipendere dalla dose che ti è stata prescritta. Negli studi clinici, gli effetti collaterali comuni erano dose-dipendenti, il che significa che più persone li hanno sperimentati con 20 mg rispetto a 10 mg. C'erano tassi leggermente diversi di possibili effetti collaterali in quelli con MDD e quelli con GAD negli studi clinici sull'efficacia dell'escitalopram. Nelle persone con MDD, gli effetti collaterali più comuni (e la frequenza con cui si sono verificati) sono stati (FDA, 2017):

  • Nausea (15%)
  • Difficoltà a dormire (9%)
  • Disturbo dell'eiaculazione (eiaculazione ritardata) (9%)
  • Diarrea (8%)
  • Sonnolenza (6%)
  • Bocca secca (6%)
  • Aumento della sudorazione (5%)
  • Vertigini (5%)
  • Sintomi simil-influenzali (5%)
  • Fatica (5%)
  • Perdita di appetito (3%)
  • Basso desiderio sessuale (3%)

Nel test clinici , l'8% dei partecipanti a cui è stato somministrato Lexapro per GAD e il 6% di quelli che assumevano il farmaco per MDD hanno interrotto il medicinale a causa degli effetti collaterali. Come accennato, gli effetti collaterali dell'escitalopram sono dose-dipendenti; gli studi hanno trovato tassi più elevati di effetti avversi con dosi giornaliere più elevate. Ciò si è riflesso anche nei tassi di abbandono; più persone con 20 mg hanno interrotto l'assunzione di Lexapro rispetto a quelle con 10 mg (FDA, 2017).

Potenziali interazioni farmacologiche

È importante informare il tuo medico di tutti i farmaci e gli integratori che stai assumendo, indipendentemente da quale di questi antidepressivi usi. Uno dei rischi più gravi con qualsiasi SSRI è la sindrome serotoninergica, che succede quando troppo la serotonina si accumula nel corpo. Ciò può accadere a causa di farmaci che aumentano i livelli di serotonina direttamente o interferendo con il modo in cui il tuo corpo scompone questo neurochimico. Può causare sintomi lievi come brividi e diarrea, ma può anche causare convulsioni ed essere pericoloso per la vita (Volpi-Abadie, 2013).

Escitalopram e sertralina entrambi aumentano i livelli di serotonina nel corpo. Per questo motivo, non dovresti assumere nessuno di questi farmaci con altri farmaci che fanno la stessa cosa, inclusi triptani, antidepressivi triciclici, fentanil, litio, tramadolo, triptofano, buspirone, anfetamine e persino integratori da banco contenenti erba di S. Erba di San Giovanni (FDA, 2017; FDA, 2016). Lexapro e Zoloft non devono essere assunti con farmaci che influenzano il modo in cui il corpo metabolizza la serotonina, in particolare gli inibitori delle monoamino ossidasi (IMAO) come fenelzina, selegilina, rasagilina e tranilcipromina. Combinando questi farmaci aumenta il rischio di sindrome serotoninergica (Volpi-Abadie, 2013).

Potresti essere a maggior rischio di sanguinamento se prendi Zoloft o Lexapro con qualsiasi farmaco che fluidifica il sangue. Ciò include fluidificanti del sangue da prescrizione come il warfarin (nome commerciale Coumadin) ai farmaci antinfiammatori non steroidei da banco (FANS) come l'aspirina, l'ibuprofene e il naprossene.

Non dovresti usare nessuno dei due farmaci con pimozide, un medicinale antipsicotico, perché la combinazione aumenta il rischio di sviluppare problemi con il sistema elettrico del cuore (aritmie) (FDA, 2016; FDA, 2017).

Entrambi questi farmaci possono anche causare sonnolenza, direttamente o interferendo con la qualità del sonno. Inoltre, Zoloft e Lexapro può influenzare la tua capacità di pensare, reagire rapidamente o prendere decisioni. Anche l'alcol ha questi effetti. Sebbene nessuno di questi farmaci abbia dimostrato di amplificare tali effetti se combinato con l'alcol, è ancora un consiglio medico standard evitare di bere durante l'assunzione di uno di questi farmaci (FDA, 2016; FDA, 2017).

quante persone sono morte di obesità nel 2019

Quando rivolgersi al medico medical

Sebbene siano entrambi destinati a curare la depressione, sia Lexapro che Zoloft possono aumentare i sintomi della depressione e i pensieri suicidi, soprattutto negli adolescenti (FDA, 2018). La FDA ha emesso un avviso di scatola nera per questi farmaci a causa di questo potenziale effetto avverso. Dovresti osservare attentamente eventuali cambiamenti nel comportamento o nella salute mentale, incluso il peggioramento della depressione, gli attacchi di panico e i pensieri suicidi quando inizi uno dei farmaci o quando il tuo medico cambia la dose. Dovresti anche contattare immediatamente un operatore sanitario per cure mediche se riscontri (FDA, 2017; FDA, 2016):

  • Qualsiasi sintomo di una reazione allergica, incluso gonfiore del viso, delle labbra o della lingua, problemi di respirazione, eruzioni cutanee o orticaria;
  • Qualsiasi sintomo della sindrome serotoninergica, inclusi problemi di coordinazione, allucinazioni, battito cardiaco accelerato, sudorazione, nausea, vomito, rigidità muscolare o pressione sanguigna alta o bassa;
  • Sanguinamento anomalo;
  • Convulsioni;
  • Appetito o variazioni di peso, soprattutto nei bambini e negli adolescenti;
  • Episodi maniacali che possono includere pensieri in corsa, aumento di energia, comportamento sconsiderato e parlare più o più velocemente del solito;
  • Problemi visivi, inclusi dolore agli occhi e gonfiore o arrossamento intorno agli occhi;
  • Bassi livelli di sodio nel sangue (iponatriemia), specialmente negli anziani

Riferimenti

  1. Bauer, M., Bschor, T., Pfennig, A., Whybrow, P. C., Angst, J., Versiani, M., . . . Task Force Wfsbp sulla depressione unipolare. (2007). Linee guida della World Federation of Societies of Biological Psychiatry (WFSBP) per il trattamento biologico dei disturbi depressivi unipolari nelle cure primarie. The World Journal of Biological Psychiatry, 8(2), 67-104. doi:10.1080/15622970701227829. Estratto il 16 agosto 2020 da https://www.tandfonline.com/doi/full/10.1080/15622970701227829
  2. Crawford, A. A., Lewis, S., Nutt, D., Peters, T. J., Cowen, P., O'Donovan, M. C., . . . Lewis, G. (2014). Effetti avversi del trattamento antidepressivo: studio controllato randomizzato su 601 individui depressi. Psicofarmacologia, 231(15), 2921-2931. doi:10.1007/s00213-014-3467-8. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/24525810/
  3. Ferguson, J. M. (2001). Farmaci antidepressivi SSRI. Il compagno di cure primarie al Journal of Clinical Psychiatry, 03 (01), 22-27. doi:10.4088/pcc.v03n0105. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC181155/
  4. Food and Drug Administration (FDA). (2017, gennaio). Lexapro (escitalopram ossalato). Estratto il 16 agosto 2020 da https://www.accessdata.fda.gov/drugsatfda_docs/label/2017/021323s047lbl.pdf
  5. Food and Drug Administration (FDA). (2016, dicembre). Zoloft (sertralina cloridrato). Estratto il 16 agosto 2020 da https://www.accessdata.fda.gov/drugsatfda_docs/label/2016/019839S74S86S87_20990S35S44S45lbl.pdf
  6. Food and Drug Administration (FDA). (2018, 05 febbraio). Suicidalità nei bambini e negli adolescenti trattati con farmaci antidepressivi. Estratto il 17 agosto 2020 da https://www.fda.gov/drugs/postmarket-drug-safety-information-patients-and-providers/suicidality-children-and-adolescents-being-treatment-antidepressant-medications
  7. Guerdjikova, A. I., Mcelroy, S. L., Kotwal, R., Welge, J. A., Nelson, E., Lake, K., . . . Hudson, J. I. (2007). Escitalopram ad alte dosi nel trattamento del disturbo da alimentazione incontrollata con obesità: uno studio in monoterapia controllato con placebo. Psicofarmacologia umana: clinica e sperimentale, 23 (1), 1-11. doi:10.1002/hup.899 Estratto il 17 agosto 2020 da https://onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1002/hup.899
  8. Hu, X. H., Bull, S. A., Hunkeler, E. M., Ming, E., Lee, J. Y., Fireman, B. e Markson, L. E. (2004). Incidenza e durata degli effetti collaterali e quelli classificati come fastidiosi con il trattamento selettivo dell'inibitore della ricaptazione della serotonina per la depressione. Il Journal of Clinical Psychiatry, 65(7), 959-965. doi:10.4088/jcp.v65n0712. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/15291685/
  9. Jing, E., & Straw-Wilson, K. (2016). Disfunzione sessuale negli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) e potenziali soluzioni: una revisione della letteratura narrativa. Medico di salute mentale, 6(4), 191-196. doi:10.9740/mhc.2016.07.191. Estratto il 16 agosto 2020 da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6007725/
  10. UpToDate - Sertralina: informazioni sul farmaco (n.d.) Estratto il 16 agosto 2020 da https://www.uptodate.com/contents/sertraline-drug-information
  11. Volpi-Abadie, J., Kaye, A. M. e Kaye, A. D. (2013). Sindrome serotoninergica. Il diario Ochsner, 13(4), 533-540. Estratto il 17 agosto 2020 da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3865832/
  12. Zutshi, A., Math, S. B. e Reddy, Y. C. (2007). Escitalopram nel disturbo ossessivo-compulsivo. Il compagno di cure primarie al Journal of Clinical Psychiatry, 09 (06), 466-467. doi:10.4088/pcc.v09n0611c. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2139927/
Vedi altro