Carenza di magnesio: 10 segni e sintomi comuni

Carenza di magnesio: 10 segni e sintomi comuni

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi di carattere medico, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli su Health Guide sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Alcuni integratori sono più confusi di altri. È chiaro cosa ottieni con una bottiglia di olio di pesce. E poi ci sono quelli come la vitamina D, che ha due forme. Se pensavi che fosse fonte di confusione, inserisci il magnesio con le sue sette diverse forme. Non c'è da meravigliarsi che uno studio del 2005-2006 ha scoperto che il 48% degli americani non raggiunge l'assunzione raccomandata attraverso il cibo (Rosanoff, 2012), sebbene una vera carenza di magnesio o ipomagnesemia colpisce meno del 2% della popolazione (Guerrera, 2009).

Ma anche se molti di noi stanno costeggiando la linea di una carenza clinica di magnesio, non deve essere presa alla leggera. Il magnesio è sia un minerale che un elettrolita essenziale per il funzionamento del nostro corpo. Svolge un ruolo chiave nel mantenere costante il battito cardiaco, nella regolazione della pressione sanguigna e nella costruzione e nel mantenimento di ossa forti. E se questo non è abbastanza per convincerti a prestare maggiore attenzione a questo minerale piccolo ma potente, il magnesio è necessario anche per la corretta funzione muscolare e nervosa, la produzione di energia, la replicazione del DNA e la sintesi dell'RNA.

VitalS

  • Il magnesio è sia un minerale che un elettrolita essenziale per il funzionamento del nostro corpo.
  • Uno studio del 2005-2006 ha rilevato che il 48% degli americani non raggiunge l'assunzione raccomandata attraverso il cibo.
  • La vera carenza di magnesio o ipomagnesemia colpisce meno del 2% della popolazione.
  • Anche il diabete di tipo 2, la sindrome da rialimentazione, la sindrome dell'osso affamato e i problemi genetici ai reni aumentano il rischio di sviluppare ipomagnesemia.

Cosa devi sapere sulla carenza di magnesio o ipomagnesemia

L'ipomagnesemia, definita come magnesio sierico, la quantità presente nel sangue al momento del test, inferiore a 1,8 mg/dL, è rara. Ma troppi di noi negli Stati Uniti non assumono abbastanza magnesio e stanno flirtando con la linea della carenza. È difficile rilevare una carenza e fin troppo facile essere diagnosticati erroneamente poiché i sintomi non diventano evidenti fino a quando i livelli di magnesio non sono estremamente bassi. E mentre una dieta ricca di cibi sani può generalmente soddisfare l'assunzione giornaliera raccomandata, non è sempre sufficiente per prevenire un problema.

Le persone che soffrono di determinati problemi di salute hanno un rischio maggiore di carenza di magnesio. I disturbi digestivi, come la celiachia, possono aumentare la perdita gastrointestinale del minerale cruciale e limitare l'assorbimento del magnesio. Diabete di tipo 2 (Barbagallo, 2015), sindrome da rialimentazione, sindrome dell'osso affamato e problemi genetici ai reni aumentano anche il rischio di sviluppare ipomagnesiemia (sebbene alcuni di questi siano molto rari).



Annuncio pubblicitario

perché sudi quando mangi?

Roman Daily: multivitaminico per uomini



Il nostro team di medici interni ha creato Roman Daily per colmare le lacune nutrizionali comuni negli uomini con ingredienti e dosaggi scientificamente supportati.

Per saperne di più

Segni di carenza di magnesio che dovresti conoscere

La carenza di magnesio può essere difficile da diagnosticare. Abbiamo già detto che alcuni dei segni non compaiono fino a quando i tuoi bassi livelli di magnesio non sono critici. Ma un altro ostacolo che i pazienti devono affrontare è arrivare alla causa principale con i loro operatori sanitari. I sintomi della carenza di magnesio tendono ad essere aspecifici, quindi i professionisti medici possono sospettare altre condizioni o carenze. Ma se conosci i segni e i sintomi, puoi identificare meglio quando dovresti cercare aiuto medico e difenderti in ufficio.

Perdita di appetito

Questo è generalmente il primo segno di ipomagnesemia, secondo il dottor Hunnes. Sottolinea che questo è uno dei sintomi non specifici che può essere difficile da definire e che può unirsi al punto successivo della nostra lista.



extenze mi farà durare più a lungo

Nausea e/o vomito

Un altro dei sintomi da carenza di magnesio aspecifici. Potresti semplicemente pensare di aver mangiato qualcosa di male, osserva il dottor Hunnes di questo segno di basso contenuto di magnesio. Prendi nota di ciò che provi in ​​modo da poter riferire con precisione al tuo medico, ma tieni d'occhio altri sintomi che possono essere associati insieme per far luce su cosa sta succedendo.

Fatica

Tutti si sentono stanchi di tanto in tanto. Ma se senti una stanchezza persistente che non migliora con un riposo adeguato e un sonno di qualità, è il momento di prendere appunti e consultare un professionista. Vale la pena notare, tuttavia, che la fatica non è sufficiente per diagnosticarti poiché è un sintomo così aspecifico di bassi livelli di magnesio.

Debolezza

Probabilmente abbinerai la stanchezza alla debolezza. Poiché questo minerale svolge un ruolo cruciale nel corretto funzionamento muscolare, ne parleremo più in un secondo, è probabile che un apporto inadeguato di magnesio causi miastenia , il nome di fantasia per la debolezza muscolare (Caddell, 2001). Questo accade perché la carenza di magnesio è associato a un calo dei livelli di potassio nelle cellule muscolari , chiamata anche ipokaliemia (Huang, 2007). Gli scienziati ritengono che sia questa perdita di potassio a causare debolezza muscolare.

Spasmi muscolari e crampi

Con l'avvento della cultura dell'allenamento, sempre più persone sono consapevoli che i crampi muscolari sono un segno di carenza di magnesio. Il magnesio svolge un ruolo cruciale in aiutare i muscoli a rilassarsi e regolare le contrazioni muscolari (Potter, 1981). In effetti, potresti aver sentito parlare o provato un bagno di sali di Epsom dopo un'intensa sessione di ginnastica, che è una forma di questo importante minerale: il solfato di magnesio. Ma una carenza può causare effetti fisici ben oltre i crampi, come tremori e persino convulsioni.

Sfortunatamente, per gli anziani che soffrono di crampi, eliminare il disagio muscolare non è facile come l'integrazione con il magnesio, anche se studi mostrano il minerale può aiutare ad alleviare crampi e spasmi in altri gruppi di persone che ne sono carenti (Garrison, 2012). La carenza di magnesio può anche causare una carenza secondaria, ipocalcemia o mancanza di calcio, che provoca anche spasmi muscolari e crampi. Quindi sbarazzarsene davvero probabilmente richiede la correzione di entrambe le condizioni.

Alta pressione sanguigna

Molti studi che danno forma a ciò che sappiamo sulla pressione sanguigna e sui bassi livelli di magnesio vengono condotti sui ratti, non sulle persone. Questi studi indicano che la carenza di magnesio contribuisce all'ipertensione (Laurant, 1999), che può aumentare le probabilità di sviluppare malattie cardiache. Studi osservazionali degli esseri umani ha scoperto che la mancanza di magnesio attraverso l'assunzione alimentare dietary aumenta le probabilità di pressione sanguigna più alta (Mizushima, 1998) (Song, 2006). Fortunatamente, la connessione non va a senso unico. Una meta-analisi di studi sul magnesio ha scoperto che gli integratori di questo importante minerale possono abbassare con successo la pressione sanguigna (Zhang, 2016).

Battito cardiaco irregolare

L'aritmia, o battito cardiaco irregolare, è grave. Può causare dolore al petto, vertigini, mancanza di respiro o persino svenimento. E questi ritmi cardiaci anormali può essere causato da bassi livelli di magnesio (Dyckner, 1980). Si ritiene che questo sia un altro sintomo che ha a che fare con la carenza di magnesio causando carenze secondarie, in questo caso, potassio (Dyckner, 1981).

Convulsioni

Lo stesso meccanismo che provoca crampi e spasmi muscolari è anche alla base di questo gravissimo segno di carenza di magnesio. Si crede che una mancanza di magnesio irrita il sistema nervoso attraverso il modo in cui influenza il calcio nelle cellule (Nutt, 1991).

Cambiamenti di personalità

Non ti senti mai te stesso quando sei malato, ma se l'assunzione di magnesio non lo riduce, potresti non comportarti nemmeno come te stesso. La personalità cambia come apatia (Pham, 2014), caratterizzato da intorpidimento e mancanza di emozioni, può verificarsi e con uno stato di magnesio sufficientemente basso, persino delirio e coma. e un meta-analisi trovato un'associazione tra bassi livelli di magnesio e un aumentato rischio di depressione (Cheungpasitporn, 2015).

Osteoporosi

Probabilmente sai che le vitamine sono coinvolte nel tuo fattore di rischio per lo sviluppo dell'osteoporosi, in particolare le vitamine D e K, insieme alla vecchiaia. Ma le persone carenti di magnesio hanno anche un rischio maggiore di sviluppare la condizione che indebolisce le ossa e espone le persone a un rischio maggiore di fratture. Ma assumere abbastanza magnesio può aiutare in più di un modo. Un'adeguata assunzione di magnesio è associata a maggiore densità minerale ossea e può prevenire l'ipocalcemia (Farsinejad-Marj, 2015). Sebbene il magnesio o la sua mancanza possano agire direttamente sulle ossa, ne influenzano anche la forza causando una mancanza di calcio (Castiglioni, 2013).

la bordatura ti aiuta a durare più a lungo?

Naturalmente, questi sono solo alcuni sintomi che possono verificarsi con una carenza di magnesio. Ogni persona può effettivamente sperimentare tutti, alcuni o nessuno di questi sintomi, anche in presenza di una carenza.

Test e diagnosi

È qui che entrano in gioco quei sintomi non specifici. Poiché può essere difficile definire cosa sta causando sintomi generali come affaticamento e perdita di appetito, il tuo medico utilizzerà una varietà di metodi per diagnosticarti. Probabilmente prenderanno in considerazione non solo i tuoi sintomi, ma anche la tua storia medica, un esame fisico e un esame del sangue.

Sebbene il controllo del livello di magnesio nel sangue non dia a un medico il quadro completo - gran parte del magnesio è immagazzinato nelle ossa e nei tessuti molli - può aiutare a formare un'immagine della carenza di magnesio. L'ipomagnesemia causa anche altre carenze, come l'ipokaliemia (basso contenuto di potassio) e l'ipocalcemia (basso contenuto di calcio), che probabilmente verranno testate anche loro.

Trattamento della carenza di magnesio

Fortunatamente, riportare i nostri livelli di magnesio in carreggiata non è poi così difficile. Dal momento che non abbiamo bisogno di così tanto magnesio, una carenza può probabilmente essere risolta in pochi giorni o un paio di settimane, spiega il dott. Hunnes. Ma cita alcune eccezioni, aggiungendo che probabilmente ci vorrà più tempo se hai la diarrea o altri problemi di malassorbimento nell'intestino.

Ma ci sono alcuni effetti collaterali degli integratori di magnesio, il più comune dei quali è feci molli o diarrea. Questo effetto collaterale può essere particolarmente pronunciato se si assume citrato di magnesio, noto per aumentare l'acqua nell'intestino. Il Dr. Hunnes suggerisce di pianificare i pasti per assicurarsi di incorporare magnesio alimentare se si scopre di essere sensibili all'assunzione di magnesio per via orale. Le persone con determinate condizioni di salute, come malattie renali o che assumono farmaci come bifosfonati, antibiotici, diuretici e inibitori della pompa protonica, devono parlare con i loro operatori sanitari prima di assumere integratori alimentari. Molti alimenti ricchi di magnesio, come verdure a foglia verde, cereali integrali, avocado e anacardi, sono comuni e offrono altri benefici per la salute insieme a questo importante minerale.

Se un medico ti mette sotto un protocollo di magnesio, seguilo. Anche l'ipermagnesemia, o avere troppo magnesio, può essere pericoloso.

Riferimenti

  1. Barbagallo, M., & Dominguez, L. J. (2015). Magnesio e diabete di tipo 2. Giornale mondiale del diabete, 6(10), 1152-1157. doi: 10.4239/wjd.v6.i10.1152, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4549665/
  2. Caddell, J. L. (2001). La carenza di magnesio favorisce la debolezza muscolare, contribuendo al rischio di morte improvvisa del lattante (SIDS) nei bambini che dormono inclini. Ricerca sul magnesio, 14 (1-2), 39-50. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11300621
  3. Castiglioni, S., Cazzaniga, A., Albisetti, W., & Maier, J. (2013). Magnesio e osteoporosi: stato attuale delle conoscenze e direzioni future della ricerca. Nutrienti, 5(8), 3022-3033. doi: 10.3390/nu5083022, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3775240/
  4. Cheungpasitporn, W., Thongprayoon, C., Mao, M. A., Srivali, N., Ungprasert, P., Varothai, N., … Erickson, S. B. (2015). Ipomagnesemia legata alla depressione: una revisione sistematica e una meta-analisi. Giornale di medicina interna, 45 (4), 436-440. doi: 10.1111/imj.12682, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25827510
  5. Dyckner, T. (1980). Magnesio sierico nell'infarto miocardico acuto. Acta Medica Scandinavica, 207 (1-6), 59-66. doi: 10.1111/j.0954-6820.1980.tb09676.x, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/7368975
  6. Dyckner, T., & Wester, PO (1981). Relazione tra Potassio, Magnesio e Aritmie Cardiache. Acta Medica Scandinavica, 647, 163-169. doi: 10.1111/j.0954-6820.1981.tb02652.x, https://onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1111/j.0954-6820.1981.tb02652.x
  7. Farsinejad-Marj, M., Saneei, P., & Esmaillzadeh, A. (2015). Assunzione dietetica di magnesio, densità minerale ossea e rischio di frattura: una revisione sistematica e una meta-analisi. Osteoporosi Internazionale, 27(4), 1389-1399. doi: 10.1007/s00198-015-3400-y, https : //www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26556742
  8. Garrison, S. R., Allan, G. M., Sekhon, R. K., Musini, V. M. e Khan, K. M. (2012). Magnesio per crampi muscolari scheletrici. Database Cochrane di revisioni sistematiche, (9), CD009402. doi: 10.1002/14651858.CD009402.pub2, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22972143
  9. Guerrera, M.P., Volpe, S.L., & Mao, J.J. (2009). Usi terapeutici del magnesio. Medico di famiglia americano, 80 (2), 157-162. Recuperato da https://www.aafp.org/afp/2009/0715/p157.html
  10. Huang, C. L. e Kuo, E. (2007). Meccanismo dell'ipokaliemia nella carenza di magnesio. Giornale dell'American Society of Nephrology, 18(10), 2649–2652. doi: 10.1681/asn.2007070792, https://jasn.asnjournals.org/content/18/10/2649
  11. Laurant, P., Hayoz, D., Brunner, H.R., & Berthelot, A. (1999). Effetto della carenza di magnesio sulla pressione sanguigna e sulle proprietà meccaniche dell'arteria carotide di ratto. Ipertensione, 33(5), 1105-1110. doi: 10.1161/01.hyp.33.5.1105, https://www.ahajournals.org/doi/full/10.1161/01.hyp.33.5.1105
  12. Mizushima, S., Cappuccio, F. P., Nichols, R., & Elliott, P. (1998). Assunzione dietetica di magnesio e pressione sanguigna: una panoramica qualitativa degli studi osservazionali. Giornale dell'ipertensione umana, 12 (7), 447-453. doi: 10.1038/sj.jhh.1000641, https://www.nature.com/articles/1000641
  13. Nuytten, D., Van Hees, J., Meulemans, A., & Carton, H. (1991). Carenza di magnesio come causa di convulsioni acute intrattabili. Giornale di neurologia, 238 (5), 262-264. doi: 10.1007/bf00319737, https://link.springer.com/article/10.1007/BF00319737
  14. Pham, P.-C. T., Pham, P.T., Pham, S.V., Pham, P.T., Pham, P.T. e Pham, P.T. (2014). Ipomagnesemia: una prospettiva clinica. Giornale internazionale di nefrologia e malattia renovascolare, 7, 219-230. doi: 10.2147/ijnrd.s42054, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4062555/
  15. Potter, J.D., Robertson, S.P., & Johnson, J.D. (1981). Magnesio e regolazione della contrazione muscolare. Atti della Federazione, 40(12), 2653-2656. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/7286246
  16. Rosanoff, A., Weaver, C. M. e Rude, R. K. (2012). Stato subottimale del magnesio negli Stati Uniti: le conseguenze sulla salute sono sottovalutate? Recensioni nutrizionali, 70(3), 153-164. doi: 10.1111/j.1753-4887.2011.00465.x, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22364157
  17. Song, Y., Sesso, H. D., Manson, J. E., Cook, N. R., Buring, J. E. e Liu, S. (2006). Assunzione dietetica di magnesio e rischio di incidenza di ipertensione tra donne statunitensi di mezza età e anziane in uno studio di follow-up di 10 anni. L'American Journal of Cardiology, 98(12), 1616-1621. doi: 10.1016/j.amjcard.2006.07.040, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17145221
  18. Zhang, X., Li, Y., Del Gobbo, L. C., Rosanoff, A., Wang, J., Zhang, W. e Song, Y. (2016). Effetti della supplementazione di magnesio sulla pressione sanguigna. Ipertensione, 68(2), 324-333. doi: 10.1161/HYPERTENSIONAHA.116.07664, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27402922
Vedi altro