Potenziale anti-invecchiamento della metformina: realtà o finzione?

Potenziale anti-invecchiamento della metformina: realtà o finzione?

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi di carattere medico, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli su Health Guide sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Non sarebbe bello prendere una pillola e vivere istantaneamente più a lungo, o almeno, annullare alcuni degli effetti della vecchiaia? Un farmaco chiamato metformina (nome commerciale Glucophage) è un farmaco superstar quando si tratta di trattare il diabete di tipo 2, ma più recentemente si è guadagnato una reputazione per i suoi potenziali effetti anti-invecchiamento. Questo farmaco potrebbe essere l'elisir di giovinezza che l'umanità ha cercato per eoni?

In questo articolo, esploreremo ciò che la ricerca mostra sulla metformina come potenziale farmaco per la longevità e esamineremo anche alcune altre terapie per l'anti-invecchiamento.

Vitali

  • La metformina (conosciuta anche con il suo marchio, Glucophage) è il farmaco di prima linea per il trattamento del diabete mellito di tipo 2.
  • Alcune prove mostrano che la metformina può essere efficace nell'aumentare la durata della vita e nel combattere gli effetti dell'invecchiamento. Non ci sono stati abbastanza studi clinici per dimostrarlo con certezza.
  • Abbiamo buone prove, tuttavia, per alcuni altri effetti positivi della metformina, come ridurre l'infiammazione e proteggere il cuore.
  • Gli interventi più efficaci per un invecchiamento sano sono l'esercizio fisico, la restrizione calorica e la protezione solare quotidiana.

La metformina è un farmaco antietà efficace?

Andiamo subito al sodo. Gli studi sul potenziale della metformina come farmaco anti-invecchiamento sono promettenti ma ancora in discussione. Certamente non ne sappiamo ancora abbastanza per raccomandare l'assunzione di questo farmaco esclusivamente per l'anti-invecchiamento. Se lo stai prendendo per altri motivi, tuttavia, ci sono buone probabilità che tu possa vedere alcuni altri vantaggi. E ulteriori ricerche potrebbero darci maggiori informazioni sui benefici anti-invecchiamento della metformina.

Nel studi sugli animali , la metformina ha aiutato topi, ratti, vermi e pulci a vivere più a lungo. Se stai leggendo questo, probabilmente non sei un roditore o un insetto. Tuttavia, quegli studi sugli animali potrebbero eventualmente portare a studi sull'uomo, che potrebbero mostrare effetti simili in persone come te e me (Novelle, 2016).

Annuncio pubblicitario

Semplifica la tua routine di cura della pelle

Ogni bottiglia di Nightly Defense prescritta dal medico è fatta per te con ingredienti potenti e scelti con cura e consegnata a casa tua.

Per saperne di più

Mentre abbiamo bisogno di più studi sull'invecchiamento con metformina, abbiamo prove abbastanza buone di altri benefici, alcuni dei quali potrebbero portare a una durata della vita più lunga.

che decongestionante posso prendere con il metoprololo?

I potenziali benefici anti-invecchiamento della metformina

Molti ricercatori ritengono che la metformina possa mostrare gravi effetti anti-invecchiamento se studiata più da vicino. Una grande ragione per questo è che ha molti potenziali benefici oltre il controllo del diabete, e alcuni di questi benefici potrebbero combattere gli effetti dell'invecchiamento e persino portare a una vita più lunga. Ecco alcuni di questi vantaggi:

Riduce la mortalità per tutte le cause

PER ampio studio di revisione ha esaminato gli effetti della metformina sui pazienti con diabete di tipo 2 e ha riscontrato una mortalità per tutte le cause più bassa su tutta la linea. (Mortalità per tutte le cause significa decessi per qualsiasi causa). Sebbene lo studio non possa dirci perché potrebbe essere, l'effetto è troppo significativo per essere ignorato. Tuttavia, non sappiamo se la metformina avrebbe lo stesso impatto nelle persone senza diabete. Anche nei pazienti con diabete, non sappiamo se la metformina causi una mortalità inferiore o se tale effetto derivi da un altro fattore sconosciuto (Campbell, 2017).

Migliora la sensibilità all'insulina

Cosa rende la metformina un farmaco così efficace per il trattamento del diabete di tipo 2? Ci sono alcuni meccanismi, ma un impatto è questo riduce la resistenza all'insulina (Giannarelli, 2003). Questo rende il corpo più sensibile all'insulina, aiutando il corpo a regolare meglio l'insulina. La resistenza all'insulina è strettamente legato all'infiammazione , che accade anche con l'età (Park, 2014). Ciò significa che è possibile che la metformina possa combattere quegli effetti infiammatori dell'invecchiamento regolando l'insulina.

Riduce lo stress ossidativo e l'infiammazione

Uno degli effetti del miglioramento della sensibilità all'insulina è che la metformina riduce anche lo stress ossidativo e, come abbiamo appena detto, l'infiammazione. Questi sono due dei fattori chiave nel processo di invecchiamento . Lo stress ossidativo si verifica quando c'è un danno alle cellule da parte dei radicali liberi, che sono molecole instabili, ed è una parte normale dell'invecchiamento. Lo stress ossidativo è una causa di infiammazione, che è coinvolta in malattie legate all'età e morte (Liguori, 2018).

Annuncio pubblicitario

Oltre 500 farmaci generici, ciascuno $ 5 al mese

Passa a Ro Pharmacy per ottenere le tue prescrizioni riempite per soli $ 5 al mese ciascuna (senza assicurazione).

Per saperne di più

Ecco dove entra in gioco la metformina.

Metformina riduce lo stress ossidativo e l'infiammazione attraverso i suoi effetti sull'attivazione dell'enzima chiamato AMPK (proteina chinasi attivata da adenosina monofosfato o protein chinasi attivata da AMP). Riducendo lo stress ossidativo e l'infiammazione, la metformina può combattere alcuni degli effetti dell'invecchiamento che si verificano con questi due fattori (Saisho, 2015).

Protegge il cuore

La metformina può proteggere il cuore. UN revisione di 40 studi ha mostrato risultati promettenti. I pazienti con diabete di tipo 2 che assumevano metformina avevano meno eventi cardiaci (come attacchi di cuore), meno decessi per malattie cardiovascolari e mortalità per tutte le cause inferiori rispetto ad altri pazienti con diabete di tipo 2 (Han, 2019). Poiché le malattie cardiovascolari sono state una delle prime due cause di morte dal 1975 , proteggere il cuore potrebbe certamente avere un impatto sulla longevità (Olvera Lopez, 2020). Sono necessarie ulteriori ricerche, ma la metformina potrebbe svolgere un ruolo nel ridurre i decessi per malattie cardiache.

Può prevenire alcuni tipi di cancro

c'è alcune prove che la metformina può proteggere da alcuni tipi di cancro e aumentare i tassi di sopravvivenza al cancro. Questo probabilmente funziona attraverso una riduzione dell'attivazione di mTOR (bersaglio della rapamicina nei mammiferi), che può avere un effetto antitumorale (Zi, 2018).

Se è così, potresti chiederti perché gli operatori sanitari non distribuiscono metformina come caramelle! Bene, non ci sono ancora stati studi clinici su larga scala per studiare gli effetti antitumorali della metformina, quindi non siamo del tutto lì.

Se la metformina si dimostrasse efficace nella prevenzione del cancro e nel miglioramento dei tassi di sopravvivenza, ciò potrebbe avere importanti effetti anti-invecchiamento. Il cancro e le malattie cardiache sono stati testa a testa per il le prime due cause di morte per decenni (Lin, 2019).

Potrebbe proteggere dalla fragilità

Una cosa che accade spesso con l'invecchiamento è che le persone diventano più deboli e fragili. Si scopre che la fragilità è associata a tassi di morte più alti da tutte le cause, quindi gli interventi di protezione contro la fragilità sono piuttosto importanti (Kulmala, 2014). c'è attualmente è in corso una prova sul potenziale impatto della metformina sulla fragilità negli anziani. Se l'ipotesi dei ricercatori è corretta, l'uso di metformina può aiutare a proteggere dalla fragilità riducendo l'infiammazione e la resistenza all'insulina (Espinoza, 2020).

Può proteggere dall'Alzheimer

Il le prove per questo sono miste , ma diversi studi mostrano una minore incidenza di Alzheimer nei pazienti con diabete che assumono metformina rispetto al placebo. Non possiamo necessariamente applicare questi effetti alle persone senza diabete e sono necessarie ulteriori ricerche (Campbell, 2018).

Cos'è la metformina e come funziona?

La metformina è un farmaco antidiabetico ed è il trattamento di prima linea per il diabete di tipo 2 . Fa parte di una classe di farmaci chiamati biguanidi e funziona bene come farmaco antidiabetico abbassando i livelli di glucosio nel sangue, la quantità di zucchero concentrata nel sangue. La glicemia alta è uno dei principali marker del diabete di tipo 2, quindi questo meccanismo della metformina è fondamentale. La metformina riduce la quantità di glucosio prodotta dal fegato (Corcoran, 2020). A causa di tale effetto, la metformina è efficace anche a trattamento del prediabete (Lilli, 2009).

Quali sono gli effetti collaterali della metformina e chi non dovrebbe assumerla?

La metformina non ha molti effetti collaterali, ma i problemi gastrointestinali (GI) sono comuni, in particolare la diarrea. Fino al 25% dei pazienti manifesta effetti collaterali gastrointestinali sulla metformina (McCreight, 2016). Puoi gestire questi sintomi assumendo metformina con il cibo. Il tuo medico può anche consigliare di iniziare con una dose più bassa, aumentando gradualmente la quantità che stai assumendo.

le migliori pillole dimagranti approvate dalla fda

Un altro importante effetto collaterale dell'uso a lungo termine di metformina è carenza di vitamina b12 (de Jager, 2010). Questo è semplice da affrontare, però. Il tuo medico potrebbe semplicemente consigliarti di assumere un integratore di vitamina b12.

puoi bere durante il prednisone?

Annuncio pubblicitario

Roman Daily: multivitaminico per uomini

Il nostro team di medici interni ha creato Roman Daily per colmare le lacune nutrizionali comuni negli uomini con ingredienti e dosaggi scientificamente supportati.

Per saperne di più

La maggior parte delle persone può prendere metformina senza problemi (Gruppo di ricerca sul programma di prevenzione del diabete, 2012). Ci sono alcuni pazienti, tuttavia, che non dovrebbero assumere metformina, incluso pazienti con malattia renale avanzata (noto anche come insufficienza renale) (Corcoran, 2020). Pazienti che assumono i seguenti farmaci dovrebbe anche evitare la metformina (Pakkir Maiden, 2017):

  • Contrasto iodato (usato nei test di imaging)
  • Alcuni farmaci antitumorali (in particolare vandetanib e farmaci che rientrano in una classe chiamata inibitori della tirosin-chinasi)
  • Alcuni farmaci antimicrobici (come cefalexina e rifampicina. Anche il dolutegravir, un farmaco usato per l'HIV, rientra in questa categoria).
  • Alcol (ma solo in quantità eccessive)

L'assunzione di questi farmaci durante la metformina può essere un fattore di rischio per lo sviluppo di una condizione grave chiamata a acidosi lattica (Foucher, 2020).

Altre terapie che possono avere effetti antietà

Sebbene i potenziali effetti anti-invecchiamento della metformina siano promettenti, abbiamo bisogno di maggiori informazioni prima che possa iniziare a essere prescritta a tale scopo. Fino a quando ciò non accadrà, cos'altro puoi provare che abbia alle spalle una ricerca più conclusiva? Hai bisogno di spendere migliaia di dollari in fantasiose terapie anti-età per ottenere buoni risultati?

No. Gli interventi con la migliore ricerca alle spalle sono così senza fronzoli come vengono.

L'esercizio si presenta in molte forme, ma in generale l'attività fisica è uno dei migliori interventi sappiamo per combattere l'invecchiamento e promuovere una vita più lunga. È stato dimostrato che migliora la pressione sanguigna, la densità ossea, la tolleranza al glucosio, i lipidi e persino la depressione. Tutti questi fattori sono problemi comuni con l'avanzare dell'età (de Cabo, 2014).

Un'altra strategia che funziona davvero è limitare le calorie —in modo sano, naturalmente. Potresti aver sentito parlare del digiuno intermittente, che ha guadagnato popolarità negli ultimi anni. Bene, si scopre che il digiuno, non consumare calorie per un determinato periodo di tempo (ad esempio, il digiuno per 12-18 ore al giorno) è un altro modo efficace per combattere le malattie legate all'età. Il digiuno provoca l'autofagia, un processo in cui il corpo ripulisce le cellule danneggiate (de Cabo, 2014). Esistono molti approcci diversi al digiuno intermittente, alcuni dei quali potrebbero essere meno salutari per te, quindi parla con il tuo medico per scoprire quale approccio potrebbe essere giusto per te.

Alcuni integratori sembrano avere effetti anti-invecchiamento, anche se la ricerca su questi è un po' più torbida. Resveratrolo, vitamina D e probiotici sono tutto possibili contendenti (Loro sono, 2019). spermidina è un altro. La rapamicina (un farmaco utilizzato principalmente come immunosoppressore nei pazienti che hanno subito un trapianto di rene) è un altro farmaco su prescrizione che mostra alcuni promettenti effetti anti-invecchiamento nei modelli animali (de Cabo, 2014).

Finalmente, indossare la protezione solare ogni giorno è una delle cose migliori che puoi fare per mantenere la tua pelle giovane (Randhawa, 2016).

Segui i consigli anti-età sensati

Si può essere tentati di inseguire tutti i consigli anti-invecchiamento che si vedono in fila al supermercato. Se una raccomandazione sembra troppo bella per essere vera, però, probabilmente lo è. Forse un giorno avremo prove più forti che il trattamento con metformina è il segreto della giovinezza eterna. Fino ad allora, puoi fare affidamento sull'esercizio, sulla protezione solare quotidiana ed evitare le calorie in eccesso per mantenerti alla ricerca e aumentare la tua salute.

Riferimenti

  1. Campbell, J. M., Bellman, S. M., Stephenson, M. D. e Lisy, K. (2017). La metformina riduce la mortalità per tutte le cause e le malattie dell'invecchiamento indipendentemente dal suo effetto sul controllo del diabete: una revisione sistematica e una meta-analisi. Recensioni di ricerca sull'invecchiamento, 40, 31-44. Doi: 10.1016/j.arr.2017.08.003. Recuperato da: https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/28802803/
  2. Campbell, J. M., Stephenson, M. D., de Courten, B., Chapman, I., Bellman, S. M. e Aromataris, E. (2018). Uso di metformina associato a un rischio ridotto di demenza nei pazienti con diabete: una revisione sistematica e una meta-analisi. Giornale della malattia di Alzheimer: JAD, 65(4), 1225-1236. Doi: 10.3233/JAD-180263. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6218120/
  3. Chakraborty, A., Chowdhury, S. e Bhattacharyya, M. (2011). Effetto della metformina sullo stress ossidativo, sullo stress nitrosativo e sui biomarcatori infiammatori nei pazienti con diabete di tipo 2. Ricerca sul diabete e pratica clinica, 93 (1), 56-62. Doi: 10.1016/j.diabres.2010.11.030. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/21146883/
  4. Corcoran C, Jacobs TF. (2020). Metformina. StatPearls. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK518983/
  5. de Cabo, R., Carmona-Gutierrez, D., Bernier, M., Hall, M. N., & Madeo, F. (2014). La ricerca di interventi antietà: dagli elisir ai regimi di digiuno. Cella, 157(7), 1515–1526. Doi: 10.1016/j.cell.2014.05.031. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4254402/
  6. de Jager, J., Kooy, A., Lehert, P., Wulffelé, M. G., Van der Kolk, J., Verburg, J., . . . Stehouwer, C.D. (2010). Trattamento a lungo termine con metformina in pazienti con diabete di tipo 2 e rischio di carenza di vitamina B-12: studio randomizzato controllato con placebo [Abstract]. BMJ, 340 (C2181). doi:10.1136/bmj.c2181. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/20488910/
  7. Il gruppo di ricerca del programma di prevenzione del diabete. (2012). Sicurezza a lungo termine, tollerabilità e perdita di peso associate alla metformina nello studio sugli esiti del programma di prevenzione del diabete. Cura del diabete, 35(4), 731-737. doi: 10.2337/dc11-1299. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3308305/
  8. Espinoza, S.E., Musi, N., Wang, C.P., et al. (2020). Razionale e disegno di studio di uno studio clinico randomizzato di metformina per prevenire la fragilità negli anziani con prediabete. Le riviste di gerontologia. Serie A, Scienze biologiche e scienze mediche, 75(1), 102-109. Doi: 10.1093/gerona/glz078. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30888034/
  9. Foucher, C. D., & Tubben, R. E. (2020). Acidosi lattica. StatPearls. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK470202/
  10. Giannarelli, R., Aragona, M., Coppelli, A., & Del Prato, S. (2003). Ridurre la resistenza all'insulina con metformina: le prove oggi. Diabete e metabolismo, 29(4 Pt 2), 6S28–6S35. Doi: 10.1016/s1262-3636(03)72785-2. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/14502098/
  11. Han, Y., Xie, H., Liu, Y., Gao, P., Yang, X. e Shen, Z. (2019). Effetto della metformina su tutte le cause e mortalità cardiovascolare nei pazienti con malattie delle arterie coronarie: una revisione sistematica e una meta-analisi aggiornata. Diabetologia cardiovascolare, 18(1), 96. Doi: 10.1186/s12933-019-0900-7. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6668189/
  12. Kulmala, J., Nykänen, I., & Hartikainen, S. (2014). La fragilità come predittore di mortalità per tutte le cause negli uomini e nelle donne più anziani. Geriatria e gerontologia internazionale, 14(4), 899–905. Doi: 10.1111/ggi.12190. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/24666801/
  13. Liguori, I., Russo, G., Curcio, F., et al. (2018). Stress ossidativo, invecchiamento e malattie. Interventi clinici nell'invecchiamento, 13, 757-772. Doi: 10.2147/CIA.S158513. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5927356/
  14. Lilly, M., & Godwin, M. (2009). Trattamento del prediabete con metformina: revisione sistematica e meta-analisi. Medico di famiglia canadese, 55 (4), 363-369. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2669003/
  15. Lin, L., Yan, L., Liu, Y., et al. (2019). Incidenza e morte in 29 gruppi di cancro nel 2017 e analisi delle tendenze dal 1990 al 2017 dal Global Burden of Disease Study. Giornale di ematologia e oncologia, 12 (1), 96. Doi: 10.1186/s13045-019-0783-9. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6740016/
  16. McCreight, L. J., Bailey, C. J. e Pearson, E. R. (2016). Metformina e tratto gastrointestinale. Diabetologia, (59), 426-435. doi:10.1007/s00125-015-3844-9. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4742508/
  17. Novelle, M. G., Ali, A., Diéguez, C., Bernier, M., & de Cabo, R. (2016). Metformina: una promessa di speranza nella ricerca sull'invecchiamento. Prospettive di Cold Spring Harbor in medicina, 6(3), a025932. Doi: 10.1101/cshperspect.a025932. Recuperato da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4772077/
  18. Olvera Lopez E, Ballard BD, Jan A. (2020). Malattia cardiovascolare. StatPearls. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK535419/
  19. Pakkir Maideen, N. M., Jumale, A. e Balasubramaniam, R. (2017). Interazioni farmacologiche della metformina che coinvolgono le proteine ​​trasportatrici di farmaci. Bollettino farmaceutico avanzato, 7(4), 501-505. Doi: 10.15171/apb.2017.062. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5788205/
  20. Park, M.H., Kim, D.H., Lee, E.K., et al. (2014). Infiammazione legata all'età e resistenza all'insulina: una revisione della loro intricata interdipendenza. Archivi della ricerca farmaceutica, 37(12), 1507–1514. Doi: 10.1007/s12272-014-0474-6. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4246128/
  21. Randhawa, M., Wang, S., Leida, J.J., et al. (2016). L'uso quotidiano di una protezione solare facciale ad ampio spettro per un anno migliora significativamente la valutazione clinica del fotoinvecchiamento. Chirurgia dermatologica: pubblicazione ufficiale per l'American Society for Dermatologic Surgery [et al.], 42(12), 1354–1361. Doi: 10.1097/DSS.0000000000000879. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27749441/
  22. Saisho Y. (2015). Metformina e infiammazione: il suo potenziale oltre l'effetto ipoglicemizzante. Bersagli farmacologici per i disturbi endocrini, metabolici e immunitari, 15(3), 196-205. Doi: 10.2174/1871530315666150316124019. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/25772174/
  23. Figlio, D. H., Park, W. J. e Lee, Y. J. (2019). Recenti progressi nella medicina anti-invecchiamento. Rivista coreana di medicina di famiglia, 40(5), 289-296. Doi: 10.4082/kjfm.19.0087. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6768834/
Vedi altro