Effetti collaterali del metoprololo: a cosa fare attenzione


Effetti collaterali del metoprololo: a cosa fare attenzione

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Il metoprololo (nome commerciale Lopressor, Toprol, Toprol XL) è un tipo di farmaco noto come beta-bloccante. Questa classe di farmaci riduce lo sforzo sul cuore. Il metoprololo è più comunemente usato per prevenire, trattare o migliorare i sintomi delle seguenti condizioni (Morris, 2020):



  • Alta pressione sanguigna (ipertensione)
  • Dolore al petto (angina)
  • Insufficienza cardiaca
  • Battito cardiaco veloce e irregolare come fibrillazione atriale o flutter atriale
  • Attacco di cuore (infarto del miocardio)

Vitali

  • Il metoprololo è un beta-bloccante comunemente usato per trattare l'ipertensione, il dolore toracico e l'insufficienza cardiaca.
  • Gli effetti collaterali comuni del metoprololo includono eruzioni cutanee, problemi gastrointestinali, secchezza delle fauci, mancanza di respiro, aumento di peso e depressione.
  • Gli effetti collaterali gravi includono pressione sanguigna bassa, frequenza cardiaca molto bassa, mascheramento dei sintomi di ipoglicemia e peggioramento dell'asma o dell'insufficienza cardiaca.
  • La Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha emesso un importante avvertimento (chiamato avviso di scatola nera) sul metoprololo: non interrompere bruscamente l'assunzione di metoprololo senza parlare con il proprio medico. L'interruzione improvvisa del metoprololo può causare dolore toracico o infarto. Se hai bisogno di interrompere il metoprololo, il tuo medico ti aiuterà a ridurre gradualmente la dose.

Il metoprololo agisce impedendo all'adrenalina (nota anche come adrenalina) di legarsi ai recettori beta nel muscolo cardiaco. Il blocco dei recettori beta consente al metoprololo di ridurre il carico di lavoro sul cuore. Il metoprololo fa battere il cuore più lentamente e spremere con meno forza, abbassando così la pressione sanguigna e migliorando il dolore al petto.

Quali sono gli effetti collaterali del metoprololo?

Il metoprololo è un farmaco efficace, ma, come la maggior parte dei medicinali, può avere effetti collaterali sia lievi che gravi.

Comune effetti collaterali di metoprololo includono (UpToDate, n.d.):

  • Eruzione cutanea
  • Prurito
  • Problemi gastrointestinali come nausea, vomito, diarrea o mal di stomaco
  • Depressione
  • Vertigini
  • Stanchezza
  • Vertigine
  • Mani e piedi freddi
  • Bocca asciutta
  • Occhi secchi e/o visione offuscata
  • Difficoltà respiratorie come mancanza di respiro, respiro sibilante e tosse
  • Aumento di peso – 1.2 libbre di aumento di peso in media (Sharma, 2001)
  • Disfunzione sessuale

Annuncio pubblicitario

Oltre 500 farmaci generici, ciascuno $ 5 al mese

lo scopo di un anello del cazzo

Passa a Ro Pharmacy per ottenere le tue prescrizioni riempite per soli $ 5 al mese ciascuna (senza assicurazione).

Per saperne di più

Avviso scatola nera dalla FDA (l'avvertimento più serio che emettono): non interrompere bruscamente l'assunzione di metoprololo senza parlare con il proprio medico. L'interruzione improvvisa del metoprololo può causare dolore toracico o infarto (infarto del miocardio). Se hai bisogno di interrompere il metoprololo, il tuo medico ti aiuterà a ridurre gradualmente la dose (FDA, 2006). Effetti collaterali gravi di metoprololo includono (UpToDate, n.d.):

  • Battito cardiaco lento (bradicardia): Uno dei modi in cui funziona il metoprololo è diminuendo la frequenza cardiaca per alleggerire il carico sul cuore, quindi è prevista una frequenza cardiaca leggermente inferiore. Tuttavia, alcune persone possono avvertire una frequenza cardiaca troppo bassa, causando svenimenti (sincope), vertigini, dolori al petto, affaticamento e confusione.
  • Bassa pressione sanguigna (ipotensione): Il metoprololo viene spesso somministrato per aiutare a ridurre la pressione sanguigna nelle persone con pressione alta o altre condizioni cardiache. A volte, la pressione sanguigna può scendere troppo. I sintomi includono vertigini, svenimento, visione offuscata, affaticamento, respiro superficiale, polso rapido e confusione. La pressione sanguigna può diminuire solo dopo essersi alzati da una posizione seduta o sdraiata, questa è chiamata ipotensione ortostatica. La pressione sanguigna gravemente bassa è un'emergenza pericolosa per la vita.
  • Peggioramento dell'asma o della broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO): Il metoprololo, un beta-bloccante, ha un piccolo rischio di scatenare un attacco d'asma o di peggiorare la BPCO causando broncospasmo (restringimento delle vie aeree). Questo perché i recettori beta che rivestono i polmoni sono simili a quelli che il metoprololo prende di mira nel cuore e nei vasi sanguigni. Tuttavia, il metoprololo ha meno probabilità di causare problemi respiratori rispetto ad altri farmaci beta-bloccanti.
  • Mascheramento dei sintomi ipoglicemici: Quando la glicemia scende troppo, il tuo corpo ti invia segnali per farti sapere in modo che tu possa ricostituire le tue riserve di glucosio, questi segnali in genere includono tremori, ansia, confusione, battito cardiaco accelerato (palpitazioni), vertigini, ecc. Tuttavia, il metoprololo può mascherare questi segni, impedendoti di realizzare che i tuoi zuccheri nel sangue sono troppo bassi. Mantenere i livelli di zucchero nel sangue troppo bassi per troppo tempo può portare a convulsioni, perdita di coscienza e, in rari casi, persino alla morte.
  • Arresto cardiaco: Il metoprololo può interferire con il normale sistema elettrico del cuore; questo può portare al blocco cardiaco, che provoca un battito cardiaco irregolare.
  • Peggioramento dell'insufficienza cardiaca: Persone con insufficienza cardiaca chi sta assumendo metoprololo può notare un peggioramento dei sintomi dell'insufficienza cardiaca; questo può essere particolarmente vero per le donne (DailyMed, 2018). Un'associazione americana del cuore rivista ha riferito che le donne che assumono beta-bloccanti (come il metoprololo) hanno un rischio maggiore di insufficienza cardiaca durante una sindrome coronarica acuta (SCA) rispetto agli uomini (Bugiardini, 2020).

Questo elenco non include tutti i possibili effetti collaterali e altri possono esistere. Verificare con il proprio farmacista o operatore sanitario per ulteriori informazioni.

Quali farmaci interagiscono con il metoprololo?

Prima di iniziare il metoprololo, o qualsiasi altro nuovo farmaco, consultare un medico sulle potenziali interazioni farmacologiche. Medicinali che possono interagire con metoprololo includono (DailyMed, 2018):

  • Inibitori delle monoamino ossidasi (IMAO): Questi farmaci sono spesso usati per trattare la depressione e possono aumentare gli effetti del metoprololo e possono potenzialmente aumentare gli effetti collaterali. Gli esempi includono isocarboxazid, fenelzina, selegilina e tranilcipromina.
  • Epinefrina: Le persone che assumono metoprololo e usano epinefrina per gravi reazioni allergiche, possono scoprire che la dose abituale di epinefrina non funziona altrettanto bene. Se hai una storia di gravi reazioni allergiche, assicurati di informare il tuo medico che stai assumendo un beta-bloccante.
  • Inibitori del sistema CYP2D6: Il metoprololo viene scomposto dal sistema CYP2D6 nel fegato. I farmaci che interferiscono con il sistema CYP2D6 impediscono la metabolizzazione del metoprololo. Di conseguenza, puoi avere il doppio delle quantità tipiche di metoprololo che circolano nel sangue; questo aumenta il rischio di effetti collaterali. Esempi di questi farmaci includono chinidina, fluoxetina, paroxetina e propafenone.
  • Farmaci che rallentano la frequenza cardiaca: Poiché il metoprololo riduce la frequenza cardiaca, combinarlo con altri farmaci che riducono anche la frequenza cardiaca aumenta il rischio di avere una frequenza cardiaca molto lenta (bradicardia). Gli esempi includono digossina, clonidina, diltiazem e verapamil.
  • Sildenafil (nome commerciale Viagra) o altri inibitori della fosfodiesterasi-5 (PDE5): Il metoprololo può causare un calo maggiore della pressione sanguigna se assunto con inibitori della PDE5.
  • Alcol: Alcuni tipi di metoprololo (vale a dire metoprololo succinato) sono disponibili in una formulazione a rilascio prolungato. In presenza di alcol, questa azione a rilascio prolungato viene accelerata e il metoprololo viene rilasciato nel sistema più velocemente.

Questo elenco non include tutte le possibili interazioni farmacologiche con metoprololo e altri potrebbero esistere. Verificare con il proprio farmacista o operatore sanitario per ulteriori informazioni.

Chi dovrebbe evitare di prendere il metoprololo?

Alcuni gruppi di persone dovrebbero evitare l'uso di metoprololo oppure usalo con cautela (DailyMed, 2018):

qual è il ruolo della melanina?
  • Persone con asma: Il metoprololo può scatenare un attacco d'asma e le persone con asma o BPCO dovrebbero evitare di usarlo. Assicurati che il tuo medico sia consapevole che hai l'asma prima di iniziare il metoprololo.
  • Persone con diabete: Il metoprololo può bloccare i segni di ipoglicemia, come aumento della frequenza cardiaca, sudorazione e tremori.
  • Persone con una frequenza cardiaca lenta (bradicardia) o bassa pressione sanguigna (ipotensione): Il metoprololo abbassa la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca.
  • Donne incinte: La Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha ritenuto il metoprololo come gravidanza categoria C ; ciò significa che non ci sono informazioni sufficienti per determinare il rischio per la gravidanza (FDA, 2006). Le donne e i loro operatori sanitari dovrebbero valutare i benefici dell'assunzione di metoprololo rispetto ai rischi per il feto.
  • Madri che allattano: Il metoprololo entra nel latte materno , in piccole quantità e non sono stati segnalati effetti avversi. Le donne ei loro operatori sanitari dovrebbero valutare i rischi ei benefici del farmaco (FDA, 2006).
  • Persone con malattie del fegato: Poiché il metoprololo viene scomposto dal fegato, le persone con malattia del fegato possono avere livelli di metoprololo più alti del previsto nel loro sistema. Potrebbero aver bisogno di una dose più bassa di metoprololo (DailyMed, 2018).

Questo elenco non include tutti i possibili gruppi a rischio e altri possono esistere. Verificare con il proprio farmacista o operatore sanitario per ulteriori informazioni.

Forme di dosaggio del metoprololo

Esistono due diversi tipi di metoprololo: metoprololo tartrato e metoprololo succinato. Il metoprololo tartrato (nome commerciale Lopressor) è utilizzato in compresse a rilascio immediato ed è disponibile in compresse da 25 mg, 37,5 mg, 50 mg, 75 mg e 100 mg. Il metoprololo succinato (nome commerciale Toprol XL) viene utilizzato nelle capsule e compresse a rilascio prolungato ed è disponibile in compresse da 25 mg, 50 mg, 100 mg e 200 mg. La dose specifica raccomandata dal tuo medico varierà a seconda della condizione da trattare, così come degli altri tuoi problemi medici.

Costo del metoprololo

Entrambe le forme di metoprololo sono disponibili come farmaci generici. Il tartrato di metoprololo varia da $ 4 a $ 9 per una fornitura di 30 giorni, a seconda della dose. Il metoprololo succinato varia da $ 6 a $ 18 per una fornitura di 30 giorni, sempre a seconda della dose.

Riferimenti

  1. Bugiardini, R., Yoon, J., Kedev, S., Stankovic, G., Vasiljevic, Z., Miličić, D., Manfrini, O., van der Schaar, M., Gale, CP, Badimon, L. , & Cenko, E. (2020). Precedente terapia beta-bloccante per l'ipertensione e differenze basate sul sesso nell'insufficienza cardiaca tra i pazienti con malattia coronarica incidente. Ipertensione https://doi.org/10.1161/HYPERTENSIONAHA.120.15323
  2. DailyMed della National Library of Medicine degli Stati Uniti e del National Institutes of Health (NIH): Capsula di metoprololo succinato, rilascio prolungato (2018). Estratto il 12 agosto 2020 da https://dailymed.nlm.nih.gov/dailymed/drugInfo.cfm?setid=90aa06a3-100f-4466-b950-506303707b01
  3. Morris J, Dunham A. Metoprololo. StatPearls [Internet]. 2020 Estratto il 12 agosto 2020 da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK532923/
  4. Sharma, A. M., Pischon, T., Hardt, S., Kunz, I. e Luft, F. C. (2001). Ipotesi: bloccanti dei recettori β-adrenergici e aumento di peso. Ipertensione, 37(2), 250-254. doi: 10.1161/01.hyp.37.2.250 https://www.ahajournals.org/doi/full/10.1161/01.hyp.37.2.250
  5. UpToDate - Metoprolol: Drug Information (n.d.) Estratto il 12 agosto 2020 da https://www.uptodate.com/contents/metoprolol-drug-information?search=metoprolol&source=panel_search_result&selectedTitle=1~148&usage_type=panel&kp_tab=drug_general&display_rank=1#F195759
  6. U.S. Food and Drug Administration (FDA) - Metoprololo succinato, compresse a rilascio prolungato (2006) Estratto il 12 agosto 2020 da https://www.accessdata.fda.gov/drugsatfda_docs/label/2006/019962s032lbl.pdf
Vedi altro