Obesità patologica: fattori di rischio, diagnosi e trattamento

Obesità patologica: fattori di rischio, diagnosi e trattamento

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Come umano, sei molto più del tuo peso. Certo, il peso è una sbirciatina alla tua salute generale, ma non mostra l'intero quadro. Detto questo, capire dove cade il tuo peso nello spettro medico - sottopeso, normale, sovrappeso, obeso o morbosamente obeso - può aiutarti a farti un'idea migliore del tuo rischio di potenziali problemi di salute lungo la linea.

Se sei curioso dell'obesità patologica o pensi che il tuo peso possa essere considerato patologicamente obeso, continua a leggere. Stiamo entrando nei dettagli su questa condizione, i suoi fattori di rischio e cosa significa potenzialmente per la tua salute generale, sia ora che in futuro.

Cos'è l'obesità?

In parole povere, l'obesità significa avere troppo grasso sul corpo. Il tuo peso deriva da una varietà di fonti, tra cui muscoli, ossa, acqua e grasso corporeo. Mentre è necessario avere un po' di grasso corporeo per mantenere una salute adeguata, averne troppo può potenzialmente causare certe problemi di salute legati al peso (Medline Plus, n.d.).

Ma come fai a sapere quanto grasso corporeo ti rende obeso? Gli operatori sanitari utilizzano spesso l'indice di massa corporea (BMI) come un modo semplice e veloce per determinare dove cade il peso di una persona. L'IMC viene calcolato utilizzando una formula che utilizza la tua altezza e il tuo peso, ma non tiene conto delle altre parti del tuo corpo che influenzano il tuo peso (come la massa muscolare).

Il BMI è suddiviso in quattro categorie:

  • Sottopeso (BMI inferiore a 18,5)
  • Normale (BMI da 18,5 a 24,9)
  • Sovrappeso (da 25 a 29,9)
  • Obesi (BMI di 30 o superiore)

Secondo il National Institutes of Health, un adulto su tre è considerato obeso, mentre circa un adulto su 13 è considerato patologicamente obeso.

c'è differenza tra forfora e cuoio capelluto secco?

Vitali

  • L'obesità patologica è definita come un indice di massa corporea (BMI) superiore a 35.
  • Circa un adulto su tredici è considerato patologicamente obeso.
  • Mentre mangiare più calorie del necessario è la causa dell'obesità patologica, la genetica, i farmaci e altre condizioni di salute possono svolgere un ruolo importante.
  • Le persone con obesità patologica possono invertirlo attraverso uno stile di vita sano, farmaci e interventi chirurgici per la perdita di peso.

Cos'è l'obesità patologica?

Una persona è considerata obesa se il BMI è superiore a 30. Esistono diversi livelli di obesità, suddivisi in tre categorie principali:

  • Classe 1: l'IMC è compreso tra 30 e 34,9
  • Classe 2: l'IMC è compreso tra 35 e 39,9
  • Classe 3: BMI è 40 o superiore

Secondo il Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie , si considera che l'obesità patologica abbia un BMI superiore a 35 ma inferiore a 40. Un BMI superiore a 40 è talvolta indicato come obesità grave o obesità estrema perché i rischi per la salute aumentano notevolmente quando l'IMC è superiore a 35 (CDC, 2017).

Annuncio pubblicitario

Incontra Plenity —uno strumento di gestione del peso approvato dalla FDA

Plenity è una terapia solo su prescrizione. Per un uso sicuro e corretto di Plenity, parlare con un operatore sanitario o fare riferimento al Istruzioni per l'uso .

come aumentare naturalmente il desiderio sessuale
Per saperne di più

Fattori di rischio per l'obesità patologica

La semplice spiegazione dell'obesità patologica è che una persona sta mangiando più calorie del necessario senza bruciarle attraverso l'attività. La quantità di calorie che devi mangiare al giorno è in gran parte dipende dalla tua età e stile di vita (il che significa che qualcuno che si allena molto avrà bisogno di mangiare di più di qualcuno che non si allena affatto). Questo in genere funziona da circa 1.600 a 2.400 calorie al giorno per le donne sopra i 18 anni e da 2.000 a 3.000 calorie al giorno per gli uomini adulti (ODPHP, 2015).

Mentre mangiare più calorie di quelle bruciate è sempre la causa dell'aumento di peso, alcuni altri fattori hanno dimostrato di avere un impatto sul peso.

Storia familiare e genetica

La tua genetica e la tua famiglia possono avere un impatto sulle tue possibilità di obesità patologica, sia direttamente che indirettamente.

Anche i bambini nati da genitori obesi hanno maggiori probabilità di essere obesi rispetto ai bambini con uno o più genitori magri. Uno studio hanno scoperto che i ragazzi con genitori in sovrappeso hanno una probabilità 1,7 volte maggiore di essere in sovrappeso rispetto ai loro coetanei con genitori di peso corporeo ideale e i risultati erano simili per le ragazze (Bahreynian, 2017).

Anche i fattori genetici possono influenzare l'obesità. Per uno studia , i ricercatori hanno sovralimentato gemelli maschi della stessa quantità per diverse settimane. Alla fine dello studio, molti dei gemelli differivano per quanto peso avevano guadagnato e dove si era accumulato. Ciò ha portato i ricercatori a credere che i fattori genetici influenzino in qualche modo l'obesità (Xia, 2013).

Stile di vita

L'aumento di peso non è solo influenzato dal numero di calorie che assumi, ma da quante ne bruci durante il giorno. Idealmente, una persona dovrebbe fare almeno due ore e mezza di attività fisica da moderata a vigorosa ogni settimana, ma molte persone non soddisfano questa raccomandazione con circa uno su tre che fa abbastanza attività.

In generale, più una persona è attiva, meno è probabile che l'obesità diventi un problema. È vero anche il contrario: più una persona è sedentaria, più è probabile che aumenti di peso nel tempo.

Età

L'obesità patologica può verificarsi a qualsiasi età, ma i cambiamenti ormonali che vengono con l'età, insieme a una ridotta attività, possono essere un fattore. Statistiche recenti mostrano che i livelli di obesità aumentano man mano che una persona invecchia, con 42,8 percento degli adulti di mezza età tra il 40 e il 59 e il 41 per cento degli adulti di età pari o superiore a 60 anni considerati obesi (Jura, 2016; CDC, 2018).

Alcune condizioni mediche

Mentre la gravidanza è una delle condizioni più ovvie che possono causare aumento di peso, ci sono molteplici disturbi e condizioni che portano il potenziale per un aumento di peso. Ipotiroidismo -una condizione che fa funzionare il metabolismo di una persona più lentamente del normale, ha anche dimostrato di avere un impatto sul peso (Sanyal, 2016).

La sindrome dell'ovaio policistico (PCOS) colpisce la fertilità di circa cinque milioni di donne americane in età fertile (CDC, 2019). Lo squilibrio degli ormoni nelle donne con PCOS causa spesso insulino-resistenza, che a sua volta può causare aumento di peso.

Alcuni farmaci

Un certo numero di farmaci prescritti dagli operatori sanitari ha dimostrato di causare o contribuire all'aumento di peso.

Alcuni farmaci usati per trattare la depressione e l'ansia hanno dimostrato di causare un modesto aumento di peso nel tempo. È stato dimostrato che altri farmaci usati per trattare il diabete e altri disturbi mentali sono correlati all'aumento di peso, così come le pillole anticoncezionali, alcuni farmaci per le convulsioni e i corticosteroidi.

Mentre il motivo esatto per cui i farmaci influenzano il peso non è chiaramente compreso, è stato dimostrato che influenzano le funzioni cerebrali che controllano il metabolismo e l'appetito.

Segni e sintomi di obesità patologica

Anche se non puoi sempre dire se una persona è patologicamente obesa semplicemente guardandola, un grande accumulo di grasso in eccesso, specialmente intorno allo stomaco e ai fianchi, è un indicatore.

Le persone con obesità patologica spesso hanno altri sintomi fisici dovuti all'accumulo di grasso in eccesso, inclusa la difficoltà con attività fisiche come camminare. Possono anche avere difficoltà a respirare e diventare facilmente senza fiato.

Come viene diagnosticata l'obesità patologica?

L'obesità patologica è più spesso diagnosticata dagli operatori sanitari che utilizzano il BMI.

L'obesità può essere diagnosticata anche da percentuale di grasso corporeo . In generale, una donna con più del 33% di grasso corporeo e un uomo con più del 25% di grasso corporeo sono considerati obesi. La circonferenza della vita viene anche utilizzata per diagnosticare l'obesità: le donne con una vita più grande di 35 pollici possono essere considerate obese, così come un uomo con una vita di 40 pollici o più (Mayo Clinic, n.d.).

Rischi per la salute associati all'obesità patologica

Sebbene essere patologicamente obesi non significhi automaticamente che una persona svilupperà problemi di salute e problemi medici, è un fattore di rischio per molte malattie croniche.

Diabete di tipo 2

all'incirca 85 per cento delle persone con diabete di tipo 2 sono in sovrappeso o obesi (Harvard, 2012). L'obesità patologica aumenta il rischio di sviluppare la malattia, ma ricerca mostra che può andare in remissione quando una persona perde solo il 10% del proprio peso corporeo (Dambha-Miller, 2019).

Cardiopatia

Essere patologicamente obesi aumenta il rischio di sviluppo di una persona malattia cardiovascolare , inclusi infarti, malattie delle arterie periferiche, aritmie e insufficienza cardiaca. Non solo, ma un alto indice di massa corporea può causare malattie cardiache in giovane età (Khan, 2018).

medicinali per la pressione sanguigna che causano disfunzione erettile

Colpo

Avere l'obesità è un importante fattore di rischio per colpi (Strazzullo, 2010). Accadono quando l'afflusso di sangue al cervello è bloccato e può provocare di tutto, dalla debolezza muscolare al danno cerebrale e persino alla morte.

Alta pressione sanguigna

Uno studio di 44 anni ha scoperto che l'obesità rappresentava il 26% dei casi di ipertensione negli uomini e il 28% nelle donne (Encyclopedia of Epidemiology, n.d.).

le donne possono usare il 5% di minoxidil?

Apnea notturna

È stato dimostrato che l'obesità patologica causa apnea notturna perché il peso in eccesso esercita una pressione non necessaria sulle vie aeree superiori, rendendo difficile la respirazione. Perdere una piccola percentuale del peso corporeo può ridurre la gravità dell'apnea notturna di più del 50 percento (Schwartz, 2008).

Artrite

L'artrite (osteoartrite) è una sindrome che causa degenerazione articolare e colpisce più persone di qualsiasi altro tipo di malattia articolare.

L'obesità patologica è uno dei fattori di rischio dell'osteoartrite perché le articolazioni portanti, come le ginocchia, non sono fatte per portare in giro un peso eccessivo. La ricerca mostra che gli adulti statunitensi con obesità hanno 6,8 volte più probabilità di sviluppare l'artrosi del ginocchio rispetto alle persone con peso normale (King, 2013).

Alcuni tumori

Le persone obese hanno dimostrato di avere infiammazione di basso livello costante , che può causare danni al DNA nel tempo. Questo può portare a determinati tipi di cancro. Ad esempio, le persone obese hanno un rischio maggiore di sviluppare l'esofago di Barrett, una malattia da reflusso gastroesofageo che si è dimostrata una probabile causa di adenocarcinoma esofageo (NIH, 2017).

Tra gli altri, i tumori della tiroide, del mieloma multiplo, del rene, dell'endometrio e del colon tipi di cancro legati all'obesità (NIH, n.d.).

Trattamento per l'obesità patologica

L'obesità patologica può essere invertita, ma ci vuole tempo e fatica per passare da un obesità patologica a un peso sano. Le opzioni di trattamento spaziano dai cambiamenti dello stile di vita alla chirurgia, e ognuna presenta vantaggi e svantaggi.

Dieta ed esercizio fisico

Come accennato in precedenza, perdere solo il 5-10% del peso corporeo può ridurre drasticamente le possibilità di un paziente obeso di sviluppare problemi di salute legati all'obesità. Un chilo di grasso è composto da circa 3.500 calorie, quindi ridurre l'apporto calorico di 500 calorie o aumentare le calorie bruciate di 500 al giorno può portare a circa un chilo di perdita di peso a settimana (Medline Plus, n.d.).

Farmaci per la perdita di peso

Anche se non esiste una pillola magica che ti aiuti a perdere peso, ci sono alcuni farmaci che hanno dimostrato di aiutare a ridurre il peso se usati con una dieta sana e una routine di esercizio.

La Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha approvato sei farmaci per la perdita di peso: Orlistat (Xenical), Lorcaserin (Belviq), Phentermine-topiramato (Qsymia), Naltrexone-bupropion (Contrave) e Liraglutide (Saxenda). Ogni farmaco per la perdita di peso approvato dalla FDA ha i suoi benefici ed effetti collaterali (NIDDK, 2016). È importante notare che la fentermina è solo per un uso a breve termine.

Interventi per la perdita di peso Weight

La chirurgia per la perdita di peso, chiamata anche chirurgia bariatrica, ha dimostrato di essere la trattamento più efficace per le persone con obesità patologica perdere peso. Insieme alla perdita di peso, la chirurgia può anche aiutare a ridurre il rischio di problemi di salute legati all'obesità e può migliorare la qualità della vita e l'aspettativa di vita (Suter, 2009).

Esistono quattro tipi principali di chirurgia per la perdita di peso utilizzati negli Stati Uniti: bendaggio gastrico regolabile laparoscopico (a volte chiamato bendaggio gastrico), intervento chirurgico a manica gastrica (chiamato anche gastrectomia a manica) e bypass gastrico. Viene utilizzato anche il quarto tipo di operazione, la diversione biliopancreatica con interruttore duodenale, ma non così comune come altri tipi di chirurgia per la perdita di peso (NIDDK, n.d.).

È importante consultare la guida di un operatore sanitario prima di intraprendere un viaggio per perdere peso. Il tuo medico può valutare la tua salute attuale per determinare quale metodo di perdita di peso è giusto per te e per la tua salute attuale.

Riferimenti

  1. Bahreynian, M., Qorbani, M., Khaniabadi, B. M., Motlagh, M. E., Safari, O., Asayesh, H. e Kelishadi, R. (2017). Associazione tra obesità e stato di peso dei genitori in bambini e adolescenti. Giornale di ricerca clinica in endocrinologia pediatrica, 9 (2), 111-117. doi: 10.4274/jcrpe.3790, https://europepmc.org/article/med/28008863
  2. Dambha-Miller, H., Day, A. J., Strelitz, J., Irving, G. e Griffin, S. J. (2019). Cambiamento del comportamento, perdita di peso e remissione del diabete di tipo 2: uno studio di coorte prospettico basato sulla comunità. Medicina diabetica. doi: 10.1111/dme.14122, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/31479535
  3. Studio del cuore di Framingham. (n.d.). Enciclopedia di epidemiologia. doi: 10.4135/9781412953948.n163, http://methods.sagepub.com/reference/encyc-of-epidemiology/n163.xml
  4. Harvard Health Publishing. (8 agosto 2012). Il diabete può colpire duramente anche quando il peso è normale. Recuperato da: https://www.health.harvard.edu/blog/diabetes-can-strike-hard-even-when-weight-is-normal-201208085121
  5. Jura, M., & Kozak, L. (2016). Obesità e conseguenze correlate all'invecchiamento. Età, 38 (1). doi: 10.1007/s11357-016-9884-3, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26846415
  6. Khan, S. S., Ning, H., Wilkins, J. T., Allen, N., Carnethon, M., Berry, J. D., … Lloyd-Jones, D. M. (2018). Associazione dell'indice di massa corporea con il rischio di malattie cardiovascolari e la compressione della morbilità. JAMA Cardiologia, 3(4), 280. doi: 10.1001/jamacardio.2018.0022, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29490333
  7. King, L. K. e Anandacoomarasamy, A. (2013). Obesità e artrosi. Giornale indiano di ricerca medica, 138(2), 185–193, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3788203/
  8. Clinica Mayo. (n.d.). Obesità – Diagnosi e trattamento. Recuperato da: https://www.mayoclinic.org/diseases-conditions/obesity/diagnosis-treatment/drc-20375749
  9. Medline Plus. (n.d.). Obesità. Recuperato da https://medlineplus.gov/obesity.html
  10. Medline Plus. (n.d.). 10 modi per ridurre 500 calorie al giorno Recuperato da: https://medlineplus.gov/ency/patientinstructions/000892.htm
  11. Istituto Nazionale di Diabete e Malattie Digestive e Renali. (luglio 2016). Tipi di chirurgia bariatrica. Recuperato da: https://www.niddk.nih.gov/health-information/weight-management/bariatric-surgery/types
  12. Istituto Nazionale di Diabete e Malattie Digestive e Renali. (luglio 2016). Farmaci da prescrizione per il trattamento di sovrappeso e obesità. Recuperato da: https://www.niddk.nih.gov/health-information/weight-management/prescription-medications-treat-overweight-obesity
  13. Istituto Nazionale di Diabete e Malattie Digestive e Renali. (agosto 2017). Statistiche su sovrappeso e obesità. Recuperato da: https://www.niddk.nih.gov/health-information/health-statistics/overweight-obesity?dkrd=hispt0880
  14. Istituto Superiore di Sanità. (gennaio 2017). Scheda informativa su obesità e cancro. Recuperato da: https://www.cancer.gov/about-cancer/cause-prevention/risk/obesity/obesity-fact-sheet
  15. Istituto Superiore di Sanità. (n.d.) Tumori associati a sovrappeso e obesità. Recuperato da: https://www.cancer.gov/about-cancer/cause-prevention/risk/obesity/overweight-cancers-infographic
  16. Sanyal, D. e Raychaudhuri, M. (2016). Ipotiroidismo e obesità: un legame interessante. Giornale indiano di endocrinologia e metabolismo, 20 (4), 554. doi: 10.4103/2230-8210.183454, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27366725
  17. Schwartz, A.R., Patil, S.P., Laffan, A.M., Polotsky, V., Schneider, H., & Smith, P.L. (2008). Obesità e apnee ostruttive del sonno: meccanismi patogeni e approcci terapeutici. Atti dell'American Thoracic Society, 5(2), 185-192. doi: 10.1513/pats.200708-137mg, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18250211
  18. Strazzullo, P., Delia, L., Cairella, G., Garbagnati, F., Cappuccio, F. P., & Scalfi, L. (2010). Eccesso di peso corporeo e incidenza di ictus. Ictus, 41 (5). doi: 10.1161/strokeaha.109.576967, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20299666
  19. Suter, M. (2009). Risultati del bypass gastrico Roux-en-Y in pazienti con obesità patologica rispetto a pazienti superobesi. Archivi di Chirurgia, 144(4), 312. doi: 10.1001/archsurg.2009.19, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19380643
  20. Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie. (aprile 2017). Definizione di sovrappeso e obesità degli adulti. Recuperato da: https://www.cdc.gov/obesity/adult/defining.html
  21. Ufficio per la prevenzione delle malattie e la promozione della salute. (2015). Linee guida dietetiche 2015-2020 per gli americani. Recuperato da: https://health.gov/dietaryguidelines/2015/guidelines/
  22. Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie. (agosto 2018). Fatti sull'obesità degli adulti. Recuperato da: https://www.cdc.gov/obesity/data/adult.html
  23. Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie. (agosto 2019). PCOS (sindrome dell'ovaio policistico) e diabete. Recuperato da: https://www.cdc.gov/diabetes/basics/pcos.html
  24. Xia, Q. e Grant, S. F. (2013). La genetica dell'obesità umana. Annali della New York Academy of Sciences, 1281(1), 178-190. doi: 10.1111/nyas.12020, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23360386
Vedi altro