Osteoporosi: capire la malattia silenziosa

Osteoporosi: capire la malattia silenziosa

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

come aumentare il volume dell'eiaculato lecitina

L'osteoporosi è la malattia ossea più comune negli Stati Uniti, ma a differenza della maggior parte delle altre malattie di cui potresti aver sentito parlare, potresti non sapere nemmeno di averla. L'osteoporosi è spesso chiamata la 'malattia silenziosa' perché molte persone che ne sono colpite non ne sono consapevoli fino a quando non accade qualcosa di catastrofico. Continua a leggere per osso su cos'è l'osteoporosi e come combatterla.

Vitali

  • L'osteoporosi è la malattia ossea più comune negli Stati Uniti.
  • L'osteoporosi fa sì che le ossa perdano la loro forza attraverso la perdita di densità minerale ossea e qualità ossea, che aumenta il rischio di fratture.
  • La maggior parte delle persone con osteoporosi non saprà di averlo fino a quando non avrà una frattura.
  • L'osteoporosi colpisce più frequentemente le donne in postmenopausa, ma colpisce anche gli uomini.
  • L'osteoporosi può essere trattata con farmaci, compresi i bifosfonati.
  • Per ridurre il rischio di osteoporosi, assicurati di fare esercizio fisico, alimentazione (soprattutto calcio e vitamina D), smettere di fumare e bere eccessivamente ed evitare, se possibile, i farmaci noti per aumentare la perdita ossea.

Annuncio pubblicitario

Roman Daily: multivitaminico per uomini

cosa aspettarsi durante un esame della prostata?

Il nostro team di medici interni ha creato Roman Daily per colmare le lacune nutrizionali comuni negli uomini con ingredienti e dosaggi scientificamente supportati.

Per saperne di più

Se non hai l'osteoporosi, ci sono dei passaggi che puoi adottare per evitare di contrarre l'osteoporosi e per mantenere le ossa sane. Per evitare di perdere massa ossea, assicurati di fare esercizio fisico, un'alimentazione adeguata e smetti di fumare o bere eccessivamente. Andiamo in ciascuno di questi in modo più approfondito.

  • Esercizio: Il Surgeon General degli Stati Uniti ha raccomandato che tutti ottengano almeno 30 minuti di attività fisica moderata quasi tutti i giorni della settimana (CDC, 1999). Questo può includere cose semplici come camminare a passo svelto, sollevare pesi o persino lavorare in casa o in giardino. La scienza lo conferma: i ricercatori hanno costantemente scoperto che i programmi di esercizi di carico e resistenza migliorano la densità minerale ossea. Uno studio olandese analizzando 25 diversi studi clinici è emerso che i programmi di esercizio hanno prevenuto o invertito una perdita dell'1% di massa ossea all'anno nelle donne sia prima che dopo la menopausa (Wolff, 1999). Un altro studio ha analizzato gli studi sull'esercizio con pesi negli uomini e ha scoperto che l'esercizio migliora la densità minerale ossea negli uomini sopra i 30 anni (Kelley, 2000). La cosa più importante da fare è sii coerente e scegli qualcosa che ti piace. Non sembra che l'esercizio più intenso renda le tue ossa più robuste (Humphries, 2000). Ciò che conta è attenersi al programma di esercizi. Studi hanno dimostrato che i benefici dell'esercizio sulla salute delle ossa scompaiono quando ci si ferma (Dalsky, 1988). Un'ultima cosa da notare è che gli esercizi senza pesi come il nuoto e il ciclismo, sebbene ottimi per il cuore e i muscoli, non hanno dimostrato di aiutare con l'osteoporosi.
  • Nutrizione: avere una dieta con calcio e vitamina D sufficienti rende meno probabile lo sviluppo dell'osteoporosi. È stato dimostrato che l'integrazione di calcio e vitamina D ridurre complessivamente il rischio di frattura del 15% (Tessitore, 2016). Il Fondazione Nazionale Osteoporosi raccomanda 1.000 mg di assunzione di calcio al giorno per le donne dai 50 anni in su e 1.200 mg per le donne sopra i 50 anni (NOF, 2018). Per gli uomini, la raccomandazione è di 1.000 mg di calcio al giorno se hai 70 anni e meno e 1.200 mg se hai più di 70 anni. Per la vitamina D, la dose giornaliera raccomandata è di almeno 400-800 unità internazionali (UI) al giorno se hai 50 anni e meno e almeno 800-1.000 UI al giorno se hai più di 50 anni. Puoi assumere calcio dal cibo o tramite integratori di calcio. Ottimi modi per assumere più calcio nella dieta sono i latticini, i frutti di mare e le verdure fresche, in particolare cavoli, cavoli, semi di soia e broccoli. La vitamina D è leggermente diversa. È raro trovare molta vitamina D negli alimenti a meno che non sia stata aggiunta dal produttore. La tua pelle può produrre vitamina D attraverso le reazioni con la luce solare. Tuttavia, molte persone non producono abbastanza vitamina D da sole. Si stima che intorno Il 42% delle persone negli Stati Uniti è carente di vitamina D (Parva, 2018). Se sei carente di vitamina D. Di solito, il modo migliore per averne abbastanza è prendere un integratore. Potresti vedere due diversi tipi di vitamina D sul mercato, D2 e ​​D3. Entrambi possono aumentare i livelli di vitamina D, ma alcuni studi diciamo che D3 è più efficace (Tripkovic, 2012).
  • Smettere di fumare: è stato dimostrato che il fumo causa una bassa densità ossea e aumenta il rischio di fratture. Studi hanno dimostrato che smettere di fumare può fermare la perdita ossea associata al fumo ( Ward, 2001 ) (Hollenbach, 1993).
  • Riduci il consumo di alcol: Studi hanno dimostrato che le persone che bevono più di due bevande alcoliche al giorno sono a maggior rischio di fratture (Kanis, 2005). Al di fuori della semplice osteoporosi, bere eccessivo aumenta il rischio di malattie cardiache, ictus, pancreatite, cirrosi, cancro alla testa e al collo, cancro al fegato, cancro al seno e cancro al colon (NIAAA, n.d.).

Ricorda, il tuo medico è la tua migliore risorsa per navigare nella tua salute ossea: assicurati di dire loro delle tue preoccupazioni in modo che possano aiutarti a capire un piano di gioco. Informali sempre di qualsiasi integratore alimentare che stai pianificando di assumere in modo che possano aiutarti a evitare interazioni pericolose o effetti collaterali.

Riferimenti

  1. Asomaning, K., Bertone-Johnson, E.R., Nasca, P.C., Hooven, F., & Pekow, P.S. (2006). L'associazione tra indice di massa corporea e osteoporosi nei pazienti sottoposti a un esame della densità minerale ossea. Journal of Womens Health (Larchmt) , quindici (9), 1028–1034. doi: 10.1089 / jwh.2006.15.1028, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17125421
  2. Barrett-Connor, E., Siris, E. S., Wehren, L. E., Miller, P. D., Abbott, T. A., Berger, M. L., … Sherwood, L. M. (2009). Osteoporosi e rischio di frattura nelle donne di diversi gruppi etnici. Journal of Bone and Mineral Research , venti (2), 185–194. doi: 10.1359 / jbmr.041007, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15647811
  3. Briot, K., & Roux, C. (2015). Osteoporosi indotta da glucocorticoidi. Malattie reumatiche e muscoloscheletriche , 1 (1), e000014. doi: 10.1136 / rmdopen-2014-000014, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26509049
  4. Buckley, L., Guyatt, G., Fink, H. A., Cannon, M., Grossman, J., Hansen, K. E., … McAlindon, T. (2017). Linee guida 2017 dell'American College of Rheumatology per la prevenzione e il trattamento dell'osteoporosi indotta da glucocorticoidi. Artrite e reumatologia , 69 (8), 1521–1537. doi: 10.1002 / art.40137, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28585373
  5. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie e Shalala, D. E. (1999, 17 novembre). Attività fisica e salute: un rapporto del chirurgo generale. Recuperato da https://www.cdc.gov/nccdphp/sgr/index.htm
  6. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. (2015, 7 dicembre). Radiazioni e salute: le radiazioni dei viaggi aerei. Recuperato da https://www.cdc.gov/nceh/radiation/air_travel.html
  7. Crandall, C. J., Newberry, S. J., Diamant, A., Lim, Y.-W., Gellad, W. F., Booth, M. J., … Shekelle, P. G. (2014). Efficacia comparata dei trattamenti farmacologici per prevenire le fratture. Annali di Medicina Interna , 161 (10), 711–723. doi: 10.7326 / m14-0317, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25199883
  8. Cranney, A., & Adachi, J. D. (2005). Valutazione rischio-beneficio del raloxifene nell'osteoporosi postmenopausale. Sicurezza dei farmaci , 28 (8), 721-730. doi: 10.2165 / 00002018-200528080-00006, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16048357
  9. Dalsky, G.P., Stocke, K.S., Ehsani, A.A., Slatopolsky, E., Lee, W.C., & Birge, S.J. (1988). Allenamento con esercizi di carico e contenuto minerale osseo lombare nelle donne in postmenopausa. Annali di Medicina Interna , 108 (6), 824-828. doi: 10.7326 / 0003-4819-108-6-824, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/3259410
  10. Dalén, N., & Lamke, B. (1976). Perdite di minerali ossei negli alcolisti. Acta Orthopaedica Scandinavica , 47 (4), 469–471. doi: 10.3109 / 17453677608988722, https://europepmc.org/article/med/961406
  11. Díez, A., Puig, J., Serrano, S., Marin̄oso Maria-Lluisa, Bosch, J., Marrugat, J., … Aubía, J. (1994). Malattia ossea indotta dall'alcol in assenza di grave danno epatico cronico. Journal of Bone and Mineral Research , 9 (6), 825–831. doi: 10.1002 / jbmr.5650090608, https://asbmr.onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1002/jbmr.5650090608
  12. Hollenbach, K. A., Barrett-Connor, E., Edelstein, S. L., & Holbrook, T. (1993). Fumo di sigaretta e densità minerale ossea negli uomini e nelle donne anziane. American Journal of Public Health , 83 (9), 1265–1270. doi: 10.2105/ajph.83.9.1265, https://ajph.aphapublications.org/doi/10.2105/AJPH.83.9.1265
  13. Hopper, J.L., & Seeman, E. (1994). La densità ossea delle gemelle discordanti per l'uso di tabacco. New England Journal of Medicine , 330 (6), 387–392. doi: 10.1056 / nejm199402103300603, https://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJM199402103300603
  14. Humphries, B., Newton, R. U., Bronks, R., Marshall, S., Mcbride, J., Triplett-Mcbride, T., … Humphries, N. (2000). Effetto dell'intensità dell'esercizio su densità ossea, forza e ricambio di calcio nelle donne anziane. Medicina e scienza nello sport e nell'esercizio fisico , 32 (6), 1043–1050. doi: 10.1097 / 00005768-200006000-00002, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10862528
  15. Kanis, J. A., Johansson, H., Johnell, O., Oden, A., Laet, C. D., Eisman, J. A., … Tenenhouse, A. (2005). L'assunzione di alcol come fattore di rischio di frattura. Osteoporosi Internazionale , 16 (7), 737-742. doi: 10.1007 / s00198-004-1734-y, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3587294/
  16. Kelley, G.A., Kelley, K.S., & Tran, Z.V. (2000). Esercizio e densità minerale ossea negli uomini: una meta-analisi. Giornale di Fisiologia Applicata , 88 (5), 1730-1736. doi: 10.1152/jappl.2000.88.5.1730, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10797136
  17. Kim, M. J., Shim, M. S., Kim, M. K., Lee, Y., Shin, Y. G., Chung, C. H. e Kwon, S. O. (2003). Effetto dell'ingestione cronica di alcol sulla densità minerale ossea nei maschi senza cirrosi epatica. Il giornale coreano di medicina interna , 18 (3), 174-180. doi: 10.3904 / kjim.2003.18.3.174, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/14619387
  18. Langdahl, B., Ferrari, S., & Dempster, D.W. (2016). Modellazione e rimodellamento osseo: potenziali bersagli terapeutici per il trattamento dell'osteoporosi. Progressi terapeutici nelle malattie muscoloscheletriche , 8 (6), 225-235. doi: 10.1177 / 1759720 × 16670154, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28255336
  19. Law, M.R., & Hackshaw, A.K. (1997). Una meta-analisi del fumo di sigaretta, della densità minerale ossea e del rischio di frattura dell'anca: riconoscimento di un effetto maggiore. BMJ , 315 (7112), 841-846. doi: 10.1136/bmj.315.7112.841, https://europepmc.org/article/pmc/pmc2127590
  20. Lee, J., Lee, S., Jang, S. e Ryu, O. H. (2013). Cambiamenti legati all'età nella prevalenza dell'osteoporosi in base al genere e al sito scheletrico: The Korea National Health and Nutrition Examination Survey 2008-2010. Endocrinologia e metabolismo (Seul) , 28 (3), 180–191. doi: 10.3803 / enm.2013.28.3.180, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3811701/
  21. Mettler, F. A., Huda, W., Yoshizumi, T. T. e Mahesh, M. (2008). Dosi efficaci in radiologia e medicina nucleare diagnostica: un catalogo. Radiologia , 248 (1), 254–263. doi: 10.1148 / radiol.2481071451, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18566177
  22. Istituto nazionale per l'abuso di alcol e l'alcolismo. (n.d.). Effetti dell'alcol sul corpo. Recuperato da https://www.niaaa.nih.gov/alcohols-effects-body
  23. Fondazione Nazionale Osteoporosi. (n.d.). Effetti collaterali dei bifosfonati (alendronato, ibandronato, risedronato e acido zoledronico). Recuperato da https://www.nof.org/patients/treatment/medicationadherence/side-effects-of-bisphosphonates-alendronate-ibandronate-risedronate-and-zoledronic-acid/
  24. Fondazione Nazionale Osteoporosi. (2018, 26 febbraio). Calcio e vitamina D. Estratto da https://www.nof.org/patients/treatment/calciumvitamin-d/
  25. Nayak, S., & Greenspan, S. L. (2017). Efficacia del trattamento dell'osteoporosi per gli uomini: una revisione sistematica e una meta-analisi. Journal of the American Geriatrics Society , 65 (3), 490–495. doi: 10.1111/jgs.14668, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28304090
  26. Parva, N. R., Tadepalli, S., Singh, P., Qian, A., Joshi, R., Kandala, H., … Cheriyath, P. (2018). Prevalenza della carenza di vitamina D e fattori di rischio associati nella popolazione statunitense (2011-2012). cureus , 10 (6), e2741. doi: 10.7759 / cureus.2741, https://www.ncbi.nlm.nih . gov/pubmed/30087817
  27. Soroko, S.B., Barrett-Connor, E., Edelstein, S.L., & Kritz-Silverstein, D. (1994). Storia familiare di osteoporosi e densità minerale ossea allo scheletro assiale: lo studio di rancho bernardo. Journal of Bone and Mineral Research , 9 (6), 761–769. doi: 10.1002 / jbmr.5650090602, https://europepmc.org/a articolo / med / 8079652
  28. Sözen, T., Özışık, L., & NuBasaran, N. C. (2017). Una panoramica e la gestione dell'osteoporosi. Giornale Europeo di Reumatologia , 4 (1), 46-56. doi: 10.5152 / eurjrheum.2016.048, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28293453
  29. Tripkovic, L., Lambert, H., Hart, K., Smith, C. P., Bucca, G., Penson, S., … Lanham-New, S. (2012). Confronto tra vitamina D2 e ​​supplementazione di vitamina D3 nell'innalzamento dello stato sierico di 25-idrossivitamina D: una revisione sistematica e una meta-analisi. L'American Journal of Clinical Nutrition , 95 (6), 1357–1364. doi: 10.3945 / ajcn.111.031070, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22552031
  30. Tucci, J. (2006). Importanza della diagnosi precoce e del trattamento dell'osteoporosi per prevenire le fratture. L'American Journal of Managed Care . Recuperato da https://www.ajmc.com/journals/supplement/2006/2006-05-vol12-n7suppl/may06-2313ps181-s190?p=1
  31. Ward, K.D., & Klesges, R.C. (2001). Una meta-analisi degli effetti del fumo di sigaretta sulla densità minerale ossea. Calcified Tissue International , 68 (5), 259-270. doi: 10.1007 / bf02390832, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11683532
  32. Weaver, C. M., Alexander, D. D., Boushey, C. J., Dawson-Hughes, B., Lappe, J. M., LeBoff, M. S., … Wang, D. D. (2016). Integrazione di calcio più vitamina D e rischio di fratture: una meta-analisi aggiornata della National Osteoporosis Foundation.is Foundation. Osteoporosi Internazionale , 27 (1), 367-376. doi: 10.1007 / s00198-015-3386-5, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26510847
  33. Wolff, I., Croonenborg, J.J.V., Kemper, H.C.G., Kostense, P.J., & Twisk, J.W.R. (1999). L'effetto dei programmi di allenamento sulla massa ossea: una meta-analisi di studi controllati pubblicati nelle donne in pre e postmenopausa. Osteoporosi Internazionale , 9 (1), 1-12. doi: 10.1007 / s001980050109, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10367023
  34. Organizzazione mondiale della Sanità. (2004, maggio). Gruppo scientifico dell'OMS sulla valutazione dell'osteoporosi a livello di assistenza sanitaria di base: rapporto di sintesi della riunione. Recuperato da https://www.who.int/chp/topics/Osteoporosis.pdf
  35. Wright, N. C., Looker, A. C., Saag, K. G., Curtis, J. R., Delzell, E. S., Randall, S. e Dawson-Hughes, B. (2014). La recente prevalenza dell'osteoporosi e della bassa massa ossea negli Stati Uniti basata sulla densità minerale ossea al collo del femore o alla colonna lombare. Journal of Bone and Mineral Research , 29 (11), 2520-2526. doi: 10.1002 / jbmr.2269, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24771492
Vedi altro