Probiotici e dimagrimento: i veri magri se funzionano

Probiotici e dimagrimento: i veri magri se funzionano

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi di carattere medico, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli su Health Guide sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Probabilmente hai visto i probiotici negli alimenti, nei cosmetici e persino nel cibo per animali domestici. Potresti aver sentito dire che i probiotici vivono nel tuo intestino come parte del tuo sistema digestivo. Potresti sapere che fanno bene alla salute e al benessere generale. Ma per quanto riguarda i probiotici per la perdita di peso? Funzionano a questo scopo?

Esaminiamo cosa ha da dire la ricerca.

Annuncio pubblicitario

Incontra Plenity —uno strumento di gestione del peso approvato dalla FDA

Plenity è una terapia solo su prescrizione. Per un uso sicuro e corretto di Plenity, parlare con un operatore sanitario o fare riferimento al Istruzioni per l'uso .

Per saperne di più

Come funzionano i probiotici?

I probiotici sono batteri presenti nell'intestino che aiutano a digerire il cibo in modo efficace insieme ad altri benefici per la salute. La parola stessa fornisce un indizio sulla loro utilità: pro significa per e biotico significa vita ( Kerry, 2018 ).

Hai trilioni di questi microrganismi in un intestino sano con diversi ceppi, pesi e meccanismi d'azione. I ricercatori hanno scoperto che sia i batteri intestinali vivi che quelli morti hanno un lavoro da svolgere nel corpo, sebbene i ceppi vivi siano più efficaci ( Plaza-Diaz, 2019 ).

Uno dei compiti più importanti della flora intestinale o dei batteri intestinali è quello di formare una barriera contro virus, batteri e altri organismi infettivi, nonché sostanze pericolose introdotte nel corpo. I ricercatori hanno scoperto che questi batteri benefici influiscono sulla salute dell'apparato digerente e sul modo in cui elabori il cibo che mangi. Hanno anche scoperto che i probiotici influenzano molti aspetti della salute, tra cui (Kerry, 2018):

  • Sistema immunitario
  • Funzione ormonale
  • Colesterolo
  • Pressione sanguigna
  • Allergie
  • Diabete
  • Malattie e sindromi dell'intestino irritabile
  • Comunicazione cerebrale e intestinale
  • Salute generale

Dove possiamo trovare i probiotici?

La fonte naturale più comune di probiotici sono gli alimenti e le bevande fermentati. La fermentazione è un processo che gli alimenti e le bevande attraversano dove batteri e lieviti scompongono i componenti e modificano la consistenza, l'odore, il gusto, l'aspetto e la struttura del cibo o della bevanda ( Marco, 2017 ).

Alcuni noti prodotti alimentari e bevande fermentati includono (Marco, 2017):

  • Yogurt e Kefir
  • kimchi
  • Miso
  • crauti
  • Birra
  • Kombucha

La farina d'avena fa bene alla perdita di peso?

5 minuti di lettura

Quasi tutti gli alimenti possono subire fermentazione: frutta, verdura, latticini e prodotti a base di carne, cereali e miele. È difficile misurare la quantità esatta di probiotici nei prodotti alimentari naturali (Marco, 2017).

Puoi anche acquistare integratori probiotici. La Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti regola i farmaci, ma la maggior parte dei probiotici sono commercializzati come integratori, il che significa che non necessitano dell'approvazione della FDA. Gli integratori probiotici non possono fare affermazioni sui benefici per la salute su ciò che fa il loro prodotto (ad esempio: ridurre il rischio di diabete o aiutarti a perdere peso corporeo) senza il permesso della FDA ( deSimone, 2019 ).

Un ulteriore approccio è quello di nutrire i probiotici che già possiedi. Molti dei batteri benefici che abbiamo nel nostro intestino si nutrono di fibre che provengono dalle piante. Incorporando una vasta gamma di frutta, verdura e altre piante nella tua dieta, puoi aiutare i probiotici naturalmente presenti nel tuo intestino a prosperare ( Holscher, 2017 ).

I probiotici possono aiutarti a perdere peso?

Mantenere un peso sano è una complessa interazione di quanto cibo si mangia, quali tipi di cibo si mangia, schemi di esercizio e genetica. Ci sono state molte ricerche su come l'aumento di peso, un'elevata quantità di grasso addominale, un indice di massa corporea (BMI) elevato e l'obesità influiscano sulla salute, specialmente con malattie come il diabete, la malattia coronarica e l'ipertensione.

Circa 20 anni fa, gli scienziati hanno iniziato a studiare come i batteri intestinali influenzano il metabolismo, la resistenza all'insulina e l'accumulo di grasso nel modo in cui scompongono, assorbono e immagazzinano i nutrienti dal cibo. Allo stesso tempo, altri ricercatori hanno esaminato il legame tra l'obesità e l'abuso di antibiotici, che uccidono i batteri intestinali buoni, insieme ai batteri infettivi. Hanno scoperto che un sano equilibrio intestinale con batteri più benefici e tassi inferiori di batteri cattivi ha influenzato la salute del corpo riducendo l'infiammazione, l'aumento di peso e gli effetti delle malattie croniche ( Aoun, 2020 ).

Gli scienziati ipotizzano che un migliore equilibrio di batteri buoni (probiotici) nel tratto digestivo possa aiutare l'intestino a digerire, assorbire, immagazzinare e metabolizzare il cibo in modo più efficace. Alcuni probiotici benefici agiscono controllando l'appetito, mentre altri inibiscono l'accumulo di grasso. Queste funzioni migliorate potrebbero aiutare con la gestione del peso e l'eventuale perdita di peso ( Abenavoli, 2019 ).

Gli studi sugli animali dei ceppi di Lactobacillus, in particolare il ceppo di L. Casei Shirota (LAB13), L. Gasseri, L. Rhamnosus, L. Plantarum e i ceppi di Bifidobacterium B. Infantis, B. Longum e B. Breve B3 hanno avuto successo nel ridurre l'aumento di peso e riducendo l'accumulo di grasso. I ricercatori hanno quindi utilizzato questi ceppi in studi su persone ( Protezione, 2021 ).

Gli studi sono stati condotti su più gruppi di persone con e senza obesità: bambini, uomini e donne in gravidanza, pre-menopausa e post-menopausa utilizzando ceppi di Lactobacillus gasseri e Lactobacillus rhamnosus. La maggior parte ha mostrato un miglioramento della composizione microbica intestinale, dei marcatori infiammatori, del peso corporeo e di un indice di massa corporea (BMI) ridotto. Altri studi hanno utilizzato Bifidobacterium con risultati simili (Schutz, 2021).

Tuttavia, in questi studi, non tutti i probiotici hanno funzionato per la perdita di peso e la riduzione del grasso corporeo, anche se sono stati utilizzati gli stessi ceppi (Abenavoli, 2019).

Devo prendere un probiotico per perdere peso?

La linea di fondo è che la giuria scientifica è ancora fuori sull'assunzione di probiotici per perdere peso. Ci sono tre ragioni principali per cui non c'è ancora una risposta definitiva:

  1. La maggior parte degli integratori probiotici sul mercato non sono stati ben studiati e non sono regolamentati dalla FDA. Ciò significa che molti integratori probiotici comunemente venduti possono essere di qualità discutibile o non avere nemmeno alcun microorganismo probiotico nel flacone ( Cunningham, 2021 ).
  2. Gli scienziati stanno ancora studiando come funzionano i probiotici, poiché non è ancora chiaro come i batteri intestinali contribuiscano all'aumento di peso, al grasso corporeo e all'obesità. Ci sono alcuni fattori che devono essere esaminati, incluso il ceppo probiotico, la dose e per quanto tempo prenderlo. Ulteriori fattori da considerare includono l'età della persona, il peso corporeo di base e il sesso alla nascita ( WGO, 2017 ).
  3. Sebbene esistano alcune buone ricerche su alcuni ceppi probiotici, è fondamentale una maggiore comprensione della funzione di altri tipi di batteri intestinali e delle influenze a lungo termine dell'integrazione di probiotici sulla salute generale (Cunningham, 2021).

L'Organizzazione Mondiale di Gastroenterologia consiglia di parlare con il proprio medico prima di assumere un integratore probiotico per guidarvi a un ceppo probiotico specifico, dose, tempistica, conservazione del probiotico e durata dell'uso, sia per la perdita di peso che per altri problemi di salute (WGO , 2017).

Riferimenti

  1. Abenavoli, L., Scarpellini, E., Colica, C., Boccuto, L., Salehi, B., Sharifi-Rad, J., et al. (2019). Gut microbiota and obesity: a role for probiotics. Nutrienti, 11 (11), 2690. doi: 10.3390/nu11112690. Recuperato da: https://www.mdpi.com/2072-6643/11/11/2690
  2. Aoun, A., Darwish, F., & Hamod, N. (2020). L'influenza del microbioma intestinale sull'obesità negli adulti e il ruolo di probiotici, prebiotici e simbiotici per la perdita di peso. Nutrizione preventiva e scienza dell'alimentazione, 25 (2), 113. doi: 10.3746/pnf.2020.25.2.113. Recuperato da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7333005/
  3. Cunningham, M., Azcarate-Peril, M. A., Barnard, A., Benoit, V., Grimaldi, R., Guyonnet, D., et al. (2021). Plasmare il futuro di probiotici e prebiotici. Tendenze in microbiologia . doi: 10.1016/j.tim.2021.01.003. Recuperato da: https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0966842X21000056
  4. de Simone, C. (2019). Il mercato non regolamentato dei probiotici. Gastroenterologia clinica ed epatologia, 17 (5), 809-817. doi: 10.1016/j.cgh.2018.01.018. Recuperato da: https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1542356518300843
  5. Guarneri, et al. (2017). Linee guida globali: probiotici e prebiotici. Organizzazione Mondiale di Gastroenterologia . Recuperato da: https://www.worldgastroenterology.org/guidelines/global-guidelines/probiotics-and-prebiotics/probiotics-and-prebiotics-english
  6. Holscher, H. D. (2017). Fibre alimentari e prebiotici e microbiota gastrointestinale. Microbi intestinali, 8 (2), 172-184. doi:10.1080/19490976.2017.1290756. Recuperato da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5390821/
  7. Kerry, R. G., Patra, J. K., Gouda, S., Park, Y., Shin, H. S. e Das, G. (2018). Beneficio dei probiotici per la salute umana: una revisione. Journal of food and drug analysis, 26 (3), 927-939. doi: 10.1016/j.jfda.2018.01.002. Recuperato da https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S1021949818300309
  8. Marco, M. L., Heeney, D., Binda, S., Cifelli, C. J., Cotter, P. D., Foligné, B., et al. (2017). Benefici per la salute degli alimenti fermentati: microbiota e oltre. Opinione attuale in biotecnologia, 44 , 94-102. doi: 10.1016/j.copbio.2016.11.010. Recuperato da: https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S095816691630266X
  9. Plaza-Diaz, J., Ruiz-Ojeda, F. J., Gil-Campos, M. e Gil, A. (2019). Meccanismi d'azione dei probiotici. Progressi nella nutrizione, 10 (suppl_1), S49-S66. doi: 10.1093/advances/nmy063. Recuperato da: https://academic.oup.com/advances/article/10/suppl_1/S49/5307225?login=true
  10. Schütz, F., Figueiredo-Braga, M., Barata, P., & Cruz-Martins, N. (2021). Obesità e microbioma intestinale: revisione del potenziale ruolo dei probiotici. Rivista biomedica di Porto, 6 (1). doi: 10.1097/j.pbj.000000000000111. Recuperato da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7817278/
Vedi altro