Cause del cancro alla prostata che dovresti conoscere

Cause del cancro alla prostata che dovresti conoscere

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Il cancro alla prostata è il cancro più frequentemente diagnosticato negli uomini a parte il cancro della pelle. È anche la seconda causa di morte per cancro negli uomini dopo il cancro ai polmoni. Per quanto spaventoso sia, è importante ricordare che la maggior parte degli uomini a cui viene diagnosticato un cancro alla prostata non morirà a causa della loro malattia. Anche gli effetti collaterali un tempo temuti del trattamento del cancro alla prostata - la perdita della funzione sessuale e l'incontinenza - sono ora molto meno gravi e meno comuni con i progressi nel trattamento sviluppati negli ultimi decenni.

Vitali

  • L'età, la storia familiare e il patrimonio sono i fattori di rischio più importanti per il cancro alla prostata.
  • Le prove collegano anche la dieta e l'esposizione a determinate sostanze chimiche al rischio di cancro alla prostata.
  • Gli uomini con un rischio più elevato possono trarre maggiori benefici dallo screening del cancro alla prostata rispetto agli uomini con un rischio medio, sebbene ciò non sia certo.

Comprensibilmente, molti uomini vogliono adottare un approccio proattivo alla prevenzione del cancro alla prostata e alla diagnosi precoce. Non c'è modo migliore per farlo che capire le cause delle malattie e i fattori di rischio. Armati di queste informazioni, avrai un'idea migliore se sei a rischio più alto del normale. Da qui, tu e il tuo medico potete prendere decisioni più informate sullo screening e sulle misure per ridurre il rischio.



Fattori di rischio del cancro alla prostata

I tre fattori di rischio più importanti per il cancro alla prostata sono età, eredità afroamericana e storia familiare (Gan, 2002). Il tempo scorre e non c'è nulla che possa cambiare la mano genetica che ci viene data, ma ciò non significa che non possiamo adottare misure per ridurre il rischio e migliorare le prospettive, come toccheremo tra un momento.

il viagra ti fa diventare più grande?

Il cancro alla prostata è molto raro prima dei 40 anni e diventa più comune dopo i 55. Perché? Bene, con l'avanzare dell'età, tutti noi accumuliamo mutazioni genetiche. Più queste mutazioni si accumulano, più è probabile che si sviluppino abbastanza mutazioni della giusta combinazione e portino al cancro. L'invecchiamento è un fattore di rischio per le mutazioni genetiche acquisite e le mutazioni genetiche portano al cancro.



Annuncio pubblicitario

Oltre 500 farmaci generici, ciascuno $ 5 al mese

Passa a Ro Pharmacy per ottenere le tue prescrizioni riempite per soli $ 5 al mese ciascuna (senza assicurazione).



Per saperne di più

La storia familiare è un fattore di rischio per il cancro alla prostata a causa di geni ereditari che aumentano il rischio di cancro alla prostata. Nella maggior parte dei casi, i geni precisi coinvolti nell'aumento del rischio di cancro alla prostata sono sconosciuti. Quello che sappiamo è che le persone con un parente di primo grado con cancro alla prostata hanno 2-3 volte il rischio di cancro alla prostata. Avere più parenti con cancro alla prostata, o parenti a cui è stato diagnosticato in giovane età, aumenta ulteriormente il rischio.

Non è chiaro perché avere un'eredità afroamericana aumenti il ​​rischio di sviluppare e morire di cancro alla prostata. Anche l'età media di sviluppo del cancro alla prostata è più bassa negli afroamericani. Ciò può essere dovuto a fattori genetici, fattori ambientali (come la dieta), tassi di povertà più elevati o accesso limitato all'assistenza sanitaria. Potrebbe essere una combinazione di alcuni o tutti questi fattori.

Un numero crescente di prove suggerisce che uno stile di vita occidentale è un fattore di rischio per il cancro alla prostata. I tassi di cancro alla prostata sono molto più alti nel mondo occidentale che in Cina e Giappone. Tuttavia, le persone di origine giapponese che vivono nei paesi occidentali hanno tassi molto più elevati di cancro alla prostata rispetto a quelli che vivono in Giappone. I fattori dietetici potrebbero spiegare questo, con un'elevata assunzione di grassi saturi da fonti di carne e latticini un probabile colpevole. Potrebbero esserci anche nutrienti specifici, come licopene (Rowles, 2017) e selenio (Cui, 2017), che può essere protettivo dal cancro che è carente nelle diete occidentali.

È stato scoperto che l'esposizione a determinate sostanze chimiche aumenta il rischio di cancro alla prostata. Questi includono l'agente arancione e il bisfenolo A (BPA). Altri possibili fattori di rischio per il cancro alla prostata che hanno prove più deboli includono l'obesità, la prostatite cronica (infiammazione della prostata) e lo stile di vita sedentario.

Mutazioni genetiche acquisite nel cancro alla prostata

Tutti i tumori sono causati da mutazioni genetiche nelle nostre cellule. Le mutazioni genetiche sono cambiamenti nel nostro DNA. Questi possono verificarsi durante la replicazione del DNA prima che le cellule si dividano o possono essere causati da fattori ambientali che danneggiano il DNA, come il fumo di sigaretta e la luce ultravioletta.

come testare il testosterone basso a casa?

Queste mutazioni sono ciò che consente ai tumori di superare i meccanismi che le cellule normali hanno per impedire loro di crescere senza controllo. La maggior parte di queste mutazioni vengono acquisite durante la vita di una persona e nessuna singola mutazione consente a una cellula di diventare una cellula cancerosa. È il accumulo di queste mutazioni che alla fine consente alle cellule tumorali (Hanahan, 2011) di:

  • Avere segnali costanti per crescere e dividere
  • Sfuggi ai controlli che le cellule normali usano per prevenire la crescita e la divisione non regolate
  • Replica per sempre
  • Resistere alla morte cellulare
  • Produrre segnali per aumentare il proprio apporto di sangue (chiamato angiogenesi)
  • Acquisire la capacità di invadere altri tessuti e diffondersi ad organi lontani dal sito originale del cancro (metastatizzare), che è ciò che di solito causa la morte per cancro

Queste sei cose si riducono davvero a due proprietà dei tumori: crescita incontrollata e metastasi, che è la capacità di invadere e diffondersi in siti distanti dal cancro originale. Queste mutazioni genetiche acquisite possono capitare a chiunque per produrre un cancro, ma ci sono alcuni fattori di rischio specifici per il cancro alla prostata, come vedremo.

se il viagra non funziona cosa funzionerà?

Mutazioni genetiche ereditarie nel cancro alla prostata

A parte la maggior parte delle mutazioni che si verificano durante la vita di una persona, ci sono anche mutazioni ereditarie che aumentano il rischio di cancro alla prostata. Due di queste mutazioni sono mutazioni nel BRCA1 e BRCA2 geni. BRCA1 e BRCA2 sono conosciuti come geni oncosoppressori, il che significa che quando funzionano normalmente lavorano per sopprimere la formazione del tumore. Lo fanno aiutando a riparare il DNA danneggiato.

BRCA1 e BRCA2 le mutazioni genetiche possono essere ereditate da entrambi i genitori. Sono ben noti per aumentare il rischio di cancro al seno e alle ovaie nelle donne, ma aumentano anche il rischio di altri tipi di cancro, incluso il cancro alla prostata. Uomini con BRCA1 le mutazioni hanno 3,5 volte il rischio di sviluppare il cancro alla prostata e quelli con BRCA2 le mutazioni hanno 8,6 volte il rischio (Castro, 2012). Inoltre, gli uomini che sono BRCA1 o BRCA2 positivi tendono ad avere tumori più aggressivi rispetto agli uomini che sono negativi e hanno maggiori probabilità di morire di cancro alla prostata.

Un'altra mutazione ereditaria che aumenta il rischio di cancro alla prostata è HOXB13 gene (Ewing, 2012). Esattamente come il HOXB13 mutazione provoca il cancro non è noto.

BRCA1 , BRCA2 , e HOXB13 le mutazioni sono tre rischi genetici ben descritti per il cancro alla prostata, ma ci sono probabilmente molte altre mutazioni genetiche ereditarie che aumentano il rischio di cancro alla prostata.

Screening e rischio del cancro alla prostata

Lo screening del cancro alla prostata è un argomento controverso perché non è chiaro se lo screening riduca la mortalità (morte). Questo perché molti tumori sono a crescita lenta e non causeranno mai problemi a una persona anche se non vengono diagnosticati e trattati. Varie organizzazioni mediche hanno formulato diverse raccomandazioni per lo screening del cancro alla prostata, che possono essere piuttosto confuse sia per gli uomini che per i loro medici.

Il Associazione Urologica Americana (AUA) raccomanda (Detection, 2018) che gli uomini di età compresa tra 55 e 69 anni dovrebbero impegnarsi in un processo decisionale condiviso con i loro medici quando decidono se eseguire lo screening per il cancro alla prostata. Il processo decisionale condiviso è un processo in cui i medici condividono le migliori prove disponibili, soppesando rischi e benefici, in modo che un uomo possa prendere una decisione informata con il supporto del suo medico. L'AUA raccomanda inoltre che le decisioni sullo screening degli uomini di età compresa tra 40 e 54 anni siano individualizzate, tenendo in considerazione i fattori di rischio per il cancro alla prostata (ad es. Storia familiare, afroamericano). L'AUA non raccomanda lo screening di routine prima dei 40 anni o dopo i 70 anni. Lo screening viene eseguito misurando i livelli di antigene prostatico specifico (PSA), a volte con un esame digitale della prostata.

Il Task Force dei servizi preventivi degli Stati Uniti (USPSTF) ha raccomandazioni (USPSTF, 2018) molto simili all'AUA. Il Accademia americana di pratica familiare (AAFP) raccomanda (AAFP, 2018) contro lo screening di routine per il cancro alla prostata basato sui piccoli benefici e sui maggiori rischi dello screening. L'AAFP non è chiaro se i medici debbano iniziare la conversazione sullo screening o debbano eseguire lo screening solo se qualcuno lo richiede specificamente.

Le decisioni sullo screening sono complesse, ma è utile conoscere il rischio quando si decide se eseguire lo screening per il cancro alla prostata. Gli uomini con un rischio più elevato possono trarre maggiori benefici dallo screening del cancro alla prostata rispetto agli uomini con un rischio medio, sebbene ciò non sia certo. Con le informazioni sui tuoi rischi, obiettivi e valori, tu e il tuo medico potete prendere le decisioni più informate sullo screening del cancro alla prostata.

Riferimenti

  1. Accademia americana dei medici di famiglia. (2018). Screening del cancro alla prostata. Accademia americana dei medici di famiglia. Recuperato da https://www.aafp.org/patient-care/clinical-recommendations/all/cw-prostate-cancer.html .
  2. Castro, E., & Eeles, R. (2012). Il ruolo di BRCA1 e BRCA2 nel cancro alla prostata. Giornale asiatico di andrologia , 14 (3), 409–414. doi: 10.1038/aja.2011.150, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22522501
  3. Cui, Z., Liu, D., Liu, C. e Liu, G. (2017). Livelli sierici di selenio e rischio di cancro alla prostata: una meta-analisi conforme a MOOSE. Medicina (Baltimora) , 96 (5), e5944. doi: 10.1097/md.0000000000005944, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28151881
  4. Detection of Prostate Cancer Guidelines Panel dell'American Urological Association Education and Research, Inc. (2018). Diagnosi precoce del cancro alla prostata (2018). Associazione Urologica Americana . Recuperato da https://www.auanet.org/guidelines/prostate-cancer-early-detection-guideline#x2619
  5. Ewing, C. M., Ray, A. M., Lange, E. M., Zuhlke, K. A., Robbins, C. M., Tembe, W. D., … Yan, G. (2012). Mutazioni germinali in HOXB13 e rischio di cancro alla prostata. Il New England Journal of Medicine , 366 , 141-149. doi: 10.1056 / NEJMoa1110000, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22236224
  6. Gann, P.H. (2002). Fattori di rischio per il cancro alla prostata. Recensioni in Urologia , 4 (Suppl 5), S3-S10. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1476014/
  7. Hanahan, D., & Weinberg, R.A. (2011). Caratteristiche del cancro: la prossima generazione. Cellula , 144 (5), 646–674. doi: 10.1016/j.cell.2011.02.013, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21376230
  8. Rowles, J. L., Ranard, K. M., Smith, J. W., An, R. e Erdman, J. W. (2017). L'aumento del licopene nella dieta e in circolo è associato a un ridotto rischio di cancro alla prostata: una revisione sistematica e una meta-analisi. Cancro alla prostata e malattie della prostata , venti , 361-377. doi: 10.1038/pcan.2017.25, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28440323
  9. Task Force per i servizi preventivi degli Stati Uniti. (2018). Dichiarazione di raccomandazione finale: Cancro alla prostata: screening. Task Force per i servizi preventivi degli Stati Uniti . Recuperato da https://www.uspreventiveservicestaskforce.org/Page/Document/RecommendationStatementFinal/prostate-cancer-screening1
Vedi altro