Fattori di rischio del cancro alla prostata: cosa puoi e cosa non puoi cambiare

Fattori di rischio del cancro alla prostata: cosa puoi e cosa non puoi cambiare

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi di carattere medico, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli su Health Guide sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Il cancro alla prostata è uno dei tumori più temuti dagli uomini e con buone ragioni. Non solo è il cancro più comune negli uomini (CDC, 2019) a parte il cancro della pelle, ma anche il seconda causa più comune di morte per cancro negli uomini (CDC, 2019). Gran parte della paura intorno al cancro alla prostata è legata alla disinformazione e alla paura degli effetti collaterali del trattamento. La buona notizia è che la maggior parte degli uomini a cui viene diagnosticato un cancro alla prostata non morirà a causa della malattia. Inoltre, gli effetti collaterali dovuti al trattamento sono meno comuni e più facilmente curabili rispetto al passato. Conoscere i fattori di rischio aiuta gli uomini a prendere decisioni informate sulle scelte di stile di vita e sullo screening.

Vitali

  • I tre fattori di rischio più importanti per il cancro alla prostata sono l'età, la storia familiare e il retaggio afroamericano.
  • Il livello di grassi saturi nella tua dieta può influenzare il rischio di sviluppare il cancro alla prostata, la frequenza con cui eiacula, il tuo indice di massa corporea e il fatto che tu sia un fumatore o meno.
  • Conoscere il rischio di cancro alla prostata può aiutare a guidare le scelte di stile di vita e le decisioni sullo screening.

Chiari fattori di rischio per il cancro alla prostata

I tre fattori di rischio più importanti per il cancro alla prostata sono l'età, la storia familiare e il retaggio afroamericano. L'età è un fattore di rischio per molte malattie, tra cui il cancro alla prostata. Questo perché nel tempo sviluppiamo mutazioni genetiche, aumentando le probabilità di sviluppare il cancro.



Gli uomini afroamericani hanno maggiori rischi di contrarre il cancro alla prostata, di morire di cancro alla prostata e di contrarre la malattia in giovane età. Il motivo esatto non è noto, anche se potrebbe essere dovuto a fattori genetici, fattori ambientali (dieta e abitudini di esercizio), fattori socioeconomici, accesso limitato all'assistenza sanitaria o una combinazione di questi fattori.

a che età il tuo uccello smette di crescere?

La storia familiare determina i geni ereditari che predispongono gli uomini a sviluppare il cancro alla prostata, ma i geni precisi coinvolti di solito non sono noti. Alcune eccezioni includono mutazioni nel BRCA1 e BRCA2 geni.



Annuncio pubblicitario

Oltre 500 farmaci generici, ciascuno $ 5 al mese

Passa a Ro Pharmacy per ottenere le tue prescrizioni riempite per soli $ 5 al mese ciascuna (senza assicurazione).



Per saperne di più

Sebbene più comunemente associati ad un aumento del rischio di cancro al seno e alle ovaie nelle donne (queste mutazioni sono chiamate sindrome ereditaria del cancro al seno e alle ovaie), BRCA1 e BRCA2 negli uomini aumentano i rischi di alcuni tipi di cancro, incluso il cancro alla prostata. Uomini con BRCA1 le mutazioni hanno 3,5 volte il rischio di sviluppare il cancro alla prostata e quelli con BRCA2 le mutazioni hanno 8,6 volte il rischio (Castro, 2012). Inoltre, gli uomini che sono BRCA1 o BRCA2 positivi tendono ad avere tumori più aggressivi rispetto agli uomini che sono negativi e hanno maggiori probabilità di morire di cancro alla prostata.

Un'altra mutazione ereditaria associata ad un aumentato rischio di cancro alla prostata è la HOXB13 gene (Ewing, 2012). la sua variante genetica è più comune in quelli con cancro alla prostata familiare ad esordio precoce. Tuttavia, al momento non è noto come esattamente questo gene svolga un ruolo nello sviluppo del cancro alla prostata.

Alcune esposizioni chimiche possono aumentare il rischio di cancro alla prostata. L'agente Orange è una di queste sostanze chimiche. Uno studia (Ansbaugh, 2013) ha mostrato che i veterani esposti all'agente arancione avevano un rischio più elevato di cancro alla prostata, dovuto a un rischio più elevato di tumori più aggressivi.

Fattori di rischio meno chiari per il cancro alla prostata

Il rischio di cancro alla prostata varia ampiamente in base all'area geografica. I tassi di cancro alla prostata in Occidente sono molto più alti che in Cina e Giappone. Ad esempio, uno studia (Shimizu, 1991) ha mostrato che gli uomini giapponesi che vivevano in Giappone avevano tassi molto più bassi di cancro alla prostata. È stato riscontrato, tuttavia, che tali tassi sono aumentati quando si sono trasferiti negli Stati Uniti, indipendentemente dalla loro età al momento dell'immigrazione. Questa ricerca suggerisce che potrebbero esserci alcuni fattori dello stile di vita che contribuiscono all'aumento del rischio di cancro alla prostata in Occidente, inclusa la dieta. Le persone che mangiano molta carne rossa e assunzione di grassi saturi hanno un rischio maggiore di sviluppare il cancro alla prostata rispetto a coloro che mangiano di meno.

In alcuni primi studi, gli uomini che avevano subito una vasectomia avevano un rischio maggiore di cancro alla prostata. Tuttavia, altro ricerca (Holt, 2008) non ha mostrato questo aumento del rischio e avere una vasectomia non è considerato un chiaro fattore di rischio per il cancro alla prostata.

quanto tempo ci vuole per riprendersi dall'ipotiroidismo?

Anche le infezioni sessualmente trasmissibili (IST) non sono un chiaro fattore di rischio per il cancro alla prostata, sebbene alcuni studi abbiano dimostrato che gli uomini con una storia di gonorrea, sifilide e alcuni tipi di HPV avevano un aumentato rischio di cancro alla prostata.

Il fumo è un fattore di rischio per molti tumori, compresi i tumori del polmone, dell'esofago, della laringe, della bocca, della gola, dei reni, della vescica, del fegato, del pancreas, dello stomaco, della cervice, del colon e del retto, nonché leucemia mieloide acuta. Alcuni ricerca (Cerhan, 1997) mostra che i fumatori hanno un aumentato rischio di cancro alla prostata, mentre uno studia (Giovannucci, 1999) non ha mostrato un aumento del rischio di sviluppare il cancro alla prostata nei fumatori, sebbene i fumatori avessero un rischio maggiore di morire di cancro alla prostata rispetto ai non fumatori.

quanto è grande per un pene?

Un altro studia (Kenfield, 2011) ha scoperto allo stesso modo che essere un fumatore attivo al momento della diagnosi del cancro alla prostata è associato ad un aumento della mortalità (morte) e alle possibilità di recidiva del cancro.

Obesità (Parikesit, 2016) è un fattore di rischio per il cancro alla prostata in generale e per il cancro alla prostata più aggressivo, ma non è un fattore di rischio così forte come la storia familiare o l'eredità afroamericana. L'obesità è definita come avere un indice di massa corporea (BMI) maggiore di 30. Puoi scoprire il tuo BMI moltiplicando il tuo peso in libbre per 703 e poi dividendo il risultato per la tua altezza in pollici al quadrato.

703 x peso (libbre) / [altezza (in)]Due

Uno revisione (Campos, 2018) sottolinea che l'attività fisica può essere protettiva contro lo sviluppo del cancro alla prostata e che l'esercizio può portare a risultati migliori in coloro che vengono trattati.

La frequenza dell'eiaculazione può essere un fattore di rischio negativo per il cancro alla prostata, il che significa che eiaculare più frequentemente può ridurre il rischio. Un 2016 studia (Rider, 2016) ha mostrato che gli uomini che eiaculavano almeno 21 volte al mese avevano un rischio inferiore di cancro alla prostata rispetto a quelli che eiaculavano 4-7 volte al mese. Non possiamo dire con certezza se eiaculare più frequentemente ridurrà il rischio di cancro alla prostata, ma c'è una possibilità che potrebbe farlo e non ci sono danni noti.

Cancro alla prostata: conosci il tuo rischio

La conoscenza è potere e conoscere il rischio di cancro alla prostata può aiutare a guidare le scelte di stile di vita e le decisioni sullo screening. Ad esempio, uomini con una forte storia familiare, uomini afroamericani e uomini con ereditarietà BRCA1 , BRCA2 , o HOXB13 le mutazioni possono decidere di essere sottoposte a screening prima, più frequentemente e possono scegliere di eliminare carne e latticini dalla loro dieta per ridurre il rischio.

È una buona idea evitare il fumo e i comportamenti sessuali a rischio che possono portare all'acquisizione di una IST, ma conoscere il rischio di cancro alla prostata può motivare gli uomini a fare scelte di vita più sane. Discuti i tuoi fattori di rischio con un operatore sanitario e come influenzano la tua decisione di eseguire lo screening per il cancro alla prostata.

Riferimenti

  1. Ansbaugh, N., Shannon, J., Mori, M., Farris, P. E., & Garzotto, M. (2013). Agent Orange come fattore di rischio per il cancro alla prostata di alto grado. Cancro , 119 (13), 2399-2404. doi: 10.1002 / cncr.27941, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23670242
  2. Campos, C., Sotomayor, P., Jerez, D., González, J., Schmidt, C. B., Schmidt, K., … Godoy, A. S. (2018). Esercizio e cancro alla prostata: dalla scienza di base alle applicazioni cliniche. la prostata , 78 (9), 639–645. doi: 10.1002 / pro.23502, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29569731
  3. Castro, E., & Eeles, R. (2012). Il ruolo di BRCA1 e BRCA2 nel cancro alla prostata. Giornale asiatico di andrologia , 14 (3), 409–414. doi: 10.1038/aja.2011.15, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22522501
  4. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie e il National Cancer Institute. (2019). Principali casi di cancro e decessi, maschi e femmine, 2016. Estratto da https://gis.cdc.gov/Cancer/USCS/DataViz.html
  5. Cerhan, J. R., Torner, J. C., Lynch, C. F., Rubenstein, L. M., Lemke, J. H., Cohen, M. B., … Wallace, R. B. (1997). Associazione di fumo, massa corporea e attività fisica con rischio di cancro alla prostata nello studio sulla salute rurale dell'Iowa 65 (Stati Uniti). Cause e controllo del cancro , 8 (2), 229-238. doi: 10.1023/a: 1018428531619, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/9134247
  6. Ewing, C. M., Ray, A. M., Lange, E. M., Zuhlke, K. A., Robbins, C. M., Tembe, W. D., … Yan, G. (2012). Mutazioni germinali in HOXB13 e rischio di cancro alla prostata. Il New England Journal of Medicine , 366 , 141-149. doi: 10.1056 / NEJMoa1110000, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22236224
  7. Giovannucci, E., Rimm, E. B., Ascherio, A., Colditz, G. A., Spiegelman, D., Stampfer, M. J., & Willett, W. C. (1999). Fumo e rischio di cancro alla prostata totale e fatale negli operatori sanitari degli Stati Uniti. Epidemiologia del cancro, biomarcatori e prevenzione , 8 (4), 277–282. Recuperato da https://cebp.aacrjournals.org/content/8/4/277
  8. Holt, S.K., Salinas, C.A., & Stanford, J.L. (2008). Vasectomia e rischio di cancro alla prostata. Il Giornale di Urologia , 180 (6), 2565-2568. doi: 10.1016/j.interest.2008.08.042, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2582972/
  9. Kenfield, S.A., Stampfer, M.J., Chan, J.M., & Giovannucci, E. (2011). Fumo e sopravvivenza e recidiva del cancro alla prostata. JAMA , 305 (24), 2548-2555. doi: 10.1001 / jama.2011.879, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21693743
  10. Parikesit, D. A., Mochtar, C. R. A. H., Umbas, R. undefined e Hamid, A. undefined. (2016). L'impatto dell'obesità sulle malattie della prostata. Internazionale della prostata , 4 (1), 1–6. doi: 10.1016 / j.prnil.2015.08.001, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4789344/
  11. Rider, J. R., Wilson, K. M., Sinnott, J. A., Kelly, R. S., Mucci, L. A. e Giovannucci, E. L. (2016). Frequenza di eiaculazione e rischio di cancro alla prostata: risultati aggiornati con un ulteriore decennio di follow-up. Urologia Europea , 70 (6), 974–982. doi: 10.1016 / j.eururo.2016.03.027, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27033442
  12. Shimizu, H., Ross, R. K., Bernstein, L., Yatani, R., Henderson, B. E. e Mack, T. M. (1991). Tumori della prostata e del seno tra gli immigrati giapponesi e bianchi nella contea di Los Angeles. British Journal of Cancer , 63 (6), 963–966. doi: 10.1038/bjc.1991.210, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/2069852
Vedi altro