Benefici della Rhodiola rosea: cosa devi sapere

Benefici della Rhodiola rosea: cosa devi sapere

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Rhodiola rosea L., o R. rosea , è una pianta da fiore della famiglia Crassulaceae che cresce in alta quota e è stato utilizzato in pratiche di medicina tradizionale secolari in tutta Europa e in Asia. È anche chiamato semplicemente Rhodiola, radice d'oro, roseroot, rosenroot o radice artica. Tradizionalmente, i guaritori in Mongolia credevano che questa erba potesse trattare condizioni gravi come il cancro e la tubercolosi, mentre in Russia credevano che potesse aumentare la fertilità. I vichinghi lo usavano persino per migliorare le prestazioni fisiche (Ishaque, 2012).

Vitali

  • Rhodiola rosea è una pianta utilizzata da secoli nella medicina tradizionale nelle zone dell'Europa e dell'Asia.
  • Salidroside, rosavin, rosin e rosarin sono composti chimici che sono alla radice dei presunti benefici di questa pianta.
  • Le affermazioni secondo cui la Rhodiola può aiutare a combattere l'affaticamento mentale e fisico e a migliorare il benessere generale sono diffuse, ma gli scienziati non sono abbastanza sicuri di quanto accurate possano essere queste affermazioni.
  • Sebbene gli studi abbiano dimostrato che la Rhodiola è generalmente ben tollerata, integratori come questi e altri non sono strettamente regolamentati dalla FDA, quindi dovresti sempre acquistare da un marchio di cui ti fidi.

Non si può negare l'attrattiva di tutti quei presunti benefici e tutte queste promesse sono state un vantaggio per l'industria. Nel 2017, le vendite di integratori a base di erbe negli Stati Uniti hanno superato gli 8 miliardi di dollari, secondo l'American Botanical Council . Sebbene la Rhodiola non si sia classificata tra i primi cinque o addirittura dieci integratori venduti, questo integratore a base di erbe ha raggiunto $ 10,9 milioni di vendite (Smith, 2018).

Gli integratori a base di estratti di Rhodiola si presentano in varie forme, dalle capsule ai liquidi. Questi estratti sono costituiti da parti essiccate e in polvere della pianta e forme standardizzate mirare a imitare il rapporto naturale di due composti che migliorano la salute trovato in Rhodiola. Gli integratori includono tipicamente i componenti attivi della pianta, inclusi salidroside e composti di rosavin (Li, 2017).

Si presume che se le persone sborsano collettivamente oltre $ 10 milioni per la Rhodiola, le prove dei benefici di questa pianta sarebbero solide. Ma non è proprio così. Come ha rilevato una revisione di undici studi controllati, ci sono stati difetti nel modo in cui sono stati condotti gli studi precedenti. E mentre sono necessarie ulteriori ricerche per verificare davvero quali, se del caso, i benefici che questo integratore potrebbe avere da offrire, ecco cosa sappiamo sui benefici di Rhodiola rosea (Ishaque, 2012);

Annuncio pubblicitario

Ottieni $ 15 di sconto sul tuo primo ordine di trattamento per la disfunzione erettile

Un vero professionista sanitario autorizzato negli Stati Uniti esaminerà le tue informazioni e ti ricontatterà entro 24 ore.

Per saperne di più

Può aiutare a migliorare i sintomi di depressione e ansia

Un piccolo studio ha confrontato la Rhodiola con la sertralina (nome commerciale Zoloft), un farmaco comunemente usato per il trattamento della depressione, e ha confrontato gli effetti dei due in un periodo di 12 settimane. Sebbene il 340 mg sia alimentato R. rosea estratto non era efficace quanto Zoloft nell'alleviare i sintomi della depressione tra i pazienti nello studio, i pazienti trattati con Rhodiola hanno riportato molti meno effetti collaterali rispetto a quelli che assumevano il farmaco su prescrizione (Mao, 2015).

Benefici del DHEA (deidroepiandrosterone)

7 minuti di lettura

Una revisione sistematica di cinque studi ha trovato più prove che l'integrazione con Rhodiola può aiutare ad alleviare la depressione da lieve a moderata , così come l'ansia. Gli studi inclusi hanno utilizzato dosi che andavano da un minimo di 100 mg a un massimo di 1000 mg al giorno e i partecipanti ai vari studi sembravano aver tollerato bene l'integratore (Konstantinos, 2020). I partecipanti a un altro studio hanno preso Rhodiola e ha visto miglioramenti significativi nei punteggi dei test misurare la gravità dei loro sintomi di ansia, ma la dimensione dello studio era estremamente piccola (Bystritsky, 2008), quindi sono necessarie ulteriori ricerche prima che una qualsiasi di queste affermazioni possa essere considerata una scienza solida.

Può aiutare a migliorare l'affaticamento mentale

Un piccolo studio ha scoperto che gli individui hanno somministrato 576 mg di estratto di Rhodiola al giorno ha mostrato miglioramenti significativi in un test che misura la fatica e il burnout rispetto al placebo. I ricercatori hanno anche notato che gli effetti di Rhodiola rosea incluso un aumento della capacità di concentrazione di una persona (Olsson, 2009). Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questi risultati.

Può aiutare ad alleviare l'affaticamento fisico

L'affaticamento mentale è una cosa, ma per quanto riguarda l'esaurimento fisico? Ricercatori leader uno studio ha dato 100 persone con una storia di sintomi di stanchezza cronica 400 mg di mg Rhodiola rosea estrarre giornalmente per otto settimane. Hanno scoperto che il più grande cambiamento nella fatica e nella debolezza si è verificato entro la prima settimana di trattamento e che le misurazioni di questi sintomi erano significativamente migliorate entro l'ottava settimana. Ma lo studio non aveva un gruppo placebo e persino i ricercatori lo descrivono come uno studio pilota e richiedono ulteriori ricerche su questo argomento (Lekomtseva, 2017).

Può aiutare ad aumentare le prestazioni dell'esercizio

Questa erba può aiutare a migliorare le prestazioni fisiche facendoti sentire come se fossi meno affaticato. I partecipanti che hanno ricevuto la Rhodiola hanno pedalato leggermente più velocemente e si sono sentiti come se l'esercizio fisico fosse più facile di quelli a cui non è stata data l'erba piccolo studio crossover controllato con placebo (Nore, 2013). Sono necessarie ulteriori ricerche in popolazioni più ampie ed è anche importante notare che i soggetti hanno riferito quanto si sentivano come se stessero lavorando, che è una misurazione soggettiva.

Chi non dovrebbe prendere l'ashwagandha? Questi gruppi di persone

4 minuti di lettura

Quello che non sappiamo

Mentre alcuni studi affermano di aver valutato l'uso della Rhodiola nel trattamento del cancro, la maggior parte di questi studi ha esaminato il supplemento sugli animali o solo in condizioni di laboratorio e mai nell'uomo. L'esecuzione di uno studio adeguato negli esseri umani con cancro può essere un'impresa problematica per cominciare, per ragioni sia scientifiche che etiche. Quindi, mentre attualmente non c'è posto per usare la Rhodiola come trattamento per il cancro negli esseri umani, i ricercatori continuano a valutare l'attività del farmaco a livello molecolare e la ricerca futura potrebbe rivelare ulteriori benefici.

Cosa sono gli adattogeni?

Rhodiola rosea è considerato un adattogeno, ovvero una classe di sostanze considerate nella medicina tradizionale ayurvedica e cinese come sostanze che soddisfano i bisogni particolari di una persona, qualunque essi siano (Khanum, 2006). Sfortunatamente, metodi scientifici validi devono ancora verificare questa qualità spettacolare in qualsiasi sostanza. Ma come il l'industria della salute e del benessere continua ad espandersi , maggiore interesse è rivolto alla determinazione dei benefici, se del caso, che questi composti possono portare in tavola (Smith, 2018). E mentre gli adattogeni potrebbero non avere alcuna base scientifica, non ha impedito ai ricercatori di lavorare sodo per vedere quali benefici, se del caso, può offrire questa erba. Sono stati istituiti studi clinici per valutare molte delle presunte capacità di queste erbe, tra cui alleviare lo stress, migliorare la concentrazione, combattere il cancro e sconfiggere il declino neurologico.

Parla con il tuo medico per vedere se aggiungere uno di questi integratori alla tua routine è una buona opzione. È importante ricordare che solo perché questi prodotti sono disponibili senza prescrizione medica, ciò non significa che siano sicuri. Molti possono interagire con altri farmaci che potresti assumere. Inoltre, è importante scegliere marchi affidabili quando si acquistano integratori poiché le normative FDA non sono così rigide per questi prodotti come lo sono con i farmaci da prescrizione o da banco.

Riferimenti

  1. Bystritsky, A., Kerwin, L., & Feusner, J. D. (2008). Uno studio pilota sulla Rhodiola rosea (Rhodax®) per il disturbo d'ansia generalizzato (GAD). Il giornale di medicina alternativa e complementare, 14(2), 175-180. doi:10.1089/acm.2007.7117. Recuperato da https://www.liebertpub.com/doi/10.1089/acm.2007.7117
  2. Ishaque, S., Shamseer, L., Bukutu, C. e Vohra, S. (2012). Rhodiola rosea per la fatica fisica e mentale: una revisione sistematica. Medicina complementare e alternativa BMC, 12 (1). doi:10.1186/1472-6882-12-70. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22643043/
  3. Khanum, F., Bawa, A.S., & Singh, B. (2005). Rhodiola rosea: un adattogeno versatile. Recensioni complete in scienze alimentari e sicurezza alimentare, 4 (3), 55-62. doi:10.1111/j.1541-4337.2005.tb00073.x. Recuperato da https://onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1111/j.1541-4337.2005.tb00073.x
  4. Konstantinos, F., & Heun, R. (2020). Gli effetti dell'integrazione di Rhodiola Rosea su depressione, ansia e umore - Una revisione sistematica. Psichiatria globale, 3(1), 72-82. doi:10.2478/gp-2019-0022. Recuperato da https://content.scando.com/configurable/contentpage/journals$002fgp$002f3$002f1$002farticle-p72.xml
  5. Lekomtseva, Y., Zhukova, I., & Wacker, A. (2017). Rhodiola rosea in soggetti con sintomi di affaticamento prolungati o cronici: risultati di uno studio clinico in aperto. Ricerca sulla medicina complementare, 24 (1), 46-52. doi:10.1159/000457918. Recuperato da https://www.karger.com/Article/FullText/457918
  6. Li, Y., Pham, V., Bui, M., Song, L., Wu, C., Walia, A., . . . Zi, X. (2017). Rhodiola rosea L.: un'erba con proprietà antistress, antietà e immunostimolanti per la chemioprevenzione del cancro. Rapporti attuali di farmacologia, 3(6), 384-395. doi:10.1007/s40495-017-0106-1. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6208354/
  7. Mao, J. J., Xie, S. X., Zee, J., Soeller, I., Li, Q. S., Rockwell, K. e Amsterdam, J. D. (2015). Rhodiola rosea contro sertralina per il disturbo depressivo maggiore: uno studio randomizzato controllato con placebo. Fitomedicina, 22(3), 394-399. doi:10.1016/j.phymed.2015.01.010. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4385215/
  8. Noreen, E. E., Buckley, J. G., Lewis, S. L., Brandauer, J. e Stuempfle, K. J. (2013). Gli effetti di una dose acuta di Rhodiola rosea sulla prestazione fisica di resistenza. Journal of Strength and Conditioning Research, 27 (3), 839-847. doi:10.1519/jsc.0b013e31825d9799. Recuperato da https://journals.lww.com/nsca-jscr/Fulltext/2013/03000/The_Effects_of_an_Acute_Dose_of_Rhodiola_rosea_on.37.aspx
  9. Olsson, E., Scheele, B. V., & Panossian, A. (2008). Uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, a gruppi paralleli dell'estratto standardizzato SHR-5 delle radici di Rhodiola rosea nel trattamento di soggetti con affaticamento correlato allo stress. Planta Medica, 75(02), 105-112. doi:10.1055/s-0028-1088346. Recuperato da https://www.thieme-connect.com/products/ejournals/abstract/10.1055/s-0028-1088346
  10. Smith, T., Kawa, K., Eckl, V., Morton, C. e Stedney, R. (2018). Le vendite di integratori a base di erbe negli Stati Uniti sono aumentate dell'8,5% nel 2017, superando gli 8 miliardi di dollari. Il Journal of the American Botanical Council, 119, 62-71. Recuperato da http://cms.herbalgram.org/herbalgram/issue119/hg119-herbmktrpt.html
  11. Spasov, A., Wikman, G., Mandrikov, V., Mironova, I., & Neumoin, V. (2000). Uno studio pilota in doppio cieco, controllato con placebo sull'effetto stimolante e adattogeno dell'estratto di Rhodiola rosea SHR-5 sull'affaticamento degli studenti causato dallo stress durante un periodo di esame con un regime ripetuto a basse dosi. Fitomedicina, 7(2), 85-89. doi:10.1016/s0944-7113(00)80078-1. Recuperato da https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0944711300800781?via%3Dihub
Vedi altro