Benefici del selenio: ecco 7 provati dalla scienza

Benefici del selenio: ecco 7 provati dalla scienza

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Di cosa ha bisogno il tuo corpo per mantenere il tuo metabolismo e la funzione tiroidea fino al fiuto? Ottenere abbastanza carburante e avere un po' di massa muscolare può aiutare il tuo metabolismo, ma non manterrai la tua tiroide sana vivendo di proteine ​​in polvere per i guadagni. Sebbene il nostro metabolismo sia piuttosto complicato, c'è una cosa che sappiamo essere assolutamente fondamentale per mantenere alimentata la fornace che brucia calorie: il selenio. Questo minerale essenziale è un oligoelemento che possiamo ottenere attraverso fonti alimentari e integratori. Ma il tuo metabolismo non è tutto ciò che alimenta.

Il selenio è anche coinvolto nei processi in tutto il corpo, a partire dal cervello e estendendosi alle cellule sulla punta dei piedi. Molti dei suoi benefici per la salute sono determinati dalle proteine ​​contenenti selenio, chiamate selenoproteine ​​(Labunskyy, 2014). Ma, come con molte sostanze nutritive di cui abbiamo bisogno, assumere troppo può essere pericoloso quanto troppo poco. Conoscere le tue esigenze ti aiuta a trovare il perfetto equilibrio tra bassi livelli di selenio e tossicità da selenio, una condizione grave che può causare effetti collaterali come perdita di capelli, affaticamento, nausea e vomito. L'indennità giornaliera raccomandata (RDA) per gli adulti di età superiore ai 14 anni necessita di 55 microgrammi (mcg) al giorno, sebbene questo numero salga a 60 mcg per le donne in gravidanza e 70 mcg per le donne che allattano (Office of Dietary Supplements, 2019).

Ma dovresti sempre parlare con un professionista della salute che può valutare le tue esigenze individuali. Alcune persone, come quelle con condizioni gastrointestinali come il morbo di Crohn, l'HIV o problemi ai reni che richiedono la dialisi, hanno problemi ad assorbire il selenio e potrebbero, quindi, dover assumere dosi più elevate. Segui sempre il consiglio medico con integratori di selenio per evitare di rischiare tossicità.
Benefici per la salute del selenio

Non possiamo produrre selenio da soli, e ciò significa che dobbiamo fare affidamento sulla nostra dieta, sugli integratori di selenio o su una combinazione dei due per averne abbastanza. Sebbene non ci sia nulla di sbagliato nell'assunzione di un integratore di alta qualità, non dovrebbe essere difficile per le persone che stanno già cercando di seguire una dieta sana a basso contenuto di alimenti trasformati mantenere alti i livelli di selenio attraverso le sole fonti alimentari. Potrebbe essere necessaria una piccola pianificazione, ma pensiamo che una volta letti questi benefici per la salute del selenio, sarai d'accordo che ne vale la pena.

Vitali

  • Il selenio è un minerale traccia di cui abbiamo bisogno attraverso la dieta o gli integratori.
  • Questo minerale è essenziale per la salute della tiroide e un metabolismo funzionante.
  • Il selenio è anche un potente antiossidante e può ridurre lo stress ossidativo, che è stato collegato a molte malattie croniche, dal diabete di tipo 2 ad alcuni tipi di cancro.
  • Sebbene ci siano alcune prove che il selenio possa avere un effetto protettivo contro alcuni tipi di cancro, sono necessarie ulteriori ricerche in questo settore.
  • Le noci del Brasile sono le fonti di cibo più potenti, ma carne, pesce e latticini sono tutte buone fonti alimentari del minerale vitale.

Benefici del selenio

Può proteggere dalle malattie cardiache

Una meta-analisi di 25 studi ha rilevato che l'aumento delle concentrazioni di selenio (preso dal sangue e dalle unghie dei piedi) del 50% ha ridotto il rischio di malattie cardiache del 24% (Flores-Mateo, 2006). I ricercatori ritengono che molto di questo abbia a che fare con gli effetti antinfiammatori di questo minerale. L'infiammazione è un fattore di rischio per la malattia coronarica. E un'altra meta-analisi di 16 studi clinici ha rilevato che l'integrazione di selenio ha ridotto con successo la proteina C-reattiva (CRP) sierica, un marker di infiammazione. La stessa recensione ha scoperto che allo stesso tempo, questo minerale essenziale ha anche aumentato i livelli di un potente antiossidante chiamato glutatione perossidasi (Ju, 2017).

Quindi il selenio può non solo abbassare i marcatori di infiammazione, ma può anche alleviare lo stress ossidativo, una condizione in cui i radicali liberi e gli antiossidanti sono sbilanciati nel corpo, portando a danni cellulari. Il danno ossidativo è anche associato a diverse malattie croniche, comprese le malattie cardiovascolari (CVD).

Annuncio pubblicitario

Roman Daily: multivitaminico per uomini

Il nostro team di medici interni ha creato Roman Daily per colmare le lacune nutrizionali comuni negli uomini con ingredienti e dosaggi scientificamente supportati.

la pulizia del colon fa dimagrire?
Per saperne di più

Rinforza il sistema immunitario

Ma la capacità del selenio di ridurre il danno ossidativo non si limita a migliorare la salute del cuore. La diminuzione dello stress ossidativo riduce effettivamente l'infiammazione e rafforza il sistema immunitario. In realtà abbiamo tipi di risposte immunitarie: di tipo Th1, a virus e batteri intracellulari, e di tipo Th2, a vermi parassiti e parassiti extracellulari. Il selenio può aumentare la risposta immunitaria di tipo Th1 più del tipo Th2. Ma gli studi sottolineano che il minerale essenziale selenio è in grado di migliorare la risposta immunitaria e che la carenza di selenio può rallentare la risposta delle cellule immunitarie (Hoffmann, 2008). L'integrazione di selenio aumenta anche la conta dei globuli bianchi e può anche migliorare la funzione delle cellule T, un tipo specifico di globuli bianchi (Hawkes, 2001).

Previene i danni dei radicali liberi

Abbiamo già menzionato le proprietà antiossidanti del selenio. Agendo come antiossidante, questo minerale traccia può bilanciare i radicali liberi nel corpo e impedire loro di causare il danno cellulare associato allo stress ossidativo. Vale la pena notare che i radicali liberi sono sottoprodotti naturali di alcuni processi essenziali nel tuo corpo, come il metabolismo. Ma anche fonti esterne possono produrre radicali liberi, come l'inquinamento e il fumo di sigaretta.

come rendere forte il tuo pene

Può supportare la funzione cognitiva

Tuttavia, l'Alzheimer non è l'unica condizione neurologica a cui è associato lo stress ossidativo. È stato anche collegato al Parkinson e alla sclerosi multipla. Quindi il selenio può ridurre il danno ossidativo e, in questo modo, diminuire il rischio di Alzheimer e proteggere la tua salute cognitiva. E si è scoperto che i pazienti con Alzheimer hanno bassi livelli di selenio, così come altri nutrienti come la vitamina C e la vitamina E (de Wilde, 2017).

Sebbene gli antiossidanti sembrino essere in grado di conservare le capacità cognitive, questo beneficio del selenio non è legato solo alle persone con Alzheimer. Uno studio ha scoperto che gli adulti a cui è stata somministrata una miscela di antiossidanti che includeva il selenio avevano punteggi migliori alla fine della ricerca nella memoria episodica, nel funzionamento esecutivo e nella memoria verbale, sebbene il miglioramento nell'ultima abilità fosse visto solo se il partecipante era un non fumatore o aveva bassi livelli basali di vitamina C (Kesse-Guyot, 2011). Ma anche nei casi che coinvolgono condizioni neurologiche, il selenio può aiutare. Un altro studio ha dato ai partecipanti che avevano già un lieve deterioramento cognitivo una noce del Brasile al giorno (la più potente fonte alimentare di questo minerale) per sei mesi per aumentare il selenio nel sangue. Rispetto al gruppo di controllo, quelli a cui sono state date le noci del Brasile ottengono punteggi migliori alla fine della prova in fluidità verbale e prassi costruttiva, il concetto di mettere insieme pezzi diversi per formare un insieme uniforme che gli esseri umani usano in molte attività diverse (Cardoso, 2016).

Importante per la salute della tiroide

Infine, arriviamo alla ghiandola tiroidea e, per estensione, al tuo metabolismo. Questa piccola ma potente parte del tuo corpo ha la più alta concentrazione di selenio di tutti i tuoi tessuti (Ventura, 2017). E la tiroide non si limita a regolare il metabolismo attraverso il rilascio dell'ormone tiroideo. Questa ghiandola a forma di farfalla nella parte anteriore del collo aiuta anche con una crescita adeguata. Ma un basso livello di selenio è stato collegato alla malattia della tiroide, secondo uno studio epidemiologico (Wu, 2015). E non solo l'ipotiroidismo, una tiroide ipoattiva, ma anche la tiroidite di Hashimoto, una condizione autoimmune in cui il corpo attacca la ghiandola tiroidea.

Ma una maggiore assunzione di selenio può giovare alle persone con entrambe le forme di malattia della tiroide. Tre mesi di supplementazione di selenio hanno abbassato con successo gli anticorpi nei partecipanti con Hashimoto in uno studio (Toulis, 2010). Un altro ha scoperto che i due più alti tassi di consumo di selenio alimentare erano associati a un minor rischio di sviluppare ipotiroidismo subclinico, una condizione in cui la tiroide è poco attiva ma non a un livello tale da consentire agli operatori sanitari di prescrivere la sostituzione dell'ormone tiroideo (Andrade, 2018). Ma mentre il selenio può aiutare chi soffre di malattie della tiroide, l'integrazione dovrebbe essere un'aggiunta, non un sostituto per le cure mediche.

Può supportare la salute della prostata

È importante per noi coprire immediatamente una cosa: sebbene sia stato segnalato che il selenio può ridurre il rischio di cancro, una meta-analisi ha rilevato che la ricerca in realtà non è indicativa di ciò (Vinceti, 2018). Questo non vuol dire che l'attuale ricerca su questo minerale e sulla prevenzione del cancro non sia promettente. Il selenio si è dimostrato in grado di ridurre il danno al DNA e lo stress ossidativo, entrambi collegati al rischio di cancro (Rayman, 2005). Forse il più promettente è uno studio pubblicato nel 2016. I ricercatori hanno scoperto che livelli più elevati di selenio nel sangue erano associati a tassi più bassi di diversi tipi di cancro, tra cui il cancro ai polmoni, il cancro al seno e il cancro alla prostata. Sfortunatamente, anche questo studio non ha trovato un'associazione tra selenio e cancro della pelle, cancro alla vescica o rischio di cancro del colon-retto (Cai, 2016).

Può combattere i sintomi dell'asma

L'asma allergico, il tipo più comune di questa condizione, è essenzialmente un disturbo infiammatorio cronico (Murdoch, 2010). Gli effetti antinfiammatori del selenio indicano che questo minerale può aiutare a ridurre i sintomi dell'asma. Sebbene sia necessario fare più lavoro sulla salute umana, la ricerca sugli animali ha dimostrato che l'integrazione di selenio può avere senso come parte del trattamento dell'asma, a seconda dello stato di selenio di base dell'individuo. L'integrazione con questo minerale sembra più efficace in condizioni in cui il selenio nel sangue era basso (Norton, 2011).

Ma questo probabilmente non escluderà molte persone per i benefici dell'integrazione di selenio. È stato scoperto che gli asmatici hanno bassi livelli di selenio. Ma anche tra le persone con asma da lieve a moderata con basso selenio rispetto a quelle senza la condizione infiammatoria, si può vedere una relazione tra la funzione polmonare e lo stato del selenio. Livelli più elevati di selenio sono associati a una migliore funzionalità polmonare anche prima del trattamento con integratori (Guo, 2011).

Come ottenere abbastanza selenio

Per la maggior parte delle persone, assumere abbastanza selenio è facile come controllare che un paio di alimenti con un contenuto solido di selenio siano nella loro dieta quotidiana o settimanale. Ma aumentare i bassi livelli di selenio non richiede nemmeno di mangiare fonti alimentari di questo minerale ogni giorno, anche se probabilmente lo sei già. Cibi comuni come carne, pesce e latticini sono tutte fonti di qualità, ma anche i vegani possono facilmente ottenere una quantità di selenio di qualità semplicemente mangiando una noce del Brasile un paio di volte a settimana.

Ma gli integratori alimentari possono essere necessari o utili per alcune persone al fine di migliorare o mantenere lo stato di selenio. Gli integratori possono contenere diverse forme di selenio, come selenito di sodio, selenometionina o anche entrambi. Sebbene possano essere necessarie alte dosi a breve termine per correggere la carenza di selenio, queste dovrebbero sempre essere controllate da un medico poiché la tossicità del selenio può essere pericolosa.

Riferimenti

  1. Andrade, G., Gorgulho, B., Lotufo, P., Bensenor, I., & Marchioni, D. (2018). Assunzione di selenio alimentare e ipotiroidismo subclinico: un'analisi trasversale dello studio ELSA-Brasil. Nutrienti, 10(6), 693. doi: 10.3390/nu10060693
  2. Cai, X., Wang, C., Yu, W., Fan, W., Wang, S., Shen, N., … Wang, F. (2016). Esposizione al selenio e rischio di cancro: una meta-analisi e una meta-regressione aggiornate. Rapporti scientifici, 6(1). doi: 10.1038/srep19213
  3. Cardoso, B. R., Apolinário, D., Bandeira, V. D. S., Busse, A. L., Magaldi, R. M., Jacob-Filho, W., & Cozzolino, S. M. F. (2015). Effetti del consumo di noci del Brasile sullo stato del selenio e sulle prestazioni cognitive negli anziani con lieve deterioramento cognitivo: uno studio pilota controllato randomizzato. Giornale europeo di nutrizione, 55 (1), 107-116. doi: 10.1007/s00394-014-0829-2
  4. Flores-Mateo, G., Navas-Acien, A., Pastor-Barriuso, R., & Guallar, E. (2006). Selenio e malattia coronarica: una meta-analisi. L'American Journal of Clinical Nutrition, 84 (4), 762-773. doi: 10.1093/ajcn/84.4.762
  5. Guo, C.-H., Liu, P.-J., Hsia, S., Chuang, C.-J., & Chen, P.-C. (2011). Ruolo di alcuni oligoelementi nello stress ossidativo, nell'infiammazione, nei rapporti dei linfociti CD4/CD8 e nella funzione polmonare nei pazienti asmatici. Annali di biochimica clinica, 48(4), 344–351. doi: 10.1258/acb.2011.010266
  6. Hawkes, W. C., Kelley, D. S. e Taylor, P. C. (2001). Gli effetti del selenio alimentare sul sistema immunitario in uomini sani. Ricerca biologica sugli elementi in tracce, 81 (3), 189-213. doi: 10.1385/bter:81:3:189
  7. Hoffmann, PR, & Berry, M.J. (2008). L'influenza del selenio sulle risposte immunitarie. Nutrizione molecolare e ricerca alimentare, 52 (11), 1273-1280. doi: 10.1002/mnfr.200700330
  8. Ju, W., Li, X., Li, Z., Wu, G., Fu, X., Yang, X., … Gao, X. (2017). L'effetto della supplementazione di selenio sulla malattia coronarica: una revisione sistematica e una meta-analisi di studi randomizzati controllati. Journal of Trace Elements in Medicine and Biology, 44, 8-16. doi: 10.1016/j.jtemb.2017.04.009
  9. Kesse-Guyot, E., Fezeu, L., Jeandel, C., Ferry, M., Andreeva, V., Amieva, H., … Galan, P. (2011). Prestazioni cognitive degli adulti francesi dopo l'integrazione quotidiana con vitamine e minerali antiossidanti a dosi nutrizionali: un'analisi post hoc dello studio sull'integrazione in vitamine e antiossidanti minerali (SU.VI.MAX). Giornale americano di nutrizione clinica, 94 (3), 892-899. doi: 10.3945/ajcn.110.007815
  10. Labunskyy, V. M., Hatfield, D. L. e Gladyshev, V. N. (2014). Selenoproteine: vie molecolari e ruoli fisiologici. Recensioni fisiologiche, 94 (3), 739-777. doi: 10.152/physrev.00039.2013
  11. Murdoch, J. R. e Lloyd, C. M. (2010). Infiammazione cronica e asma. Ricerca sulle mutazioni, 690 (1-2), 24-39. doi: 10.1016/j.mrfmmm.2009.09.005
  12. Norton, R. L. e Hoffmann, P. R. (2012). Selenio e asma. Aspetti molecolari della medicina, 33 (1), 98-106. doi: 10.1016/j.mam.2011.10.003
  13. Ufficio degli integratori alimentari – Selenio. (n.d.). Estratto il 18 dicembre 2019 da https://ods.od.nih.gov/factsheets/Selenium-HealthProfessional/.
  14. Pham-Huy, L. A., He, H. e Pham-Huy, C. (2008). Radicali liberi, antiossidanti nella malattia e nella salute. Rivista internazionale di scienze biomediche, 4 (2), 89-96. Estratto da http://www.ijbs.org/HomePage.aspx
  15. Rayman, MP (2005). Selenio nella prevenzione del cancro: una revisione delle prove e del meccanismo d'azione. Atti della Nutrition Society, 64(4), 527-542. doi: 10.1079/pns2005467
  16. Toulis, K. A., Anastasilakis, A. D., Tzellos, T. G., Goulis, D. G. e Kouvelas, D. (2010). Supplemento di selenio nel trattamento della tiroidite di Hashimotos: una revisione sistematica e una meta-analisi. Tiroide, 20(10), 1163–1173. doi: 10.1089/ti.2009.0351
  17. Ventura, M., Melo, M., & Carrilho, F. (2017). Selenio e malattie della tiroide: dalla fisiopatologia al trattamento. Rivista internazionale di endocrinologia, 2017, 1-9. doi: 10.1155/2017/1297658
  18. Vinceti, M., Filippini, T., Del Giovane, C., Dennert, G., Zwahlen, M., Brinkman, M., … Crespi, C. M. (2018). Selenio per prevenire il cancro. Cochrane Database Sof Systematic Reviews, 29(1), CD005195. doi: 10.1002/14651858.CD005195.pub4.
  19. Wilde, M. C. D., Vellas, B., Girault, E., Yavuz, A. C. e Sijben, J. W. (2017). Stato più basso dei nutrienti del cervello e del sangue nella malattia di Alzheimer: risultati delle meta-analisi. Alzheimer e demenza: ricerca traslazionale e interventi clinici, 3 (3), 416-431. doi: 10.1016/j.trci.2017.06.002
  20. Wu, Q., Rayman, M. P., Lv, H., Schomburg, L., Cui, B., Gao, C., … Shi, B. (2015). Lo stato di selenio a bassa popolazione è associato ad una maggiore prevalenza di malattie della tiroide. Il Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism, 100 (11), 4037-4047. doi: 10.1210/jc.2015-2222
Vedi altro