Silice: cos'è e perché fa bene alle ossa?

Silice: cos'è e perché fa bene alle ossa?

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Ogni cosa ha il suo giusto contesto. La musica martellante è fantastica in una sala da concerto, ma non è così gradita quando arriva attraverso il muro dall'appartamento del vicino. La zuppa di noodle di pollo calda è uno dei cibi più confortanti in circolazione, ma probabilmente non sarai felice di vederla servita in estate. La silice è allo stesso modo, motivo per cui ha una reputazione che mette a disagio le persone.

Il biossido di silicio (SiO2), noto anche come silice o talvolta silicio, è una combinazione di silicio e ossigeno. Questo minerale traccia si trova in un'ampia varietà di luoghi sulla terra e nei nostri corpi. Si trova nelle piante, nelle rocce, nell'acqua potabile, negli animali, nella sabbia e in noi. Non è stata stabilita alcuna indennità dietetica raccomandata (RDA) per questo elemento, ma ci sono alcune prove che è benefico per la salute. Nel complesso, tuttavia, le informazioni sul ruolo del silicio nel corpo sono estremamente limitate.

Potresti aver sentito cose negative sul biossido di silicio in passato. Ciò è in gran parte dovuto alle notizie sulla silicosi, una malattia polmonare mortale causata dall'inalazione di silice. L'esposizione alla silice nell'aria e questa malattia si verificano principalmente nelle persone con lavori come l'estrazione mineraria, la sabbiatura, l'estrazione di cave, la costruzione e la lavorazione dell'acciaio. Ma ingerire biossido di silicio è molto diverso dal respirarlo, e la ricerca dell'Organizzazione Mondiale della Sanità mostra che molto poco della silice che mangiamo o beviamo rimane nel nostro corpo. La maggior parte viene lavata regolarmente dai nostri reni (Organizzazione Mondiale della Sanità, 1973). Il biossido di silicio viene anche utilizzato negli alimenti trasformati come agente antiagglomerante in modo che l'eventuale umidità che penetra non causi grumi. La FDA ha valutato la sicurezza della silice utilizzata come additivo alimentare e l'ha ritenuta sicura (FDA, 2019).

Vitali

  • Il biossido di silicio, o silice, si trova nell'acqua, nelle piante, negli animali, nella terra e nell'uomo.
  • Non esiste un apporto dietetico raccomandato e le informazioni sul silicio nel corpo sono estremamente limitate.
  • La silice può aumentare la produzione di cellule che costruiscono le ossa e diminuire il numero di cellule che si rompono e compromettono la forza delle nostre ossa.
  • Può anche migliorare la qualità dei capelli, della pelle e delle unghie stabilizzando la sintesi del collagene.
  • Il biossido di silicio che ingeriamo attraverso il cibo, gli integratori o l'acqua potabile è generalmente considerato sicuro, sebbene l'inalazione di particelle di silice sia pericolosa.

La silice è generalmente considerata sicura, ma non importa come la si ottiene. Come abbiamo notato in precedenza, il biossido di silicio ingerito nel cibo o nell'acqua è sicuro, ma le particelle di silice nell'aria possono essere pericolose. Affidarsi a fonti di cibo è sempre una buona strada quando possibile, soprattutto perché tende ad essere la forma più biodisponibile.



Riferimenti

  1. Eisinger, J., & Clairet, D. (1993). Effetti di silicio, fluoruro, etidronato e magnesio sulla densità minerale ossea: uno studio retrospettivo. Ricerca sul magnesio , 6 (3), 247–249. Recuperato da https://www.jle.com/en/revues/mrh/revue.phtml
  2. Jugdaohsingh, R., Tucker, K. L., Qiao, N., Cupples, L. A., Kiel, D. P., & Powell, J. J. (2003). L'assunzione alimentare di silicio è positivamente associata alla densità minerale ossea negli uomini e nelle donne in premenopausa della coorte di figli di Framingham. Journal of Bone and Mineral Research , 19 (2), 297–307. doi: 10.1359 / jbmr.0301225, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/14969400
  3. Mladenović, Ž., Johansson, A., Willman, B., Shahabi, K., Björn, E., & Ransjö, M. (2014). La silice solubile inibisce la formazione di osteoclasti e il riassorbimento osseo in vitro. Acta Biomaterialia , 10 (1), 406-418. doi: 10.1016 / j.actbio.2013.08.039, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24016843
  4. Price, C. T., Koval, K. J. e Langford, J. R. (2013). Silicio: una revisione del suo potenziale ruolo nella prevenzione e nel trattamento dell'osteoporosi postmenopausale. Giornale internazionale di endocrinologia , 2013 , 1–6. doi: 10.1155 / 2013/316783, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23762049
  5. Reffitt, D., Ogston, N., Jugdaohsingh, R., Cheung, H., Evans, B., Thompson, R., … Hampson, G. (2003). L'acido ortosilicico stimola la sintesi del collagene di tipo 1 e la differenziazione osteoblastica nelle cellule umane simili agli osteoblasti in vitro. osso , 32 (2), 127-135. doi: 10.1016/s8756-3282(02)00950-x, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12633784
  6. Schiano, A., Eisinger, F., Detolle, P., Laponche, A. M., Brisou, B., & Eisinger, J. (1979). Silicio, tessuto osseo e immunità. Rassegna di reumatismi e malattie osteo-articolari , 46 (7-9), 483-486. Recuperato da https://www.journals.elsevier.com/revue-du-rhumatisme
  7. Uehleke, B., Ortiz, M., & Stange, R. (2012). Il gel gastrointestinale di Silicea migliora i disturbi gastrointestinali: uno studio clinico pilota non controllato. Ricerca e pratica in gastroenterologia , 2012 , 1–6. doi: 10.1155 / 2012/750750, https://www.hindawi.com/journals/grp/2012/750750/
Vedi altro