Skincare routine: cosa significa? Dovresti averne uno?

Skincare routine: cosa significa? Dovresti averne uno?

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi di carattere medico, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli su Health Guide sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Cosa hanno in comune le tue bacheche Pinterest, l'armadio e la routine di cura della pelle? Senza un'attenta cura, possono facilmente sfuggire di mano. Il regime di cura della pelle coreano in 10 passaggi massimalista che ha spazzato via Internet può sembrare buono su Instagram o sul piano di lavoro del tuo bagno, ma la pelle della persona media ha bisogno di così tante cure amorevoli? Ecco come creare una routine di cura della pelle che funzionerà per la tua pelle e il tuo programma.

Vitali

  • Non esiste una routine per la cura della pelle migliore per tutti.
  • La tua routine mattutina per la cura della pelle avrà probabilmente un aspetto diverso e incorporerà prodotti diversi rispetto alla tua routine serale.
  • Se hai l'acne, potresti prendere in considerazione l'utilizzo di prodotti che contengono acido salicilico, perossido di benzoile o olio di melaleuca.
  • Se stai cercando di correggere il fotodanneggiamento, i sieri antiossidanti e i retinoidi dovrebbero essere più in alto nella tua lista di priorità.

Che cos'è una routine di cura della pelle?

Una routine di cura della pelle è la serie di prodotti che usi regolarmente per prenderti cura della tua pelle. E poiché persone diverse hanno problemi di pelle diversi, è logico che questa routine abbia un aspetto diverso per tutti. Per i devoti della cura della pelle, questo può includere trattamenti settimanali o mensili. Per i minimalisti, è probabile che si tratti dell'essenziale di tutti i giorni. Ma il nucleo della tua routine di cura della pelle dovrebbe essere usato ogni mattina e ogni sera.

Se hai seguito la routine serale, potresti essere tentato di saltare la cura della pelle al mattino, ma non è una buona idea. Durante la notte, la tua pelle elimina oli e detriti che dovresti pulire dalla pelle al mattino. Ciò impedirà a queste particelle di contribuire a pori ostruiti o sblocchi.

Annuncio pubblicitario

Semplifica la tua routine di cura della pelle

Ogni bottiglia di Nightly Defense prescritta dal medico è fatta per te con ingredienti potenti e scelti con cura e consegnata a casa tua.

Per saperne di più

Potrebbero esserci alcune piccole variazioni tra la routine di cura della pelle mattutina e serale. Rimuovere il trucco, ad esempio, è probabilmente una parte del processo di pulizia della sera, ma non del mattino. E mentre la crema idratante potrebbe essere un punto fermo in entrambe le routine, il tuo bagliore mattutino dovrebbe includere un SPF e la tua crema serale può essere senza SPF.

Passaggi e prodotti da includere nella tua routine di cura della pelle

Le routine del tagliabiscotti non funzionano per tutte le tonalità e le consistenze della pelle. Ma non è come se lo volessi, dal momento che alcuni ingredienti attivi sono migliori per affrontare problemi specifici. Questa è l'opportunità qui. Questi sono solo passaggi da considerare e ingredienti che possono guadagnare un posto nella tua vanità in base al loro elenco di risultati negli studi clinici. Sta a te, e potenzialmente al tuo dermatologo, creare la migliore routine di cura della pelle per sconfiggere i tuoi problemi di cura della pelle senza tenerti legato allo specchio del bagno.

Lavati la faccia

Durante il giorno, la pelle accumula inquinanti ambientali, sporco e sebo. Questo è in aggiunta a qualsiasi trucco che hai applicato al mattino e non ti sei ancora tolto. Tutte queste cose possono entrare nei tuoi pori, potenzialmente ostruirli. Un accumulo di batteri, cellule morte della pelle e oli può causare punti neri o brufoli.

Durante il giorno, la pelle produce sebo, oli naturali che mantengono la pelle idratata, ma una quantità eccessiva porta alla formazione di brufoli. I prodotti per la cura dei capelli pensati per mantenere i capelli lisci e lucenti possono anche causare screpolature se i capelli entrano in contatto con il viso.

Cosa fa il retinolo per la tua pelle? Queste quattro cose

7 minuti di lettura

Usa un detergente delicato o un detergente per il viso per rimuovere lo sporco e il sebo in eccesso e assicurati di non strofinare troppo forte. È possibile causare la pelle secca con un'eccessiva esfoliazione o pulizia. L'acqua micellare può essere una buona scelta per rimuovere il trucco.

Alcuni detergenti per il viso possono rimuovere l'olio per il viso necessario. L'acqua micellare, d'altra parte, è molto delicata e composta solo da acqua purificata e tensioattivi delicati che rimuovono il trucco e lo sporco, oltre a ingredienti idratanti per aiutare a mantenere la barriera superficiale della pelle.

Applicare il toner

Il toner potrebbe essere necessario solo per chi ha problemi di pH della pelle. Il pH medio di una pelle sana è di poco inferiore a 5 (su una scala da 0 a 14 in cui 0 è estremamente acido e 14 è estremamente basico), uno studio del 2006 trovato . Ma le cose di tutti i giorni influenzano il pH della nostra pelle, dai cosmetici e saponi che usiamo al pH dell'acqua del rubinetto dove vivi.

come farti crescere il pene

L'uso regolare dell'acqua del rubinetto in Europa, che in genere si trova intorno a un pH di 8, ad esempio, può influenzare il pH della pelle fino a sei ore (Lambers, 2006). Rossore, irritazione e acne possono essere più comuni a livelli di pH più elevati, nel qual caso un toner può essere utile per portare il livello della pelle più vicino a 5.

Un dermatologo o un kit per il test del pH a casa può aiutarti a determinare se questa è la radice di uno qualsiasi dei tuoi problemi di pelle. I toner devono essere applicati con un batuffolo di cotone pulito anziché con le dita, che possono trasferire i batteri sulla pelle.

C'è differenza tra Retin-A e tretinoina?

6 minuti di lettura

Per le persone con pelle a tendenza acneica, questo può essere un buon passo per lavorare nella routine di cura della pelle per utilizzare l'acido salicilico. Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche su questo ingrediente, può aiutare a prevenire gli sfoghi dissolvendo i mattoni che tengono insieme gli strati della pelle, permettendoti di spazzare via le cellule morte della pelle che possono ostruire i pori (Fox, 2016).

Alcuni toner possono includere anche idrossiacidi, una famiglia di composti che comprende alfa-idrossiacidi (AHA) e beta-idrossiacidi (BHA) come l'acido glicolico o l'acido lattico. Questi ingredienti possono agire come forti esfolianti e ricerche passate hanno dimostrato che gli idrossiacidi possono levigare le rughe, aumentare il turnover cellulare della pelle, ripristinare l'idratazione e aumentare la sintesi del collagene (Moghimipour, 2012).

Applicare il siero

Ora che la tua pelle è pulita e i tuoi pori sono stati liberati, è il momento di applicare un siero con un ingrediente attivo mirato per affrontare i problemi della tua pelle. Il siero antiossidante, come il siero alla vitamina C, può aiutare a contrastare lo stress ossidativo, un processo che contribuisce all'invecchiamento della pelle bilanciando i radicali liberi.

In precedenti ricerche è stato dimostrato che la vitamina C topica è significativamente diminuire l'aspetto delle linee sottili (Traikovich, 1999), migliorare il fotodanneggiamento (inclusa la riduzione dei solchi profondi nella pelle) (Humbert, 2003), illumina le macchie scure causata da iperpigmentazione (Telang, 2013) e aumentare la produzione di collagene (Nusgens, 2001), che lo rende una solida opzione a tutto tondo per un siero.

Applicare la crema per gli occhi

Questo potrebbe non essere un passo due volte al giorno per te. Sebbene alcune persone possano apprezzare le creme per gli occhi mattutine, ciò può influire sulla durata dei correttori sotto gli occhi o far scorrere il mascara sulle ciglia inferiori. Puoi prendere in considerazione un prodotto con caffeina, che è stato mostrato per migliorare l'aspetto delle zampe di gallina in appena tre settimane, o la vitamina K, che può ridurre l'oscurità delle occhiaie riducendo la visibilità dei vasi sanguigni sotto la pelle (Ahmadraji, 2015).

Facelift: tipi di procedure, costi e complicazioni

6 minuti di lettura

Se hai a che fare specificamente con il gonfiore della zona degli occhi, la caffeina è una buona opzione per alleviare questo problema. La caffeina è un vasocostrittore, il che significa che restringe i vasi sanguigni sotto gli occhi e migliora l'aspetto delle occhiaie. Di notte, potresti voler optare per una formula più idratante poiché non devi preoccuparti se il tuo trucco funzionerà.

Applicare trattamenti spot a qualsiasi brufolo

Carnagione senza comedoni? Congratulazioni, puoi saltare questo passaggio. Ma per coloro che cercano di sedare un'eruzione di birra o ridurre un brufolo, potresti voler optare per un trattamento spot che utilizza il perossido di benzoile. Questo trattamento topico aiuta a eliminare l'acne e prevenire futuri sblocchi attaccando e riducendo il C. acnes (conosciuto anche come P. acnes ) batteri che vivono sulla pelle. È disponibile in varie forme e in dosaggi, che vanno dal 2,5% al ​​10%, e può anche aiutare a ridurre l'acne in appena cinque giorni (Zaenglein, 2016).

Se hai a che fare con la pelle sensibile, un trattamento localizzato contenente olio di melaleuca potrebbe essere più adatto. La ricerca più vecchia suggerisce quell'olio di melaleuca al 5% è efficace quanto il trattamento con perossido di benzoile al 5% per l'acne comedonica (punti neri e punti bianchi), ma quell'olio di melaleuca impiega più tempo a funzionare (Bassett, 1990).

Applicare i retinoidi

I retinoidi sono una classe di composti chimici correlati alla vitamina A e comprendono prodotti come retinolo, tretinoina e acido retinoico. retinoidi aumentare il turnover cellulare della pelle o quanto velocemente il tuo corpo crea nuovi strati di pelle e elimina quelli vecchi, il che significa che possono aiutare a rivelare la pelle dall'aspetto più giovane sotto.

Ma non funzionano solo in superficie. Aumentano anche la capacità delle cellule della pelle di ricostituire il loro collagene, supportando la struttura che mantiene la pelle morbida e liscia. I retinoidi bloccano la rottura del collagene che la luce UV tipicamente provoca e può quindi ridurre anche la formazione di nuove linee sottili (Mukherjee, 2006).

I retinoidi sono disponibili in prodotti per la cura della pelle da banco (come Differin), ma il tuo dermatologo può anche prescriverne uno con una maggiore concentrazione del principio attivo (come Retin-A, Renova e ReFissa). Questi ingredienti sono noti per causare lo spurgo della pelle (un processo che si verifica quando inizi a utilizzare determinati prodotti per la cura della pelle), durante il quale la tua pelle probabilmente avrà un aspetto peggiore prima di apparire migliore.

Secondo il dermatologo cosmetico Dott. Michele Green , a seconda del tipo di pelle, potrebbe essere necessario passare lentamente a un regime retinoide a causa dell'irritazione che possono inizialmente causare. Un dermatologo può aiutarti a determinare una routine più adatta alla sensibilità della tua pelle, spiega, aggiungendo che questi prodotti non devono essere combinati con prodotti per la cura della pelle che contengono idrossiacidi e devono essere sempre utilizzati in combinazione con un SPF di almeno SPF 30 se sai che sarai esposto alla luce del sole.

Gli operatori sanitari raccomandano contro l'uso di tretinoina topica durante la gravidanza. Là sono stati casi isolati di malformazioni fetali nei neonati di madri che hanno utilizzato tretinoina topica. L'acido retinoico orale è assolutamente controindicato durante la gravidanza, poiché è stato dimostrato che l'esposizione fetale causa difetti alla nascita significativi e persino aborto spontaneo (Lammer, 1985). Dermatologi sono spesso riluttanti a prescrivere questi tipi di farmaci da utilizzare durante l'allattamento quando sono disponibili opzioni alternative (Leachman, 2006).

Applicare la crema idratante

Questa è una delle aree in cui la tua routine di cura della pelle includerà probabilmente due prodotti separati, uno per l'uso mattutino e uno per la sera. Per controllare la produzione di sebo, soprattutto se hai la pelle grassa, la maggior parte delle persone vorrà optare per una formula più leggera. Una crema idratante che utilizza SPF 30 o superiore è particolarmente utile poiché si sovrappone facilmente ma offre anche protezione dai danni fotografici quando si esce all'aperto.

La sera, però, potresti voler optare per qualcosa di più denso e idratante per sostenere la tua pelle durante la notte. Molte creme da notte includono l'acido ialuronico nelle loro formule, un'ottima scelta per quasi tutti i tipi di pelle.

Acido ialuronico è prodotto naturalmente dall'organismo , anche se meno con l'avanzare dell'età, il che significa che è generalmente ben tollerato (Ganceviciene, 2012). Nonostante il suo nome, acido ialuronico non agisce allo stesso modo degli altri acidi nella routine di cura della pelle, come AHA e BHA, afferma il dott. Green. Spiega che incoraggia la pelle a trattenere l'acqua, conferendo un aspetto grassoccio e voluminoso, e può essere combinato con principi attivi più forti come l'acido retinoico senza spogliare o seccare la pelle.

Applicare la protezione solare

I fattori ambientali, la genetica e il fumo influiscono sull'invecchiamento della pelle, ma i danni del sole sono il più grande fattore esterno che porta a cose come linee sottili e rughe. La parte ultravioletta (UV) della luce del giorno, in particolare la luce UVB, danneggia le fibre di elastina e collagene, portando a fotodanneggiamento e invecchiamento precoce (Avci, 2013).

Sebbene molte creme idratanti ora siano dotate di protezione solare incorporata nelle loro formule, una buona regola empirica è che la protezione solare dovrebbe essere lo strato della tua cura della pelle più vicino al sole. Quindi, se hai intenzione di uscire senza trucco, una crema idratante con protezione solare potrebbe essere un buon prodotto nella tua linea quotidiana.

quali vitamine naturali aiutano con la disfunzione erettile

Ma se hai intenzione di applicare il trucco, assicurati di completare la tua routine con una crema solare per prevenire il potenziale danno causato dai raggi UV. La crema solare minerale consente una facile applicazione senza rovinare il trucco.

Riferimenti

  1. Ahmadraji, F., & Shatalebi, M. (2015). Valutazione dell'efficacia clinica e della sicurezza di un tampone oculare contenente caffeina e vitamina K a base di olio di Emu emulsionato. Ricerca biomedica avanzata, 4(1), 10. doi:10.4103/2277-9175.148292. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4300604/
  2. Avci, P., Gupta, A., Sadasivam, M., Vecchio, D., Pam, Z., Pam, N., & Hamblin, M. R. (2013). Terapia laser (luce) a basso livello (LLLT) nella pelle: stimolante, curativa, riparatrice. Seminari di medicina e chirurgia cutanea, 32(1), 41-52, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4126803/
  3. Bassett, I. B., Barnetson, R. S., & Pannowitz, D. L. (1990). Uno studio comparativo sull'olio dell'albero del tè rispetto al perossido di benzoile nel trattamento dell'acne. Rivista medica dell'Australia, 153(8), 455-458. doi:10.5694/j.1326-5377.1990.tb126150.x. Recuperato da https://onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.5694/j.1326-5377.1990.tb126150.x
  4. Fox, L., Csongradi, C., Aucamp, M., Plessis, J. D. e Gerber, M. (2016). Modalità di trattamento per l'acne. Molecole, 21(8), 1063. doi:10.3390/molecules21081063. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27529209/
  5. Ganceviciene, R., Liakou, A. I., Theodoridis, A., Makrantonaki, E., & Zouboulis, C. C. (2012). Strategie antietà per la pelle. Dermato-Endocrinologia, 4(3), 308-319. doi:10.4161/derm.22804. Recuperato da https://www.tandfonline.com/doi/full/10.4161/derm.22804
  6. Humbert, P. G., Haftek, M., Creidi, P., Lapiere, C., Nusgens, B., Richard, A., . . . Zahouani, H. (2003). Acido ascorbico topico sulla pelle fotoinvecchiata. Valutazione clinica, topografica e ultrastrutturale: studio in doppio cieco vs placebo. Dermatologia sperimentale, 12(3), 237-244. doi:10.1034/j.1600-0625.2003.00008.x. Recuperato da https://onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1034/j.1600-0625.2003.00008.x
  7. Lambers, H., Piessens, S., Bloem, A., Pronk, H. e Finkel, P. (2006). Il pH naturale della superficie della pelle è in media inferiore a 5, il che è benefico per la flora residente. Giornale internazionale di scienza cosmetica, 28 (5), 359-370. doi:10.1111/j.1467-2494.2006.00344.x. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/18489300/
  8. Lammer, E.J., Chen, D.T., Hoar, R.M., Agnish, N.D., Benke, P.J., Braun, J.T., Curry, C.J., Fernhoff, P.M., Grix, A.W., Jr, & Lott, I.T. (1985). Embriopatia da acido retinoico. Il giornale di medicina del New England, 313(14), 837-841. doi:10.1056/NEJM198510033131401. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/3162101/
  9. Leachman, S.A., & Reed, B.R. (2006). L'uso di farmaci dermatologici in gravidanza e allattamento. Cliniche dermatologiche, 24(2), 167-vi. doi:10.1016/j.det.2006.01.001. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/16677965/
  10. Moghimipour, E. (2012). Gli idrossiacidi, gli agenti antietà più utilizzati. Jundishapur Jornal di prodotti farmaceutici naturali, 6 (2), 9-10. doi:10.5812/kowsar.17357780.4181. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3941867/
  11. Mukherjee, S., Date, A., Patravale, V., Korting, H. C., Roeder, A., & Weindl, G. (2006). I retinoidi nel trattamento dell'invecchiamento cutaneo: una panoramica dell'efficacia e della sicurezza clinica. Interventi clinici nell'invecchiamento, 1(4), 327-348. doi:10.2147/ciia.2006.1.4.327. Recuperato da http://europepmc.org/article/med/18046911
  12. Nusgens, B. V., Colige, A. C., Lambert, C. A., Lapière, C. M., Humbert, P., Rougier, A., . . . Creidi, P. (2001). La vitamina C applicata localmente migliora il livello di mRNA dei collageni I e III, i loro enzimi di elaborazione e l'inibitore tissutale della matrice metalloproteinasi 1 nel derma umano. Journal of Investigative Dermatology, 116(6), 853-859. doi:10.1046/j.0022-202x.2001.01362.x. Recuperato da https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0022202X15412564
  13. Telang, P. (2013). Vitamina C in dermatologia. Rivista online di dermatologia indiana, 4(2), 143. doi:10.4103/2229-5178.110593. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/23741676/
  14. Traikovich, S.S. (1999). Uso dell'acido ascorbico topico e dei suoi effetti sulla topografia cutanea fotodanneggiata. Archivi di Otorinolaringoiatria–Chirurgia della testa e del collo, 125(10), 1091. doi:10.1001/archotol.125.10.1091. Recuperato da https://jamanetwork.com/journals/jamaotolaryngology/fullarticle/509859
  15. Zaenglein, A., Pathy, A., Schlosser, B., Alikhan, A., Baldwin, H., & Berson, D. et al. (2016). Linee guida di cura per la gestione dell'acne volgare. Giornale dell'Accademia americana di dermatologia, 74 (5), 945-973.e33. doi: 10.1016/j.jaad.2015.12.037. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/26897386/
Vedi altro