Cardiopatia valvolare: cause, sintomi e trattamento

Cardiopatia valvolare: cause, sintomi e trattamento

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Il tuo cuore è composto da quattro camere (atrio sinistro, atrio destro, ventricolo sinistro, ventricolo destro) e quattro valvole unidirezionali per guidare il flusso sanguigno attraverso il cuore e impedire al sangue di tornare indietro. La cardiopatia valvolare (VHD) si verifica quando si ha un danno a una delle quattro valvole cardiache:

  • Valvola tricuspide: mantiene il flusso dall'atrio destro al ventricolo destro
  • Valvola polmonare: mantiene il flusso dal ventricolo destro nell'arteria polmonare (l'arteria che porta il sangue ai polmoni per essere riossigenato)
  • Valvola mitrale: mantiene il flusso dall'atrio sinistro al ventricolo sinistro
  • Valvola aortica: mantiene il flusso dal ventricolo sinistro nell'aorta (la più grande arteria che lascia il cuore)

Vitali

  • La cardiopatia valvolare colpisce una o più delle quattro valvole del cuore: la valvola tricuspide, la valvola polmonare, la valvola mitrale e la valvola aortica.
  • Le tre principali anomalie che possono svilupparsi nella cardiopatia valvolare sono il rigurgito (perdite), la stenosi (apertura stretta) e l'atresia (nessuna apertura).
  • La cardiopatia valvolare può essere congenita (qualcosa con cui sei nato) o acquisita, il che significa che sviluppi problemi con la valvola più avanti nella vita; le cause della cardiopatia valvolare acquisita comprendono febbre reumatica, endocardite infettiva, ipertensione, infarti, ictus e malattia coronarica.
  • Un ecocardiogramma è lo strumento standard utilizzato per valutare e diagnosticare la cardiopatia valvolare. Altri test includono la risonanza magnetica cardiaca, la radiografia del torace, lo stress test e il cateterismo cardiaco.
  • Il trattamento può essere una combinazione di cambiamenti nello stile di vita salutare per il cuore, farmaci e chirurgia valvolare; la chirurgia valvolare può essere eseguita per riparare o sostituire la valvola difettosa.

Le valvole aortica e mitrale sono quelle più spesso colpite da cardiopatia valvolare.

Ci sono tre modi principali in cui le valvole cardiache possono non funzionare correttamente:



  • Rigurgito (o insufficienza): si verifica quando la valvola non si chiude correttamente e il sangue fuoriesce all'indietro nel cuore. A volte ciò è dovuto ai lembi della valvola (chiamati anche cuspidi o lembi) che si gonfiano all'indietro, permettendo al sangue di fuoriuscire intorno ad essa; questa condizione è chiamata prolasso valvolare e il più delle volte colpisce la valvola mitrale. Il rigurgito può interessare una qualsiasi delle quattro valvole; questi sono indicati come insufficienza tricuspidale, insufficienza polmonare, insufficienza mitralica e insufficienza aortica.
  • Stenosi: nella stenosi, i lembi della valvola sono fusi o troppo rigidi per aprirsi completamente e l'apertura complessiva della valvola è più stretta del normale; questo rende più difficile per il sangue passare da una camera all'altra, portando a una diminuzione del flusso sanguigno. Tutte e quattro le valvole possono sviluppare stenosi; questi sono indicati come stenosi tricuspide, stenosi polmonare, stenosi mitralica o stenosi aortica.
  • Atresia: questa condizione è molto meno comune delle altre ed è dovuta a una valvola cardiaca poco sviluppata che non ha un'apertura per il flusso di sangue; questo è un tipo di difetto cardiaco congenito presente alla nascita.

Annuncio pubblicitario

Oltre 500 farmaci generici, ciascuno $ 5 al mese



Passa a Ro Pharmacy per ottenere le tue prescrizioni riempite per soli $ 5 al mese ciascuna (senza assicurazione).

Per saperne di più

Come funzionano le valvole cardiache?

Molte cose accadono durante l'arco di un singolo battito cardiaco. Innanzitutto, il sangue che ritorna dal corpo riempie gli atri sinistro e destro. Le valvole mitrale e tricuspide che si trovano nella parte inferiore degli atri si aprono per consentire al sangue di fluire nei ventricoli corrispondenti. Quando i ventricoli iniziano a contrarsi, le valvole mitrale e tricuspide si chiudono per impedire al sangue di rifluire negli atri. Quando i ventricoli si contraggono, pompano il sangue attraverso le valvole aortica e polmonare rispettivamente nell'aorta e nell'arteria polmonare. Quando i ventricoli si rilassano, le valvole aortica e polmonare si chiudono per impedire al sangue di rifluire nei ventricoli; quindi l'intero processo si ripete con il battito cardiaco successivo. Il suono lub-dub che senti quando ascolti il ​​battito del cuore di qualcuno è il suono delle valvole che si chiudono. Il lub è il suono della chiusura delle valvole mitrale e tricuspide, e il dub è il suono della chiusura delle valvole polmonare e aortica. Per questo motivo, i fornitori possono talvolta rilevare la cardiopatia valvolare dai cambiamenti nei suoni cardiaci; questi suoni cardiaci anormali sono chiamati soffi cardiaci.

Quali sono le cause della cardiopatia valvolare?

La malattia congenita della valvola cardiaca è una condizione in cui le valvole cardiache non si sviluppano correttamente prima della nascita. In questi bambini, una o più valvole possono avere dimensioni anormali, non possono aprirsi o chiudersi correttamente o possono avere lembi formati in modo anomalo; l'atresia della valvola polmonare e le valvole aortiche bicuspide sono esempi di malattie congenite delle valvole cardiache.

Una valvola aortica bicuspide è uno dei malformazioni cardiache congenite più comuni e si verifica nell'1-2% delle persone (Shah, 2018 e Longobardo, 2016). Bicuspide, significa due cuspidi o foglioline; la valvola aortica di solito ha tre lembi che si uniscono per chiudere la valvola, ma le persone con una valvola aortica bicuspide hanno solo due lembi. Senza quel terzo lembo, la valvola aortica può perdere (rigurgito aortico) o se i lembi si fondono, può avere difficoltà ad aprirsi (stenosi aortica). È interessante notare che inizialmente alcune persone non hanno sintomi di questa condizione; nel tempo, possono sviluppare problemi con la loro insufficienza cardiaca simile al cuore.

Contrariamente alla malattia valvolare congenita, la cardiopatia valvolare acquisita (VHD) include anomalie che si sviluppano sulle valvole cardiache che in precedenza erano normali. Diverse condizioni possono causare VHD acquisita, comprese infezioni come febbre reumatica ed endocardite.



  • La febbre reumatica si verifica dopo un'infezione da streptococco non trattata, come il mal di gola. Dall'uso diffuso di antibiotici nella seconda metà del XX secolo, l'incidenza della febbre reumatica è diminuita significativamente negli Stati Uniti, fino a 0,04-0,06 casi per 1.000 bambini; è si verifica principalmente nei bambini di età compresa tra 5 e 15 anni (MMWR, 2015). La febbre reumatica può portare a malattie cardiache reumatiche. Nel tentativo di combattere l'infezione da streptococco, il sistema immunitario finisce per attaccare anche le valvole cardiache, provocando infiammazione ed eventuale cicatrizzazione della valvola cardiaca. Ciò fa sì che le valvole (di solito le valvole aortica o mitrale) diventino stenotiche o che perdono.
  • L'endocardite è un'altra causa infettiva di cardiopatia valvolare acquisita. A volte i batteri entrano nel flusso sanguigno, specialmente dopo procedure dentistiche, interventi chirurgici, uso di droghe per via endovenosa o malattie gravi. Se il corpo non riesce a combatterli, possono viaggiare nel sangue per infettare il cuore, causando l'endocardite. L'endocardite infettiva è una condizione potenzialmente pericolosa per la vita in cui le valvole e il rivestimento interno del cuore (l'endocardio) vengono infettati; quando l'infezione attacca le valvole, può far funzionare le valvole in modo anomalo. Se hai già un problema alla valvola, sei a maggior rischio di contrarre l'endocardite e potresti dover assumere antibiotici prima di sottoporti a un intervento chirurgico o a procedure dentistiche.
  • Altre cause di cardiopatia valvolare acquisita includono malattia coronarica, ipertensione, infarti, ictus e malattie del tessuto connettivo, come la sindrome di Marfan.

Il prolasso della valvola mitrale (MVP) è un tipo di cardiopatia valvolare acquisita che ha anche una componente genetica; circa il 2-3% delle persone negli Stati Uniti ha questa condizione (Delling, 2014). Raramente si osserva nei bambini o negli adulti di età inferiore ai 30 anni, ma sembra funzionare nelle famiglie (Delling, 2014). Nel prolasso della valvola mitrale, i lembi della valvola sono flosci e si rigonfiano nell'atrio piuttosto che formare una chiusura ermetica. Se hai l'MVP, sei a maggior rischio di contrarre l'endocardite infettiva. Alcune persone con MVP devono assumere antibiotici prima delle procedure; parla con il tuo provider per sapere se questo si applica a te.

Secondo il Associazione americana del cuore (AHA), i fattori di rischio per la cardiopatia valvolare includono (AHA, 2016):

  • Età avanzata: nel tempo le valvole cardiache si ispessiscono, diventano più rigide e potrebbero non funzionare correttamente.
  • Storia di endocardite infettiva o febbre reumatica.
  • Storia di infarto, insufficienza cardiaca o precedente malattia della valvola cardiaca (congenita o acquisita).
  • Coronaropatia.
  • Fattori di rischio per malattie cardiache, come ipertensione, colesterolo alto, fumo, diabete, obesità o storia familiare.

Il principale segno fisico della cardiopatia valvolare è un battito cardiaco anormale, chiamato soffio cardiaco; il tuo medico può ascoltarlo con uno stetoscopio durante l'esame. Tuttavia, la presenza di un soffio al cuore può o non può essere dovuta a una malattia della valvola cardiaca; inoltre, anche se il soffio è dovuto a una malattia valvolare, potresti non avere altri problemi o sintomi. Molte persone con malattia della valvola cardiaca non hanno sintomi, soprattutto all'inizio della malattia, o possono svilupparsi così lentamente da non essere evidenti. Una valvola può funzionare male in modo significativo con sintomi minimi; puoi anche avere una malattia valvolare lieve con sintomi gravi.

Segni e sintomi che possono manifestare le persone con cardiopatia valvolare includono:

  • Fatica
  • Mancanza di respiro o difficoltà a riprendere fiato, soprattutto quando si è sdraiati o si fa esercizio (come camminare)
  • Dolore al petto
  • Sentirsi come se il tuo cuore battesse, correndo o saltando i battiti
  • Piedi, gambe o addome gonfi
  • Vertigini o episodi di svenimento

Come diagnosticare la cardiopatia valvolare

La diagnosi di cardiopatia valvolare inizia spesso con il medico di base. Un esame fisico è il primo passo nella diagnosi di VHD. Il tuo medico ascolterà il tuo cuore (per verificare la presenza di un soffio al cuore), ascolterà i tuoi polmoni (per vedere se c'è un accumulo di liquidi) e controllerà i tuoi piedi per eventuali gonfiori. Potresti quindi essere indirizzato a uno specialista in cardiologia (un fornitore specializzato in malattie del cuore) per ulteriori test.

Per aiutare nella diagnosi della cardiopatia valvolare, il tuo medico di cardiologia potrebbe farti sottoporre a un test speciale chiamato ecocardiogramma (a volte indicato come eco); questo è lo strumento standard per valutare la funzione della valvola cardiaca. Gli ecocardiogrammi utilizzano le onde sonore per creare un'immagine del tuo cuore e visualizzare come il sangue scorre attraverso le diverse camere. Può darti informazioni sulle dimensioni del tuo cuore, su quanto bene sta pompando il sangue e se una qualsiasi delle valvole è stretta o perde. Esistono due diversi tipi di studi: ecocardiogramma transtoracico (TTE) ed ecocardiogramma transesofageo (TEE). In un TTE, lo strumento che produce le onde sonore (trasduttore) è posizionato sul petto. Considerando che in un TEE, il trasduttore è collegato a un tubo flessibile ed è guidato lungo l'esofago (gola), mentre ti vengono somministrate medicine per aiutarti a rilassarti; il TEE produce immagini migliori perché è più vicino al cuore e le onde sonore non devono viaggiare così lontano.

A seconda dei risultati dell'ecocardiogramma, alcune persone potrebbero aver bisogno di ulteriori test dopo l'ecocardiogramma. Ulteriori test possono includere:

  • Cateterismo cardiaco (chiamato anche angiografia): questa è una procedura minimamente invasiva in cui un tubo sottile viene inserito in un vaso sanguigno nell'inguine o nel braccio e guidato nel cuore. Una volta all'interno, può misurare la pressione sanguigna all'interno del cuore, valutare la funzione dei muscoli cardiaci e controllare il movimento del sangue attraverso le valvole. Il cateterismo cardiaco può anche darti informazioni sul fatto che i tuoi problemi siano dovuti a una malattia coronarica.
  • Radiografia del torace: viene scattata un'immagine del torace utilizzando i raggi X per osservare le dimensioni del cuore e se c'è un accumulo di liquido nei polmoni.
  • Elettrocardiogramma (ECG): questo test registra l'attività elettrica del cuore e cerca battiti cardiaci anormali o segni di precedenti attacchi di cuore.
  • Risonanza magnetica cardiaca: una risonanza magnetica cardiaca utilizza le onde magnetiche per creare immagini del cuore e delle sue valvole.
  • Test da sforzo da sforzo: ti viene chiesto di fare esercizio (o ti viene data una medicina per far battere il cuore più velocemente per simulare l'esercizio) e vengono scattate foto del tuo cuore per vedere come funziona il tuo cuore sotto stress. Può fornire informazioni sulla gravità della malattia della valvola cardiaca.

Trattamenti per le cardiopatie valvolari

Non ci sono farmaci per fermare una valvola che perde o aprirne una stretta; tuttavia, ci sono trattamenti che possono migliorare i sintomi e potenzialmente ritardare il peggioramento. Alcune persone potrebbero eventualmente aver bisogno di un intervento chirurgico per riparare o sostituire le loro valvole anormali. I pilastri della terapia per la cardiopatia valvolare sono i cambiamenti nello stile di vita sano per il cuore oltre ai farmaci e/o alla chirurgia.

L'obiettivo dei cambiamenti nello stile di vita sano per il cuore è trattare le condizioni cardiache che possono peggiorare la malattia cardiaca valvolare. Queste modifiche includono:

  • Alimentazione sana per il cuore con una dieta povera di sodio e grassi saturi e ricca di frutta e verdura
  • Mantenere un peso sano; l'obesità è un fattore di rischio non solo per le cardiopatie valvolari, ma anche per altre forme di cardiopatia
  • Ridurre al minimo lo stress
  • Allenarsi più volte alla settimana
  • Smettere di fumare

Sebbene queste siano strategie eccellenti da incorporare nel tuo stile di vita per promuovere un cuore sano, molte persone con cardiopatia valvolare scoprono che questo non è sufficiente e hanno bisogno di assumere farmaci. Ecco le tipi di medicinali che il tuo fornitore potrebbe prescriverti e le ragioni per cui (AHA, 2016):

  • ACE inibitore
    • Dilata (apre) i vasi sanguigni per ridurre la pressione sanguigna e rallentare la progressione dell'insufficienza cardiaca
  • Antiaritmici
    • Mantiene il cuore a battere con un ritmo normale
  • Antibiotici
    • Previene l'infezione, soprattutto prima e dopo le procedure
  • Anticoagulanti (fluidificanti del sangue)
    • Riduce il rischio di sviluppare coaguli di sangue che possono portare a infarti e ictus. Il sangue intorno alle valvole difettose non circola bene ed è più soggetto a coagulazione
  • Beta-bloccanti
    • Diminuisce la frequenza cardiaca e abbassa la pressione sanguigna.
  • Diuretici (pillole d'acqua)
    • Aiuta a ridurre l'accumulo di liquidi nel sangue e nei tessuti corporei, diminuendo così il carico di lavoro sul cuore
  • vasodilatatori
    • Apre i vasi sanguigni nel cuore e nel corpo per ridurre il carico di lavoro del cuore e incoraggiare il sangue a muoversi in avanti piuttosto che fuoriuscire all'indietro

Nonostante i cambiamenti nello stile di vita e i farmaci, la cardiopatia valvolare di alcune persone peggiora al punto che devono sottoporsi a un intervento chirurgico per riparare o sostituire la valvola cardiaca difettosa. La decisione se riparare o sostituire una valvola cardiaca dipende dalla gravità della malattia, dalla necessità di un intervento chirurgico al cuore per altri motivi e dalla salute generale. È preferibile riparare una valvola cardiaca piuttosto che sostituirla, quando possibile. Sfortunatamente, la riparazione delle valvole cardiache è più impegnativa e non tutte le valvole possono essere riparate.

La riparazione della valvola cardiaca può essere eseguita in diversi modi. Alcune opzioni sono aggiungere tessuto per riparare le lacrime, rimuovere il tessuto per consentire alla valvola di chiudersi saldamente o separare i lembi che sono sfregiati insieme. Un tipo di riparazione della valvola utile per le valvole stenosi (troppo strette) è la valvuloplastica con palloncino. Un tubo sottile con un palloncino sulla punta viene guidato nel cuore e gonfiato all'interno della valvola a tenuta per allargare l'apertura della valvola. Questa procedura sembra funzionare meglio per la stenosi della valvola mitrale e non altrettanto per gli adulti con stenosi della valvola aortica.

Se la tua valvola non può essere riparata, allora deve essere sostituita. La sostituzione di una valvola cardiaca comporta la rimozione della valvola disfunzionale e la sua sostituzione con una valvola meccanica o biologica; le valvole biologiche provengono da un maiale, da una mucca o da un tessuto cardiaco umano. A volte una valvola aortica può essere sostituita inserendo una nuova valvola (tramite un catetere) all'interno della vecchia valvola; la nuova valvola spinge via i vecchi volantini e la nuova valvola prende il sopravvento. Questa procedura è chiamata sostituzione della valvola aortica transcatetere (TAVR).

Come prevenire la cardiopatia valvolare

Il modo migliore per prevenire la cardiopatia valvolare è affrontare i fattori di rischio per questa condizione. La maggior parte dei fattori di rischio è correlata alla salute generale del cuore, come l'ipertensione e il colesterolo alto, quindi fare cose per mantenere il cuore sano può anche prevenire le malattie della valvola cardiaca. Le cose che puoi fare per migliorare la salute del tuo cuore includono:

  • Dieta a basso contenuto di sale e di grassi saturi ad alto contenuto di frutta e verdura.
  • Esercizio più volte a settimana.
  • Trattare le malattie cardiache esistenti (come ipertensione, colesterolo alto o insufficienza cardiaca) come indicato dal medico
  • Smettere di fumare.

La cardiopatia valvolare è una condizione che dura tutta la vita; tuttavia, molte persone vivono una vita lunga e piena con la loro malattia della valvola. Dovresti vedere il tuo provider per controlli regolari e mantenere linee di comunicazione aperte. Informa subito il tuo medico se manifesti uno qualsiasi dei sintomi della cardiopatia valvolare o se stanno peggiorando.

Riferimenti

  1. American Heart Association (AHA) – Farmaci per i sintomi della valvola cardiaca. (2016, 31 maggio). Estratto il 22 novembre 2019 da https://www.heart.org/it/argomenti-di-salute/problemi-e-malattia-della-valvola-cardiaca/comprensione-le-opzioni-di-trattamento-della-valvola-cardiaca/farmaci-per-sintomi-della-valvola-cardiaca
  2. American Heart Association (AHA) – Rischi per problemi alle valvole cardiache. (2016, 31 maggio). Estratto il 22 novembre 2019 da https://www.heart.org/it/argomenti-di-salute/problemi-e-malattia-della-valvola-cardiaca/rischi-e-sintomi-della-valvola-cardiaca-segni-e-rischi-per-problemi-della-valvola-cardiaca
  3. Longobardo, L., Jain, R., Carerj, S., Zito, C. e Khandheria, B. K. (2016). Valvola aortica bicuspide: sbloccare il puzzle morfogenetico. L'American Journal of Medicine, 129 (8), 796-805. doi: 10.1016/j.amjmed.2016.03.009, https://europepmc.org/article/med/27059385
  4. Rapporto settimanale sulla morbilità e la mortalità (MMWR), Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie - Febbre reumatica acuta e cardiopatia reumatica tra i bambini - Samoa americane, 2011-2012. (2015). Estratto il 22 novembre 2019 da https://www.cdc.gov/mmwr/preview/mmwrhtml/mm6420a5.htm
  5. Shah, S. Y., Higgens, A. e Desai, M. Y. (2018). Valvola aortica bicuspide: nozioni di base e oltre. Cleveland Clinic Journal of Medicine, 85 (10), 779-784. Recuperato da https://www.mdedge.com/ccjm/article/175729/cardiology/bicuspid-aortic-valve-basics-and-beyond
Vedi altro