Carenza di vitamina D: 15 segni e sintomi comuni

Carenza di vitamina D: 15 segni e sintomi comuni

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi di carattere medico, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli su Health Guide sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

La vitamina D è un po' come la NASA. Sappiamo che entrambi fanno grandi cose, anche se non siamo sicuri di cosa siano esattamente, e ne parliamo come un'unità. Ma proprio come ci sono persone che lavorano alla NASA, quella che conosci come vitamina D, o calcifediolo, è in realtà una raccolta di steroidi liposolubili. Questi steroidi agiscono come ormoni nel tuo corpo e la vitamina D2 (ergocalciferolo) e D3 (colecalciferolo) sono particolarmente vitali per gli esseri umani.

Nonostante la sua importanza nel nostro corpo per creare ossa forti, ridurre il rischio di malattie cardiache e potenzialmente aumentare la nostra immunità, il 41,6% degli adulti negli Stati Uniti non ne ha abbastanza (Forrest, 2011). E poiché la pelle pallida produce più di questa vitamina solare con l'esposizione al sole alla luce ultravioletta (luce UV), le persone con la pelle scura hanno una maggiore possibilità di carenza. Se sei afroamericano o ispanico, il rischio di carenza di vitamina D sale rispettivamente all'82,1% e al 69,2%. (Questi numeri utilizzano un valore limite di ≤50 nmol/L per definire ciò che conta come una carenza.) Gli esperti di salute pubblica ritengono che l'aumento della preoccupazione per il cancro della pelle abbia ridotto la già piccola quantità di tempo che abbiamo trascorso al sole. Insieme a un passaggio a più lavoro d'ufficio, semplicemente non siamo in un posto per un'adeguata produzione di vitamina D. Questa non è una scusa per lesinare sulla protezione solare (ne parleremo più avanti).

Vitali

  • Il 41,6% degli adulti negli Stati Uniti non riceve abbastanza vitamina D e le persone con la pelle scura hanno maggiori probabilità di essere carenti.
  • Questo perché la pelle pallida produce più di questa vitamina solare rispetto all'esposizione alla luce ultravioletta (luce UV)
  • Le persone che vivono a nord di Atlanta, in Georgia, hanno maggiori probabilità di essere carenti di D nei mesi invernali.
  • Problemi medici come il morbo di Crohn, la celiachia e la fibrosi cistica perché possono causare malassorbimento della vitamina D nel loro intestino.

Altre cause di carenza di vitamina D

Una carenza non sempre deriva dalla mancanza di alimenti ricchi di vitamina D o dall'esposizione alla luce solare. Sia la vitamina D3 che la D2 devono essere convertite nelle loro forme attive sia dal fegato che dai reni e questo processo può essere compromesso in alcune persone a causa di problemi di salute. Altri fattori di rischio includono problemi medici come il morbo di Crohn, la celiachia e la fibrosi cistica perché possono causare malassorbimento di vitamina D nel loro intestino.



Segni e sintomi di carenza di vitamina D

Una carenza di vitamina D può essere difficile da rilevare, motivo per cui siamo lieti che tu stia leggendo i sintomi comuni. Notare i segni può aiutarti a difendere te stesso o almeno avviare una discussione con il tuo medico su come ti senti. Non credo che la maggior parte delle persone noterebbe di essere carente di vitamina D, afferma la dottoressa Dana Hunnes, dietista senior presso il Ronald Reagan UCLA Medical Center. Molti dei suoi segni e sintomi (non aver eseguito un esame del sangue) sono relativamente aspecifici e possono anche essere confusi da altre carenze o condizioni nutrizionali.

E, prendi nota: non devi avere una carenza per soffrire. Anche bassi livelli ematici di vitamina D sono stati associati ad un aumento del rischio di malattie cardiovascolari, asma nei bambini (Ali, 2017) e deterioramento cognitivo negli anziani (Kent, 2009).

Sistema immunitario indebolito/Ammalarsi spesso

I bambini affetti da infezioni del tratto respiratorio inferiore avevano livelli di vitamina D inferiori rispetto alle loro controparti sane, secondo uno studio (Jat, 2016). Un altro ha osservato una connessione tra i livelli di vitamina D e la polmonite nei loro partecipanti (Pletz, 2014), non solo se ne avevano, ma anche la gravità della loro malattia.



Fatica

I sintomi della carenza di vitamina D possono sembrare gli effetti della vita quotidiana. La maggior parte delle persone che hanno un'insufficienza o una carenza di vitamina D potrebbero non saperlo automaticamente o addirittura notarlo poiché molti di noi sono comunque esauriti dall'assistenza all'infanzia o dal lavoro o dal sonno insufficiente, spiega il dott. Sì, potrebbe influire sulla tua capacità di svolgere il tuo lavoro, ma potrebbe farlo anche una di queste cose sopra elencate. Il Dr. Hunnes aggiunge che sarebbe importante identificare la causa principale di questi segni e sintomi, motivo per cui dovresti iniziare una conversazione con un medico, anche se pensi di essere solo stanco.

dolore osseo

Il dottor Hunnes identifica il dolore osseo come uno dei sintomi più comuni e gravi della carenza di vitamina D. È probabile che questo sia anche sperimentato specificamente come mal di schiena, secondo uno studio (E Silva, 2013). Hanno esaminato oltre 9.000 partecipanti e hanno trovato un'associazione tra mal di schiena e carenza di vitamina D.

Debolezza muscolare

Altri fattori possono confondere alcuni segni di una carenza di vitamina D. Potresti sentire debolezza muscolare perché ti sei allenato o hai limitato le calorie per perdere peso. Forse non hai dormito abbastanza. Ma se senti che la tua forza muscolare ne risente, menzionalo quando parli con un medico, soprattutto se lo stai vivendo insieme ad altri sintomi in questo elenco.



Depressione

È un disturbo affettivo stagionale o non c'è abbastanza vitamina D? Può essere difficile da dire. I ricercatori hanno trovato una connessione tra la carenza di vitamina D e l'ansia e la depressione (Armstrong, 2006), sebbene non possano dire con certezza che l'una abbia causato l'altra. Ma un altro studio potrebbe aver contribuito a chiarirlo (Jorde, 2008). Le persone che soffrono di depressione hanno riportato un alleviamento dei loro sintomi quando i ricercatori hanno dato loro integratori di vitamina D.

Perdita di massa ossea

Se c'è un ruolo della vitamina D che la maggior parte delle persone conosce, è che i D supportano la salute delle ossa prevenendo la perdita ossea attraverso condizioni come l'osteoporosi. Questo perché la vitamina D aumenta l'assorbimento del calcio da parte dell'intestino e svolge un ruolo fondamentale nel rimodellamento delle ossa. I ricercatori hanno anche scoperto un forte legame tra bassi livelli sierici di vitamina D e bassa densità minerale ossea in un ampio studio osservazionale su donne in menopausa o postmenopausa (Bener, 2015). La carenza di vitamina D può anche causare l'osteomalacia, o un rammollimento delle ossa, negli anziani (Sitta, 2009).

come funziona il propranololo per l'ansia?

La perdita di capelli

Sebbene siano necessarie ulteriori ricerche in questo settore, bassi livelli di vitamina D sembrano associati alla caduta dei capelli (Rasheed, 2013). Esiste anche un'associazione tra D basso e alopecia areata, una malattia autoimmune associata al rachitismo e caratterizzata da una grave perdita di capelli (Mahamid, 2014). Uno studio ha esaminato ancora più da vicino la connessione tra vitamina D e perdita di capelli, in particolare nei pazienti con alopecia areata. I ricercatori hanno scoperto che più grave è la perdita di capelli, più bassi erano i livelli ematici di vitamina D del paziente (Aksu Cerman, 2014).

Incapacità di guarire le ferite

Se anche piccoli graffi e tagli impiegano un'eternità a guarire, potrebbe essere un segno per controllare i tuoi livelli D. Quando i ricercatori hanno esaminato la capacità di questa vitamina di mantenere l'omeostasi del glucosio, hanno anche scoperto che aiutava indirettamente la guarigione delle ferite (Razzaghi, 2017). La vitamina del sole ha aumentato il controllo glicemico dei partecipanti allo studio, che ha sedato l'infiammazione e ha permesso alle ulcere del piede di guarire.

Ansia

Ottenere abbastanza vitamina D potrebbe richiedere un po' di pianificazione, ma ne vale la pena. Uno studio ha scoperto che le persone con disturbi d'ansia avevano livelli ematici di vitamina D più bassi rispetto a coloro che non soffrivano di queste condizioni all'interno della stessa fascia di età (Bičíková, 2015). E sebbene lo studio sia stato condotto solo su donne con diabete di tipo 2 e ansia, i ricercatori hanno scoperto che l'integrazione di vitamina D ha contribuito a migliorare il loro umore (Penckofer, 2017).

Aumento di peso

La tua mancanza di vitamina D potrebbe apparire sulla bilancia. Esiste un'associazione tra livelli più bassi di vitamina D e un aumento del grasso della pancia e della circonferenza della vita, secondo una ricerca presentata nel 2018 (Rafiq, 2018). Ma altri studi recenti indicano che correggere i nostri bassi livelli di vitamina D può anche aiutare a perdere peso. La circonferenza della vita, la circonferenza dell'anca, il peso e l'IMC sono tutti diminuiti nei partecipanti che hanno ricevuto integratori di vitamina D in uno studio (Khosravi, 2018).

Problemi respiratori

Sebbene la salute delle ossa sia stata per lungo tempo un obiettivo primario degli studi sulla vitamina D, i ricercatori stanno ora esaminando i recettori della vitamina D e gli effetti della vitamina D sull'infiammazione e sull'immunità. Una revisione degli studi clinici in quest'area delinea la capacità della vitamina D di ridurre il rischio di contrarre il raffreddore o l'influenza o di sviluppare l'asma (Hughes, 2009). E uno studio del 2019 ha scoperto che l'integrazione potrebbe persino ridurre alcuni sintomi della malattia polmonare ostruttiva cronica (BPCO) (Jolliffe, 2019).

infertilità

La ricerca è lacerata qui e occorre fare più lavoro per chiarire la connessione, ma alcuni studi mostrano una connessione tra un livello sierico di vitamina D più elevato e maggiori possibilità di gravidanza attraverso la fecondazione in vitro (Farzadi, 2015) (Paffoni, 2014). Ottenere la quantità di vitamina D di cui hai bisogno potrebbe anche aiutarti ad avere una gravidanza sana, poiché livelli più bassi sono stati associati a vaginosi batterica (Bodnar, 2009), diabete gestazionale (Zhang, 2015) e parto pretermine (Bodnar, 2015).

Malattia cardiovascolare

I ricercatori hanno notato più volte la qualità protettiva della vitamina D contro le malattie cardiovascolari (CVD), anche se non è chiaro quale meccanismo lo faccia accadere (Giovannucci, 2008) (Anderson, 2010). Ma non è necessario capire come funziona per sapere che non assumere molta vitamina D può aumentare le probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari, malattie coronariche (Anderson, 2010) e insufficienza cardiaca, oltre ad avere un infarto (Lund, 1978 ).

Sclerosi multipla

Ottenere la giusta quantità di vitamina D può aiutare a prevenire la sclerosi muscolare (SM), una revisione sistematica degli studi precedenti trovati (Sintzel, 2017). Ha anche scoperto che la vitamina D può anche alterare l'attività della malattia nei pazienti con SM, sebbene i revisori ritengano che siano necessarie ulteriori ricerche in queste aree.

Ipertensione

Bassi livelli di vitamina D sono anche associati ad un aumentato rischio di ipertensione (pressione alta). In effetti, una meta-analisi ha scoperto che la vitamina del sole modula indirettamente la pressione sanguigna e i ricercatori pensano che abbia a che fare con il ruolo di D nelle prestazioni dell'ormone paratiroideo (Mehta, 2017). Gli studi sono stati contrastanti, ma alcuni hanno scoperto che l'integrazione con vitamina D riduce la pressione sanguigna in quelli già a basso contenuto di vitamina (Larsen, 2012).

differenza tra eczema nummulare e tigna

Da notare che le persone carenti di vitamina D possono avere tutti, alcuni o nessuno di questi sintomi. Questo rappresenta ciò che dicono alcune ricerche, ma in realtà ogni persona può presentare sintomi unici.

Trattamento della carenza di vitamina D

Se sospetti di avere bassi valori di vitamina D, vai dal tuo medico. Saranno in grado di eseguire un esame del sangue per identificare i tuoi livelli D e prescrivere un ciclo di trattamento. Il test gold standard per i livelli di vitamina D è un test della 25-idrossi vitamina D altrimenti noto come vitamina D idrossile, afferma il dott. Hunnes. Una volta che assumi la vitamina D, il tuo corpo la converte in una sostanza chimica chiamata 25-idrossivitamina D o calcidiolo. Questo esame del sangue controlla il tuo siero 25-idrossivitamina d (che potresti vedere abbreviato come 25 (OH) D).

La carenza a volte richiede un regime a breve termine di supplementazione di vitamina D ad alte dosi che dovrebbe essere monitorato da un medico. La dottoressa Hunnes spiega che può volerci più tempo per accumulare storie di vitamina D perché è liposolubile, quindi in genere somministra ai pazienti un regime di integratori di 12 settimane e alla fine ne testerà nuovamente i livelli. Una grave carenza di vitamina D può richiedere 50.000 unità internazionali (UI) di ergocalciferolo (D2) a settimana o 2.000-4.000 UI di colecalciferolo (D3) al giorno per 12 settimane. Assicurati di lavorare con un medico, poiché prenderne troppo può causare tossicità da vitamina D.

Come prevenire una carenza di vitamina D

Sebbene trascorriamo più tempo al chiuso lontano dalla luce solare, che riduce la nostra capacità di produrre vitamina D, riduce anche un fattore di rischio per il cancro della pelle. Questo è importante, soprattutto per i gruppi di persone con la pelle più scura che avrebbero bisogno di un'esposizione più lunga per produrre la stessa quantità. E con altri modi per ottenere la vitamina D, non è necessario un tempo potenzialmente pericoloso alla luce diretta del sole senza protezione solare. Il metodo di prevenzione più sicuro e più semplice può essere in cucina.

Rifornisci la tua cucina di buone fonti alimentari di vitamina D come pesce grasso (come salmone rosso, sgombro, olio di fegato di merluzzo e aringhe), tuorli d'uovo, fegato di manzo, latticini e cibi fortificati come succo d'arancia e alcuni cereali per la colazione. Basta non impazzire o aggiungere un integratore al tuo regime, a meno che tu non abbia controllato il tuo stato di vitamina D. L'assunzione di vitamina D può essere sufficiente se stai mangiando molti di questi alimenti, poiché l'indennità dietetica raccomandata per gli adulti (600 UI per quelli tra 1 e 70 anni, 800 UI per quelli di età pari o superiore a 71 anni) può essere raggiunta dalle sole fonti di cibo .

Riferimenti

  1. Aksu Cerman, A., Sarikaya Solak, S., & Kivanc Altunay, I. (2014). Carenza di vitamina D nell'alopecia areata. British Journal of Dermatology , 170 (6), 1299–1304. doi: 10.1111/bjd.12980
  2. Ali, N.S., & Nanji, K. (2017). Una rassegna sul ruolo della vitamina D nell'asma. cureus , 9 (5), e1288. doi: 10.7759 / cureus.1288
  3. Anderson, J. L., May, H. T., Horne, B. D., Bair, T. L., Hall, N. L., Carlquist, J. F., … Muhlestein, J. B. (2010). Relazione tra carenza di vitamina D e fattori di rischio cardiovascolare, stato di malattia ed eventi incidenti in una popolazione sanitaria generale. L'American Journal of Cardiology, 106 (7), 963-968. doi: 10.1016/j.amjcard.2010.05.027
  4. Armstrong, D.J., Meenagh, G.K., Bickle, I., Lee, A.S.H., Curran, E.-S., & Finch, M.B. (2006). La carenza di vitamina D è associata ad ansia e depressione nella fibromialgia. Reumatologia clinica, 26, 551-554. doi: 10.1007/s10067-006-0348-5
  5. Bener, A., & Saleh, N. (2015). Bassa vitamina D e densità minerale ossea con carico di sintomi depressivi nelle donne in menopausa e postmenopausa. Journal of Mid-Life Health, 6(3), 108. doi: 10.4103/0976-7800.165590
  6. Bičíková, M., Dušková, M., Vítků, J., Kalvachová, B., Řípová, D., Mohr, P., & Stárka, L. (2015). Vitamina D nei disturbi d'ansia e affettivi. Ricerca fisiologica, 64 (suppl 2), S101–S103. Estratto da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26680471
  7. Bodnar, L. M., Krohn, M. A. e Simhan, H. N. (2009). La carenza materna di vitamina D è associata alla vaginosi batterica nel primo trimestre di gravidanza. Il Journal of Nutrition, 139(6), 1157-1161. doi: 10.3945/jn.108.103168
  8. Bodnar, L. M., Platt, R. W. e Simhan, H. N. (2015). Carenza di vitamina D precoce e rischio di sottotipi di nascita prematura. Ostetricia e ginecologia, 125(2), 439–447. doi: 10.1097/aog.0000000000000621
  9. E Silva, A. V., Lacativa, P. G. S., Russo, L. A. T., de Gregório, L. H. D., Pinheiro, R. A. C. e Marinheiro, L. P. F. (2013). Associazione di mal di schiena con ipovitaminosi D nelle donne in postmenopausa con bassa massa ossea. Disturbi muscoloscheletrici BMC, 14, 184. doi: 10.1186/1471-2474-14-184
  10. Farzadi, L., Bidgoli, H. K., Ghojazadeh, M., Bahrami, Z., Fattahi, A., Latifi, Z., … Nouri, M. (2015). Correlazione tra il fluido follicolare 25-OH vitamina D e gli esiti di riproduzione assistita. Giornale iraniano di medicina riproduttiva, 13(6), 361-366. Estratto da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4555056/
  11. Forrest, K. Y. e Stuhldreher, W. L. (2011). Prevalenza e correlati della carenza di vitamina D negli adulti statunitensi. Ricerca sulla nutrizione, 31 (1), 48-54. doi: 10.1016/j.nutres.2010.12.001
  12. Giovannucci, E., Liu, Y., Hollis, B.W., & Rimm, E.B. (2008). 25-idrossivitamina D e rischio di infarto miocardico negli uomini: uno studio prospettico. Archivi di medicina interna, 168(11), 1174-1180. doi: 10.1001/archinte.168.11.1174
  13. Hughes, DA, & Norton, R. (2009). Vitamina D e salute respiratoria. Immunologia clinica e sperimentale, 158 (1), 20-25. doi: 10.1111/j.1365-2249.2009.04001.x
  14. Jat, K. R. (2016). Carenza di vitamina D e infezioni del tratto respiratorio inferiore nei bambini: una revisione sistematica e una meta-analisi di studi osservazionali. Dottore tropicale, 47 (1), 77-84. doi: 10.1177/0049475516644141
  15. Jolliffe, D. A., Greenberg, L., Hooper, R. L., Mathyssen, C., Rafiq, R., Jongh, R. T. D., … Martineau, A. R. (2019). Vitamina D per prevenire le riacutizzazioni della BPCO: revisione sistematica e meta-analisi dei dati dei singoli partecipanti da studi randomizzati controllati. Torace, 74(4), 337-345. doi: 10.1136/thoraxjnl-2018-212092
  16. Jorde, R., Sneve, M., Figenschau, Y., Svartberg, J., & Waterloo, K. (2008). Effetti della supplementazione di vitamina D sui sintomi della depressione in soggetti in sovrappeso e obesi: studio randomizzato in doppio cieco. Giornale di medicina interna, 264 (6), 599-609. doi: 10.1111/j.1365-2796.2008.02008.x
  17. Kent, S. T., McClure, L. A., Crosson, W. L., Arnett, D. K., Wadley, V. G. e Sathiakumar, N. (2009). Effetto dell'esposizione alla luce solare sulla funzione cognitiva tra i partecipanti depressi e non depressi: uno studio trasversale REGARDS. Salute ambientale, 8, 34. doi: 10.1186/1476-069x-8-34
  18. Khosravi, Z., Kafeshani, M., Tavasoli, P., Zadeh, A., & Entezari, M. H. (2018). Effetto della supplementazione di vitamina D sulla perdita di peso, sugli indici glicemici e sul profilo lipidico nelle donne obese e in sovrappeso: uno studio clinico. Rivista internazionale di medicina preventiva, 9, 63. doi: 10.4103/ijpvm.ijpvm_329_15
  19. Larsen, T., Mose, F. H., Bech, J. N., Hansen, A. B. e Pedersen, E. B. (2012). Effetto della supplementazione di colecalciferolo durante i mesi invernali in pazienti con ipertensione: uno studio randomizzato e controllato con placebo. Giornale americano di ipertensione, 25 (11), 1215-1222. doi: 10.1038/ajh.2012.111
  20. Lund, B., Badskjaer, J., Lund, B., & Soerensen, O. H. (1978). Vitamina D e cardiopatia ischemica. Ricerca sugli ormoni e sul metabolismo, 10(6), 553-556. doi: 10.1055/s-0028-1093390
  21. Mahamid, M., Abu-Elhija, O., Samamra, M., Mahamid, A., & Nseir, W. (2014). Associazione tra livelli di vitamina D e alopecia areata. The Israel Medical Association Journal, 16(6), 367-370. Estratto da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25058999
  22. Mehta, V., & Agarwal, S. (2017). La carenza di vitamina D porta all'ipertensione? Cureo, 9(2), e1038. doi: 10.7759/cureus.1038
  23. Paffoni, A., Ferrari, S., Viganò, P., Pagliardini, L., Papaleo, E., Candiani, M., … Somigliana, E. (2014). Vitamin D Deficiency and Infertility: Insights From in vitro Fertilization Cycles. The Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism, 99(11), E2372–E2376. doi: 10.1210/jc.2014-1802
  24. Penckofer, S., Byrn, M., Adams, W., Emanuele, M. A., Mumby, P., Kouba, J., & Wallis, D. E. (2017). La supplementazione di vitamina D migliora l'umore nelle donne con diabete di tipo 2. Journal of Diabetes Research, 2017, 8232863. doi: 10.1155/2017/8232863
  25. Pletz, M. W., Terkamp, ​​C., Schumacher, U., Rohde, G., Schütte, H., Welte, T., & Bals, R. (2014). Carenza di vitamina D nella polmonite acquisita in comunità: bassi livelli di 1,25(OH)2 D sono associati alla gravità della malattia. Ricerca respiratoria, 15, 53. doi: 10.1186/1465-9921-15-53
  26. Rafiq, R., Walschot, F., Lips, P., Lamb, H., de Roos, A., Rosendaal, F., … de Mutsert, R. (2018). Girovita più grandi sono collegati a un rischio più elevato di carenza di vitamina D. Società Europea di Endocrinologia. Estratto da https://www.eurekalert.org/pub_releases/2018-05/esoe-lwa051718.php
  27. Rasheed, H., Mahgoub, D., Hegazy, R., El-Komy, M., Hay, R. A., Hamid, M. e Hamdy, E. (2013). Ferritina sierica e vitamina D nella caduta dei capelli femminile: hanno un ruolo? Farmacologia e fisiologia della pelle, 26 (2), 101-107. doi: 10.1159/000346698
  28. Razzaghi, R., Pourbagheri, H., Momen-Heravi, M., Bahmani, F., Shadi, J., Soleimani, Z., & Asemi, Z. (2017). Gli effetti della supplementazione di vitamina D sulla guarigione delle ferite e sullo stato metabolico nei pazienti con ulcera del piede diabetico: uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo. Journal of Diabetes and its Compplications, 31(4), 766–772. doi: 10.1016/j.jdiacomp.2016.06.017
  29. Sintzel, M. B., Rametta, M., & Reder, A. T. (2017). Vitamina D e sclerosi multipla: una revisione completa. Neurologia e terapia, 7 (1), 59-85. doi: 10.1007/s40120-017-0086-4
  30. Sitta, M. D. C., Cassis, S. V. A., Horie, N. C., Moyses, R. M. A., Jorgetti, V. e Garcez-Leme, L. E. (2009). Osteomalacia e carenza di vitamina D negli anziani. Cliniche, 64(2), 156-158. doi: 10.1590/s1807-59322009000200015
  31. Zhang, M.-X., Pan, G.-T., Guo, J.-F., Li, B.-Y., Qin, L.-Q., & Zhang, Z.-L. (2015). La carenza di vitamina D aumenta il rischio di diabete mellito gestazionale: una meta-analisi di studi osservazionali. Nutrienti, 7(10), 8366–8375. doi: 10.3390/nu7105398
    Vedi altro