Vitamina D e depressione: come sono collegate?


Vitamina D e depressione: come sono collegate?

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

La depressione è una condizione diffusa e sempre più comune. Ma 70 anni dopo il rilascio dei primi farmaci antidepressivi, la scienza non si è ancora avvicinata a una bacchetta magica, e nemmeno a comprendere appieno cosa causa la depressione. La ricerca si è recentemente rivolta al fatto che alcune vitamine e integratori possano avere un effetto sui sintomi depressivi e sui disturbi dell'umore. Uno di questi è la vitamina D.



a che età inizia la disfunzione erettile

Vitali

  • La vitamina D è un proormone che supporta diversi sistemi corporei, inclusi il cuore e le ossa.
  • Diversi studi hanno scoperto che bassi livelli di vitamina D sono associati alla depressione.
  • Ma non è chiaro se l'integrazione con vitamina D aggiuntiva possa aiutare.
  • Se sei preoccupato per il tuo livello di vitamina D, consulta un operatore sanitario.

Cos'è la vitamina D?

Prima risposta a una potenziale curiosità: la vitamina D non è in realtà una vitamina. Tecnicamente, è un proormone, qualcosa che il corpo produce e converte in un ormone, che ha un ruolo in diversi importanti processi corporei. Conosciuta come la vitamina del sole, la vitamina D viene prodotta dall'organismo in risposta all'esposizione al sole. Quando la luce solare colpisce la pelle, il corpo produce una sostanza che il fegato ei reni convertono in forme utilizzabili da vari organi e sistemi.

Annuncio pubblicitario

Roman Daily: multivitaminico per uomini



Il nostro team di medici interni ha creato Roman Daily per colmare le lacune nutrizionali comuni negli uomini con ingredienti e dosaggi scientificamente supportati.

Per saperne di più

La vitamina D sembra avere diversi benefici, tra cui aiutare le ossa a rimanere forti e prevenzione dell'osteoporosi (Bischof-Ferrari, 2005), rafforzare il sistema immunitario (Aranow, 2011), fornendo protezione da diversi tumori (compresi seno e colon) (Meeker, 2016), aiutando il il corpo regola l'insulina e riduce il rischio di diabete (Schwalfenberg, 2008) e la riduzione del rischio di malattie cardiovascolari, comprese le malattie cardiache e ictus (Vacek, 2012).

La vitamina D si trova in una varietà di alimenti, tra cui uova e latte. Ma gran parte della popolazione mondiale è carente di vitamina D —fino a 1 miliardo di persone in tutto il mondo e il 40% di americani (Parva, 2018).



Vitamina D e depressione

I bassi livelli di vitamina D nel tuo corpo possono avere un impatto sulla tua salute mentale? La scienza è un po' in aria. C'è un leggero legame tra un basso livello corporeo di vitamina D e depressione, ma non è chiaro se un basso livello di vitamina D causi depressione, la depressione esaurisce la vitamina D , o qualche altro fattore influisce su entrambi (Geng, 2019). Inoltre, non è chiaro se l'integrazione possa aiutare ad alleviare i sintomi depressivi.

Molti studi hanno trovato livelli inferiori a quelli ottimali di vitamina D da associare alla depressione (von Känel, 2015). UN meta-analisi di studi coinvolgendo più di 31.000 persone hanno scoperto che sono stati trovati bassi livelli di vitamina D nelle persone depresse, rispetto a un gruppo di controllo (Anglin, 2013).

Ma la soluzione è solo assumere più vitamina D? UN Recensione 2020 pubblicata sulla rivista Depressione e ansia ha analizzato 25 studi che hanno coinvolto più di 7.500 persone e ha scoperto che l'integrazione di vitamina D ha avuto un effetto positivo sui pazienti con disturbo depressivo maggiore (Cheng, 2020).

Tuttavia, se stai riscontrando solo lievi sintomi di depressione, la semplice aggiunta di un integratore di vitamina D alla tua routine quotidiana potrebbe non risollevarti.

per quanto tempo un uomo rimane eretto?

Una meta-analisi degli studi del 2015 pubblicata sulla rivista Nutrizione ha esaminato studi randomizzati controllati che hanno coinvolto 5.000 persone e ha scoperto che l'integrazione di vitamina D non ha avuto una riduzione significativa della depressione. Ma, hanno osservato i ricercatori, gli studi che hanno esaminato focalizzato su individui con bassi livelli di depressione che avevano livelli adeguati di vitamina D per cominciare (Gowda, 2015).

I ricercatori non sono sicuri del motivo per cui la vitamina D potrebbe avere un effetto sulla depressione, ma hanno alcune teorie. Tre aree del cervello che aiutano a regolare le emozioni, la corteccia prefrontale, l'ipotalamo e la substantia nigra, hanno recettori della vitamina D. La vitamina D aiuta anche a regolare i livelli di serotonina e livelli più bassi di vitamina D potrebbero portare a concentrazioni più basse di serotonina nel cervello (diversi farmaci antidepressivi mirano ad alleviare la depressione aumentando i livelli di serotonina). La vitamina D aiuta anche il cervello a dispensare le sostanze chimiche naturali dopamina e noradrenalina; bassi livelli di entrambi sono stati osservati in persone con depressione (Pittampalli, 2018).

Come ottenere più/abbastanza vitamina D

Buone fonti di vitamina D negli alimenti includono pesce grasso (come salmone e tonno), olio di pesce, latte fortificato, uova e cereali per la colazione fortificati.

Alimenti ricchi di vitamina D: pesce azzurro, tuorli d'uovo e altri

5 minuti di lettura

livello di testosterone per un uomo di 70 anni

Potresti anche prendere un integratore di vitamina D. L'Office of Dietary Supplements raccomanda un apporto giornaliero di vitamina D di 600 UI per gli adulti fino a 69 anni e 800 UI per gli adulti dai 70 anni in su. Il limite massimo giornaliero tollerabile è di 4.000 UI (100 mcg). Fai attenzione quando prendendo integratori di vitamina D — la tossicità della vitamina D è possibile (NIH, n.d.).

Se temi di avere un basso livello di vitamina D, parla con il tuo medico, che può controllare il tuo stato di vitamina D con un semplice esame del sangue.

Riferimenti

  1. Anglin, R. E., Samaan, Z., Walter, S. D. e McDonald, S. D. (2013). Carenza di vitamina D e depressione negli adulti: revisione sistematica e meta-analisi. Il British Journal Of Psychiatry: The Journal Of Mental Science, 202, 100-107. https://doi.org/10.1192/bjp.bp.111.106666 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/23377209/
  2. Aranow C. (2011). Vitamina D e sistema immunitario. Journal of investigative medicine: la pubblicazione ufficiale della Federazione americana per la ricerca clinica, 59(6), 881-886. https://doi.org/10.2310/JIM.0b013e31821b8755 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/21527855/
  3. Bischoff-Ferrari, H.A., Willett, W.C., Wong, J.B., Giovannucci, E., Dietrich, T., & Dawson-Hughes, B. (2005). Prevenzione delle fratture con supplementazione di vitamina D. Jama, 293 (18), 2257. doi: 10.1001 / jama.293.18.2257 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK71740/
  4. Cheng, Y., Huang, Y. e Huang, W. (2020). L'effetto del supplemento di vitamina D sulle emozioni negative: una revisione sistematica e una meta-analisi. Depressione e ansia, 37(6), 549-564. doi:10.1002/da.23025 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32365423/
  5. Gowda, U., Mutowo, M. P., Smith, B. J., Wluka, A. E. e Renzaho, A. M. (2015). Supplemento di vitamina D per ridurre la depressione negli adulti: meta-analisi di studi randomizzati controllati. Nutrizione (Burbank, contea di Los Angeles, California), 31(3), 421–429. https://doi.org/10.1016/j.nut.2014.06.017 https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0899900714004857
  6. Geng, C., Shaikh, A. S., Han, W., Chen, D., Guo, Y. e Jiang, P. (2019). Vitamina D e depressione: meccanismi, determinazione e applicazione. Giornale di nutrizione clinica dell'Asia Pacifico, 28 (4), 689-694. https://doi.org/10.6133/apjcn.201912_28(4).0003 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31826364/
  7. Meeker, S., Seamons, A., Maggio-Price, L., & Paik, J. (2016). Legami protettivi tra vitamina D, malattie infiammatorie intestinali e cancro del colon. Rivista mondiale di gastroenterologia, 22(3), 933-948. https://doi.org/10.3748/wjg.v22.i3.933 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/26811638/
  8. National Institutes of Health, Office of Dietary Supplements – Vitamin D. (n.d.). Estratto il 5 giugno 2020 da https://ods.od.nih.gov/factsheets/VitaminD-HealthProfessional https://ods.od.nih.gov/factsheets/VitaminD-HealthProfessional/
  9. Parva, N. R., Tadepalli, S., Singh, P., Qian, A., Joshi, R., Kandala, H., Nookala, V. K. e Cheriyath, P. (2018). Prevalenza della carenza di vitamina D e fattori di rischio associati nella popolazione statunitense (2011-2012). Cureus, 10(6), e2741. https://doi.org/10.7759/cureus.2741 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30087817/
  10. Pittampalli, S., Mekala, H. M., Upadhyayula, S. e Lippmann, S. (2018). La carenza di vitamina D causa depressione? Il compagno di cure primarie per i disturbi del SNC, 20 (5). doi:10.4088/pcc.17l02263 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30407756/
  11. Schwalfenberg G. (2008). Vitamina D e diabete: miglioramento del controllo glicemico con replezione di vitamina D3. Medico di famiglia canadese Medecin de famille canadien, 54(6), 864–866. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/18556494/
  12. Vacek, J. L., Vanga, S. R., Good, M., Lai, S. M., Lakkireddy, D. e Howard, P. A. (2012). Carenza e integrazione di vitamina D e relazione con la salute cardiovascolare. L'American Journal of Cardiology, 109(3), 359-363. doi:10.1016/j.amjcard.2011.09.020 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22071212/
  13. von Känel, R., Fardad, N., Steurer, N., Horak, N., Hindermann, E., Fischer, F., & Gessler, K. (2015). Carenza di vitamina D e sintomatologia depressiva in pazienti psichiatrici ospedalizzati con un episodio depressivo in corso: uno studio analitico fattoriale. PloS Uno, 10(9), e0138550. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0138550 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4580407/
Vedi altro