Carenze vitaminiche che possono influenzare la forza erettile

Carenze vitaminiche che possono influenzare la forza erettile

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

La forza non riguarda solo i muscoli, ad esempio le erezioni. Il tuo pene non è un muscolo, ma probabilmente desideri un'erezione forte. Se hai mai avuto problemi a ottenere o mantenere un'erezione abbastanza forte da soddisfare il sesso, non sei solo. La ricerca mostra che circa un terzo di tutti gli uomini ha avuto problemi ad alzarlo e, sebbene diventi più comune man mano che si invecchia, circa uno su dieci uomini tra i 20 e i 40 anni riportano la condizione (Rastrelli, 2017).

Che succeda sempre o ogni tanto, la disfunzione erettile (DE) può mettere a dura prova chiunque. Trovato uno studio che ha testato gli effetti di un comune farmaco per la disfunzione erettile un'associazione tra durezza dell'erezione e benessere emotivo e la soddisfazione complessiva del rapporto sessuale nei partecipanti (King, 2007). E anche se potresti non saperlo, una serie di fattori può influire sulla forza e sulla frequenza delle tue erezioni: da gravi condizioni mediche come diabete e malattie cardiache a qualcosa di apparentemente semplice come carenze vitaminiche.

Vitali

  • La forza erettile è un aspetto trascurato ma importante della salute sessuale.
  • Alcune carenze vitaminiche possono causare disfunzione erettile (DE) e la correzione di queste carenze può alleviare i sintomi.
  • Gli antiossidanti come la vitamina C possono migliorare il flusso sanguigno aumentando la produzione di ossido nitrico, che può migliorare le erezioni.
  • Sebbene le vitamine possano aiutare, i farmaci da prescrizione chiamati inibitori della PDE5 sono considerati un trattamento di prima linea per la disfunzione erettile.

Quali vitamine migliorano la forza erettile?

Alcune carenze vitaminiche possono causare disfunzioni sessuali. In tali situazioni, reintegrare una vitamina mancante può migliorare la disfunzione erettile. Le vitamine che possono migliorare la forza erettile e la funzione sessuale includono:

  • Vitamina D: La ricerca ha dimostrato che la carenza di vitamina D può causare problemi di erezione. Quando tutti gli altri fattori di rischio sono stati controllati, i ricercatori che hanno condotto uno studio che includeva 3.400 partecipanti hanno scoperto che gli individui con carenza di vitamina D avevano il 32% di probabilità in più di avere problemi di erezione rispetto a quelli con livelli normali della vitamina del sole (Farag, 2016). Un altro studio ha messo in pratica questa teoria valutando l'uso della vitamina D come trattamento per la disfunzione erettile. Sebbene la loro dimensione del campione fosse piccola (poco più di 100 pazienti), hanno scoperto che l'integrazione di vitamina D ha migliorato significativamente la disfunzione erettile e ha persino aumentato i livelli di testosterone, un'altra misura correlata al miglioramento delle erezioni (Tirabassi, 2018). E mentre questi risultati sono promettenti, mega dosi di vitamina D non ti daranno erezioni mostruose e probabilmente non ti aiuteranno affatto se non ti manca questa vitamina per cominciare. Puoi chiedere al tuo medico di base un semplice esame del sangue per escludere la carenza di vitamina D.
  • Vitamina B3: Chiamata anche niacina, questa vitamina B può aiutare le persone con disfunzione erettile moderata o grave. Uno studio che ha esaminato le persone con disfunzione erettile e colesterolo alto ha rilevato che 1.500 mg di niacina al giorno per 12 settimane funzione erettile notevolmente migliorata improved per i partecipanti con disfunzione erettile da moderata a grave. Tuttavia, gli integratori di vitamina B3 non hanno aiutato in modo significativo le persone con disfunzione erettile lieve o da lieve a moderata (Ng, 2011).
  • Acido folico (noto anche come vitamina B9): Anche se potrebbe essere più comunemente noto per il suo ruolo essenziale nelle vitamine prenatali, si scopre che correggere una carenza di vitamina B9 può aiutare a migliorare la disfunzione erettile. I ricercatori hanno trovato un'associazione tra carenza di acido folico e disfunzione erettile. La connessione è probabilmente perché la vitamina B9 è legata alla produzione di ossido nitrico, che svolge un ruolo importante nel rilassare i vasi sanguigni e migliorare il flusso sanguigno, due cose che sono molto importanti quando si tratta di ottenere un'erezione (Yan, 2014). Uno studio ha dimostrato che l'assunzione di acido folico per tre mesi è migliorata Gravità della disfunzione erettile in modo significativo . I ricercatori hanno concluso, tuttavia, che l'acido folico dovrebbe essere usato insieme a farmaci da prescrizione (in particolare inibitori della PDE5 come Viagra, Levitra e Cialis) nel trattamento della disfunzione erettile piuttosto che come terapia autonoma (Elshahid, 2020).

Annuncio pubblicitario

Roman Daily: multivitaminico per uomini

Il nostro team di medici interni ha creato Roman Daily per colmare le lacune nutrizionali comuni negli uomini con ingredienti e dosaggi scientificamente supportati.

Per saperne di più

Tuttavia, le vitamine potrebbero non essere gli unici integratori che possono avere un effetto sulla disfunzione erettile. Il magnesio può anche aiutare a migliorare i sintomi della disfunzione erettile. Questo minerale ha una sospetta associazione con la qualità del sonno, ma in realtà è necessario per oltre 600 reazioni chimiche nel corpo (Baaij, 2015). Uno studio condotto su una popolazione molto specifica ha scoperto che la carenza di magnesio (ipomagnesemia) era associata a disfunzione erettile nei partecipanti, ma non abbiamo alcuna prova che il reintegro di quel magnesio abbia migliorato la condizione (Toprak, 2017).

C'è una ricerca preliminare che suggerisce rame e zinco giocano un ruolo nella capacità di diventare duro e rimanere duro, ma questi studi sono stati condotti su modelli animali e stiamo ancora aspettando prove su soggetti umani (Khan, 1999; Dissanayake, 2009).

Cos'è la disfunzione erettile?

La disfunzione erettile, più comunemente nota come disfunzione erettile, è una condizione che causa problemi a ottenere o mantenere un'erezione abbastanza a lungo da completare l'attività sessuale. Non è sempre una condizione cronica. ED può essere occasionale. È anche comune. Si stima che più di 30 milioni di uomini negli Stati Uniti hanno sperimentato la disfunzione erettile (Nuni, 2012).

Anche la disfunzione erettile è complessa. Anche alcune condizioni mediche rendere più probabile che qualcuno abbia problemi di erezione , tra cui ipertensione e diabete (Selvin, 2007). Fortunatamente, non mancano nemmeno i trattamenti disponibili. Mentre gli inibitori della fosfodiesterasi di tipo 5 (inibitori della PDE5), di cui probabilmente hai sentito parlare con i loro marchi, come Viagra, Levitra e Cialis, sono considerati il ​​trattamento di prima linea per la disfunzione erettile , ci sono altre opzioni (Park, 2013). Dispositivi come il dispositivo di costrizione del vuoto (VCD), l'iniezione peniena o le supposte intrauretrali e le protesi peniene sono tutte le terapie attuali per le persone con disfunzione erettile (Stein, 2014).

Annuncio pubblicitario

Ottieni $ 15 di sconto sul tuo primo ordine di trattamento per la disfunzione erettile

Un vero professionista sanitario autorizzato negli Stati Uniti esaminerà le tue informazioni e ti ricontatterà entro 24 ore.

Per saperne di più

Trattamenti per la disfunzione erettile da banco

Esistono alternative naturali ai farmaci, ma molti hanno bisogno di ulteriori ricerche per dimostrare che sono efficaci nel trattamento dei problemi di erezione. Un integratore a base di erbe giustamente chiamato chiamato erba di capra cornea contiene un composto che inibisce la PDE5 come i farmaci per la disfunzione erettile e lo yohimbe ha dimostrato di essere efficace a migliorare la funzione erettile negli uomini con DE lieve (Dell-Agli, 2008; Guay, 2002).

Una meta-analisi ha scoperto che il ginseng coreano ha mostrato risultati promettenti nel trattamento dell'ED , ma sono necessarie ulteriori ricerche (Borrelli, 2018). Maca potrebbe essere in grado di aumentare il desiderio sessuale , ma studi precedenti non hanno scoperto che è in grado di influenzare i livelli di testosterone (Gonzales, 2002). La L-citrullina, un amminoacido, può anche migliorare la durezza erettile nei pazienti con disfunzione erettile lieve, ma sono necessarie ulteriori ricerche (Cormio, 2011).

La Food and Drug Administration degli Stati Uniti richiede una prescrizione sia per i farmaci di marca che per i farmaci generici per la disfunzione erettile perché presentano effetti collaterali potenzialmente pericolosi e possibili interazioni farmacologiche, motivo per cui è essenziale la consulenza medica del proprio medico. Dovresti anche evitare qualsiasi fonte che affermi di offrirti questi farmaci senza prescrizione medica, come il Viagra OTC.

Il Viagra è uno dei farmaci più frequentemente contraffatti al mondo . Pfizer, la società che produce il Viagra di marca, ha condotto uno studio nel 2011, durante il quale ha analizzato le pillole contraffatte vendute come Viagra. Hanno scoperto che queste pillole contenevano di tutto, dall'inchiostro della stampante alle anfetamine (velocità) al metronidazolo (un antibiotico) (Pfizer, n.d.).

Se hai dubbi sulla tua salute sessuale o sulle prestazioni sessuali, parlane con il tuo medico. Poiché gli integratori alimentari non sono regolamentati dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti, se vuoi provare uno di questi potenziali trattamenti per la disfunzione erettile, richiedi una consulenza medica professionale o acquista solo da marchi di cui ti fidi.

Riferimenti

  1. Baaij, J. H. F. D., Hoenderop, J. G. J. e Bindels, R. J. M. (2015). Magnesio nell'uomo: implicazioni per la salute e la malattia. Recensioni fisiologiche, 95 (1), 1-46. doi: 10.1152/physrev.00012.2014. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25540137
  2. Borrelli, F., Colalto, C., Delfino, D. V., Iriti, M., & Izzo, A. A. (2018). Supplementi dietetici a base di erbe per la disfunzione erettile: una revisione sistematica e una meta-analisi. Droghe, 78(6), 643-673. doi:10.1007/s40265-018-0897-3. Recuperato da https://link.springer.com/article/10.1007%2Fs40265-018-0897-3
  3. Cormio, L., Siati, M. D., Lorusso, F., Selvaggio, O., Mirabella, L., Sanguedolce, F., & Carrieri, G. (2011). Oral L-Citrulline Supplementation Improves Erection Hardness in Men With Mild Erectile Dysfunction. Urology, 77(1), 119-122. doi:10.1016/j.urology.2010.08.028. Retrieved from https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/21195829/
  4. Davies, K.P. (2012). Disfunzione erettile. Muscolo: biologia fondamentale e meccanismi della malattia, 2, 1339-1346. doi:10.1016/b978-0-12-381510-1.00102-2. Recuperato da https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/B9780123815110001022
  5. Dell'Agli, M., Galli, G. V., Cero, E. D., Belluti, F., Matera, R., Zironi, E., . . . Bosisio, E. (2008). Potente inibizione della fosfodiesterasi-5 umana da parte dei derivati ​​di Icariin. Giornale dei prodotti naturali, 71(9), 1513-1517. doi:10.1021/np800049y. Recuperato da https://pubs.acs.org/doi/10.1021/np800049y
  6. Dissanayake, D., Wijesinghe, P., Ratnasooriya, W., & Wimalasena, S. (2009). Effetti dell'integrazione di zinco sul comportamento sessuale dei ratti maschi. Journal of Human Reproductive Sciences, 2 (2), 57-61. doi:10.4103/0974-1208.57223. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2800928/
  7. Elshahid, A.R., Shahein, I.M., Mohammed, Y.F., Ismail, N.F., Zakarria, H.B., & Din, S.F. (2019). L'integrazione di acido folico migliora la funzione erettile nei pazienti con disfunzione erettile vasculogena idiopatica abbassando i livelli plasmatici di omocisteina periferico e penieno: uno studio caso-controllo. Andrologia, 8(1), 148-153. doi:10.1111/andr.12672. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31237081/
  8. Farag, Y. M., Guallar, E., Zhao, D., Kalyani, R. R., Blaha, M. J., Feldman, D. I., … Michos, E. D. (2016). La carenza di vitamina D è indipendentemente associata a una maggiore prevalenza di disfunzione erettile: The National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES) 2001-2004. Aterosclerosi, 252, 61-67. doi: 10.1016/j.aterosclerosi.2016.07.921. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5035618/
  9. Gonzales, G. F., Cordova, A., Vega, K., Chung, A., Villena, A., Gonez, C., & Castillo, S. (2002). Effetto di Lepidium meyenii (MACA) sul desiderio sessuale e la sua relazione assente con i livelli sierici di testosterone negli uomini adulti sani. Andrologia, 34(6), 367-372. doi:10.1046/j.1439-0272.2002.00519.x. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/12472620/
  10. Guay, A.T., Spark, R.F., Jacobson, J., Murray, F.T., & Geisser, M.E. (2002). Trattamento con yohimbina della disfunzione erettile organica in uno studio di aumento della dose. Giornale internazionale di ricerca sull'impotenza, 14 (1), 25-31. doi:10.1038/sj.ijir.3900803. Recuperato da https://www.nature.com/articles/3900803
  11. Harvard Health Publishing. (2019). A proposito, dottore: qual è la giusta quantità di vitamina C per me? Recuperato da https://www.health.harvard.edu/staying-healthy/whats-the-right-amount-of-vitamin-c-for-me
  12. Kass, L., Weekes, J. e Carpenter, L. (2012). Effetto della supplementazione di magnesio sulla pressione sanguigna: una meta-analisi. Giornale europeo di nutrizione clinica, 66 (4), 411-418. doi: 10.1038/ejcn.2012.4, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22318649
  13. Khan, M., Thompson, C., Emsley, A., Mumtaz, F., Mikhailidis, D., Angelini, G., . . . Jeremy, Y. (2001). L'interazione tra omocisteina e rame inibisce notevolmente il rilassamento del corpo cavernoso del coniglio: nuovi fattori di rischio per la disfunzione erettile angiopatica? BJU Internazionale, 84(6), 720-724. doi:10.1046/j.1464-410x.1999.00253.x. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/10510122/
  14. King, R., Juenemann, K., Levinson, I. P., Stecher, V. J. e Creanga, D. L. (2007). Correlazioni tra l'aumento della durezza dell'erezione e il miglioramento del benessere emotivo e dei risultati di soddisfazione negli uomini trattati con citrato di sildenafil per la disfunzione erettile. Giornale internazionale di ricerca sull'impotenza, 19 (4), 398-406. doi:10.1038/sj.ijir.3901549. Recuperato da https://www.nature.com/articles/3901549
  15. Meldrum, D.R., Gambone, J.C., Morris, M.A., & Ignarro, L.J. (2010). Un approccio multiforme per massimizzare la funzione erettile e la salute vascolare. Fertilità e sterilità, 94(7), 2514-2520. doi: 10.1016/j.fertnstert.2010.04.026. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20522326
  16. Istituti Nazionali di Sanità (NIH). (2020, 27 febbraio). Ufficio degli integratori alimentari - Vitamina C. Estratto il 01 settembre 2020 da https://ods.od.nih.gov/factsheets/VitaminC-HealthProfessional/
  17. Ng, C., Lee, C., Ho, A. L. e Lee, V. W. (2011). Effetto della niacina sulla funzione erettile negli uomini che soffrono di disfunzione erettile e dislipidemia. Il giornale di medicina sessuale, 8(10), 2883-2893. doi:10.1111/j.1743-6109.2011.02414.x. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/2810191/
  18. Nunes, K. P., Labazi, H., & Webb, R. C. (2012). Nuove intuizioni sulla disfunzione erettile associata all'ipertensione. Opinione attuale in nefrologia e ipertensione, 21 (2), 163-170. doi: 10.1097/mnh.0b013e32835021bd. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22240443/
  19. Park, N. C., Kim, T. N. e Park, H. J. (2013). Strategia di trattamento per chi non risponde agli inibitori della PDE5. Il World Journal of Men's Health, 31 (1), 31-35. doi:10.5534/wjmh.2013.31.1.31. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3640150/
  20. Pfizer. (n.d.). Evita il VIAGRA contraffatto (citrato di sildenafil). Estratto il 25 agosto 2020 da https://www.viagra.com/getting/avoid-counterfeits
  21. Rastrelli, G., Maggi, M., (2017, 6 febbraio). Andrologia e Urologia Traslazionale. Disfunzione erettile in giovani uomini sani e in forma: psicologica o patologica? Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/28217453/
  22. Selvin, E., Burnett, A. L., & Platz, E. A. (2007). Prevalenza e fattori di rischio per la disfunzione erettile negli Stati Uniti. L'American Journal of Medicine, 120(2), 151-157. doi:10.1016/j.amjmed.2006.06.010. Recuperato da https://www.amjmed.com/article/S0002-9343(06)00689-9/fulltext
  23. Stein, M. J., Lin, H. e Wang, R. (2013). Nuovi progressi nella tecnologia erettile. Progressi terapeutici in urologia, 6 (1), 15-24. doi:10.1177/1756287213505670. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3891291/
  24. Tirabassi, G., Sudano, M., Salvio, G., Cutini, M., Muscogiuri, G., Corona, G., & Balercia, G. (2018, 08 gennaio). Vitamina D e funzione sessuale maschile: uno studio trasversale e longitudinale. Giornale internazionale di endocrinologia. Recuperato da https://www.hindawi.com/journals/ije/2018/3720813/
  25. Toprak, O., Sarı, Y., Koç, A., Sarı, E., & Kırık, A. (2017). L'impatto dell'ipomagnesemia sulla disfunzione erettile nei pazienti anziani, non diabetici, con malattia renale cronica di stadio 3 e 4: uno studio prospettico trasversale. Interventi clinici nell'invecchiamento, Volume 12, 437-444. doi:10.2147/cia.s129377. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5340248/
  26. Yang, J., Yan, W., Yu, N., Yin, T. e Zou, Y. (2014). Un nuovo potenziale fattore di rischio nei pazienti con disfunzione erettile ed eiaculazione precoce: carenza di folati. Giornale asiatico di andrologia, 16(6), 902-906. doi:10.4103/1008-682x.135981. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4236337/
Vedi altro