Vitamina E per la pelle: può aiutarti a sembrare più giovane?

Vitamina E per la pelle: può aiutarti a sembrare più giovane?

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi di carattere medico, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli su Health Guide sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Vitamina E per la pelle

Quando si tratta di prendersi cura della propria pelle, la vitamina E è un coltellino svizzero. Non solo ha più funzioni che possono affrontare una vasta gamma di problemi, ma è anche più strumenti che chiamiamo uno. La vitamina E è in realtà un gruppo di otto composti liposolubili: quattro tocoferoli e quattro tocotrienoli. Questa vitamina ha potenti proprietà antiossidanti, ma l'alfa-tocoferolo è il più attivo di questi composti nell'uomo.

Vitali

  • La vitamina E è composta da otto composti, il più attivo dei quali nell'uomo è l'alfa-tocoferolo.
  • Questa vitamina ha potenti proprietà antiossidanti che contrastano i danni cellulari causati dai radicali liberi.
  • Può anche aiutare a proteggere la pelle dai danni dei raggi UV, sebbene sia più potente in combinazione con la vitamina C.
  • È facile soddisfare le tue esigenze quotidiane attraverso la sola dieta, ma le forme topiche di vitamina E possono mostrare risultati sulla qualità della pelle più velocemente.

Benefici della vitamina E

Ricordi come ti abbiamo detto che la vitamina E è uno strumento multiuso per la cura della pelle? La vitamina E può aiutare a mantenere la pelle idratata ed elastica, protetta dai danni del sole e può anche aiutare con i segni dell'invecchiamento precoce come la formazione di rughe. Ma anche se la vitamina E affronta tutti questi problemi della pelle che consideriamo separati l'uno dall'altro, è in grado di farlo grazie a una caratteristica chiave: è uno spazzino di radicali liberi a causa della sua potente antiossidante proprietà (Keen, 2016).



cosa piace agli uomini del sesso?

Una funzione vitale degli antiossidanti è quella di tenere sotto controllo i radicali liberi. I radicali liberi sono composti che possono provenire da fonti esterne, come l'inquinamento, ma possono anche essere prodotti come sottoprodotto di alcuni processi naturali nel corpo. In equilibrio con gli antiossidanti, questo è normale e otteniamo quei composti che migliorano la salute dagli alimenti ma anche dalla produzione naturale del nostro corpo. I problemi iniziano a verificarsi, tuttavia, quando ci sono troppi radicali liberi o non abbastanza antiossidanti per bilanciarli. Questo diventa ancora più importante con l'avanzare dell'età, dal momento che noi perdere un po' dei nostri meccanismi antiossidanti intrinseci, accelerando questo squilibrio. Se non adeguatamente controllati, i radicali liberi possono causare danni cellulari che chiamiamo danno ossidativo.

Annuncio pubblicitario



Semplifica la tua routine di cura della pelle

Ogni bottiglia di Nightly Defense prescritta dal medico è fatta per te con ingredienti potenti e scelti con cura e consegnata a casa tua.

Per saperne di più

Lo squilibrio tra radicali liberi e antiossidanti si chiama stress ossidativo, una condizione che può causare danni alle cellule che è stato collegato a diverse malattie croniche come il diabete, le malattie cardiache, alcuni tipi di cancro e malattie neurodegenerative come il morbo di Alzheimer e il morbo di Parkinson. Lo stress ossidativo è anche legato all'invecchiamento (Liguri, 2018). Lo stress ossidativo non solo invecchia i nostri organi interni attraverso danni cellulari, causando potenzialmente malattie croniche, ma anche provoca infiammazione e l'invecchiamento della nostra pelle, portando alla formazione delle rughe (Nguyen, 2012).



Il retinolo potrebbe essere il figlio d'oro dell'industria della cura della pelle al momento, ma la vitamina E merita chiaramente un posto nel tuo armadietto dei medicinali. Ecco perché.

come si mette un anello del cazzo?

Può aiutare a guarire la pelle dai danni del sole

Mettiamo subito in chiaro una cosa: la migliore protezione contro il fotodanneggiamento, o i danni del sole, è evitare l'esposizione ai raggi ultravioletti (UV), sia dal sole che dai lettini abbronzanti. A parte questo, dal momento che abbiamo bisogno di uscire per vivere le nostre vite, la protezione solare deve essere applicata per prevenire danni alla pelle e scottature. Ma le vitamine possono anche offrire una protezione aggiuntiva. La protezione dai danni del sole è un tema comune tra le migliori vitamine per la pelle e la vitamina E non fa eccezione. Ricerca suggerisce che la vitamina E può avere proprietà sia antitumorali che fotoprotettive (Keen, 2016).

Ma i composti che compongono la vitamina E può anche aiutare proteggere la pelle dai danni causati dalla luce ultravioletta (UV) (Evans, 2010). I raggi UV danneggiano la pelle causando la produzione di composti chiamati specie reattive dell'ossigeno (ROS). I radicali liberi sono un tipo di ROS. La tua pelle ha alcune funzioni antiossidanti che proteggono da questo danno, ma le vitamine E e C e gli enzimi antiossidanti possono offrire protezione aggiuntiva e persino guarire i danni causati dalle radiazioni UV (Pullar, 2017). Ecco perché troverai la vitamina E in molti prodotti per la cura della pelle antietà e generalmente viene aggiunta insieme alla vitamina C, poiché ricerche passate sulla pelle di maiale hanno scoperto che sono più efficace nella lotta contro i danni del sole che possono portare al cancro della pelle insieme (Lin, 2003).

Può neutralizzare i radicali liberi dannosi

Il danno cellulare associato con danno ossidativo , poiché è anche collegato all'infiammazione, può accelerare la creazione di linee sottili (Ganceviciene, 2012). Ma possiamo sostituirne alcuni, riportando in equilibrio antiossidanti e radicali liberi, attraverso l'assunzione alimentare di fonti alimentari di antiossidanti antinfiammatori come la vitamina E (Addor, 2017; Petruk, 2018). Ecco perché cibi e azioni che combattono le infiammazioni sono parti integranti dei regimi antietà (Ganceviciene, 2012).

Può proteggere la barriera lipidica e bloccare l'umidità

Una delle funzioni primarie della nostra pelle è quella di agire come una barriera verso il mondo esterno e, come molti altri tipi di cellule del tuo corpo, le cellule della tua pelle hanno membrane lipidiche. Uno dei modi i radicali liberi causano danni cellulari rompendo la membrana lipidica (grassa) sulle cellule (Keen, 2016). Le membrane lipidiche all'esterno delle cellule sullo strato più esterno della pelle ti impediscono di perdere inutilmente acqua ed elettroliti, bloccando l'idratazione. La vitamina E può aiutare a prevenire la rottura di questo strato e curare il danno cellulare già causato dai radicali liberi.

Come usare la vitamina E

Una dieta sana è una buona base per una pelle complessivamente sana, quindi le fonti alimentari sono un buon punto di partenza quando ci si concentra sull'assunzione di vitamina E per migliorare la qualità della pelle. Poiché la vitamina E è liposolubile, il tuo corpo immagazzina questo nutriente per quando ne ha bisogno. Noci, spinaci, avocado, germe di grano, cereali integrali e oli vegetali come l'olio d'oliva e l'olio di girasole sono fonti particolarmente ricche di vitamina E. Si possono anche assumere integratori, anche se è possibile soddisfare le proprie esigenze con la sola dieta, soprattutto perché questa vitamina viene aggiunto ad alcuni cibi fortificati.

come ingrandire il tuo pennis

Ci sono due forme di vitamina E che troverai negli integratori. La versione di origine naturale apparirà comunemente nell'elenco degli ingredienti dei prodotti di bellezza e degli integratori alimentari come d-alfa-tocoferolo. Vedrai la forma sintetica della vitamina E elencata come dl-alfa-tocoferolo. Dalla versione naturale degli integratori di vitamina E è più biodisponibile , l'indennità dietetica raccomandata (RDA) è inferiore a quella della versione sintetica (Lodge, 2005). Molti multivitaminici utilizzano la versione sintetica di questa vitamina.

Ma anche l'uso di vitamina E topica è un'opzione. Troverai anche vitamina E in molti prodotti per la cura della pelle antietà, tra cui lozioni, olio di vitamina E e siero di vitamina E. I prodotti a base di vitamina E includono generalmente anche la vitamina C, poiché sono più efficace nella lotta contro i danni del sole che possono portare al cancro della pelle insieme (Lin, 2003). I prodotti a base di vitamina E includono generalmente anche la vitamina C, poiché sono più efficace nella lotta contro i danni del sole che possono portare al cancro della pelle insieme in studi condotti sulla pelle di maiale (Lin, 2003). L'olio di vitamina E puro è anche un ottimo idratante per la pelle secca e può anche aiutare con la dermatite atopica. Le sue capacità idratanti lo rendono un buon trattamento idratante per le zone con pelle particolarmente secca, come le cuticole.

Potenziali rischi/effetti collaterali della vitamina E

Ma l'uso della vitamina E non è consigliato per il tipo di pelle di tutti. Le persone con pelle sensibile potrebbero voler lasciare questa vitamina fuori dalla loro routine di cura della pelle e optare invece per fonti dietetiche. Se non sei sicuro, parla con un dermatologo, che può consigliarti in base al tuo tipo di pelle.

Anche la vitamina E orale deve essere assunta con attenzione. Sebbene sia abbastanza difficile assumere troppa vitamina attraverso le fonti alimentari, è possibile un sovradosaggio di integratori che può interferire con le capacità di coagulazione del sangue del corpo. Per questo motivo, le persone che assumono anticoagulanti come il warfarin (marchio Coumadin) dovrebbero parlare con il proprio medico prima di assumere integratori di vitamina E.

Riferimenti

  1. Addor, FAS (2017). Antiossidanti in dermatologia. Anais Brasileiros de Dermatologia, 92(3), 356–362. doi: 10.1590/abd1806-4841.20175697 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5514576/
  2. Evans, J.A., & Johnson, E.J. (2010). Il ruolo dei fitonutrienti nella salute della pelle. Nutrienti, 2(8), 903-928. doi: 10.3390/nu2080903 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22254062/
  3. Ganceviciene, R., Liakou, A. I., Theodoridis, A., Makrantonaki, E., & Zouboulis, C. C. (2012). Dermatoendocrinolo, 4 (3), 308-319. doi: 10.4161 / derm.22804 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/23467476/
  4. Appassionato, M.A., & Hassan, I. (2016). Vitamina E in dermatologia. Rivista online di dermatologia indiana, 7 (4), 311-315. doi: 10.4103/2229-5178.185494 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27559512/
  5. Liguori, I., Russo, G., & Abete, P. (2018). Stress ossidativo, invecchiamento e malattie. Interventi clinici nell'invecchiamento, 13, 757-772. doi: 10.2147/CIA.S158513 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29731617/
  6. Lin, J.-Y., Selim, M., Shea, C. R., Grichnik, J. M., Omar, M. M., Monteiro-Riviere, N. A. e Pinnell, S. R. (2003). Fotoprotezione UV mediante la combinazione di antiossidanti topici vitamina C e vitamina E. Journal of the American Academy of Dermatology, 48(6), 866-874. doi: 10.1067/mjd.2003.425 https://www.sciencedirect.com/science/article/abs/pii/S0190962203007813
  7. Lodge, J.K. (2005). Biodisponibilità della vitamina E nell'uomo. Giornale di fisiologia vegetale, 162 (7), 790-796. doi: 10.1016/j.jplph.2005.04.012 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/16008106/
  8. Nguyen, G., & Torres, A. (2012). Antiossidanti sistemici e salute della pelle. Journal of Drugs in Dermatology, 11(9), e1-4. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/23135663/
  9. Petruk, G., Giudice, R. D., Rigano, M. M., & Monti, D. M. (2018). Gli antiossidanti delle piante proteggono dal fotoinvecchiamento cutaneo. Medicina ossidativa e longevità cellulare, 2018, 1–11. doi: 10.1155/2018/1454936 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30174780/
  10. Pullar, J. M., Carr, A. C. e Vissers, M. C. M. (2017). I ruoli della vitamina C nella salute della pelle. Nutrienti, 9(8), 866. doi: 10.3390/nu9080866 https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/28805671/
Vedi altro