Vitamina K2: capire il suo ruolo nella salute del cuore

Vitamina K2: capire il suo ruolo nella salute del cuore

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Rispetto alle vitamine D e C, la vitamina K2 è la pecora nera della famiglia vitaminica. In effetti, il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) non ha nemmeno esaminato la quantità di vitamina K2 presente nel nostro cibo fino al 2006. Ma si scopre che questo nutriente poco conosciuto potrebbe avere importanti effetti positivi sulla salute, riducendo potenzialmente il rischio delle malattie cardiovascolari e del cancro alla prostata.

Vitali

  • La vitamina K2 è una vitamina liposolubile, come la vitamina D; è immagazzinato nel corpo per un uso futuro.
  • K2 svolge un ruolo importante nella coagulazione del sangue e nel metabolismo osseo.
  • La vitamina K2 può anche supportare la salute cardiovascolare e proteggere dal cancro.
  • Ma le prove non sono definitive; sono necessari più studi sull'uomo.

Cos'è la vitamina K2?

La vitamina K è una vitamina liposolubile, il che significa che viene assorbita con i grassi nella dieta e immagazzinata nel corpo (in particolare, nel fegato e nel tessuto adiposo) quando non viene utilizzata. Le altre vitamine liposolubili sono A, D ed E. Esiste un gruppo di vitamine K, di cui le più importanti sono K1 (fillochinone) e K2 (menachinoni).

La vitamina K è cruciale per la coagulazione del sangue e il metabolismo osseo, tra le altre funzioni. Fu scoperto da uno scienziato danese nel 1929 (in effetti, la K originariamente stava per koagulazione). La vitamina K1 e K2 sono entrambe utilizzate per produrre fattori di coagulazione nel fegato. La vitamina K2 funziona anche come una specie di monitor da sala per calcio — è utilizzato dai tessuti per garantire che il calcio si depositi nei punti giusti, come le ossa, e non si accumuli in punti in cui non dovrebbe essere, come i vasi sanguigni e i reni (Halder, 2019). I vasi sanguigni producono una proteina chiamata MGP (o proteina GLA della matrice), che impedisce al calcio di accumularsi sulle loro pareti e di causare blocchi; la vitamina K2 è essenziale per la formazione di MGP.



Annuncio pubblicitario



Roman Daily: multivitaminico per uomini

un colon può aiutarti a perdere peso?

Il nostro team di medici interni ha creato Roman Daily per colmare le lacune nutrizionali comuni negli uomini con ingredienti e dosaggi scientificamente supportati.

Per saperne di più

La vitamina K1 si trova principalmente nelle verdure a foglia verde. La vitamina K2 si trova in gran parte nelle fonti animali (come carne e tuorli d'uovo) e negli alimenti fermentati; è anche prodotto da batteri intestinali. Esiste sia in forma sintetica (MK-4, o menachinone-4) che naturale (MK-7, o menachinone-7). La maggior parte degli americani ottiene abbastanza vitamina K dalla loro dieta (NIH, n.d.). La carenza di vitamina K è rara negli Stati Uniti, sebbene il livello di il consumo di vitamina K è in costante calo (Vermeer, 2012) e la vitamina K non si trova negli alimenti altamente trasformati che sono alla base della dieta americana.



Il ruolo della vitamina K2 nella salute del cuore

La vitamina K2 può ridurre il rischio di malattie cardiovascolari riducendo l'accumulo di calcio nelle arterie intorno al cuore.

Nello studio Rotterdam, gli scienziati hanno esaminato l'assunzione di vitamina K1 e K2 di 4.807 donne e uomini olandesi di età superiore ai 55 anni in un periodo di 10 anni. Hanno scoperto che l'assunzione di vitamina K2 (di circa 25 μg/giorno) riduce del 57% il rischio di morte per malattie cardiache. È anche casi ridotti di malattia coronarica del 41%, calcificazione arteriosa grave del 52% e mortalità complessiva del 36% (Grober, 2015). (Nel frattempo, è stato scoperto che la vitamina K1 non ha alcun effetto sulle malattie cardiache o sulla mortalità).

Un altro studio di oltre 16.000 donne hanno scoperto che l'assunzione di vitamina K2 era associata a un minor rischio di malattia coronarica (Gast, 2009).

Un avvertimento: questi sono studi osservazionali, non studi controllati, quindi suggeriscono solo una connessione; non possono dimostrare causa ed effetto in termini di ruolo della vitamina K2 nelle malattie cardiovascolari.

modi semplici per ingrandire il tuo pene

Ulteriori benefici per la salute della vitamina K2

La vitamina K2 può prevenire l'osteoporosi

L'osso è una sostanza vivente che viene continuamente creata e distrutta. Vitamina K2 aiuta il corpo a spostare il calcio fuori dal sangue e nelle ossa (Maresz, 2015). Quindi è fondamentale per la salute delle ossa per tutta la vita. Ma con l'avanzare dell'età, si può perdere più osso di quanto non venga sostituito, portando ad un aumento del rischio di fratture. Tuttavia, alcuni studi suggeriscono che la vitamina K2 potrebbe essere protettiva su quel fronte.

Una meta-analisi di 13 studi controllati ha esaminato come l'assunzione di un integratore di vitamina K2 (da 15 a 45 milligrammi di MK-4 al giorno) ha influenzato la densità ossea e il tasso di fratture. Vitamina K2 ridotto il rischio delle fratture vertebrali del 60%, delle fratture dell'anca del 77% e delle fratture non vertebrali dell'81% (Schwalfenberg, 2017).

In un altro studio , le donne in postmenopausa che hanno mangiato più natto, un piatto giapponese a base di semi di soia fermentati e la fonte alimentare più ricca di vitamina K2, hanno sperimentato una minore perdita ossea nel tempo (Ikeda, 2006).

Tieni presente che il K2 può prevenire l'osteoporosi: la Food and Drug Administration (FDA) non ha emesso una raccomandazione in merito. Il NIH afferma che le prove sulla prevenzione della vitamina K2 e dell'osteoporosi non sono chiare e che sono necessari ulteriori studi sull'uomo.

La vitamina K2 può supportare la salute dentale

La vitamina K2 attiva l'osteocalcina, una proteina fondamentale per il metabolismo osseo e per il mantenimento della forza dei denti. L'osteocalcina stimola la crescita di nuova dentina, il tessuto calcificato che si trova sotto lo smalto dei denti. Si ipotizza che anche la vitamina K2 possa guardia contro la carie (Verso sud, 2015).

La vitamina K2 può combattere il cancro

Uno studio su quasi 25.000 persone ha scoperto che il consumo di vitamina K2 attraverso la dieta era associato a un minor rischio di cancro negli uomini (ma non nelle donne). casi di il cancro alla prostata e ai polmoni sono stati ridotti in coloro che hanno consumato i livelli più alti di vitamina K2 (Nimptsch, 2010).

Un altro studio osservazionale di 11.000 uomini hanno scoperto che un'elevata assunzione di vitamina K2 era associata a un rischio inferiore del 63% di cancro alla prostata avanzato (Nimptsch, 2008).

Nei test di laboratorio, la vitamina K2 ha ucciso o inibito la crescita di prostata , Seno , fegato , colon , e Vescica urinaria cellule cancerogene.

Come assumere abbastanza vitamina K2

Se vuoi aumentare l'assunzione di vitamina K2, il modo migliore è attraverso il cibo. Le fonti alimentari di vitamina K2 includono carne (in particolare carne di pollo e fegato scuri), tuorli d'uovo, latticini (come formaggio, burro e yogurt) e natto, un piatto tradizionale giapponese a base di soia fermentata.

come ingrandire il tuo pene in modo naturale?

Puoi anche ottenere la vitamina K2 attraverso gli integratori. È disponibile in multivitaminici, integratori di vitamina K e formulazioni che contengono solo vitamina K2.

Secondo il National Institutes of Health, un'adeguata assunzione giornaliera di vitamina K (sia 1 che 2) è di 120 mcg per gli uomini e 90 mcg per le donne. Non è stato fissato un limite superiore tollerabile, ma non è consigliabile assumerlo a dosi elevate.

Effetti collaterali e potenziali rischi della vitamina K2

La vitamina K può interagire con alcuni farmaci, incluso l'anticoagulante warfarin (nome commerciale Coumadin). Il warfarin agisce inibendo un enzima che attiva la vitamina K, che riduce la capacità del fegato di produrre fattori di coagulazione. L'assunzione di dosi maggiori di vitamina K può ridurre l'efficacia del warfarin e aumentare la probabilità di coagulazione del sangue, che può aumentare il rischio di infarti, ictus ed embolia polmonare. Alcuni farmaci possono anche ridurre l'assorbimento della vitamina K nel corpo, compresi gli antibiotici e il farmaco per la perdita di peso Orlistat. Parla con il tuo medico di tutti i farmaci e gli integratori alimentari che stai assumendo prima di iniziare l'integrazione di vitamina K2.

Riferimenti

  1. Gast, G. C. M., de Roos, N. M., Sluijs, I., Bots, M. L., Beulens, J. W. J., Geleijnse, J. M., … van der Schouw, Y. T. (2009, settembre). Un'elevata assunzione di menachinone riduce l'incidenza della malattia coronarica. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19179058
  2. Gröber, U., Reichrath, J., Holick, M. F., & Kisters, K. (2015, 21 gennaio). Vitamina K: una vecchia vitamina in una nuova prospettiva. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4580041/
  3. Halder, M., Petsophonsakul, P., Akbulut, A. C., Pavlic, A., Bohan, F., Anderson, E., … Schurgers, L. (2019, 19 febbraio). Vitamina K: doppi legami oltre la coagulazione Approfondimenti sulle differenze tra vitamina K1 e K2 in salute e malattia. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC6413124/
  4. Ikeda, Y., Iki, M., Morita, A., Kajita, E., Kagamimori, S., Kagawa, Y. e Yoneshima, H. (2006, maggio). L'assunzione di semi di soia fermentati, natto, è associata a una ridotta perdita ossea nelle donne in postmenopausa: studio giapponese sull'osteoporosi basato sulla popolazione (JPOS). Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/16614424
  5. Maresz, K. (2015, febbraio). Uso corretto del calcio: vitamina K2 come promotore della salute ossea e cardiovascolare. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4566462/
  6. Nimptsch, K., Rohrmann, S., & Linseisen, J. (2008, aprile). Assunzione dietetica di vitamina K e rischio di cancro alla prostata nella coorte di Heidelberg della European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition (EPIC-Heidelberg). Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18400723
  7. Nimptsch, K., Rohrmann, S., Kaaks, R., & Linseisen, J. (2010, maggio). Assunzione di vitamina K nella dieta in relazione all'incidenza e alla mortalità del cancro: risultati della coorte di Heidelberg dell'indagine prospettica europea sul cancro e la nutrizione (EPIC-Heidelberg). Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20335553
  8. Ufficio degli integratori alimentari – Vitamina K. (n.d.). Recuperato da https://ods.od.nih.gov/factsheets/vitaminK-HealthProfessional/
  9. Schwalfenberg, G.K. (2017). Vitamine K1 e K2: il gruppo emergente di vitamine necessarie per la salute umana. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5494092/
  10. Verso sud, K. (2015, marzo). Un ruolo ipotetico della vitamina K2 negli aspetti endocrini ed esocrini della carie dentale. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25636605
  11. Vermeer, C. (2012). Vitamina K: l'effetto sulla salute oltre la coagulazione – una panoramica. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3321262/
Vedi altro