Tè dimagrante: è supportato dalla scienza?

Tè dimagrante: è supportato dalla scienza?

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

Lascia che ti parli dei miei due mesi in cui ho bevuto tè per la perdita di peso: sono arrivati ​​in una scatola carina con un marchio carino, sapevano di cartone e, oh sì, non hanno funzionato. Speravo che funzionassero in modo che fossi proprio come quel marchio teatox che ha attirato la mia attenzione sui social media: carino all'esterno. Ma anche se non funzionavano, all'interno ero ancora un po' come quel prodotto: opaco come il cartone. Non sto facendo il drammatico, beh, forse un po'. Ma in quei due mesi durante i quali preparai religiosamente il mio tè umido al gusto di carta due volte al giorno, la fame ridusse la mia gamma emotiva a quella di un foglio di cartone.

Inutile dire che ho smesso di berli. Ma mi ci è voluto più tempo per smettere di chiedermi: è la mia forza di volontà che è spenta o il tè dimagrante è una truffa?

Hai sicuramente visto questi tè dimagranti (chiamati anche tè detox) o teatox sui social media. Forse non le pagine dei marchi che li vendono, ma almeno i tè, visto che sono svenduti da numerose celebrità, ognuna con milioni di follower. La maggior parte di noi sa che sono annunci, ma non può fare a meno di chiedersi se funzionano. Quindi, ecco cosa devi sapere sui tè, al di fuori della mia esperienza piena di fame.

Vitali

  • I tè per la perdita di peso, chiamati anche tè disintossicanti o teatox, affermano di aiutare le persone a perdere peso.
  • Lo fanno principalmente con ingredienti lassativi o diuretici.
  • I potenziali effetti collaterali includono la funzione gastrointestinale danneggiata, la disidratazione e gli squilibri elettrolitici.
  • Molti degli ingredienti non sono testati, il che significa che non sappiamo nemmeno se ti aiuteranno effettivamente a perdere peso a lungo termine.
  • Esistono alternative naturali a questi tè dimagranti con benefici comprovati.
  • La maggior parte dei tè che promuovono la perdita di peso contiene caffeina, EGCG o entrambi.

Come funzionano le tisane dimagranti?

In definitiva, i tè per la perdita di peso funzionano principalmente, se funzionano, perché sono diuretici naturali (nel senso che ti fanno fare pipì di più) o lassativi (nel senso, beh, lo sai). Per fortuna, i tè per la perdita di peso utilizzano ingredienti naturali come senna, aloe, foglia di dente di leone, olivello spinoso, prunella, bardana, cascara e radice di rabarbaro. Quindi, anche se possono dare un calcio al tuo intestino pigro, probabilmente non avrà lo stesso effetto o nella stessa misura, ad esempio, delle pillole lassative. (Per favore, non farlo mai a meno che non ci sia un'autentica necessità medica.)

In alcuni casi, le tisane per la perdita di peso funzionano perché sostituiscono gli spuntini. Se sei abituato a fare uno spuntino a metà pomeriggio ma lo sostituisci con uno di questi tè, stai creando un deficit calorico. Sebbene il corpo umano sia complicato e anche la perdita di peso può esserlo, creare un deficit calorico (in cui si bruciano più calorie di quelle che si assumono) generalmente porta a una certa perdita di peso.

Ma è anche importante distinguere qui tra i prodotti commercializzati specificamente come tè per la perdita di peso e tè che hanno benefici per la salute che possono includere la perdita di peso. I tè venduti specificamente per la perdita di peso utilizzano queste erbe che riducono il peso corporeo spingendo l'acqua o le feci dal corpo. Alcuni tè possono effettivamente aiutarti a perdere peso o sembrare un po' più magro, anche se non è questo il loro scopo. Ci arriveremo un po' più tardi.

Annuncio pubblicitario

Incontra Plenity —uno strumento di gestione del peso approvato dalla FDA

Plenity è una terapia solo su prescrizione. Per un uso sicuro e corretto di Plenity, parlare con un operatore sanitario o fare riferimento al Istruzioni per l'uso .

Per saperne di più

Pericoli delle tisane dimagranti

Quanto può farti male una tazza di tè? Sfortunatamente, non senza conseguenze se lo stai bevendo religiosamente. I potenziali effetti collaterali dei tè dimagranti includono la funzione gastrointestinale danneggiata, la disidratazione e gli squilibri elettrolitici.

Possono danneggiare la tua funzione gastrointestinale

La senna, uno degli ingredienti naturali utilizzati in alcuni di questi tè, può aiutarti a sentirti più leggero perché contiene antrachinone . Esistono più tipi di questo composto, ma sono principalmente noti per il loro effetto lassativo (Chien, 2015). Tuttavia, è noto da anni che l'uso continuo di questi composti derivati ​​specificamente dalla senna può danneggiare la digestione. I composti antrachinonici della senna possono danneggiare i neuroni mienterici, le cellule del plesso mienterico, che è il principale apporto nervoso per il tratto gastrointestinale (Smith, 1968). È questo insieme di nervi che controlla la peristalsi, il movimento ondulatorio che spinge la massa attraverso il tratto gastrointestinale. Nel tempo, questo movimento muscolare può indebolirsi a causa del danno.

Purtroppo, la dipendenza da lassativi non è rara. Ricercatori diciamo che ci sono quattro gruppi principali di persone che abusano di lassativi: persone con disturbi alimentari; persone che competono in determinati sport con limitazioni di peso; persone di mezza età che li hanno presi quando sono stitici ma continuano a usarli inutilmente; e le persone che li usano per creare artificialmente condizioni di salute come la diarrea (Roerig, 2010). Anche se guardi solo il primo gruppo, il Coalizione per i disturbi alimentari stima che ci siano 30 milioni di americani che hanno sofferto o soffrono attualmente di un disturbo alimentare (Eating Disorder Coalition, 2016). Ricerca mostra che fino al 6% di questo gruppo abusa di lassativi, il che significa che il numero potrebbe arrivare fino a 1,8 milioni di persone (Roerig, 2010).

Possono interferire con l'assunzione di sostanze nutritive

Contiamo l'acqua qui come nutriente perché, beh, ne hai bisogno. I lassativi, anche sotto forma di tè, possono causare diarrea, che impoverisce il corpo idrico a meno che tu non stia compensando bevendo abbastanza extra. I diuretici possono causare lo stesso effetto poiché fanno anche liberare il corpo dall'acqua. Sfortunatamente, questa disidratazione può indurre il tuo corpo a trattenere l'acqua per correggere lo squilibrio di liquidi, portando potenzialmente a gonfiore ed edema. Anche l'uso di lassativi è stato collegato a malnutrizione negli anziani (Sturtzel, 2009) e uso di lassativi riduce i livelli ematici di vitamina B12 più veloce dell'assunzione di fibre per favorire la salute dell'apparato digerente (Sturtzel, 2010).

I lassativi possono disturbare l'equilibrio elettrolitico

Gonfiore ed edema sono solo l'inizio degli effetti collaterali derivanti dall'eliminazione dell'equilibrio idrico ed elettrolitico attraverso l'uso di lassativi. È comune per le persone provare mancanza di respiro, confusione, battito cardiaco accelerato o irregolare, febbre e rantoli, un tintinnio nei polmoni, quando l'equilibrio di questi minerali è disturbato (Balcı, 2013). Se i tuoi elettroliti vengono influenzati abbastanza, i risultati potrebbero diffondersi e avere conseguenze per te sistemi renali e cardiovascolari (Roerigo, 2010). Sebbene gli effetti di specifici tè dimagranti su liquidi ed elettroliti siano sconosciuti, potresti metterti a rischio se consumi regolarmente tè con lassativi.

Le incognite

Parte del rischio connesso al consumo di tè come questo è che non sono regolamentati dalla FDA. Ogni marchio sarà diverso, ma alcuni potrebbero includere ingredienti che non sono stati testati per sicurezza o dosaggio. È difficile prevedere gli effetti collaterali che potresti riscontrare se gli ingredienti non sono ben studiati. Ma questo porta anche ai potenziali benefici. Se ci sono poche ricerche sui principi attivi del tuo tè detox, è difficile sapere se ti stanno effettivamente aiutando a raggiungere i tuoi obiettivi o se sono addirittura sicuri. I tuoi soldi sarebbero spesi meglio altrove.

Alternative più sicure ed efficaci ai tè dimagranti

Sebbene ci siano tè naturali che hanno dimostrato di avere un effetto di perdita di peso o grasso, è importante notare che questi effetti sono minori. Mangiare bene e non troppo, muovere il corpo, dormire a sufficienza e controllare lo stress sono tutte parti importanti per perdere peso e mantenere un peso sano. E sebbene i nostri corpi siano complessi, la perdita di peso si riduce principalmente a un deficit calorico. Questi tè, sebbene supportati da alcune ricerche cliniche, non avranno alcun effetto se stai mangiando troppo per le tue esigenze energetiche quotidiane.

Se stai cercando un tè dimagrante più naturale, il tè verde dovrebbe essere probabilmente il primo a essere gettato nel carrello della spesa. Il tè verde è uno dei migliori tè per incoraggiare naturalmente il tuo corpo a bruciare i grassi perché vanta due diversi composti che possono aiutare la perdita di peso: caffeina ed epigallocatechina gallato (EGCG). Ma, e non possiamo sottolinearlo abbastanza, gli effetti della perdita di peso sono modesti. Il Istituti Nazionali di Sanità (NIH) ha esaminato il tè verde e gli integratori di tè verde e ha concluso che potrebbero aiutarti a perdere una piccola quantità di peso (Office of Dietary Supplements - Dietary Supplements for Weight Loss, 2019).

EGCG è un tipo di catechine, che sono un gruppo di composti ricchi di potenti proprietà antiossidanti. La caffeina può favorire la perdita di peso, aiutare a ridurre il BMI e ridurre il grasso corporeo, una meta-analisi del 2018 di 13 studi randomizzati controllati coinvolgendo oltre 600 partecipanti trovati (Tabrizi, 2018). La ricerca sul solo EGCG è mista, ma ricerca osservativa a lungo termine ha notato che bere circa 2 tazze di tè verde ogni giorno è associato a una riduzione del peso e del grasso corporeo (Lamprecht, 2015). Ma il peso e la perdita di grasso sono aumentati quando l'EGCG viene assunto insieme alla caffeina , rendendo il tè verde una buona opzione naturale da aggiungere alla tua dieta (Cisneros, 2017).

Se non ti dispiace il sapore leggermente amaro, opta per il matcha invece del normale tè verde. La concentrazione di EGCG disponibile di questa alternativa a base di foglie di tè in polvere è 137 volte maggiore rispetto al normale tè verde che si prepara e almeno tre volte superiore alla più grande concentrazione di tè verde EGCG rilevata in ricerche passate (Weiss, 2003).

Le persone che bevono tè con caffeina hanno molte alternative ai tè disintossicanti. Puoi aggiungere tè oolong e tè Puerh a quella lista se hai voglia di preparare qualcosa di meno comune. Entrambi questi tè cinesi possono aiutare a prevenire l'aumento di peso e potenzialmente aiutare la perdita di peso. Studi precedenti hanno dimostrato che il tè oolong può aumentare il metabolismo, aumentare il dispendio energetico giornaliero (le calorie bruciate ogni giorno) (Rumpler, 2001) e ridurre la massa corporea. Nelle donne, anche bere questo tè può ridurre in modo specifico il grasso della pancia (Lui, 2009). Estratto di tè Puerh ha anche dimostrato di aiutare la perdita di peso e abbassare il BMI (Yang, 2014).

Tè senza caffeina

Se stai cercando l'effetto appiattimento dello stomaco del tè dimagrante ma non sei così preoccupato del numero sulla bilancia, potresti voler raggiungere il tè alla menta piperita. Le tisane come la menta piperita non contengono caffeina, quindi non otterrai gli stessi effetti brucia grassi del bere il tè con lo stimolante. La maggior parte degli studi clinici utilizza estratti di questa pianta, che fornisce una dose più forte di quella che otterresti attraverso il tè. Ma ci sono prove che l'estratto di menta piperita può ridurre i sintomi gastrointestinali come gonfiore e gas nelle persone con sindrome dell'intestino irritabile (IBS) (Cash, 2016). Gli effetti possono estendersi al tè, ma non è noto.

Se stai guardando la tua caffeina, prova a raggiungere per tè rooibos . Questo tè rosso originario del Sud Africa non è solo ricco di composti salutari chiamati polifenoli, ma può anche incoraggiare la scomposizione del grasso bloccando la formazione di nuove cellule adipose (Sanderson, 2014). Ci sono, tuttavia, rapporti aneddotici secondo cui questo tè è stimolante nonostante la sua mancanza di caffeina, quindi potrebbe essere meglio provarlo al mattino.

La linea di fondo? Quei tè per la perdita di peso costano molto e stai rischiando problemi digestivi anche se la perdita di peso è tutt'altro che garantita. La soluzione migliore è probabilmente un piano alimentare sano, un adeguato esercizio fisico e un tè che puoi già trovare al supermercato.

Riferimenti

  1. Chien, S.-C., Wu, Y.-C., Chen, Z.-W., & Yang, W.-C. (2015). Antrachinoni presenti in natura: chimica e potenziale terapeutico nel diabete autoimmune. Medicina complementare e alternativa basata sull'evidenza, 2015, 1–13. doi: 10.1155/2015/357357, https://www.hindawi.com/journals/ecam/2015/357357/
  2. Cisneros, L. C. V., Lopez-Uriarte, P., Lopez-Espinoza, A., Meza, M. N., Espinoza-Gallardo, A. C., & Aburto, M. B. G. (2017). Effetti del tè verde e del suo contenuto di epigallocatechina (EGCG) sul peso corporeo e sulla massa grassa negli esseri umani: una revisione sistematica. Nutricion Hospitalaria, 34(3), 731-737. doi: 10.20960/nh.753, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28627214
  3. Fatti sui disturbi alimentari: cosa mostra la ricerca. (2016). Estratto il 10 gennaio 2020 da http://eatingdisorderscoalition.org.s208556.gridserver.com/couch/uploads/file/fact-sheet_2016.pdf
  4. He, R.-R., Chen, L., Lin, B.-H., Matsui, Y., Yao, X.-S. e Kurihara, H. (2009). Effetti benefici del consumo di tè oolong su soggetti sovrappeso e obesi indotti dalla dieta. Giornale cinese di medicina integrativa, 15 (1), 34-41. doi: 10.1007/s11655-009-0034-8, https://www.ncbi. n lm.nih.gov/pubmed/19271168
  5. Lamprecht, M. (Ed.). (2015). Catechine del tè verde e prestazioni sportive. In Antiossidanti nella nutrizione sportiva. CRC Press/Taylor & Francis, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK299060/
  6. Ufficio degli integratori alimentari - Integratori alimentari per la perdita di peso. (2019, 20 giugno). Estratto il 14 febbraio 2020 da https://ods.od.nih.gov/factsheets/WeightLoss-Consumer/
  7. Roerig, J. L., Steffen, K. J., Mitchell, J. E. e Zunker, C. (2010). Abuso di lassativi. Droghe, 1. doi: 10.2165/10898640-00000000-00000, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20687617
  8. Rumpler, W., Seale, J., Clevidence, B., Judd, J., Wiley, E., Yamamoto, S., … Hosoda, K. (2001). Il tè Oolong aumenta il tasso metabolico e l'ossidazione dei grassi negli uomini. Il giornale della nutrizione, 131 (11), 2848–2852. doi: 10.1093/jn/131.11.2848, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/11694607
  9. Sanderson, M., Mazibuko, S. E., Joubert, E., Beer, D. D., Johnson, R., Pheiffer, C., … Muller, C. J. (2014). Effetti del rooibos fermentato (Aspalathus linearis) sulla differenziazione degli adipociti. Fitomedicina, 21(2), 109-117. doi: 10.1016/j.phymed.2013.08.011, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24060217
  10. Sturtzel, B., Mikulits, C., Gisinger, C., & Elmadfa, I. (2009). Uso della fibra al posto del trattamento lassativo in un ospedale geriatrico per migliorare il benessere degli anziani. The Journal of Nutrition, Health and Aging, 13(2), 136-139. doi: 10.1007/s12603-009-0020-2, https://europepmc.org/article/med/19214342
  11. Sturtzel, B., Dietrich, A., Wagner, K.-H., Gisinger, C., & Elmadfa, I. (2010). Lo stato delle vitamine B6, B12, acido folico e dell'omocisteina nei residenti domiciliari geriatrici che ricevono lassativi o fibre alimentari. The Journal of Nutrition, Health & Aging, 14(3), 219-223. doi: 10.1007/s12603-010-0053-6, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20191257
  12. Tabrizi, R., Saneei, P., Lankarani, K. B., Akbari, M., Kolahdooz, F., Esmaillzadeh, A., … Asemi, Z. (2018). Gli effetti dell'assunzione di caffeina sulla perdita di peso: una revisione sistematica e una meta-analisi dos-risposta di studi randomizzati controllati. Recensioni critiche in scienze alimentari e nutrizione, 59 (16), 2688-2696. doi: 10.1080/10408398.2018.1507996, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30335479
  13. Weiss, D.J., & Anderton, C.R. (2003). Determinazione delle catechine nel tè verde matcha mediante cromatografia elettrocinetica micellare. Giornale di cromatografia A, 1011 (1-2), 173-180. doi: 10.1016/s0021-9673(03)01133-6, http://europepmc.org/article/MED/14518774
  14. Yang, T.-Y., Chou, JI, Ueng, K.-C., Chou, M.-Y., Yang, J.-J., Lin-Shiau, S.-Y., … Lin, J .-K. (2014). Effetto di riduzione del peso del tè Puerh in pazienti di sesso maschile con sindrome metabolica. Ricerca in fitoterapia, 28 (7), 1096-1101. doi: 10.1002/ptr.5111, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24399768
Vedi altro