Quali sono gli effetti collaterali più comuni della metformina?

Quali sono gli effetti collaterali più comuni della metformina?

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi medici, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli sulla Guida alla salute sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

La metformina (nome commerciale Glucophage) è stata un trattamento di prima linea per il diabete di tipo 2 dalla metà degli anni '90. In quel periodo, ha guadagnato una buona reputazione nella comunità medica per avere effetti positivi su molto più del semplice diabete. Suo associato alla perdita di peso, usato per trattare la sindrome dell'ovaio policistico (PCOS) e può svolgere un ruolo nella prevenzione del cancro , per citarne alcuni (Markowicz-Piasecka, 2017).

Prima di correre dal tuo medico per chiedere una prescrizione, tuttavia, è importante essere consapevoli degli effetti collaterali e delle controindicazioni comuni di questo potente farmaco.

Vitali

  • La metformina è un farmaco per il diabete di tipo 2 che agisce abbassando i livelli di zucchero nel sangue. È efficace nel mantenere i pazienti con prediabete dallo sviluppo del diabete.
  • I sintomi gastrointestinali sono abbastanza comuni durante l'assunzione di metformina e la diarrea è il principale responsabile.
  • La maggior parte degli effetti collaterali della metformina sono lievi e ci sono pochissimi effetti collaterali gravi. La complicanza più grave è l'acidosi lattica, ma questa è rara.
  • La metformina è anche usata per trattare la sindrome dell'ovaio policistico (PCOS), ma al momento non è approvata dalla FDA per la PCOS (o qualsiasi altra condizione medica).

Effetti indesiderati comuni di metformina

Gli effetti collaterali più comuni della metformina sono problemi gastrointestinali (GI) , come nausea, diarrea, vomito, bruciore di stomaco, perdita di appetito, mal di stomaco, disturbi di stomaco e sapore metallico in bocca (Bonnet, 2016). Studi mostrano che fino al 25% delle persone sperimenta questi effetti collaterali, ma di solito sono relativamente lievi e tollerabili (McCreight, 2016). Circa il 5% delle persone ha sintomi gastrointestinali abbastanza gravi da interrompere l'assunzione di metformina.

Ecco alcuni possibili modi per ridurre questi problemi:

Ecco uno sguardo più da vicino a questi e altri potenziali effetti collaterali della metformina:

dove posso comprare la mosca spagnola?

Annuncio pubblicitario

Oltre 500 farmaci generici, ciascuno $ 5 al mese

Passa a Ro Pharmacy per ottenere le tue prescrizioni riempite per soli $ 5 al mese ciascuna (senza assicurazione).

Per saperne di più

Metformina diarrea Met

Di tutti i sintomi gastrointestinali che possono verificarsi con la metformina, il più comune è la diarrea. Oltre il 60% dei pazienti che manifestano sintomi gastrointestinali con metformina hanno diarrea (Fatima, 2018). Non conosciamo le ragioni esatte di ciò, ma un paio di possibilità sono che la metformina porti a livelli di segnalazione della serotonina più elevati e a un minore assorbimento dei sali biliari nell'intestino. Queste azioni aumentano le contrazioni muscolari nell'intestino e attirano più liquidi nel tratto gastrointestinale, la ricetta perfetta per la diarrea.

Anche senza prendere metformina, circa il 20% delle persone con diabete di tipo 2 soffre di diarrea (Gould, 2009). Quando la metformina viene aggiunta alla miscela, i tassi di diarrea in questa popolazione possono raggiungere il 50%.

Carenza di vitamina B12

Sebbene non sia comune come la diarrea, la metformina può anche causare carenza di vitamina B12 in fino al 20% dei pazienti (da Hunter, 2010). La vitamina B12 è importante per molti processi nel corpo, inclusa la funzione neurologica, quindi il tuo medico probabilmente controllerà i tuoi livelli di vitamina B12 se prendi metformina (Langan, 2017). Non preoccuparti, però: se sviluppi una carenza, è facile da trattare con un integratore di vitamina B12.

Perdita di peso

La metformina può causare la perdita di peso? Ci sono alcune prove che potrebbe, anche se non dovrebbe essere visto come un farmaco miracoloso per la perdita di peso (Apolzan, 2019). In uno studio, la metformina ha causato tassi più elevati di perdita di peso a un anno rispetto al placebo, ma a tassi inferiori rispetto ai pazienti che hanno implementato interventi intensivi sullo stile di vita (come cambiamenti nella dieta, attività fisica e altri cambiamenti nello stile di vita). A lungo termine, tuttavia, dopo 6-15 anni, coloro che avevano perso peso con la metformina avevano molto più successo nel mantenere la loro perdita di peso rispetto agli altri due gruppi.

Uno dei vantaggi della metformina per i pazienti con diabete è che, per lo meno, non sembra causare aumento di peso. Lo stesso non si può dire per due degli altri tipi di farmaci per il diabete più comunemente prescritti: insulina e sulfoniluree —entrambi i quali possono causare un drammatico aumento di peso (Provilus, 2011). Gli esempi più comuni di sulfoniluree (una classe di farmaci antidiabetici) sono glimepiride (marchio Amaryl), glipizide (marca Glucotrol) e gliburide (marca Glynase).

Acidosi lattica

Una complicanza rara ma grave che può essere associata alla metformina (in particolare nelle persone con malattia epatica o renale avanzata) è una condizione chiamata acidosi lattica (Foucher, 2020). L'acidosi lattica è quando c'è un accumulo di acido lattico nel sangue, che spesso causa insufficienza epatica o renale. Anche nei pazienti con malattia renale cronica da lieve a moderata, tuttavia, la metformina è generalmente sicura , con alcune precauzioni (MacCallum, 2019).

L'acidosi lattica con metformina è così rara che alcuni ricercatori si domandano se è davvero qualcosa di cui essere così preoccupati (Misbin, 2004).

A cosa serve la metformina?

La metformina è, prima di tutto, un farmaco antidiabetico usato per trattare il diabete di tipo 2 (Liv, 2020). Potresti conoscerlo come Glucofago , che è uno dei marchi di metformina (US. National Library of Medicine, 2018). Altri marchi includono Glumetza, Riomet e Fortamet.

In anni più recenti, gli operatori sanitari hanno usato anche metformina off-label per il trattamento della sindrome dell'ovaio policistico (PCOS), una condizione associata a infertilità, aborto precoce, diabete gestazionale e altri sintomi ormonali (Markowicz-Piasecka, 2017). Sebbene la metformina sia utile con i sintomi della PCOS, attualmente non è approvata dalla FDA per il trattamento della PCOS.

Ci sono alcune prove che suggeriscono che la metformina potrebbe influenzare positivamente altri processi patologici come il cancro, l'invecchiamento e le malattie cardiovascolari. Questa prova non è conclusiva e la metformina non è approvata dalla FDA per nessuna condizione diversa dal diabete di tipo 2.

Noi abbiamo prove promettenti che la metformina può essere usata per trattare il prediabete (Lilly, 2009). Il prediabete è quando i livelli di zucchero nel sangue sono al limite ma non del tutto al livello del diabete conclamato. La metformina può essere utilizzata per impedire a un paziente con prediabete di progredire al diabete di tipo 2.

Che cos'è il diabete?

Allora, cos'è esattamente il diabete? Generalmente, quando parliamo di diabete, ci riferiamo al diabete mellito (da non confondere con il diabete insipido, una malattia completamente diversa). Diabete mellito è una malattia metabolica che coinvolge livelli di zucchero nel sangue più alti di quanto dovrebbero essere (Sapra, 2020). Esistono diverse varietà di diabete mellito, ma i due tipi principali sono:

il mio pene si curva a destra
  • Il tipo 1 è comunemente indicato come diabete giovanile poiché si manifesta principalmente nei bambini e negli adolescenti. Il diabete di tipo 1 si verifica quando la secrezione di insulina naturale del corpo non funziona correttamente, ecco perché i pazienti con diabete di tipo 1 richiedono sempre insulina. Il diabete di tipo 1 non viene trattato con metformina.
  • Il tipo 2 è generalmente una malattia ad esordio nell'età adulta (sebbene si presenti nei pazienti più giovani). A differenza del diabete di tipo 1, il tipo 2 è dovuto all'insulino-resistenza, il che significa che le cellule non rispondono adeguatamente all'insulina, con conseguente aumento della glicemia. Esistono fattori di rischio genetici e comportamentali ed è più diffuso nelle persone con obesità. I pazienti con diabete di tipo 2 a volte hanno bisogno di insulina, ma non sempre. La metformina è uno dei pilastri del trattamento per il diabete di tipo 2, insieme ai cambiamenti dello stile di vita.

Come funziona la metformina per il diabete di tipo 2?

La metformina è in una classe di farmaci chiamati biguanidi, e è un efficace farmaco antidiabetico (Markowicz-Piasecka, 2017).

Il modo in cui funziona è che la glicemia alta è un marker primario del diabete di tipo 2 e la metformina abbassa i livelli di glucosio nel sangue del corpo, la concentrazione di zucchero nel sangue. Lo fa diminuendo la produzione di glucosio da parte del fegato. La metformina è per lo più assorbita nell'intestino tenue (quindi, tutti quei sintomi gastrointestinali).

Sono disponibili sia versioni a rilascio immediato che a rilascio esteso. Le compresse a rilascio prolungato sono spesso preferite perché hanno un migliore profilo degli effetti collaterali rispetto alla formula a rilascio immediato (Jabbour, 2011). Ciò è particolarmente utile per i pazienti che manifestano sintomi gastrointestinali gravi dalla versione a rilascio immediato.

Quanto è sicura la metformina?

La metformina è spesso un trattamento antidiabetico preferito perché è abbastanza sicuro e ben tollerato dalla maggior parte dei pazienti (Gruppo di ricerca sul programma di prevenzione del diabete, 2012). C'era qualche potenziale preoccupazione su quanto fosse sicura la metformina per gli adulti di età superiore agli 80 anni, ma sono necessarie ulteriori ricerche su tale argomento (Schlender, 2017).

C'è anche prova che la metformina riduce i decessi correlati al diabete e i decessi per tutte le altre cause, rispetto al gruppo placebo (Markowicz-Piasecka, 2017).

Alcuni pazienti non devono assumere metformina, in particolare pazienti con malattia renale avanzata o insufficienza epatica. Questi pazienti hanno un rischio molto più elevato di sviluppare acidosi lattica. Livelli da lievi a moderati di malattie renali o epatiche generalmente vanno bene con la metformina.

Puoi semplicemente smettere di prendere metformina?

L'interruzione di qualsiasi farmaco deve essere eseguita sotto la cura di un operatore sanitario. Non c'è alcun pericolo nell'interrompere la metformina, ma qualsiasi effetto positivo che potresti aver avuto mentre assumevi il farmaco scomparirà quando smetterai di prenderlo.

Controindicazioni della metformina

Sebbene la metformina sia un farmaco sicuro ed efficace per la maggior parte delle persone, alcune persone non dovrebbero assumere metformina. Le controindicazioni includono una grave malattia renale, una malattia epatica avanzata e una storia di acidosi lattica durante il trattamento con metformina.

Se hai una di queste controindicazioni, il tuo medico lavorerà con te per trovare le migliori opzioni di trattamento alternative.

Malattie renali

Gli operatori sanitari erano soliti evitare di prescrivere metformina a pazienti con qualsiasi livello di malattia renale o compromissione. Negli ultimi anni, tuttavia, è diventato chiaro che la metformina è generalmente sicura in quelli con problemi renali da lievi a moderati (Tanner, 2019). La metformina è controindicata solo nei casi gravi (stadio 3 o 4) di malattia renale quando la funzionalità renale è pericolosamente bassa poiché quei pazienti sono a rischio elevato di sviluppare acidosi lattica.

Malattia del fegato

C'è stata qualche preoccupazione in passato sulla prescrizione di metformina a pazienti con malattie del fegato. Per la maggior parte dei pazienti con malattie del fegato, tuttavia, è sicuro e può anche essere utile (Brackett, 2010). Ciò è particolarmente vero per quelli con steatosi epatica non alcolica, che è la forma più comune di malattia epatica negli Stati Uniti.

pillole per ingrandire il tuo scavo

I pazienti con cirrosi avanzata potrebbero dover essere monitorati attentamente o evitare del tutto la metformina poiché la cirrosi è un grave fattore di rischio di sviluppare acidosi lattica. Se hai una malattia al fegato, parlane con il tuo medico prima di iniziare la metformina.

Storia di acidosi lattica durante l'assunzione di metformina

L'acidosi lattica è una complicanza rara ma molto pericolosa associata alla metformina. Non dovresti assumere metformina se hai mai sviluppato acidosi lattica durante l'assunzione di questo farmaco o se sei a maggior rischio di acidosi lattica.

Insufficienza cardiaca

Contrariamente alle ipotesi precedenti, avere una storia di malattie cardiache o l'insufficienza cardiaca non è una controindicazione per l'assunzione di metformina (Tahrani, 2007). In effetti, può essere utile nel migliorare i sintomi dell'insufficienza cardiaca congestizia, che è altamente prevalente nei pazienti con diabete mellito di tipo 2. C'era una certa preoccupazione che l'insufficienza cardiaca o una storia di infarto aumentasse il rischio di acidosi lattica, ma non ci sono prove concrete di ciò.

Interazioni farmacologiche con metformina

Prima di iniziare con la metformina, è importante informare il proprio medico di eventuali altri farmaci che si stanno assumendo. Esistono diverse interazioni farmacologiche gravi, tra cui:

  • Consumo eccessivo di alcol
  • Contrasto di iodio (usato nei test di imaging)
  • Alcuni farmaci antitumorali

Ci sono diverse altre interazioni farmacologiche ciò potrebbe richiedere un monitoraggio aggiuntivo, quindi sii aperto e onesto con il tuo medico su tutti i farmaci che stai assumendo, sia medici che ricreativi (Maideen, 2017). Come con qualsiasi farmaco, interrompere l'assunzione di metformina se si verifica una reazione allergica ad esso e informare immediatamente il proprio medico.

Discuti dei dubbi con il tuo medico

I potenziali effetti collaterali possono essere una delle parti più spaventose dell'inizio di un nuovo farmaco se non sai cosa aspettarti. Ora che hai una buona comprensione degli effetti collaterali che potresti riscontrare con la metformina, ti consigliamo di discutere eventuali problemi specifici con il tuo medico.

Riferimenti

  1. Apolzan, J. W., Venditti, E. M., Edelstein, S. L., Knowler, W. C., Dabelea, D., Boyko, E. J., . . . Gadde, K. M. (2019). Perdita di peso a lungo termine con metformina o intervento sullo stile di vita nel programma di prevenzione del diabete Risultati dello studio [Abstract]. Annali di medicina interna, 170(10), 682-690. doi:10.7326/M18-1605. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/3100939/
  2. Blonde, L., Dailey, G. E., Jabbour, S. A., Reasner, C. A. e Mills, D. J. (2004). Tollerabilità gastrointestinale delle compresse di metformina a rilascio prolungato rispetto alle compresse di metformina a rilascio immediato: risultati di uno studio di coorte retrospettivo [Abstract]. Attuale ricerca medica e parere, 20 (4), 565-572. doi:10.1185/030079904125003278. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/15119994/
  3. Bonnet, F., & Scheen, A. (2016). Comprensione e superamento dell'intolleranza gastrointestinale alla metformina. Diabete, obesità e metabolismo, 19(4). doi:10.1111/dom.12854. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27987248/
  4. Brackett, C.C. (2010). Chiarire il ruolo e i rischi della metformina nella disfunzione epatica [Abstract]. Journal of the American Pharmacists Association, 50(3), 407-410. doi:10.1331/JAPhA.2010.0890. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/20452916/
  5. De Jager, J., Kooy, A., Lehert, P., Wulffelé, M. G., Van der Kolk, J., Verburg, J., . . . Stehouwer, C.D. (2010). Trattamento a lungo termine con metformina in pazienti con diabete di tipo 2 e rischio di carenza di vitamina B-12: studio randomizzato controllato con placebo [Abstract]. BMJ, 340 (C2181). doi:10.1136/bmj.c2181. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/20488910/
  6. Il gruppo di ricerca del programma di prevenzione del diabete. (2012). Sicurezza a lungo termine, tollerabilità e perdita di peso associate alla metformina nello studio sugli esiti del programma di prevenzione del diabete. Cura del diabete, 35(4), 731-737. doi: 10.2337/dc11-1299. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3308305/
  7. Fatima, M., Sadeeqa, S. e Nazir, S. U. (2018). Metformina e i suoi problemi gastrointestinali: una revisione. Ricerca biomedica, 29(11). doi:10.4066/biomedicalresearch.40-18-526. https://www.alliedacademies.org/articles/metformin-and-its-gastrointestinal-problems-a-review-10324.html
  8. Foucher, C. D. e Tubben, R. E. (2020). Acidosi lattica. StatPearls. Estratto il 9 novembre 2020 da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK470202/
  9. Gould, M., & Sellin, J. H. (2009). Diarrea diabetica. Rapporti attuali di gastroenterologia, 11(5), 354-359. doi:10.1007/s11894-009-0054-y. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/19765362/
  10. Jabbour, S., & Ziring, B. (2011). Vantaggi della metformina a rilascio prolungato nei pazienti con diabete mellito di tipo 2 [Abstract]. Medicina post-laurea, 123 (1), 15-23. doi:10.3810/pgm.2011.01.2241. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/21293080/
  11. Langan, RC, & Goodbread, A J. (2017). Carenza di vitamina B12: riconoscimento e gestione [Riassunto]. Medico di famiglia americano, 96(6), 384-389. Estratto il 30 novembre 2020 da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/28925645/
  12. Lilly, M., & Godwin, M. (2009). Trattamento del prediabete con metformina: revisione sistematica e meta-analisi. Medico di famiglia canadese, 55 (4), 363-369. Estratto l'11 novembre 2020 da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2669003/
  13. Lv, Z. e Guo, Y. (2020). Metformina e i suoi benefici per varie malattie. Frontiere in endocrinologia, 11(191). doi:0.3389/fendo.2020.00191. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC7212476/
  14. MacCallum, L., & Senior, P. A. (2019). Uso sicuro della metformina negli adulti con diabete di tipo 2 e malattia renale cronica: sono essenziali dosaggi più bassi e istruzione per il giorno della malattia [Abstract]. Canadian Journal of Diabetes, 43 (1), 76-80. doi:10.1016/j.jcjd.2018.04.004. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30061044/
  15. Maideen, N. M., Jumale, A. e Balasubramaniam, R. (2017). Interazioni farmacologiche della metformina che coinvolgono proteine ​​trasportatrici di farmaci. Bollettino farmaceutico avanzato, 7(4), 501-505. doi:10.15171/apb.2017.062. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5788205/
  16. Markowicz-Piasecka, M., Huttunen, K. M., Mateusiak, , Mikiciuk-Olasik, E., & Sikora, J. (2017). La metformina è un farmaco perfetto? Aggiornamenti in farmacocinetica e farmacodinamica. Progettazione farmaceutica attuale, (23), 2532-2550. doi: 10.2174 / 1381612822666161201152941. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/27908266/
  17. McCreight, L. J., Bailey, C. J. e Pearson, E. R. (2016). Metformina e tratto gastrointestinale. Diabetologia, (59), 426-435. doi:10.1007/s00125-015-3844-9. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4742508/
  18. Misbin, R. I. (2004). Il fantasma dell'acidosi lattica dovuta alla metformina nei pazienti con diabete. Cura del diabete, 27(7), 1791-1793. doi:10.2337/diacare.27.7.1791. https://care.diabetesjournals.org/content/27/7/1791
  19. Biblioteca Nazionale di Medicina. (2018). DailyMed: Glucophage – compressa di metformina cloridrato, rivestita con film; Glucophage XR – compressa di metformina cloridrato, a rilascio prolungato. Estratto il 10 novembre 2020 da https://dailymed.nlm.nih.gov/dailymed/drugInfo.cfm?setid=4a0166c7-7097-4e4a-9036-6c9a60d08fc6
  20. Provlus, A., Abdallah, M., & McFarlane, S. I. (2011). Aumento di peso associato a farmaci antidiabetici. Terapia, 8(2), 113-120. doi:10.2217/TI.11.8. https://www.openaccessjournals.com/articles/weight-gain-associated-with-antidiabetic-medications.pdf
  21. Sapra, A., & Bhandari, P. (2020). Diabete mellito. StatPearls. Estratto il 10 novembre 2020 da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK551501/
  22. Schlender, L., Martinez, Y. V., Adeniji, C., Reeves, D., Faller, B., Sommerauer, C., . . . Renom-Guiteras, A. (2017). Efficacia e sicurezza della metformina nella gestione del diabete mellito di tipo 2 negli anziani: una revisione sistematica per lo sviluppo di raccomandazioni per ridurre la prescrizione potenzialmente inappropriata [Abstract]. BMC Geriatria, 17(Suppl 1), 227a ser. doi:10.1186/s12877-017-0574-5. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29047344/
  23. Tahrani, A. A., Varughese, G. I., Scarpello, J. H., & Hanna, F. W. (2007). Metformina, insufficienza cardiaca e acidosi lattica: la metformina è assolutamente controindicata? BMJ, 335(7618), 508-512. doi:10.1136/bmj.39255.669444.AE. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC1971167/
  24. Tanner, C., Wang, G., Liu, N., Andrikopoulos, S., D, J., Zajac, & Ekinci, E. I. (2019). Metformina: è ora di rivedere il suo ruolo e la sua sicurezza nella malattia renale cronica [Abstract]. Il Medical Journal of Australia, 211 (1), 37-42. doi:10.5694/mja2.50239. https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/31187887/
Vedi altro