Cosa sono i booster naturali di testosterone? Lavorano?

Cosa sono i booster naturali di testosterone? Lavorano?

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi di carattere medico, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli su Health Guide sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

I livelli di testosterone non sono una metrica di vanità come quella panca max in quanto potresti o meno aver arrotondato per eccesso. Sebbene il testosterone sia strettamente legato alle idee stereotipate (e obsolete) della mascolinità come i chili sollevati in palestra, questo ormone è una parte essenziale di un corpo sano con benefici che vanno ben oltre la massa muscolare o la forza. (Ed è presente anche nelle donne, anche se è comunemente considerato l'ormone sessuale maschile.) Prodotto principalmente dai testicoli, il testosterone e il suo derivato DHT sono, sì, responsabili dello sviluppo muscolare, ma anche della crescita genitale, dei peli del corpo, della produzione di sperma , desiderio sessuale, salute delle ossa e produzione di globuli rossi.

Vitali

  • Il testosterone svolge molti ruoli nel corpo, supportando non solo la produzione di sperma e il desiderio sessuale, ma anche la salute delle ossa e la produzione di globuli rossi.
  • Due esami del sangue che mostrano<300 ng/dL can confirm low testosterone (hypogonadism). Some labs use a lower cut-off of <270 ng/dL.
  • I booster di testosterone naturali si dividono in due categorie: integratori e cambiamenti nello stile di vita.
  • Le carenze nutrizionali possono causare bassi livelli di T, quindi gli integratori che correggono tali carenze possono essere trattamenti efficaci.
  • Anche abitudini sane come dormire a sufficienza, ridurre lo stress e fare esercizio fisico regolarmente possono supportare la produzione di testosterone.

Come tutti gli altri aspetti vitali della salute, dalle vitamine e minerali agli ormoni, è possibile avere una carenza di testosterone, chiamata ipogonadismo o, più comunemente, bassa T. I cut-off esatti per i normali livelli di testosterone negli uomini variano, ma le stime in genere variano da 270 a 1.070 ng/dL. Avere un valore inferiore a 300 ng/dL è un limite ragionevole per diagnosticare un basso livello di testosterone, secondo il Associazione Urologica Americana (AUA) (AUA, 2018). Nella maggior parte dei casi, i livelli ematici di testosterone vengono testati al mattino quando sono al massimo. Due esami del sangue che mostrano livelli inferiori a 300 ng/dL (o inferiori a 270 ng/dL) confermano una diagnosi di ipogonadismo, che può causare sintomi di basso livello di testosterone come basso desiderio sessuale, disfunzione erettile (DE), deterioramento muscolare, aumento di peso e affaticamento e contribuiscono all'obesità, al diabete e alle malattie cardiache.

T basso non è raro. Il 39% degli uomini di età superiore ai 45 anni, che si presentano a un fornitore di cure primarie, è carente di testosterone, secondo una stima (Riva, 2014). In effetti, sta diventando più comune. I livelli di testosterone negli uomini americani hanno subito un calo sostanziale dagli anni '80, i ricercatori hanno scoperto - anche se non sono del tutto sicuri del perché. E solo perché i tuoi livelli erano normali in precedenza non significa che lo siano nemmeno adesso. I livelli di T diminuiscono man mano che si invecchia, a partire dai 30 anni. Diminuiscono di circa l'1% all'anno o di circa il 10% ogni decennio (Travison, 2007).



l-arginina e disfunzione erettile

Annuncio pubblicitario



Supplementi di supporto del testosterone romano Roman

La fornitura del tuo primo mese è di $ 15 ($ 20 di sconto)

quando sarà venduto il cialis al banco?
Per saperne di più

Quali sono i modi naturali per aumentare il testosterone?

Diciamo che non sei pronto per la terapia con testosterone. Se stai cercando modi per aumentare il testosterone in modo naturale, ci sono due strade che puoi seguire: integratori e cambiamenti nello stile di vita. Mentre i cambiamenti nello stile di vita che supportano livelli di testosterone sani sono abitudini che tutti dovrebbero adottare per la salute e il benessere generale, gli integratori alimentari sono più complicati. Gli integratori sono regolati solo in modo approssimativo dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense, quindi è sempre importante acquistare da un'azienda di cui ti puoi fidare.



Supplementi

Conoscere gli ingredienti e come possono influenzare i livelli di T nel corpo è importante. Solo il 25% degli ingredienti utilizzati negli integratori di testosterone da banco esaminati dai ricercatori della University of Southern California (USC) ha mostrato che la ricerca scientifica aumenta il testosterone. Degli ingredienti utilizzati in quegli integratori, il 61,5% non aveva dati sulla loro efficacia e il 18,3% aveva dati contrastanti sul fatto che funzionassero o meno (Clemesha, 2020).

cosa fa la metformina per il diabete?

Usi di Ashwagandha: in cosa può aiutare questa pianta medicinale?

8 minuti di lettura

È anche importante rendersi conto che, sebbene possiamo chiamare alcuni integratori stimolatori di testosterone, sarebbe più appropriato dire che supportano la produzione naturale di testosterone del corpo. Gli integratori non aumentano necessariamente il testosterone che il tuo corpo è in grado di produrre; forniscono solo la nutrizione necessaria per consentire al tuo corpo di fare ciò che dovrebbe nel modo più efficace possibile. Ecco cosa devi sapere sui comuni booster di testosterone naturale e su come funzionano:

  • Vitamina D. Ci sono prove che l'integrazione di vitamina D può aiutare ad aumentare livelli di testosterone e funzione sessuale, negli uomini che sono carenti della vitamina del sole (Pilz, 2011). Tuttavia, molti americani non assumono abbastanza vitamina D. Se il tuo medico ha testato i tuoi livelli di T e li ha trovati bassi, potrebbe valere la pena farli testare anche i tuoi livelli di questa vitamina cruciale.
  • Ashwagandha. Questa erba medicinale è un adattogeno o una pianta che aiuta il tuo corpo ad affrontare tutti i tipi di stress. Può influenzare i livelli di testosterone in due modi: agendo direttamente sui livelli dell'ormone e indirettamente influenzando i livelli di cortisolo. I livelli di testosterone sono aumentati, in media, del 14,7% negli uomini che assumono ashwagandha in un piccolo studio (Lopresti, 2019). Ashwagandha è anche noto per la sua capacità di abbassare i livelli di cortisolo , motivo per cui ha la reputazione di essere un integratore per la gestione dello stress (Chandrasekhar, 2012). E, come ha scoperto uno studio più vecchio , livelli elevati di cortisolo portano a bassi livelli di testosterone (Cumming, 1983). Gestendo i livelli dell'ormone dello stress, l'ashwagandha può anche aiutare i livelli di T.
  • Zinco. L'integrazione con questo minerale essenziale aiuta ad aumentare i livelli di testosterone negli uomini carenti di zinco, alcuni studi hanno trovato . Ma questo potrebbe non essere d'aiuto se i tuoi livelli di zinco sono normali. Una carenza di zinco ha un effetto negativo sui livelli ematici di testosterone, quindi la correzione di questo divario nutrizionale, non l'eccesso di zinco, è la chiave (Fallah, 2018).
  • fieno greco. Gli uomini che hanno assunto questo integratore a base di erbe per 12 settimane hanno sperimentato non solo un aumento delle erezioni mattutine e della frequenza dell'attività sessuale, ma anche un aumento dei livelli di testosterone in uno studio controllato con placebo (Rao, 2016).
  • Acido D-aspartico (DAA). Sebbene ci siano alcune prove che DAA possa aiutare il tuo corpo a rilasciare più testosterone, questo risultato è visto solo in uomini non addestrati (In alto, 2009). In uno studio su uomini allenati, questo integratore non ha aumentato né il testosterone libero né il testosterone totale (Melville, 2017).
  • Zenzero. Anche se questo probabilmente non dovrebbe essere il tuo integratore di testosterone di prima scelta, potrebbe valere la pena provarlo poiché è facilmente tollerato. Una revisione delle ricerche passate ha scoperto che ci sono prove che l'integrazione di zenzero può aumentare la produzione di testosterone diminuendo lo stress ossidativo nei testicoli. Ma sono necessari studi clinici che testano gli effetti dello zenzero sugli esseri umani, e non solo sulle loro cellule, prima di poterlo affermare con certezza (Banihani, 2018).
  • deidroepiandrosterone (DHEA). Il DHEA è prodotto naturalmente nel corpo nelle ghiandole surrenali ed è un precursore del testosterone. Gli integratori orali di DHEA hanno aumentato con successo i livelli di testosterone libero ma non hanno influenzato i livelli di testosterone totale in uno studio (Liu, 2013). Ma i risultati dello studio sono contrastanti. Nel un altro piccolo studio , i partecipanti a cui è stato somministrato DHEA per sei mesi hanno mostrato una migliore capacità di ottenere e mantenere un'erezione rispetto al gruppo placebo, ma non ci sono stati cambiamenti nei loro livelli di testosterone (Reiter, 1999).
  • Tribulo terrestre. Tribulus, chiamato anche Tribulus terrestris , è un'erba con una lunga tradizione di utilizzo in erboristeria. La ricerca è limitata su questo supplemento, ma un piccolo studio di 90 giorni ha scoperto che era in grado di aumentare i livelli di testosterone nei partecipanti del 16% (Sellandi, 2012). Altre ricerche suggerisce, tuttavia, che potrebbe non aiutare le persone con livelli di testosterone già normali (Rogerson, 2007).

Cambiamenti nello stile di vita

Avevi bisogno di quella spinta in più per implementare finalmente alcune sane abitudini che volevi provare? Considera i tuoi livelli ormonali. Non troverai suggerimenti sorprendenti qui, ma potrebbe essere una notizia che potrebbero aiutarti a raggiungere i tuoi migliori livelli di testosterone.

  • Esercizio. Mentre tutti gli esercizi ( anche cardio ) è stato collegato a livelli T migliorati, stiamo parlando in particolare di allenamento di resistenza o allenamento della forza, che è stato mostrato più e più volte per aumentare i livelli di testosterone (Kumagai, 2016; Kraemer, 1998). Il tuo corpo richiede testosterone per la crescita muscolare. Ma una volta che hai migliorato la tua composizione corporea attraverso il guadagno muscolare, i livelli di T più alti rimangono. Anche tu non sei mai troppo vecchio per iniziare. Gli uomini più anziani che si allenano regolarmente hanno livelli più alti di questo ormone rispetto a quelli che non lo fanno, uno studio trovato (Ari, 2004).
  • Dormire a sufficienza. Un altro gioco da ragazzi che molti di noi faticano a mettere in pratica. I giovani uomini il cui sonno era limitato a sole cinque ore a notte hanno sperimentato riduzioni significative dei loro livelli di testosterone in uno studio (Leproult, 2011). Privazione del sonno è stato anche collegato all'obesità, che a sua volta Associato a livelli più bassi di testosterone (Cooper, 2018; Gapstur, 2002). Il grasso corporeo produce estrogeni, che possono portare a squilibri nei livelli ormonali.
  • Gestire i livelli di stress. Lo abbiamo già menzionato in relazione all'integrazione di ashwagandha; lo stress gioca un ruolo nei livelli di testosterone perché gli ormoni dello stress glucocorticoidi possono ridurre la produzione di testosterone (Ruota, 2010)
  • Mantenere una dieta sana. Sai già che ci sono importanti benefici per la salute nel concentrarsi su cibi integrali e ridurre gli alimenti ipercalorici e a basso contenuto di nutrienti nella tua dieta. Specificamente per la salute degli uomini quando si tratta di ormoni, modificare la dieta può aiutare con la perdita di peso o ridurre il grasso corporeo che produce estrogeni. Una dieta sana previene anche le carenze, come lo zinco e la vitamina D, come accennato in precedenza, che portano a bassi livelli di T.

Cosa fare se hai un basso livello di testosterone

Gli integratori, come i booster naturali di testosterone, non sono pensati per trattare l'ipogonadismo o il basso livello di testosterone. Se ti viene diagnosticata questa condizione, dovresti parlare con il tuo medico delle vere opzioni di trattamento. Anche se alcuni studi possono mostrare l'efficacia di alcuni integratori, nel complesso, non è stato dimostrato che aumentino i livelli di testosterone. Nel caso di una diagnosi di testosterone basso, un esperto medico può suggerire trattamenti come la terapia sostitutiva con testosterone (TRT), chiamata anche terapia sostitutiva con androgeni. TRT è disponibile in molte forme diverse, inclusi gel, pellet e iniezioni, ma la ricerca ha trovato che non c'è una grande differenza nella soddisfazione tra i tipi per le persone su questo trattamento (Kovac, 2014). Alcune forme di TRT possono avere maggiori rischi di effetti collaterali, inclusi aumenti della pressione sanguigna e danni al fegato. In molti casi, i gel topici vengono prescritti per primi poiché forniscono livelli normali di testosterone stabili e sono relativamente facili da usare.

Riferimenti

  1. Associazione Urologica Americana. (2018). Valutazione e gestione della carenza di testosterone (2018). Estratto il 24 giugno 2020 da https://www.auanet.org/guidelines/testosterone-deficiency-guideline
  2. Ari, Z., Kutlu, N., Uyanik, B. S., Taneli, F., Buyukyazi, G., & Tavli, T. (2004). Testosterone sierico, ormone della crescita e livelli di fattore di crescita insulino-simile 1, tempo di reazione mentale ed esercizio aerobico massimo in uomini anziani sedentari e fisicamente allenati a lungo termine. Giornale internazionale di neuroscienze, 114 (5), 623-637. doi: 10.1080/00207450490430499, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15204068
  3. Banihani, S.A. (2018). Zenzero e Testosterone. Biomolecole, 8(4), 119. doi:10.3390/biom8040119
  4. Chandrasekhar, K., Kapoor, J. e Anishetty, S. (2012). Uno studio prospettico, randomizzato in doppio cieco, controllato con placebo sulla sicurezza e l'efficacia di un estratto a spettro completo ad alta concentrazione della radice di Ashwagandha nel ridurre lo stress e l'ansia negli adulti. Indian Journal of Psychological Medicine, 34(3), 255–262. doi: 10.4103/0253-7176.106022 https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3573577/
  5. Clemesha, C. G., Thaker, H. e Samplaski, M. K. (2020). La composizione e le affermazioni degli integratori 'potenziamento del testosterone' non sono supportate dalla letteratura accademica. Il World Journal of Mens Health, 38 (1), 115-122. doi: 10.5534/wjmh.190043, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/31385468
  6. Cooper, C. B., Neufeld, E. V., Dolezal, B. A. e Martin, J. L. (2018). Privazione del sonno e obesità negli adulti: una breve rassegna narrativa. BMJ Open Sport & Exercise Medicine, 4 (1), e000392. doi: 10.1136/bmjsem-2018-000392, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30364557
  7. Cumming, D.C., Quigley, M.E., & Yen, S.S.C. (1983). Soppressione acuta dei livelli di testosterone circolante da parte del cortisolo negli uomini*. Il Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism, 57(3), 671–673. doi: 10.1210/jcem-57-3-671, https://academic.oup.com/jcem/article-abstract/57/3/671/2675739
  8. Fallah, A., Mohammad-Hasani, A., & Colagar, A. H. (2018). Lo zinco è un elemento essenziale per la fertilità maschile: una revisione dei ruoli dello Zn nella salute degli uomini, nella germinazione, nella qualità dello sperma e nella fecondazione. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30009140
  9. Gapstur, S.M., Kopp, P., Gann, P.H., Chiu, B.C., Colangelo, L.A., & Liu, K. (2006). I cambiamenti nell'IMC modulano i cambiamenti associati all'età nella globulina legante gli ormoni sessuali e nel testosterone totale, ma non il testosterone biodisponibile nei giovani uomini adulti: The CARDIA Male Hormone Study. Giornale internazionale dell'obesità, 31 (4), 685-691. doi:10.1038/sj.ijo.0803465, https://europepmc.org/article/med/16969359
  10. Kovac, J. R., Rajanahally, S., Smith, R. P., Coward, R. M., Lamb, D. J. e Lipshultz, L. I. (2014). Soddisfazione del paziente con le terapie sostitutive del testosterone: le ragioni dietro le scelte. Il Journal of Sexual Medicine, 11 (2), 553-562. doi: 10.1111/jsm.12369, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24344902
  11. Kraemer, W. J., Staron, R. S., Hagerman, F. C., Hikida, R. S., Fry, A. C., Gordon, S. E., … Häkkinen, K. (1998). Gli effetti dell'allenamento di resistenza a breve termine sulla funzione endocrina negli uomini e nelle donne. Rivista europea di fisiologia applicata, 78 (1), 69-76. doi: 10.1007/s004210050389, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/9660159
  12. Kumagai, H., Zempo-Miyaki, A., Yoshikawa, T., Tsujimoto, T., Tanaka, K. e Maeda, S. (2016). L'aumento dell'attività fisica ha un effetto maggiore rispetto al ridotto apporto energetico sugli aumenti del testosterone indotti dalla modifica dello stile di vita. Giornale di biochimica clinica e nutrizione, 58 (1), 84-89. doi: 10.3164/jcbn.15-48, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26798202
  13. Liu, T., Lin, C., Huang, C., Ivy, J. L. e Kuo, C. (2013). Effetto della somministrazione acuta di DHEA sul testosterone libero in uomini di mezza età e giovani dopo un allenamento ad intervalli ad alta intensità. Rivista europea di fisiologia applicata, 113(7), 1783-1792. doi:10.1007/s00421-013-2607-x, https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/23417481/
  14. Lopresti, A.L., Drummond, P.D., & Smith, S.J. (2019). Uno studio crossover randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, che esamina gli effetti ormonali e sulla vitalità dell'Ashwagandha (Withania somnifera) nei maschi anziani e sovrappeso. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/30854916
  15. Melville, G. W., Siegler, J. C. e Marshall, P. W. (2017). Gli effetti dell'integrazione di acido d-aspartico negli uomini allenati alla resistenza per un periodo di allenamento di tre mesi: uno studio controllato randomizzato. Plos Uno, 12(8). doi:10.1371/journal.pone.0182630, https://journals.plos.org/plosone/article?id=10.1371/journal.pone.0182630
  16. Pilz, S., Frisch, S., Koertke, H., Kuhn, J., Dreier, J., Obermayer-Pietsch, B., … Zittermann, A. (2011). Effetto della supplementazione di vitamina D sui livelli di testosterone negli uomini. Ormone e ricerca metabolica, 43(03), 223-225. doi: 10.1055/s-0030-1269854, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21154195
  17. Rao, A., Steels, E., Inder, W. J., Abraham, S. e Vitetta, L. (2016). Testofen, un estratto specializzato di Trigonella foenum-graecumseed riduce i sintomi legati all'età della diminuzione degli androgeni, aumenta i livelli di testosterone e migliora la funzione sessuale nei maschi anziani sani in uno studio clinico randomizzato in doppio cieco. Il maschio che invecchia, 19(2), 134-142. doi: 10.3109/13685538.2015.1135323, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26791805
  18. Reiter, W.J., Pycha, A., Schatzl, G., Pokorny, A., Gruber, D.M., Huber, J.C., & Marberger, M. (1999). Deidroepiandrosterone nel trattamento della disfunzione erettile: uno studio prospettico, in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo. Urologia, 53(3), 590-594. doi:10.1016/s0090-4295(98)00571-8, https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/10096389/
  19. Rivas, A. M., Mulkey, Z., Lado-Abeal, J. e Yarbrough, S. (2014). Diagnosi e gestione del testosterone sierico basso. Atti del Centro medico della Baylor University, 27 (4), 321-324. doi: 10.1080/08998280.2014.11929145, https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25484498
  20. Rogerson, S., Riches, C. J., Jennings, C., Weatherby, R. P., Meir, R. A. e Marshall-Gradisnik, S. M. (2007). L'effetto di cinque settimane di integrazione di Tribulus Terrestris sulla forza muscolare e sulla composizione corporea durante l'allenamento precampionato nei giocatori della Elite Rugby League. Journal of Strength and Conditioning Research, 21 (2), 348-353. doi:10.1519/00124278-200705000-00010, https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/17530942/
  21. Sellandi, T., Thakar, A., & Baghel, M. (2012). Studio clinico di Tribulus terrestris Linn. in Oligozoospermia: uno studio in doppio cieco. AYU (An International Quarterly Journal of Research in Ayurveda), 33(3), 356. doi:10.4103/0974-8520.108822, https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/23723641/
  22. Topo, E., Soricelli, A., D'aniello, A., Ronsini, S., & D'aniello, G. (2009). Il ruolo e il meccanismo molecolare dell'acido D-aspartico nel rilascio e nella sintesi di LH e testosterone nell'uomo e nel ratto. Biologia della riproduzione ed endocrinologia, 7(1), 120. doi:10.1186/1477-7827-7-120, https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/19860889/
  23. Travison, T. G., Araujo, A. B., O'Donnell, A. B., Kupelian, V. e McKinlay, J. B. (2007, gennaio). Un calo a livello di popolazione dei livelli sierici di testosterone negli uomini americani. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17062768
  24. Whirledge, S., & Cidlowski, J. A. (2010). Glucocorticoidi, stress e fertilità. Minerva Endocrinologica, 35(2), 109-125. Recuperato da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20595939
Vedi altro