A cosa serve la fluoxetina?

A cosa serve la fluoxetina?

Dichiarazione di non responsabilità

In caso di domande o dubbi di carattere medico, si prega di parlare con il proprio medico. Gli articoli su Health Guide sono sostenuti da ricerche e informazioni sottoposte a revisione paritaria tratte da società mediche e agenzie governative. Tuttavia, non sostituiscono la consulenza, la diagnosi o il trattamento medico professionale.

antidepressivi che causano la perdita di peso 2016

La fluoxetina (nome commerciale Prozac o Sarafem) è un tipo di farmaco chiamato inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina (SSRI).

I nostri corpi producono naturalmente serotonina, un importante neurotrasmettitore. Gli SSRI impediscono alle cellule nervose di riassorbirlo, quindi più serotonina rimane attiva nel cervello. Sebbene gli scienziati non siano esattamente sicuri del perché gli SSRI funzionino, decenni di prove mostrano che possono alleviare i sintomi della depressione in molti pazienti. Gli studi hanno dimostrato che la fluoxetina è efficace anche nel trattamento di altre condizioni.



Annuncio pubblicitario

Oltre 500 farmaci generici, ciascuno $ 5 al mese



Passa a Ro Pharmacy per ottenere le tue prescrizioni riempite per soli $ 5 al mese ciascuna (senza assicurazione).

Per saperne di più

La fluoxetina, come tutti gli SSRI, non fornisce un sollievo immediato dalla maggior parte dei sintomi e può richiedere da due a dieci settimane prima che gli effetti terapeutici si manifestino. Questo tempo può variare a seconda delle condizioni trattate, della dose e dei singoli pazienti.

La FDA approva la fluoxetina per il trattamento delle seguenti condizioni ( Sohel, 2020 ):



  • Disturbo depressivo maggiore (MDD)
  • Disturbo ossessivo-compulsivo (DOC)
  • Bulimia nervosa
  • Disturbo da alimentazione incontrollata
  • Disturbo disforico premestruale (PMDD)
  • Attacchi di panico
  • Disordine bipolare

Disturbo depressivo maggiore (MDD)

MDD non è solo sentirsi blu per una rottura o perdere una persona cara, ma una condizione grave e pervasiva che spesso può richiedere cure mediche. In parole povere, un episodio depressivo maggiore (MDE) si verifica quando si verificano almeno cinque sintomi di un elenco specifico entro due settimane ( Tolentino, 2018 ).

MDD non è raro. Uno studio recente ha stimato che il 20,6% degli americani potrebbe avere un episodio depressivo maggiore ad un certo punto della propria vita ( Hasin, 2018 ).

Disturbo ossessivo compulsivo (DOC)

OCD non è un termine da usare alla leggera per il tuo capo che usa solo una marca di penne e insiste che il loro caffè mattutino è esattamente a 145 ° F. Né descrive il tuo strano vicino che ti ha rimproverato perché hai lasciato la spazzatura a tre piedi dal marciapiede quando i regolamenti della città stabiliscono che dovrebbe essere a quattro piedi. Potremmo scherzare sul fatto che alcune persone nella nostra vita hanno il disturbo ossessivo compulsivo, ma questo sta riducendo una condizione molto più grave del semplice essere schizzinosi su cose minori.

In una persona con disturbo ossessivo compulsivo, i pensieri e gli impulsi ripetitivi non lasceranno la mente (la parte dell'ossessione), che li costringono (la parte della compulsione) a eseguire azioni o rituali specifici.

Il disturbo ossessivo compulsivo viene in genere trattato prima con la terapia cognitivo-comportamentale (CBT). Per i pazienti che non rispondono alla CBT, gli SSRI come la fluoxetina sono solitamente il passo successivo ( Fenske, 2015 ).

Dosaggio di fluoxetina per diverse condizioni

6 minuti di lettura

sintomi di poca vitamina d

Bulimia nervosa

La bulimia nervosa (spesso chiamata bulimia in breve) è una condizione che si verifica tipicamente (ma non esclusivamente) nelle femmine adolescenti. Comporta episodi di eccesso di cibo incontrollato (abbuffate) con tentativi di bilanciarlo con metodi come vomito (purgazione), lassativi o diuretici, esercizio fisico estremo o digiuno ( Jain, 2020 ). La bulimia può portare ad altre condizioni mediche potenzialmente letali se non trattata.

Diversi studi hanno dimostrato che la fluoxetina può alleviare i sintomi della bulimia in molti pazienti, riducendo significativamente gli episodi di abbuffata e di eliminazione rispetto al placebo ( Bellissimo, 2018 ).

Disturbo da alimentazione incontrollata

Il disturbo da alimentazione incontrollata differisce dalla bulimia nervosa in quanto non ci sono fasi di eliminazione o di bilanciamento. Mentre la FDA approva la fluoxetina per questo uso, gli studi hanno variato i risultati. Alcuni hanno trovato la fluoxetina altamente efficace, mentre altri non hanno riscontrato risultati positivi ( Arnold, 2002 ; Cricket, 2005 ).

Disturbo disforico premestruale (PMDD)

Il PMDD comporta cambiamenti di umore, irritabilità, disforia (definita come insoddisfazione generale per la vita) e ansia. La linea tra PMDD e la più comune sindrome premestruale (PMS) può essere un po' sfocata. Esistono criteri diagnostici specifici per la diagnosi di PMDD ( SAMHSA, 2016 ). In termini semplici, tuttavia, un operatore sanitario può diagnosticare la PMDD quando si sono verificati sintomi specifici durante la maggior parte delle fasi premestruali per almeno un anno.

I sintomi possono essere gravi al punto da impedire al malato di essere in grado di lavorare o funzionare socialmente. La fluoxetina è stata notevolmente efficace nell'alleviare la PMDD e gli studi hanno dimostrato che l'effetto terapeutico si ottiene in pochi giorni, in contrasto con le settimane tipiche di cui la maggior parte degli SSRI ha bisogno per trattare la depressione ( Steinberg, 2012 ). Oltre ai benefici psicologici, ci sono prove che la fluoxetina può anche alleviare i sintomi fisici ( Steiner, 2001 ).

quanti mg di sildenafil devo prendere

Attacchi di panico

Il disturbo di panico è una condizione in cui si verificano ripetuti attacchi di panico, sebbene gli attacchi di panico non siano esclusivi del disturbo di panico. Gli attacchi di panico possono manifestarsi in molti modi. Questi includono:

  • Aumento della frequenza cardiaca o palpitazioni
  • Sudorazione
  • Tremito
  • Fiato corto
  • Sensazioni di soffocamento o dolore al petto
  • Nausea
  • Vertigini
  • Brividi o vampate di calore
  • Paura di perdere il controllo o morire

Ansia dolore toracico: è solo nella tua testa?

6 minuti di lettura

Con il disturbo di panico, possono passare giorni, settimane o mesi tra un attacco e l'altro, e un crescente senso di paura che un nuovo attacco possa verificarsi in qualsiasi momento può riempire la propria vita. Un malato può cambiare determinati comportamenti o evitare determinate situazioni nella convinzione che ci sia una connessione causale agli attacchi. In molti casi, tuttavia, non vi è alcun evento scatenante ( Cackovic, 2020 ). Diversi studi hanno dimostrato che la fluoxetina allevia efficacemente i sintomi di panico e riduce gli attacchi ( Andrisano, 2013 ).

Disordine bipolare

Il disturbo bipolare veniva chiamato depressione maniacale. È molto più complicato di quanto la classica traccia di Jimi Hendrix con quel nome possa farti credere.

Esistono più sottotipi, come i disturbi bipolari I e bipolari II. In termini generali, sono caratterizzati da spostamenti estremi tra alti e bassi. Rappresenta una sfida significativa per gli operatori sanitari a causa della sua natura in continua evoluzione. In genere, il disturbo bipolare viene trattato con stabilizzatori dell'umore. In alcuni pazienti, gli stabilizzatori da soli potrebbero non alleviare i sintomi depressivi durante i periodi bassi. Gli studi hanno scoperto che la fluoxetina ha un effetto terapeutico, specialmente se combinata con olanzapina, un farmaco combinato venduto con il marchio Symbyax ( Hilty, 2006 ).

Usi off-label della fluoxetina

Oltre agli usi approvati dalla FDA, gli operatori sanitari possono prescrivere la fluoxetina per altri scopi sulla base della ricerca e della conoscenza diretta della sua efficacia. Sebbene non usi ufficiali per la FDA, studi randomizzati controllati hanno trovato prove della sua efficacia nel trattamento dell'emicrania e dell'eiaculazione precoce. Studi di qualità inferiore hanno suggerito che potrebbe essere un trattamento efficace per la fibromialgia, principalmente se usato in combinazione con amitriptilina ( Pietra, 2003 ).

Gli studi hanno anche scoperto che la fluoxetina è superiore al placebo nel trattamento di:

Effetti indesiderati comuni della fluoxetina

La fluoxetina è ben tollerata dalla maggior parte dei pazienti, ma alcuni possono riscontrare effetti avversi. Alcuni possibili effetti collaterali comuni includono nervosismo, sonnolenza, secchezza delle fauci, perdita di appetito o perdita di peso, riduzione del desiderio sessuale e altri ( MedlinePlus, 2020 ).

Depressione: capire l'epidemia nascosta dell'America

10 minuti di lettura

Per la maggior parte dei pazienti, questi effetti collaterali sono relativamente lievi e molti effetti collaterali sono presenti solo all'inizio del trattamento, svanendo nel tempo. Se hai effetti collaterali particolarmente fastidiosi o gravi, informa il tuo medico.

Se si verificano segni di una reazione allergica, come eruzioni cutanee, orticaria, battito cardiaco irregolare, mancanza di respiro o problemi di respirazione, sanguinamento anomalo o lividi, non prendere la dose successiva prima di parlare con il medico.

In rari casi, è possibile sviluppare un grave effetto collaterale chiamato sindrome serotoninergica, quando c'è un accumulo di troppa serotonina nel sistema. I sintomi della sindrome serotoninergica includono ( Ables, 2010 ):

  • Agitazione
  • sudorazione anormale
  • Diarrea
  • Febbre alta (sopra 100,4 ° F / 38 ° C)
  • Contrazioni, riflessi sensibili
  • Perdita di coordinazione
  • Confusione
  • Mania
  • Movimenti oculari vaganti
  • Spasmi muscolari

Cerca subito aiuto se riscontri uno di questi sintomi.

Se decidi di interrompere la fluoxetina, fallo sotto la guida del consiglio medico del tuo medico. Se interrompi bruscamente un SSRI, potresti manifestare sintomi di astinenza. Questi non sono pericolosi, ma il tuo medico potrebbe essere in grado di aiutare a ridurre questi sintomi ( Fava, 2015 ).

Precauzioni e interazioni farmacologiche

Nei bambini, negli adolescenti e nei giovani adulti fino a 24 anni, gli SSRI come la fluoxetina possono causare un aumento dei pensieri suicidi. Assicurati di informare il tuo medico se riscontri questo effetto collaterale (MedLinePlus, 2020).

Informi il medico se sta assumendo o ha assunto un inibitore della monoamino ossidasi (IMAO) nelle ultime due settimane. Questi includono (MedLinePlus, 2020):

  • Isocarbossazide (nome commerciale Marplan)
  • Blu di metilene,
  • Fenelzina (nome commerciale Nardil)
  • Selegiline (nomi commerciali Eldepryl, Emsam, Zelapar)
  • Tranilcipromina (nome commerciale Parnate)

La combinazione di un SSRI con aspirina o altri farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) come ibuprofene (nomi commerciali Advil, Motrin e altri) e naprossene (nomi commerciali Aleve, Naprosyn e altri) aumenta il rischio di sanguinamento anormale ( Paton, 2005 ). Lo stesso vale per la combinazione di SSRI con fluidificanti del sangue come il warfarin (nomi commerciali: Coumadin, Jantoven). La fluoxetina è tra gli SSRI a più alto rischio per questa complicanza ( Sansone, 2009 ).

che aspetto ha un pene medio

Informa il tuo medico di eventuali farmaci che stai assumendo, poiché ci sono altre possibili interazioni di cui essere a conoscenza. Fagli sapere se stai assumendo prodotti contenenti erba di San Giovanni o triptofano (MedLinePlus, 2020).

Riferimenti

  1. Andrisano, C., Chiesa, A., & Serretti, A. (2013). Antidepressivi più recenti e disturbo di panico: una meta-analisi. Psicofarmacologia clinica internazionale, 28 (1), 33-45. doi: 10.1097/YIC.0b013e32835a5d2e. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/23111544/
  2. Arnold, L.M., McElroy, S.L., Hudson, J.I., Welge, J.A., Bennett, A.J., & Keck, P.E. (2002). Uno studio randomizzato controllato con placebo sulla fluoxetina nel trattamento del disturbo da alimentazione incontrollata. Il Journal of Clinical Psychiatry, 63 (11), 1028-1033. doi: 10.4088/jcp.v63n1113. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/12444817/
  3. Bello, N.T., & Yeomans, B.L. (2018). Sicurezza delle opzioni farmacoterapeutiche per la bulimia nervosa e il disturbo da alimentazione incontrollata. Parere di esperti sulla sicurezza dei farmaci, 17 (1), 17-23. doi: 10.1080/14740338.2018.1395854. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29053927/
  4. Cackovic C, Nazir S, Marwaha R. (2020). Attacchi di panico. [Aggiornato il 29 novembre 2020]. Nel: StatPearls [Internet]. L'isola del tesoro (FL): StatPearls Publishing; 2020 gennaio-. Estratto il 28 dicembre 2020 da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK430973/
  5. Davidson, J.R.T., Foa, E.B., Huppert, J.D., Keefe, F.J., Franklin, M.E., Compton, J.S., et al. (2004). Fluoxetina, terapia cognitivo comportamentale completa e placebo nella fobia sociale generalizzata. Archivi di Psichiatria Generale, 61 (10), 1005. doi:10.1001/archpsyc.61.10.1005. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/15466674/
  6. Database di farmaci e allattamento (LactMed) [Internet]. (2020). Bethesda (MD): Biblioteca Nazionale di Medicina (USA); 2006-. Fluoxetina. [Aggiornato 2020 Mar 16]. Estratto il 28 dicembre 2020 da: https://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK501186/
  7. Dummit, E.S., Klein, R.G., Tancer, N.K., Asche, B., & Martin, J. (1996). Trattamento con fluoxetina dei bambini con mutismo selettivo: uno studio aperto. Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry, 35 (5), 615-621. doi: 10.1097/00004583-199605000-00016. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/8935208/
  8. Fava, G. A., Gatti, A., Belaise, C., Guidi, J., & Offidani, E. (2015). Sintomi di astinenza dopo la sospensione dell'inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina: una revisione sistematica. Psicoterapia e psicosomatica, 84 (2), 72-81. doi:10.1159/000370338. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/25721705/
  9. Fenske, J. N. e Petersen, K. (2015). Disturbo ossessivo-compulsivo: diagnosi e gestione. Medico di famiglia americano, 92 (10), 896–903. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/26554283/
  10. GoodRx (n.d.) Fluoxetina Generic Prozac. Generato in modo interattivo: estratto il 28 dicembre 2020 da https://www.goodrx.com/fluoxetine
  11. Grilo, C. M., Masheb, R. M. e Wilson, G. T. (2005). Efficacia della terapia cognitivo comportamentale e della fluoxetina per il trattamento del disturbo da alimentazione incontrollata: un confronto randomizzato in doppio cieco controllato con placebo. Psichiatria biologica, 57 (3), 301–309. doi:10.1016/j.biopsych.2004.11.002. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/15691532/
  12. Hasin, D. S., Sarvet, A. L., Meyers, J. L., Saha, T. D., Ruan, W. J., Stohl, M. e Grant, B. F. (2018). Epidemiologia del disturbo depressivo maggiore DSM-5 dell'adulto e delle sue caratteristiche negli Stati Uniti. JAMA Psichiatria, 75 (4), 336–346. doi: 10.1001/jamapsichiatria.2017.4602. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29450462/
  13. Hilty, D.M., Leamon, M.H., Lim, R.F., Kelly, R.H., & Hales, R.E. (2006). Una revisione del disturbo bipolare negli adulti. Psichiatria (Edgmont (Pa.: Township)), 3 (9), 43-55. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/20975827/
  14. Jain A, Yilanli M. Bulimia Nervosa. (2020). Nel: StatPearls [Internet]. L'isola del tesoro (FL): StatPearls Publishing; 2020 gennaio–. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/32965849/
  15. Martenyi, F., Brown, E. B., Zhang, H., Prakash, A. e Koke, S. C. (2002). Fluoxetina rispetto al placebo nel disturbo da stress post-traumatico. Il Journal of Clinical Psychiatry, 63 (3), 199-206. doi: 10.4088/jcp.v63n0305. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/11926718/
  16. MedlinePlus (2020) Fluoxetina. Estratto il 28 dicembre 2020 da https://medlineplus.gov/druginfo/meds/a689006.html
  17. Phillips, K.A., Albertini, R.S., & Rasmussen, S.A. (2002). Uno studio randomizzato controllato con placebo sulla fluoxetina nel disturbo di dismorfismo corporeo. Archivi di Psichiatria Generale, 59 (4), 381-388. doi: 10.1001/archpsyc.59.4.381. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/11926939/
  18. Sohel AJ, Shutter MC, Molla M. Fluoxetina. (2020). Nel: StatPearls [Internet]. L'isola del tesoro (FL): StatPearls Publishing; 2020 gennaio–. Estratto il 28 dicembre 2020 da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29083803/
  19. Steinberg, E. M., Cardoso, G. M. P., Martinez, P. E., Rubinow, D. R. e Schmidt, P. J. (2012). Risposta rapida alla fluoxetina nelle donne con disturbo disforico premestruale. Depressione e ansia, 29 (6), 531-540. doi: 10.1002/da.21959. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/22565858/
  20. Steiner, M., Romano, S.J., Babcock, S., Dillon, J., Shuler, C., Berger, C., et al. (2001). L'efficacia della fluoxetina nel migliorare i sintomi fisici associati al disturbo disforico premestruale. BJOG : Un giornale internazionale di ostetricia e ginecologia, 108 (5), 462–468. doi: 10.1111/j.1471-0528.2001.00120.x. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/11368130/
  21. Stone, K.J., Viera, A.J., & Parman, C.L. (2003). Applicazioni off-label per SSRIS. Medico di famiglia americano, 68 (3), 498-504. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/12924832/
  22. Amministrazione dei servizi di abuso di sostanze e salute mentale (SAMHSA). (2016). Impatto delle modifiche dal DSM-IV al DSM-5 sull'indagine nazionale sul consumo di droga e sulla salute [Internet]. Rockville (MD): Amministrazione dei servizi per l'abuso di sostanze e la salute mentale (USA); 3 giugno 2016, Malattia mentale. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30199183/
  23. Tolentino, J. C., & Schmidt, S. L. (2018). Criteri Dsm-5 e gravità della depressione: implicazioni per la pratica clinica. Frontiere in psichiatria, 9 , 450. doi: 10.3389/fpsyt.2018.00450. Recuperato da https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/30333763/
Vedi altro